Conservatorismo liberale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il conservatorismo liberale è una variante del conservatorismo che incorpora posizioni liberali in campo economico, talvolta liberiste pure, ed etico-sociale.[1] Suoi capisaldi sono la difesa della proprietà privata e del libero mercato, con della aperture sul versante dei diritti civili e in alcuni Paesi persino apertamente in direzione della legalizzazione della prostituzione e delle droghe leggere.[2]

All'interno della sua area politica si collocano i conservatori dei Paesi dove le idee economiche liberali sono considerate tradizionali e quindi, a giudizio degli esponenti di quest'area, da conservare. Di converso esiste anche una tendenza del liberalismo, il liberalismo conservatore, che tende ad essere strettamente collegata con l'idea economica di liberismo e che quindi si colloca su un versante conservatore all'interno del movimento liberale: le due tendenze non vanno comunque confuse dato che, se la prima è parte del movimento conservatore, la seconda è pieno diritto nel liberalismo.

In alcuni Stati dell'Europa meridionale sono sorti diversi partiti dall'incontro tra valori cristiani e liberali.

In origine, i liberal conservatori sono stati portatori di una visione meno tradizionalista e, al tempo stesso, meno scettica del libero mercato rispetto a quella del cristianesimo democratico. Tuttavia, con il processo di secolarizzazione, numerosi partiti democristiani europei hanno assunto una postura liberal conservatrice, mentre alcuni soggetti liberali dell'Europa settentrionale si sono avvicinati a posizioni maggiormente "sociali" in campo economico.

Un caso particolare riguarda gli Stati Uniti, dove i liberal conservatori utilizzano il termine conservative mentre il termine liberal è utilizzato in riferimento a un movimento progressista simile alla socialdemocrazia europea contemporanea. Il conservatorismo americano combina l'individualismo economico dei liberali classici con una forma di conservatorismo alla Edmund Burke, che è diventato parte della tradizione conservatrice statunitense grazie al contributo di personaggi e autori quali Friedrich von Hayek, Frank Meyer, Milton Friedman, Russell Kirk, William Buckley, Barry Goldwater.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Parties and Elections in Europe
  2. ^ Johnston, Larry: Politics: An Introduction to the Modern Democratic State. University of Toronto Press, 2007. pp. 154-156