Comuni d'Italia soppressi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Indice

Questa lista riporta l'elenco dei comuni soppressi d'Italia a causa di accorpamenti, fusioni o divisioni, dal 1861 in poi.

Abruzzo[modifica | modifica wikitesto]

Provincia dell'Aquila[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Chieti[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Pescara[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Teramo[modifica | modifica wikitesto]

Basilicata[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Potenza[modifica | modifica wikitesto]

Calabria[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Catanzaro[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Cosenza[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Reggio di Calabria[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Vibo Valentia[modifica | modifica wikitesto]

Campania[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Avellino[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Benevento[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Terra di Lavoro e Provincia di Caserta[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Napoli[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Salerno[modifica | modifica wikitesto]

Emilia-Romagna[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Bologna[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Ferrara[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Forlì-Cesena[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Parma[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Piacenza[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Reggio nell'Emilia[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Rimini[modifica | modifica wikitesto]

Friuli-Venezia Giulia[modifica | modifica wikitesto]

La lista comprende altresì i comuni soppressi per cessione dei territori alla Jugoslavia, ordinati secondo le divisioni provinciali del 1947.

Provincia di Gorizia[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Pordenone[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Trieste[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Udine[modifica | modifica wikitesto]

Province comprese in territori ceduti[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Fiume[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Pola[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Zara[modifica | modifica wikitesto]

Lazio[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Frosinone[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Latina[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Rieti[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Roma[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Viterbo[modifica | modifica wikitesto]

Liguria[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Genova[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Imperia[modifica | modifica wikitesto]

Provincia della Spezia[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Savona[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Comuni soppressi della Lombardia.

Al 2015 si contano circa 900 comuni soppressi della Lombardia.

Marche[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Ancona[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Ascoli Piceno[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Fermo[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Macerata[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Pesaro e Urbino[modifica | modifica wikitesto]

Molise[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Isernia[modifica | modifica wikitesto]

Piemonte[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Alessandria[modifica | modifica wikitesto]

Comune Anno Aggregato al Com. di
1 Bisio 1873 Francavilla Bisio
2 Brignano del Curone[40] 1928 Brignano-Frascata
3 Brusaschetto 1929 Camino
4 Carezzano Superiore 1928 Carezzano
5 Castel de' Ratti 1928 Borghetto di Borbera
6 Castel San Pietro Monferrato[41] 1929 Camino
7 Corteranzo 1928 Murisengo
8 Cuquello 1928 Sardigliano
9 Forotondo 1928 Fabbrica Curone
10 Frascata 1928 Brignano-Frascata
11 Frassinello-Olivola[42] 1950
12 Groppo 1928 Pozzol Groppo
13 Malvino 1928 Sardigliano
14 Molino-Alzano[43] 1946
15 Molo di Borbera[44] 1928 Borghetto di Borbera
16 Montalero 1928 Cerrina Monferrato
17 Montechiaro Denice[45] 1946
18 Pavone d'Alessandria[46] 1928 Pietra Marazzi
19 Quarti 1928 Pontestura
20 Rosingo 1928 Cerrina Monferrato
21 Salabue 1928 Ponzano Monferrato
22 Sorli 1928 Borghetto di Borbera
23 Tagliolo Belforte[47] 1947
24 Torre de' Ratti 1928 Borghetto di Borbera
25 Varengo 1928 Gabiano
26 Vargo 1928 Stazzano
27 Villabella[48] 1938 Valenza

Provincia di Asti[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Biella[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Cuneo[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Novara[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Torino[modifica | modifica wikitesto]

Provincia del Verbano-Cusio-Ossola[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Vercelli[modifica | modifica wikitesto]

Puglia[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Bari[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna[modifica | modifica wikitesto]

Città metropolitana di Cagliari[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Nuoro[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Oristano[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Sassari[modifica | modifica wikitesto]

Provincia del Sud Sardegna[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Catania[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Enna[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Messina[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Ragusa[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Trapani[modifica | modifica wikitesto]

Toscana[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Arezzo[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Firenze[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Grosseto[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Lucca[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Massa e Carrara[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Pisa[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Pistoia[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Siena[modifica | modifica wikitesto]

Trentino-Alto Adige[modifica | modifica wikitesto]

Provincia autonoma di Bolzano[modifica | modifica wikitesto]

Provincia autonoma di Trento[modifica | modifica wikitesto]

Umbria[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Perugia[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Terni[modifica | modifica wikitesto]

Valle d'Aosta[modifica | modifica wikitesto]

Veneto[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Belluno[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Padova[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Rovigo[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Treviso[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Venezia[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Verona[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Vicenza[modifica | modifica wikitesto]


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q R.D.L. 2 gennaio 1927, n. 1, art. 4
  2. ^ a b c Legge 4 gennaio 1968, n. 6, in materia di "Costituzione del comune di Lamezia Terme, in provincia di Catanzaro."
  3. ^ Decreto legislativo luogotenenziale 1 febbraio 1945, n. 27, in materia di "Ricostituzione dei comuni di Guardia Piemontese e Acquappesa"
  4. ^ Decreto legislativo luogotenenziale 22 febbraio 1946, n. 107, in materia di "Ricostituzione dei comuni di S. Cipriano di Aversa e di Casal Principe (Napoli)."
  5. ^ a b Decreto del Capo provvisorio dello Stato 31 ottobre 1946, n. 427, in materia di "Ricostituzione dei comuni di Arienzo, San Felice a Cancello, Teverola e Casaluce (Caserta)."
  6. ^ a b c d R.D.L. 3 giugno 1926, n. 1002
  7. ^ a b c Regio Decreto 8 luglio 1923, n. 1729
  8. ^ a b c R.D. 5 febbraio 1928, n. 214
  9. ^ a b R.D. 22 marzo 1928, n. 807
  10. ^ a b c d e f g h R.D. 5 febbraio 1928, n. 216
  11. ^ a b c Regio Decreto 15 dicembre 1927, n. 2473
  12. ^ a b c d e Regio Decreto 5 luglio 1928, n. 1795
  13. ^ a b R.D. 2 febbraio 1928, n. 219
  14. ^ R.D. 29 gennaio 1928, n. 181
  15. ^ R.D. 22 dicembre 1927, n. 2518
  16. ^ a b R.D. 15 dicembre 1927, n. 2475
  17. ^ a b Regio Decreto 1º dicembre 1927, n. 2347
  18. ^ R.D. 15 dicembre 1927, n. 2516
  19. ^ R.D. 15 dicembre 1927, n. 2514
  20. ^ Regio Decreto 21 novembre 1927, n. 2249
  21. ^ Regio Decreto 1º dicembre 1927, n. 2345
  22. ^ R.D. 15 gennaio 1928, n. 86
  23. ^ R.D. 25 ottobre 1928, n. 2520
  24. ^ R.D. 29 marzo 1928, n. 810
  25. ^ R.D. 8 settembre 1927, n. 1795
  26. ^ a b R.D. 1º aprile 1927, n. 714
  27. ^ a b c d e Regio Decreto 27 luglio 1928, n. 1940
  28. ^ a b R.D. 7 luglio 1927, n. 1296
  29. ^ a b R.D. 8 maggio 1927, n. 770
  30. ^ Regio Decreto n° 2140 del 18 novembre 1926, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia n° 298 del 28 dicembre 1926
  31. ^ R.D. 28 marzo 1929, n. 614
  32. ^ a b Regio Decreto 11 novembre 1927, n. 2140
  33. ^ R.D. 8 settembre 1927, n. 1794
  34. ^ R.D. 4 ottobre 1928, n. 2415
  35. ^ Legge 27 novembre 1939, n. 1958
  36. ^ Decreto legislativo luogotenenziale 3 maggio 1945, n. 265, in materia di "Ricostituzione dei comuni di Anzio e Nettuno."
  37. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s Regio Decreto Legge 14 gennaio 1926, n. 74
  38. ^ a b c d e f g h i j k Regio Decreto 21 ottobre 1923, n. 2360
  39. ^ Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia N. 117 del 20 maggio 1929 - R.D.L. 28 marzo 1929, n. 733, art. 1 - Riunione dei comuni di Cisano sul Neva e Cenesi
  40. ^ fino al 1863 Brignano
  41. ^ fino al 1863 Castel San Pietro
  42. ^ Costituito nel 1928 aggregando i comuni di Frassinello Monferrato e Olivola
  43. ^ Costituito nel 1928 aggregando i comuni di Alzano Scrivia e Molino dei Torti
  44. ^ fino al 1863 Molo
  45. ^ Costituito nel 1929 aggregando i comuni di Denice e Montechiaro d'Asti
  46. ^ fino al 1863 Pavone
  47. ^ Costituito nel 1927 aggregando i comuni di Belforte Monferrato e Tagliolo Monferrato
  48. ^ fino al 1901 Lazzarone
  49. ^ a b Luigi Clavarino, Saggio di corografia: statistica e storica delle Valli di Lanzo, Stamperia della Gazzetta del popolo, 1867.
  50. ^ a b c d nell'aggregazione erano compresi anche i comuni di Germagno, Loreglia e Massiola, poi ricostituiti
  51. ^ a b Regio Decreto 4 aprile 1939, n. 702
  52. ^ Comune di Selargius - Comune di Selargius, su www.comune.selargius.ca.it. URL consultato il 26 ottobre 2016.
  53. ^ Regione Autonoma della Sardegna, I Comuni della Sardegna in Rete - Storia - Regione Autonoma della Sardegna, su www.comunas.it. URL consultato il 26 ottobre 2016.
  54. ^ a b Regio Decreto 9 novembre 1939, n. 1790
  55. ^ Decreto legislativo luogotenenziale 1 marzo 1946, n. 48, articolo 1, in materia di "Ricostituzione dei comuni di Massa, Carrara e Montignoso."
  56. ^ a b c Regio Decreto Legge 16 dicembre 1938, n. 1860, art. 1
  57. ^ Decreto del presidente della Repubblica 25 giugno 1969, n. 497, in materia di "Aggregazione del comune di Tretto al comune di Schio, in provincia di Vicenza."

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]