Socialismo religioso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il socialismo religioso è un insieme di ideologie politiche che cercano di sviluppare il socialismo a partire da una punto di vista religioso. Comprende una grande quantità di dottrine, in quanto può essere reinterpretato in base alle distinte religioni.

Questo tipo di socialismo si distacca dagli altri, in quanto molti governi socialisti hanno proclamato l’ateismo di Stato e perfino perseguitato i fedeli; inoltre grandi filosofi socialisti, compreso Karl Marx, erano atei. Esistono sia correnti che cercano di armonizzare la religione al pensiero marxista (come la teologia della liberazione), sia posizioni ispirate a idee socialiste non marxiste.

Socialismo cristiano[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Socialismo cristiano.

Il socialismo cristiano è una delle dottrine più forti all'interno di questo gruppo di ideologie. Storicamente, il cristianesimo ha dato vita a diverse ideologie politiche (anarchismo cristiano, democrazia cristiana, fascismo clericale ecc.), perlopiù grazie alla rilevanza della Chiesa cattolica sul piano internazionale, cosicché è possibile trovare socialisti e comunisti cattolici. Alcuni sostengono che il socialismo cristiano risalga all'epoca di Gesù, dato che questi predicava e praticava l’uguaglianza tra le persone. Chi aderisce a questa posizione si richiama agli insegnamenti del cristianesimo primitivo, talvolta rinnegando il ruolo della Chiesa nel Medioevo (periodo in cui appoggiò un'organizzazione sociale diversa) o perfino nella contemporaneità.
Vi sono poi socialisti cristiani appartenenti alle Chiese protestanti. Alcuni di essi accusano la Chiesa cattolica di corrompere il messaggio originario di Cristo. Il protestante socialista più famoso è probabilmente il pastore battista statunitense Martin Luther King, più noto come “cristiano socialista” che come “socialista cristiano”.

Socialismo ebraico[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Sionismo socialista.

Sionismo socialista è il nome comunemente dato alla sinistra del sionismo, orientata verso il movimento operaio ebraico. Questa corrente si distingue dal sionismo maggioritario perché lega la formazione di uno Stato ebraico alla lotta di classe della classe operaia ebrea insediata in Palestina e dunque alla fondazione di kibbutz nelle campagne e all'insediamento di proletariato ebraico nelle città. Il sionismo socialista fu la componente maggioritaria del sionismo dalla sua nascita agli anni ‘70.

Socialismo islamico[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Socialismo islamico.

Esempi di socialismo islamico sono l'ideologia del Libro Verde di Mu'ammar Gheddafi in Libia, quella di Fatah in Palestina, del partito Baath di Iraq (Saddam Hussein e in seguito gli ex sostenitori del passato regime) e Siria (Hafiz e Bashar al-Assad) e dei Mojahedin del Popolo Iraniano e, in passato, il nasserismo in Egitto e il regime di Ben Ali in Tunisia.