Conservatorismo liberale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il conservatorismo liberale è una variante del conservatorismo che incorpora posizioni liberali in campo economico, talvolta liberiste pure,[1] ed etico-sociale.[2] Suoi capisaldi sono la difesa della proprietà privata, del libero mercato, dell'importanza nella società della famiglia, di un welfare limitato, della democrazia, di una spesa pubblica ridotta e di servizi pubblici limitati, con talvolta delle aperture su alcuni diritti civili.[3] Tali caratteristiche lo rendono quindi diverso da quello di stampo nazionale.[4]

È un'ideologia che incorpora la visione classico-liberale dell'interventismo economico, secondo cui gli individui dovrebbero essere liberi di partecipare al mercato e generare ricchezza senza l'interferenza del governo.[5]

Esiste anche una tendenza del liberalismo, il liberalismo conservatore, che tende ad essere strettamente collegata con l'idea economica di liberismo e che quindi si colloca su un versante conservatore all'interno del movimento liberale: le due tendenze non vanno comunque confuse dato che, se la prima è parte del movimento conservatore, la seconda è pieno diritto nel liberalismo.

In origine, i liberal conservatori sono stati portatori di una visione meno tradizionalista e, contemporaneamente, meno scettica del libero mercato rispetto a quella del cristianesimo democratico. A seguito del processo di secolarizzazione, tuttavia, numerosi partiti democristiani europei hanno assunto una postura liberal conservatrice, mentre alcuni soggetti liberali dell'Europa settentrionale si sono avvicinati a posizioni maggiormente "sociali" in campo economico. Questi valori, certamente moderni, sono espressi e garantiti dal centro-destra del Partito Popolare Europeo [6][7], mentre in Italia i principali soggetti ad esso ispirati sono Forza Italia, Identità e Azione, Noi con l'Italia e Cambiamo![8][9][10][11][12][13][14].

A livello culturale contribuiscono la "Fondazione Magna Carta" e l'Occidentale[15][16][10].

Un caso particolare riguarda gli Stati Uniti, dove i liberal conservatori utilizzano il termine conservative mentre il termine liberal è utilizzato in riferimento a un movimento progressista dalle caratteristiche simili alla socialdemocrazia europea contemporanea. Il conservatorismo americano, precisamente, combina l'individualismo economico dei liberali classici con una forma di conservatorismo alla Edmund Burke[12][17] , che è diventato parte della tradizione conservatrice statunitense grazie al contributo di personaggi e autori quali Friedrich von Hayek, Frank Meyer, Milton Friedman, Russell Kirk, William Buckley, Barry Goldwater.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://formiche.net/2018/07/conservatori-liberali-dibattito/
  2. ^ http://www.parties-and-elections.eu/content.html Parties and Elections in Europe
  3. ^ Johnston, Larry: Politics: An Introduction to the Modern Democratic State. University of Toronto Press, 2007. pp. 154-156
  4. ^ https://www.ilfoglio.it/esteri/2015/07/31/news/perche-sono-una-conservatrice-86243/
  5. ^ http://www.parties-and-elections.eu/content.html
  6. ^ Filippo Il Magnifico, It's federalist views were at odds with Conservative policy, BBC News.
  7. ^ Wolfram Nordsieck, European Union, su Parties and Elections in Europe, 2019. URL consultato il 30 maggio 2019.
  8. ^ https://www.ilsole24ore.com/art/centro-destra-conservatori-o-liberali-AEaRL2aF//
  9. ^ Gianluca Roselli, Ecco la nuova Idea di Quagliariello per un centrodestra liberal-conservatore, su Formiche.net, 14 gennaio 2017.
  10. ^ a b Fondazione Magna Carta: inizia una nuova edizione della Scuola di Formazione
  11. ^ https://www.wired.it/attualita/politica/2019/12/17/mara-carfagna-star-politica-italiana/
  12. ^ a b "Full text of David Cameron's speech to the Conservative Party conference", BBC, October 2006
  13. ^ https://formiche.net/gallerie/fitto-cesa-noi-per-italia-foto-pizzi/
  14. ^ https://www.huffingtonpost.it/entry/la-destra-liberale-riparta-dal-civismo-italico_it_5f6f01ebc5b6cdc24c1982d5
  15. ^ http://magna-carta.it/la-fondazione/
  16. ^ https://loccidentale.it/fondazione-magna-carta-inizia-una-nuova-edizione-della-scuola-di-formazione/
  17. ^ https://www.centroeinaudi.it/agenda-liberale/articoli/3993-sono-i-liberali-conservatori.html