Unione Sudamericana Emigrati Italiani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Unione Sudamericana Emigrati Italiani
USEI.png
PresidenteEugenio Sangregorio
SegretarioVincenzo Carrozzino
StatoItalia Italia
SedeDardo Rocha 1202, Martínez (CP 1640) - Buenos Aires
AbbreviazioneUSEI
Fondazione2006
IdeologiaConservatorismo liberale,
Tutela degli italiani residenti all'estero.
CollocazioneCentro
Seggi Camera
1 / 630
Seggi Senato
0 / 320
Sito web

Unione Sudamericana Emigrati Italiani (USEI) è un partito politico che si prefigge di tutelare gli interessi delle comunità di italiani residenti all'estero.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La nascita[modifica | modifica wikitesto]

Il partito è stato fondato nel 2006 da Eugenio Sangregorio, imprenditore calabrese (originario di Belvedere Marittimo) emigrato alla maggiore età a Buenos Aires.[1]

L'USEI da sempre prende parte alle elezioni politiche degli italiani all'estero limitatamente alla circoscrizione America meridionale di Camera e Senato.

Elezioni politiche del 2006[modifica | modifica wikitesto]

Il debutto dell'USEI avviene alle elezioni politiche del 2006; le liste di Camera e Senato ottengono rispettivamente l'1,46% (14.205 voti) e l'1,41% (12.552 voti), risultati discreti che non consentono di eleggere alcun parlamentare.

Lo stesso Sangregorio, candidato alla Camera dei Deputati, non viene eletto.[2]

Elezioni politiche del 2008[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2008 l'USEI non presenta proprie liste, ma stipula un accordo con l'Unione di Centro: Eugenio Sangregorio è candidato alla Camera nelle liste dell'UDC in America meridionale; nonostante le 28.000 preferenze personali non viene tuttavia eletto, poiché non scatta il seggio.[3]

Elezioni politiche del 2013[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2013 il partito, come già avvenuto nel 2006, presenta proprie liste sia alla Camera che al Senato.

In quest'occasione conquista un seggio alla Camera dei Deputati, spettante a Renata Bueno (una italo-brasiliana, figlia di Rubens Bueno, esponente del Partito Popolare Socialista del Brasile) che ottiene 18.077 preferenze, battendo Eugenio Sangregorio, fermo a 11.738 preferenze, che resta nuovamente fuori dal Parlamento.[4]

Elezioni politiche del 2018[modifica | modifica wikitesto]

Ripresentatosi alle elezioni politiche del 2018 con liste per entrambi i rami del Parlamento, l'USEI riesce ad esprimere Eugenio Sangregorio alla Camera dei deputati e Adriano Cario al Senato della Repubblica, entrambi candidati nella ripartizione America Meridionale. Entrambi aderiscono al Gruppo Misto nelle rispettive camere: Sangregorio nella componente Noi con l'Italia-USEI di Montecitorio e Cario alla componente USEI. Il 24 maggio 2018 il senatore Adriano Cario abbandona il partito e passa al MAIE.[5]

Il partito si astiene nel voto di fiducia al Governo Conte.

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Voti % Seggi
Politiche 2006 - Estero Camera 14.205 1,46
0 / 630
Senato 12.552 1,41
0 / 315
Politiche 2008 - Estero Camera Nell'UDC
0 / 630
Senato Nell'UDC
0 / 315
Politiche 2013 - Estero Camera 44.024 4,47
1 / 630
Senato 38.223 4,27
0 / 315
Politiche 2018 - Estero Camera 65 363 6,05
1 / 630
Senato 65 069 6,56
1 / 315

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Eugenio Sangregorio, Eugenio Sangregorio, su www.usei-it.org. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  2. ^ ::: Ministero dell'Interno ::: Archivio Storico delle Elezioni - Camera del 9 Aprile 2006, su elezionistorico.interno.it. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  3. ^ ::: Ministero dell'Interno ::: Archivio Storico delle Elezioni - Camera del 13 Aprile 2008, su elezionistorico.interno.it. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  4. ^ ::: Ministero dell'Interno ::: Archivio Storico delle Elezioni - Camera del 24 Febbraio 2013, su elezionistorico.interno.it. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  5. ^ (IT) Italiani all'estero, Adriano Cario lascia l'USEI e si prepara a votare la fiducia al governo - Italia chiama Italia, in Italia chiama Italia, 24 maggio 2018. URL consultato l'08 giugno 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica