Sciovinismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lo sciovinismo letterario di Puskin: "In materia di letteratura, la lingua russo-slava ha una netta supremazia su tutta l'Europa"

Lo sciovinismo indica un nazionalismo esclusivo, fazioso[1] ed esaltato[2], che si esprime in un’aprioristica negazione dei valori e dei diritti degli altri popoli e nazioni[3]. In senso lato può indicare l'esaltazione fanatica di una qualità, di un valore o simili[2].

Deriva dal francese chauvinisme, dal nome di Nicolas Chauvin, un soldato francese di Rochefort dell'impero napoleonico il cui nome fu utilizzato in vaudevilles e commedie per rappresentare il tipo del patriota esaltato e fanatico[3][4].

È il riflesso di un'ammirazione esagerata verso il proprio Paese. Può nascere anche dalla volontà di investire con questo significato ciò che invece costituisce un attaccamento o interesse personale, o comunque di parte, verso particolari usi, costumi, ambiti, situazioni contingenti di una cultura o di un Paese che in realtà non sono un dato strutturale o persistente dei medesimi. Spesso si accompagna a uno sfrenato e acritico militarismo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ricerca | Garzanti Linguistica, su www.garzantilinguistica.it. URL consultato il 1° febbraio 2016.
  2. ^ a b Dizionario Italiano online Hoepli - Parola, significato e traduzione, su http://dizionari.hoepli.it/. URL consultato il 1° febbraio 2016.
  3. ^ a b sciovinismo, su www.treccani.it. URL consultato il 1° febbraio 2016.
  4. ^ Chauvin, Nicolas, su www.treccani.it. URL consultato il 02 febbraio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Politica