Movimento Associativo Italiani all'Estero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Movimento Associativo Italiani all'Estero
PresidenteRicardo Antonio Merlo
StatoItalia Italia
AbbreviazioneMAIE
Fondazione2007
IdeologiaCentrismo
CollocazioneCentro
Seggi Camera
2 / 630
Nel gruppo SC-ALA-MAIE
Seggi Senato
1 / 320
Nel gruppo Autonomie
Seggi Europarlamento
0 / 73
Sito webwww.maiemondiale.com

Il Movimento Associativo Italiani all'Estero (MAIE) è un partito politico italiano fondato in Argentina nel 2007 da Ricardo Antonio Merlo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il partito è nato da una scissione dalle Associazioni Italiane in Sud America di Luigi Pallaro. Si presenta per la prima volta alle elezioni politiche del 2008 ottenendo un seggio alla Camera dei deputati ed uno al Senato della Repubblica: alla Camera Ricardo Antonio Merlo, già deputato per AISA, ed al Senato Mirella Giai, ex DS e già candidata nel 2006 dall'Unione. Entrambi i parlamentari provengono dall'Argentina.

Alle elezioni europee del 2009 si presenta in lista unica con i Liberal Democratici[1]. Il 20 marzo il deputato Merlo aderisce al gruppo parlamentare Liberal Democratici-Repubblicani, che in seguito, con l'abbandono dei deputati del PRI, assume la denominazione Liberal Democratici-MAIE.

Alle elezioni politiche italiane del 2013 il partito elegge tre deputati: Ricardo Antonio Merlo e Mario Borghese (Argentina) sotto il proprio simbolo nella ripartizione America Meridionale e, Fucsia Fitzgerald Nissoli (Stati Uniti) all'interno della lista Con Monti per l'Italia nella ripartizione America Settentrionale e Centrale. Al Senato, invece, elegge Claudio Zin (Argentina) nella ripartizione America Meridionale. Il 10 aprile 2013, tuttavia, Fucsia Fitzgerald Nissoli abbandona definitivamente il partito per aderire dapprima a Scelta Civica per l'Italia, poi a Democrazia Solidale di Lorenzo Dellai, e nel 2017 a Forza Italia.

Alle elezioni europee del 2014 il MAIE si è presentato unitamente a Io Cambio, candidando come capolista l'ideatore del metodo Stamina Davide Vannoni,[2] ma non è riuscito ad ottenere alcun seggio poiché tale lista non ha superato il quorum necessario per ottenerne, fermandosi alla deludente cifra delle 0,2% su base nazionale e al 3% nella circoscrizione estera.

Fiducia ai Governi[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 maggio 2008, in occasione della fiducia iniziale al Governo Berlusconi IV, Merlo decide di non dare l'appoggio alla coalizione vincente, come invece aveva fatto nel 2006 con il Governo Prodi II, e si astiene. Il giorno successivo la senatrice Giai esprime lo stesso voto che però, dato il regolamento del Senato, ha effetto di voto contrario.

Il MAIE ha sostenuto il governo Renzi alla nascita di quest'ultimo nel mese di febbraio 2014, quando tutti suoi parlamentari hanno espresso voto favorevole in occasione della fiducia sia alla Camera che al Senato. Nelle successive votazioni di fiducia, però, il MAIE ha votato contro.

Gruppo parlamentare[modifica | modifica wikitesto]

Nella XVI legislatura della Repubblica Italiana, il MAIE ha fatto parte del Gruppo Misto alla Camera dei deputati, mentre al Senato della Repubblica ha costituito una componente con UDC, SVP e Autonomie.

Nella XVII legislatura della Repubblica Italiana, alla Camera, ha costituito la componente MAIE-API all'interno del Gruppo Misto. Nel settembre 2015, sette deputati di Alleanza Liberalpopolare-Autonomie (fuoriusciti da Forza Italia), vicini alle posizioni politiche di Denis Verdini, aderiscono alla componente del MAIE e dell'API nel gruppo misto della Camera dei Deputati, denominata "Movimento Associativo Italiani all'Estero (MAIE) - Alleanza per l'Italia (API)", che dopo il loro ingresso muta il nome in "Alleanza Liberalpopolare-Autonomie (ALA) - Movimento Associativo Italiani all'Estero (MAIE)"[3].

Nell'ottobre 2016, sia il MAIE che l'ALA di Denis Verdini abbandonano il gruppo misto per creare un gruppo parlamentare autonomo insieme ai deputati di Scelta Civica che hanno seguito Enrico Zanetti. Il nuovo gruppo è denominato "Scelta Civica verso cittadini per l'Italia-MAIE".

Il voto di tale gruppo parlamentare è stato determinante sia per la tenuta del governo Renzi che per il successivo Governo Gentiloni, sulla base di valutazioni "provvedimento per provvedimento", anche se in queste votazioni i parlamentari del MAIE si sono astenuti o erano assenti.[4]

Al Senato, Claudio Zin ha aderito al gruppo Scelta Civica per l'Italia fino all'8 luglio 2013, e dal giorno successivo è entrato nel gruppo per le autonomie che da quel momento assume la denominazione Per le Autonomie (SVP-UV-PATT-UPT)-PSI-MAIE[5].

Secondo fonti giornalistiche, Denis Verdini ha scelto il MAIE come nuova "casa politica" — costituendo l'apposito gruppo parlamentare in comune — anche per avere la possibilità di candidarsi nella ripartizione dell'America meridionale, senza doversi trasferire sul posto, nel caso in cui gli risultasse difficile candidarsi in un collegio italiano.[6]

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Voti % Seggi
Politiche 2008 - Estero[7] Camera 83.585 8,3 1
Senato 69.279 7,5 1
Europee 2009 (con LD) 71.218 0,23 0
Politiche 2013 - Estero[8] Camera 140.473 14,30 2
Senato 120.290 13,45 1
Europee 2014 (con Io Cambio)

50.978 0,18 0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elezioni Europee: L'alleanza LD-MAIE presenta il suo programma
  2. ^ Stamina, Vannoni capolista per la lista Io Cambio, su rainews.it, 17 aprile 2014. URL consultato il 19 maggio 2017.
  3. ^ Scheda Ricarlo Merlo - Camera dei Deputati, su camera.it.
  4. ^ Governo: fari puntati sul Senato, l'incognita è ancora Verdini, su agi.it, 2 gennaio 2017. URL consultato il 5 gennaio 2017.
  5. ^ Scheda di attività - Claudio ZIN - Senato della Repubblica, su senato.it.
  6. ^ Legge elettorale, c’è pure il "salva-Verdini": potrà candidarsi all'estero, in il Fatto Quotidiano, 12 ottobre 2017. URL consultato il 15 ottobre 2017.
  7. ^ Presente solo nella ripartizione America Meridionale
  8. ^ Presente solo nella ripartizioni America Meridionale ed Europa

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica