Amici e Discendenti degli Esuli Giuliani, Istriani, Fiumani e Dalmati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Amici e Discendenti degli Esuli giuliani istriani fiumani dalmati
AbbreviazioneA.D.ES.
TipoAssociazione storico-culturale
Fondazione1996
Scopoverità storica e tutela della cultura italiana nella Venezia Giulia e Dalmazia
Sede centraleItalia Trieste
Lingua ufficialeitaliano
MottoHistoria est lux veritatis

Amici e Discendenti degli Esuli Giuliani, Istriani, Fiumani e Dalmati (A.D.ES.) è un'associazione storico-culturale italiana a cui aderiscono i discendenti degli esuli giuliani e dalmati fuggiti dalle terre di Istria, Fiume e Zara dopo il trattato di Parigi del 1947. Parallelamente aderiscono anche coloro che condividono ed intendono sostenere le istanze della comunità esule, pur non avendo congiunti provenienti dai territori ceduti.

Storia e finalità[modifica | modifica wikitesto]

Modifiche al confine orientale italiano dal 1920 al 1975.

     Il Litorale austriaco, poi ribattezzato Venezia Giulia, che fu assegnato all'Italia nel 1920 con il trattato di Rapallo (con ritocchi del suo confine nel 1924 dopo il trattato di Roma) e che fu poi ceduto alla Jugoslavia nel 1947 con i trattati di Parigi

     Aree annesse all'Italia nel 1920 e rimaste italiane anche dopo il 1947

     Aree annesse all'Italia nel 1920, passate al Territorio Libero di Trieste nel 1947 con i trattati di Parigi e assegnate definitivamente all'Italia nel 1975 con il trattato di Osimo

     Aree annesse all'Italia nel 1920, passate al Territorio Libero di Trieste nel 1947 con i trattati di Parigi e assegnate definitivamente alla Jugoslavia nel 1975 con il trattato di Osimo

L'associazione è nata nel 1996, dopo tre assemblee nazionali indette a Pordenone, Trieste e Milano, in cui fu redatto l'atto costitutivo, firmato e depositato a Pordenone il 20 agosto dello stesso anno.[1] Si dichiara indipendente, apartitica e liberamente politica e le sue finalità sono quelle di promuovere la verità storica sui fatti accaduti nei territori ceduti all'ex Jugoslavia durante e dopo la seconda guerra mondiale (foibe, eccidi, esodo forzato ecc.), il riconoscimento storico della tragedia degli italiani costretti all'esilio e tutelare la cultura italiana autoctona nell'Adriatico orientale.

L'associazione è presente attivamente in alcune regioni come Lombardia, Friuli-Venezia Giulia, Veneto, Emilia-Romagna e in altre città, organizzando incontri, manifestazioni, cerimonie specie in occasione del 10 febbraio "Giorno del ricordo" e nei territori ceduti di Istria, Fiume e Dalmazia, in particolare con l'istituzione del "Fondo Cristian Pertan", dedicato ad un giovane triestino di origini istriane prematuramente scomparso. Il fondo, attualmente sostenuto dall'A.D.ES. stessa in collaborazione con altre associazioni e circoli, intende sostenere la minoranza italiana autoctona residente negli attuali stati di Croazia, Slovenia e Montenegro, attraverso donazioni di libri, bandiere, materiale multimediale, didattico e di vario genere.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda Attività sociale 1996 – 1997 Sito ufficiale, su Adesonline.it (A.D.ES.). URL consultato il 19 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2012).
  2. ^ Scheda Fondo Pertan, su Sito ufficiale Adesonline.it. URL consultato il 19 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2012).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Venezia Giulia e Dalmazia Portale Venezia Giulia e Dalmazia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Venezia Giulia e Dalmazia