Gianluigi Paragone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Italexit)
Jump to navigation Jump to search
Gianluigi Paragone
Gianluigi Paragone datisenato 2018.jpg

Leader di Italexit
In carica
Inizio mandato 23 luglio 2020
Predecessore Carica creata

Senatore della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 23 marzo 2018
Legislature XVIII
Gruppo
parlamentare
- Movimento 5 Stelle
(fino al 04/01/2020)
- Misto/Non iscritti
(dal 04/01/2020 al 14/09/2021)
- Misto/Italexit-PVU
(dal 14/09/2021)
Circoscrizione Lombardia
Collegio Lombardia - 03
Incarichi parlamentari
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico No Europa per l'Italia - Italexit (dal 2020)
In precedenza:
M5S (2018-2020)
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università degli Studi di Milano
Professione Giornalista; Politico

Gianluigi Paragone (Varese, 7 agosto 1971) è un giornalista, conduttore televisivo e politico italiano, senatore della Repubblica dal 2018, eletto e poi espulso dal Movimento 5 Stelle, che successivamente nel 2020 fonda Italexit e ne diventa il leader.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da una famiglia di origini campane, il 7 agosto 1971 a Varese, dove si è diplomato presso il liceo classico Ernesto Cairoli, e successivamente si laurea in giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Milano.[1]

Dopo essersi laureato, ha iniziato la carriera giornalistica al quotidiano varesino La Prealpina, che lo incarica di seguire come inviato le attività di Umberto Bossi, Roberto Maroni e di altri membri della Lega Nord, documentandone comizi e incontri[2]. Passato a Rete 55, emittente televisiva locale della provincia di Varese, tra la fine degli anni '90 e il 2004 ne dirige i servizi di attualità.[3]

La Padania e Libero[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 viene scelto per guidare la Padania, organo ufficiale della Lega Nord, dove mantiene il ruolo di direttore per due anni, per passare poi al quotidiano Libero, in cui riveste la carica di vicedirettore e, per un breve periodo, nel 2009, direttore vicario in sostituzione di Vittorio Feltri[4][5][6].

In Rai[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi mesi del 2009 conduce il talk show politico Malpensa Italia, in onda in seconda serata su Rai 2[7], con ascolti che hanno oscillato tra uno share del 6,6%[8][9] e l'8,7%.[10]

Il 5 agosto 2009 viene nominato vice-direttore di Rai 1, pertanto abbandonando la direzione di Libero: l'elezione ha visto il voto contrario del presidente del CdA della Rai Paolo Garimberti, poiché la nomina di Paragone non risponderebbe alla "tradizione" che "consiglia" alla RAI di ricorrere il meno possibile a professionisti esterni all'azienda.[11][12]

Il 24 settembre 2009 Paragone lascia la vicedirezione di Rai 1 per passare a quella di Rai 2[13]. In questo periodo, durante una puntata della trasmissione radiofonica Un giorno da pecora, suscita varie polemiche una critica rivolta all'allora direttore di Rai 2 Massimo Liofredi per aver riempito il palinsesto della rete di telefilm con risultati di ascolto definiti "mediocri"[14].

L'ultima parola[modifica | modifica wikitesto]

Dal 15 gennaio 2010 comincia a condurre in seconda serata su Rai 2 il talk show politico L'ultima parola.

Il 2 ottobre 2011 l'allora segretario federale della Lega Nord Umberto Bossi ha "scomunicato" Paragone, ordinando agli esponenti leghisti di disertare L'ultima parola, poiché il giornalista aveva preso pubblicamente le distanze dalla politica della maggioranza[15]. Nella puntata del 21 ottobre 2011 de L'ultima parola, durante una discussione molto accesa[16], Paragone è stato accusato dall'allora deputato PdL Giorgio Stracquadanio di "salire sul carro dei vincitori"[17].

Paragone ha sempre rivendicato l'autonomia giornalistica della sua trasmissione dalle scelte dei vari partiti e nell'ottobre 2011 si schiera contro l'allontanamento dalla Rai di Michele Santoro[18].

La trasmissione registrò ottimi risultati Auditel dovuti anche all'originalità dell'idea di unire la musica all'informazione politica. Nonostante questo, però, non fu mai spostata dalla seconda serata alla prima serata: secondo alcune indiscrezioni[19][20], le proposte che andavano in questa direzione furono bocciate dal Consiglio d'Amministrazione della Rai perché si riteneva che la trasmissione desse troppo spazio a opinioni anti-sistema e antipolitiche.

Nel 2013 si dimette dalla carica di vicedirettore di Rai 2[21]. Il 1º marzo 2013 il programma viene trasmesso in prima serata, in sostituzione del telefilm Rex[22]. Nonostante i discreti ascolti registrati[23], la trasmissione non va più in onda in questa fascia oraria a causa di alcuni dissidi tra il conduttore e la dirigenza Rai[24]. Dopo l'iniziale ipotesi di chiusura[25], che aveva suscitato diverse polemiche[26], e le conseguenti smentite del CdA Rai[27], viene proposto al giornalista la conduzione di un programma musicale in sostituzione de L'ultima parola[28].

La gabbia[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 luglio 2013, in seguito a contatti avvenuti con l'imprenditore Urbano Cairo, dopo la presentazione dei palinsesti Rai del 24 giugno 2013[29][30], firma un contratto con LA7 per la conduzione del talk show La gabbia, in onda nella prima serata del mercoledì a partire dal mese di settembre[31]. Il programma, dove Paragone ha cercato (senza successo) di coinvolgere nel dibattito in studio Silvio Berlusconi per via diretta telefonica a casa[32], dà ampio spazio a posizioni anti-sistema, ospitando giornalisti ed economisti anti-euro, criticando il neoliberismo di stampo europeo. Dal 29 giugno al 1º agosto 2015 sempre su LA7 conduce In onda insieme a Francesca Barra.

Dal 7 aprile 2014 al 3 febbraio 2017, insieme a Mara Maionchi e Ylenia Baccaro, conduce su Radio 105 il programma Benvenuti nella giungla.

Il 28 giugno 2017, dopo l'arrivo di Andrea Salerno in qualità di neodirettore di LA7, La Gabbia, che da tempo si assestava su pessimi dati d'ascolti[33], viene cancellato[34].

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Elezione a senatore[modifica | modifica wikitesto]

Avvicinatosi al Movimento 5 Stelle (M5S), soprattutto durante l'attivismo contro il decreto sulla vaccinazione obbligatoria del Ministro della salute Beatrice Lorenzin, a settembre 2017 conduce la festa ufficiale del partito "Italia 5 Stelle" a Rimini, dove il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio viene nominato capo politico del M5S e candidato premier.[35]

Il 4 gennaio 2018 Paragone annuncia la sua candidatura alle elezioni politiche del 2018 tra le liste del M5S[36][37], che avviene nel collegio uninominale di Varese al Senato della Repubblica, dove viene sconfitto giungendo secondo dietro all'esponente del centro-destra, in quota Lega Stefano Candiani. Viene comunque eletto senatore, in quanto candidato nel listino proporzionale[38].

Tensioni col M5S[modifica | modifica wikitesto]

In un'intervista al Corriere della Sera Paragone, analizzando il risultato deludente del Movimento 5 Stelle alle elezioni europee del 2019[39], si esprime in modo duro nei confronti del suo capo politico Luigi Di Maio, criticandolo per il fatto di ricoprire troppi incarichi: Vicepresidente del Consiglio, Ministro dello Sviluppo economico, Ministro del Lavoro e delle politiche sociali e leader della prima forza politica in Parlamento, a cui chiede di rinunciare ai suoi incarichi di governo oppure a quello di capo del Movimento, criticando anche il partito stesso per essere diventato «giacca e cravatta».[40][41]

Il 10 settembre 2019 si astiene dal voto di fiducia al governo Conte II e rimane in carica come senatore[42], nonostante giorni prima avesse minacciato di dimettersi se fosse passato l'accordo tra M5S e Partito Democratico[43], di cui è stato tra gli scettici all'interno del M5S.[44]

Il 18 dicembre 2019 vota contro la legge di bilancio 2020, definendola "conforme alla logica della gabbia di bilancio imposta da Bruxelles", venendo pertanto deferito ai probiviri per violazione dello Statuto del Movimento 5 Stelle[45][46]. Successivamente, oltre ad essere a rischio espulsione, diversi esponenti e parlamentari del M5S chiedono le sue dimissioni, in particolare Luigi Gallo e il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede; dal canto suo Paragone ha dichiarato che in caso di espulsione non esiterà a fare ricorso.[47]

Espulsione dal Movimento 5 Stelle[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º gennaio 2020, dopo mesi di attacchi duri alla dirigenza del Movimento 5 Stelle e in particolare alla leadership di Di Maio, viene ufficialmente espulso dal partito, in seguito alla decisione del collegio dei probiviri, organo del M5S che ha il compito di controllare e sanzionare chi viola le regole interne del partito, avendo votato contro la legge di bilancio 2020 decisa dalla maggioranza che include il M5S.[48][49]

Dopo la sua espulsione, continua la sua attività politica da indipendente, con l'obiettivo dichiarato di costringere Luigi Di Maio a riammetterlo all'interno del M5S con tanto di scuse[50], lasciandosi però anche aperta la possibilità di fondare un proprio movimento insieme agli ex attivisti dei meetup di Beppe Grillo.[51]

Italexit[modifica | modifica wikitesto]

A giugno 2020 annuncia l'intenzione di fondare un nuovo partito, di estrema destra,[52][53][54][55] "per portare l'Italia fuori dall'Ue e dall'euro".[56] Il successivo 23 luglio annuncia, durante una conferenza stampa alla Camera dei deputati, la creazione del partito "No Europa per l'Italia - ItalExit con Paragone", che si rifà al Brexit Party di Nigel Farage e vuole parlare ai "delusi dal populismo"[57][58]. In seguito aderiscono anche gli ex-M5S Mario Giarrusso, Carlo Martelli e Monica Lozzi (presidente del VII Municipio di Roma)[57], portando a tre i seggi occupati in Parlamento.[59][60] Il partito, da come si può apprendere dal suo manifesto,[61] ha come ideologie principali l'euroscetticismo, il sovranismo, ed in ambito commerciale ed economico è vicino al mercantilismo, ma anche all'economia post-keynesiana con l'appoggio alla teoria della moneta moderna[62], e sostiene una forte difesa del made in Italy. Anche se con posizioni ideologiche spesso associate alla destra e talvolta all'estrema destra, afferma di avere un collocamento trasversale.[63][64][65]

Durante la pandemia di COVID-19 ha espresso posizioni contrarie al certificato COVID digitale dell'UE e all'obbligatorietà dei vaccini anti COVID-19[66][67], oltre ad osteggiare le misure messe in campo dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il suo Ministro della Salute Roberto Speranza per contenere i contagi.[68][69][70]

Nel 2021 Vox Italia, partito guidato da Giuseppe Sottile e fondato da Diego Fusaro, entra in Italexit.[71][72]

Candidatura a sindaco di Milano[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Elezioni amministrative in Italia del 2021 § Milano.

Il 20 maggio 2021 annuncia la sua candidatura a sindaco di Milano per le prossime elezioni amministrative[73], venendo sostenuto dalle liste "Milano Paragone Sindaco" (a sua volta appartata con Italexit) e Grande Nord[74], che alla tornata elettorale raccoglie il 2,99% dei voti[75], non accedendo al ballottaggio e senza neanche essere eletto consigliere comunale per poche decine di voti[76].

Il 14 settembre 2021, grazie a un accordo federativo con il Partito Valore Umano (PVU), nasce nel gruppo misto del senato la componente "Italexit-PVU", che dal 12 novembre 2021 assume la denominazione "Italexit per l'Italia-Partito Valore Umano".

Il 17 febbraio 2022 il senatore William De Vecchis abbandona la Lega di Salvini e comunica l'adesione ad Italexit.[77][78] Il successivo 12 maggio aderisce anche la deputata ex-M5S Jessica Costanzo: ottenendo così una rappresentante del partito anche alla Camera dei deputati.[79]

Elezioni politiche del 2022[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Elezioni politiche in Italia del 2022.

Il 31 luglio 2022, in vista delle elezioni politiche anticipate, Paragone annuncia un'intesa con il gruppo parlamentare Alternativa di Pino Cabras per una lista unica[80]. Tuttavia, il 5 agosto 2022, Alternativa scioglie l'accordo, lamentando la «presenza – anche in ruoli di capolista – di candidati organici a formazioni di ispirazione neofascista»[81], tra cui alcuni di CasaPound Italia.[82]

Il 3 agosto 2022 Paragone, in una conferenza stampa, avvia la campagna elettorale di Italexit, intendendo presentarsi alle politiche del 25 settembre con un programma radicale con diverse proposte, come l'uscita dell'Italia dall'UE e dalla NATO, che avallano anche diverse teorie complottiste, dato dai sondaggi in crescita[68][75]. Contemporaneamente inizia a raccogliere le firme necessarie per inserire i suoi candidati nelle liste elettorali entro il 22 agosto (termine ultimo per presentare le liste).[75]

Il risultato è del 2% circa a livello nazionale, non superando lo sbarramento del 3% e rimanendo quindi fuori dal Parlamento.

Conduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

  • Benvenuti nella giungla (Radio 105, 2014-2017)

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Borgonovo, L'invasione. Come gli stranieri ci stanno conquistando e noi ci arrendiamo, con commenti di Gianluigi Paragone, Aliberti, 2009.
  • GangBank. Il perverso intreccio tra politica e finanza che ci frega il portafoglio e la vita, Piemme, 2017, ISBN 8856659794
  • Noi no! Viaggio nell'Italia ribelle, Piemme, 2018, ISBN 8856659808
  • La vita a rate. Il grande inganno della modernità: soldi in prestito in cambio dei diritti., Piemme, 2019, ISBN 9788856673449

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CV di Gianluigi Paragone (PDF), su paragonesindaco.it. URL consultato il 26 luglio 2022.
  2. ^ Bossi contro Maroni: “È un traditore” La replica: “Parole così ci danneggiano”, su lastampa.it.
  3. ^ Sul Lago arriva la "Gang Bank" di Gianluigi Paragone - VareseNews, in VareseNews, 26 aprile 2017. URL consultato il 3 novembre 2017.
  4. ^ TICKETONE http://www.ticketone.it, Gianluigi Paragone, su Gianluigi Paragone - Biglietti. URL consultato il 3 novembre 2017.
  5. ^ Intervista a Gianluigi Paragone, vice direttore di "Libero"[collegamento interrotto]. URL consultato il 3 novembre 2017.
  6. ^ Stracquadanio a Paragone "Smettila di santoreggiare". URL consultato il 3 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2017).
  7. ^ MALPENSA, ITALIA: GIANLUIGI PARAGONE PRONTO AL DECOLLO, su DavideMaggio.it. URL consultato il 31 gennaio 2022.
  8. ^ La trasmissione Malpensa Italia, condotta da Gianluigi Paragone e che va in onda il venerdì sera su Rai 2, non decolla. Lo share, cioè la percentuale di coloro che la vedono, rispetto al totale dei telespettatori che sono in ascolto in quel momento, è molto basso: 6,6%. (ItaliaOggi)
  9. ^ 'Italia Oggi'- Rivoluzione a Sky Sport: chiude la redazione romana, su striscialanotizia.mediaset.it. URL consultato il 5 aprile 2010.
  10. ^ Tv/ Ascolti record per "Malpensa Italia" di Paragone. Nella puntata presente il direttore di Affari Angelo Perrino, su affaritaliani.it. URL consultato il 5 aprile 2010.
  11. ^ Rai, la carica dei vicedirettori. Consiglieri d'opposizione assenti, su corriere.it. URL consultato il 5 aprile 2010.
  12. ^ Nomine Rai, Gianluigi Paragone vice direttore del primo canale - VareseNews, in VareseNews, 6 agosto 2009. URL consultato il 3 novembre 2017.
  13. ^ Rai: CdA nomina vicedirettori. A Raidue arriva Paragone, su asca.it. URL consultato il 30 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2012).
  14. ^ PARAGONE CONTRO LIOFREDI:SUI PALINSESTI ESTIVI SI INFIAMMA IL CONFRONTO TRA I VERTICI DI RAI2, su davidemaggio.it. URL consultato il 16 aprile 2010.
  15. ^ L'ULTIMA PAROLA: MAI PIU' UN LEGHISTA DA PARAGONE. PAROLA DI UMBERTO BOSSI, su DavideMaggio.it. URL consultato il 31 gennaio 2022.
  16. ^ Giorgio Stracquadanio è morto. Quando in tv litigò con Paragone, che diceva: «La Rai non è vostra», su TvBlog, 1º gennaio 2014. URL consultato il 31 gennaio 2022.
  17. ^ Paragone vs Stracquadanio «la Rai non è vostra. Piantatela!».
  18. ^ GIANLUIGI PARAGONE A DM: MI SONO ROTTO DEL TALK SHOW E DEI POLITICI CHE TIRANO IL GUINZAGLIO. TRA SANTORO E LA POLITICA HA VINTO SANTORO., su DavideMaggio.it. URL consultato il 31 gennaio 2022.
  19. ^ BYE BYE GIOVANNI MINOLI: BOCCIATO IL PROGETTO IN PRIMA SERATA SU RAI2. PERCHE' NON PUNTARE SU PARAGONE?, su DavideMaggio.it. URL consultato il 31 gennaio 2022.
  20. ^ Massimo Galanto, Il Pd vuole Ballarò su Rai 1, Gubitosi non vuole L'ultimaparola in prima serata?, su TvBlog, 20 marzo 2013. URL consultato il 31 gennaio 2022.
  21. ^ Gerardo Greco verso Rai3 con Agorà?, su UrbanPost, 22 gennaio 2013. URL consultato il 31 gennaio 2022.
  22. ^ RAI2, VENERDI L'ULTIMA PAROLA SBARCA IN PRIMA SERATA. SLITTA IL DEBUTTO DI REX, su DavideMaggio.it. URL consultato il 31 gennaio 2022.
  23. ^ LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (25/02-3/03/2013). PROMOSSI VIANELLO E PARAGONE, BOCCIATI 90210 E LE VARIAZIONI DI CANALE 5, su DavideMaggio.it. URL consultato il 31 gennaio 2022.
  24. ^ Gianluigi Paragone a La7?.
  25. ^ Massimo Galanto, L'ultima parola cancellato dalla Rai. L'ultima parola confermato dalla Rai. Paragone: "Non so nulla", su TvBlog, 22 giugno 2013. URL consultato il 31 gennaio 2022.
  26. ^ L'ULTIMA PAROLA CANCELLATA? RAI2 SMENTISCE, su DavideMaggio.it. URL consultato il 31 gennaio 2022.
  27. ^ Rai 2 pensa a dietrofront, "L'ultima parola" di Paragone torna sul palinsesto tv, su Il Fatto Quotidiano, 21 giugno 2013. URL consultato il 31 gennaio 2022.
  28. ^ PARAGONE PASSA A LA7. E ATTACCA LA RAI: "VOLEVANO DARMI UN PROGRAMMA MUSICALE". (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2014).
  29. ^ Dalle 17 diretta su Twitter della presentazione palinsesti Rai Autunno 2013 - Digital-News, in Digital News, 24 giugno 2013. URL consultato il 5 settembre 2018.
  30. ^ GIANLUIGI PARAGONE A DM: RAI INCAPACE DI METABOLIZZARE VENATURE DI ANTIPOLITICA. IL MIO RACCONTO CONTRO LE BANCHE FA PIU' PAURA DELL'ATTACCO AL PALAZZO. A LA7 PAGATO IN BASE AGLI ASCOLTI, su DavideMaggio.it. URL consultato il 5 settembre 2018.
  31. ^ Comunicato Cairo Communication (PDF), su cairocommunication.it. URL consultato il 16 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  32. ^ La telefonata di Paragone a Berlusconi, su Il Post, 31 ottobre 2013. URL consultato il 12 agosto 2022.
  33. ^ Paragone (con La Gabbia Open) umiliato anche da Don Camillo, su affaritaliani.it.
  34. ^ La7 chiude la Gabbia: ultima puntata della trasmissione di Paragone - Il Fatto Quotidiano, in Il Fatto Quotidiano, 28 giugno 2017. URL consultato il 5 settembre 2018.
  35. ^ Luigi Di Maio è il nuovo leader del M5S, su Il Post, 23 settembre 2017. URL consultato il 12 agosto 2022.
  36. ^ Paragone: "Mi candido con il Movimento cinque stelle", in VareseNews, 4 gennaio 2018. URL consultato il 5 settembre 2018.
  37. ^ Chi sono i primi nuovi candidati Cinquestelle alle politiche, su Agi. URL consultato il 15 maggio 2022.
  38. ^ Gianluigi Paragone eletto al Senato, su termometropolitico.it.
  39. ^ I risultati delle elezioni europee in Italia, su Il Post, 27 maggio 2019. URL consultato il 12 agosto 2022.
  40. ^ Gianluigi Paragone dice che Di Maio fa troppe cose insieme, su Il Post, 29 maggio 2019. URL consultato il 12 agosto 2022.
  41. ^ La resa dei conti nel Movimento 5 Stelle è già finita?, su Il Post, 30 maggio 2019. URL consultato il 12 agosto 2022.
  42. ^ Fiducia al governo Conte bis, il renziano Richetti e il grillino Paragone si astengono, in La Stampa, 10 settembre 2019. URL consultato il 19 settembre 2019.
  43. ^ Crisi di governo, Paragone: «Se passa l’accordo col Pd torno a fare il giornalista», in Open, 24 agosto 2019. URL consultato il 19 settembre 2019.
  44. ^ Chi sono i pentastellati ai quali l'accordo col Pd non piace, su Agi. URL consultato il 15 maggio 2022.
  45. ^ Manovra, Paragone (M5s) annuncia il voto negativo in dissenso dal gruppo: "Io non eletto per tenere italiani in gabbie di Bruxelles", su Il Fatto Quotidiano, 16 dicembre 2019. URL consultato il 1º gennaio 2020.
  46. ^ M5s, Paragone deferito ai probiviri per il no alla fiducia. Assente all'assemblea con Grillo: il senatore a cena con attivisti e Di Battista, su Il Fatto Quotidiano, 18 dicembre 2019. URL consultato il 1º gennaio 2020.
  47. ^ Paragone rischia l’espulsione dal M5S: ecco perché, su Money.it, 18 dicembre 2019. URL consultato il 15 agosto 2022.
  48. ^ Paragone espulso dal Movimento 5 Stelle: "Ha anche votato contro la legge di bilancio", su Repubblica.it, 1º gennaio 2020. URL consultato il 1º gennaio 2020.
  49. ^ Il senatore del Movimento 5 Stelle Gianluigi Paragone è stato espulso dal partito, su Il Post, 2 gennaio 2020. URL consultato il 15 maggio 2022.
  50. ^ Paragone: "Io da qui non mi muovo", su AGI, 3 gennaio 2020. URL consultato il 16 gennaio 2020.
  51. ^ Regionali, Paragone sfotte Di Maio col ciuccio in bocca: "E io mi tolgo la cravatta...", su Blitz Quotidiano, 27 gennaio 2020. URL consultato il 27 gennaio 2020.
  52. ^ Italexit, dimissioni in blocco a Pistoia: "Deriva verso l'estrema destra"e, in La Nazione - Pistoia, 15 settembre 2022.
  53. ^ Così l’estrema destra si è presa Italexit e ora punta a entrare in Parlamento con i voti di Paragone, Fanpage, 20 settembre 2022.
  54. ^ Paolo Berizzi, L’ascesa del tandem Italexit-CasaPound ai danni di FdI, in La Repubblica, 21 settembre 2022.
  55. ^ Come Italexit è diventata il nuovo parco giochi dell’estrema destra italiana, in Rolling Stones, 24 settembre 2022.
  56. ^ .Gabriele Laganà, Spunta il partito Italexit "Così usciamo dall'Euro", in Il Giornale, 29 giugno 2020.
  57. ^ a b Gianluigi Paragone ha fondato un nuovo partito, "No Europa per l’Italia – Italexit con Paragone", su Il Post, 23 luglio 2020. URL consultato il 15 maggio 2022.
  58. ^ Condé Nast, Tutto su Italexit, il partito che vuole portare l'Italia fuori dall'euro, su Wired Italia, 24 luglio 2020. URL consultato il 12 agosto 2022.
  59. ^ Crisi di governo, Paragone (Italexit): “tutti mi schifano, sono l’unico del Gruppo misto che non è stato chiamato”, su strettoweb.com, 28 gennaio 2021. URL consultato il 4 aprile 2021.
    «Italexit è composta da me (Gianluigi Paragone, ndr), Mario Giarrusso e Carlo Martelli»
  60. ^ Fiducia al governo, cosa succede oggi. Draghi punta al record di consensi in Senato. Scendono i no grillini, in La Repubblica, 17 febbraio 2021.
    «Gianluigi Paragone, Michele Giarrusso e Carlo Martelli. Usciti, cacciati, espulsi dal M5S, hanno trovato riparo in Ital exit, un partito molto antieuropeista.»
  61. ^ Il Manifesto, su Italexit.it. URL consultato il 31 gennaio 2022.
  62. ^ Tutto su Italexit, il partito che vuole portare l'Italia fuori dall'euro, in Wired, 24 luglio 2020.
  63. ^ Roma, Lozzi lascia il M5s: i fedelissimi di Raggi all'attacco: «Va a destra, si dimetta», in Il Messaggero, 23 luglio 2020.
  64. ^ Giuseppe Vatinno, Paragone scavalca a destra Salvini e Meloni, in La Notizia, 18 giugno 2020.
  65. ^ Alessandro Rovellini, Il complo-candidato col tricolore nel profilo, in Milano Today, 3 giugno 2021.
  66. ^ Covid, Gianluigi Paragone non ci sta: l'ennesima stretta che serve a coprire gli errori del passato, in Il Tempo, 15 novembre 2021.
  67. ^ P. Salvatori, Paragone: "Io, il green pass in Senato non lo esibirò. Andrò a San Luigi dei Francesi...", in L'Huffington post, 14 ottobre 2021.
  68. ^ a b Gianluigi Paragone e il "fenomeno" Italexit: il suo partito ora vale il 4,5%. Dalle posizioni no euro a quelle no vax fino alla guerra in Ucraina, in Il Fatto Quotidiano, 27 maggio 2022.
  69. ^ mrtrepetto, Paragone: "Green pass illegittimo, limita mandato parlamentare", Adnkronos, 4 novembre 2021. URL consultato il 23 dicembre 2021.
  70. ^ Covid, Gianluigi Paragone: "Non mi vaccino, sono un free vax. Lo Stato teme di imporre l'obbligo", in La Repubblica, 23 luglio 2021.
  71. ^ Giuseppe Sottile nel direttivo nazionale di Italexit, 22 giugno 2021. URL consultato il 22 agosto 2022.
  72. ^ Vox si spacca e un pezzo va con Paragone: Italexit si rinforza, su Affaritaliani.it. URL consultato il 25 agosto 2022.
  73. ^ Milano: Gianluigi Paragone si candida a sindaco, su ANSA, 20 maggio 2021. URL consultato il 21 maggio 2021 (archiviato il 20 maggio 2021).
  74. ^ Elezioni Milano 2021, i candidati della lista Milano Paragone Sindaco, 7 settembre 2021. URL consultato il 10 settembre 2021.
  75. ^ a b c Sentiremo parlare di Italexit?, Il Post, 6 agosto 2022. URL consultato il 12 agosto 2022.
  76. ^ Paragone fuori dal consiglio comunale per 48 voti, lui non ci sta: "Ce l'hanno fregato", MilanoToday, 5 ottobre 2021.
  77. ^ IL SENATORE DE VECCHIS PASSA DALLA LEGA A ITALEXIT CON PARAGONE, su Il Paragone, 17 febbraio 2022. URL consultato il 15 maggio 2022.
  78. ^ Il Senatore William De Vecchis passa dalla Lega a Italexit, su Fregeneonline.com, 17 febbraio 2022. URL consultato il 15 maggio 2022.
  79. ^ Camera: Costanzo (Misto) passa a Italexit, Paragone: benvenuta "Combatteremo insieme nuove battaglie di libertà", su conquistedellavoro.it, 12 maggio 2022. URL consultato il 20 luglio 2022.
  80. ^ Stefano Puzzer candidato alle Politiche con Italexit, gioia incontenibile di Paragone (VIDEO), su triestecafe.it, 31 luglio 2022. URL consultato il 31 luglio 2022.
  81. ^ Elezioni: Alternativa, sciolto accordo con Italexit, in ANSA, 5 agosto 2022. URL consultato il 5 agosto 2022 (archiviato il 5 agosto 2022).
  82. ^ Paragone presenta le liste di Italexit. "Legami con CasaPound? Con noi anche i marxisti", su genova24.it. URL consultato il 14 settembre 2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Direttore de la Padania Successore
Giuseppe Leoni 2005-2006 Leonardo Boriani
Predecessore Direttore di Libero Successore
Vittorio Feltri 1º agosto 2009 - 13 agosto 2009 (ad interim) Maurizio Belpietro
Controllo di autoritàVIAF (EN91171667 · ISNI (EN0000 0000 6548 9258 · LCCN (ENno2009111114 · WorldCat Identities (ENlccn-no2009111114