Post-fascismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con il termine post-fascismo, si intende una fase politica in cui i partiti di matrice fascista compiono un processo di revisione ideologica che li porta ad abbandonare la prospettiva totalitaria ed anti-capitalista e ad aprire il dialogo con le forze della destra moderato-conservatrice tradizionale: nazional conservatori, liberal-conservatori.

I predecessori del post-fascismo[modifica | modifica wikitesto]

La principale forza di matrice post-fascista della Prima Repubblica fu senza dubbio il Movimento Sociale Italiano, fin dal primo congresso del 1948, con lo slogan scelto "Non rinnegare, non restaurare". Alla sua destra negli anni sono nati diversi movimenti di matrice neo fascista.

Anche all'interno di quest'ultimo si svilupparono però diverse tendenze politiche che rappresentavano posizioni differenti tra loro: dai corporativi di Almirante (che fu assolto dall'accusa di ricostituzione del partito fascista), ai fascisti rivoluzionari di Rauti, ai conservatori di Michelini fino ai reazionari. Si può dunque senza dubbio identificare come i predecessori del post-fascismo, la tendenza moderata di Arturo Michelini, il quale già proponeva ai dirigenti missini, di dare al partito non soltanto un volto antisistema, ma più che altro un volto legalitario capace di attrarre i conservatori che votavano democristiano o liberale.

La situazione in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione del post-fascismo[modifica | modifica wikitesto]

È dunque chiaro che una tendenza politica come quella post-fascista non può rappresentare una ideologia politica autonoma, essa rappresentava infatti null'altro che un tramite tra il fascismo tradizionale ed una destra moderna. I partiti post-fascisti dunque, in seguito alla loro completa evoluzione, si sono sostanzialmente collocati nell'alveo della destra conservatrice europea e mondiale. Oggi erede della tradizione post-fascista italiana è Alleanza Nazionale, seppur non possa definirsi post fascista, partito nato nel 1995.

La situazione in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Tali proposte vennero, durante gli anni '70, in parte fatte proprie dalla segreteria di G. Almirante, ma incominciarono a manifestarsi i segni che il MSI stava passando da una visione fascista-integralista ad una visione post-fascista soltanto tra gli ultimi anni '80 ed i primi anni '90. Proprio in quel periodo infatti, contemporaneamente alla dissoluzione dei partiti di governo tradizionali (Dc, Psi, Psdi, Pli, Pri) ed alla trasformazione in senso riformista del Pci, anche il Msi (soprattutto grazie alla segreteria Fini) sceglie di darsi una sterzata moderata in grado di incanalare il voto ed il consenso dei ceti medi conservatori: fu questa in sostanza la proposta di una nuova "alleanza nazionale", che diede ufficialmente inizio al periodo "post-fascista" del Msi. Poco dopo il partito cambierà anche nome, divenendo proprio "Alleanza Nazionale": che, secondo lo stesso leader Fini, è la "realizzazione aggiornata" di quella grande destra tanto sognata dei leader missini tra gli anni '70 e gli anni '80, una destra cioè che partendo dalle radici missine tenta di estendere i propri confini fino alle forze conservatrici e nazionaliste.

Questa svolta, in ogni caso, non fu condivisa da una parte del MSI-DN, guidata dall'ex segretario Pino Rauti, "rivale storico" di Fini all' interno del MSI-DN, da sempre animatore dell'ala "di sinistra", che diede vita ad un nuovo movimento, assolutamente minoritario rispetto ad AN, con il nome di Movimento Sociale - Fiamma Tricolore.

« Gianfranco Fini a Fiuggi non ha deviato di una virgola dalle sue idee di sempre. Fini ha semplicemente ammesso pubblicamente quello che noi abbiamo sempre sostenuto, e cioè che il "fascismo di destra" non è fascismo, e non lo è mai stato.[1] »

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Gazzettino, intervista a Pino Rauti in occasione delle elezioni comunali di Venezia, 13 aprile 2000

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Fascismo Portale Fascismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fascismo