Impresa di Pola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Impresa di Pola
Austro-Hungarian Dreadnoughts At Pula.jpg
Corazzate austriache all'ancora nella rada di Pola, 1918 circa.
Data1º novembre 1918
LuogoAcque antistanti il porto di Pola, mare Adriatico
EsitoVittoria italiana
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
1 MignattaDifese del porto
Perdite
Nessuna1 Corazzata Circa 300 - 400[1] tra marinai morti e dispersi
Voci di operazioni militari presenti su Wikipedia

L'Impresa di Pola fu un'azione navale compiuta il 1º novembre 1918 da due ufficiali della Regia Marina italiana ai danni della flotta austriaca in fase di dissoluzione ancorata nel golfo di Pola, in Istria. L'azione portò all'affondamento della corazzata Viribus Unitis.[2]

Premesse e preparativi[modifica | modifica wikitesto]

Fin dall'inizio della prima guerra mondiale, la munitissima base austriaca di Pola era uno dei principali obiettivi della Marina italiana, a maggior ragione quando divenne chiaro che la scelta tattica della marina austro-ungarica era quella di opporre al nemico una flotta di dissuasione, perennemente alla fonda nel porto e non impegnata in battaglie in mare aperto. Diverse volte nel corso del conflitto si era tentato quindi, ma invano, di forzare il porto e affondare qualche unità là dove le navi erano ritenute dagli austriaci maggiormente al sicuro.

La difficoltà di una tale impresa derivava innanzitutto dalla costante sorveglianza del porto e dai vari sbarramenti che impedivano l'avvicinamento di unità avversarie. L'unico modo per penetrare nel porto di Pola era per mezzo di piccole unità d'assalto, e fu così che nel luglio del 1918 l'ingegnere e maggiore del Genio Navale Raffaele Rossetti elaborò un piano apposito, basato sull'utilizzo di un particolare mezzo da lui progettato e chiamato "mignatta". La mignatta era un apparecchio pilotato motorizzato e dotato di due ordigni sganciabili da fissare alla chiglia di una nave per mezzo di un elettromagnete ad accumulatori, ed un prototipo era già stato fabbricato in gran segreto nell'arsenale della Spezia nell'aprile dello stesso anno.

La Viribus Unitis, costruita nel 1912 a Trieste, era il fiore all'occhiello della Marina Austriaca

Fu lo stesso Rossetti a voler essere impiegato nell'azione di Pola, e venne affiancato dal tenente medico e provetto nuotatore Raffaele Paolucci, che aveva già da tempo fatto domanda di poter partecipare ad una simile operazione. L'impresa fu preceduta da un lungo e faticoso allenamento, ma vedendo sopraggiungere la fine del conflitto i preparativi furono accelerati e la data dell'azione fu prevista per il 31 ottobre.

Nel frattempo, essendo ormai evidente che l'Austria-Ungheria aveva perso la guerra, l'imperatore Carlo I aveva deciso di cedere la corazzata Viribus Unitis - la nave ammiraglia della flotta imperiale - assieme al resto della flotta al Consiglio Nazionale degli Sloveni, dei Croati e dei Serbi ritenendo che quest'ultimo aderisse a nome del neoproclamato Stato degli Sloveni, dei Croati e dei Serbi - peraltro non riconosciuto dal Regno di Serbia - ad una nuova federazione di stati che continuavano a dipendere dall'Austria-Ungheria, caldeggiata dall'imperatore stesso[3]. Il 31 ottobre 1918 l'ammiraglio Horthy, comandante in capo della Marina austriaca, fu quindi incaricato di consegnare ai rappresentanti del Consiglio nazionale la flotta da guerra ancorata a Pola. All'interno dell'ordine inviato a nome di Carlo I al comando della flotta, a quelli delle piazze marittime di Pola e di Cattaro e ai comandi militari marittimi di Trieste, Fiume e Sebenico, si lasciava la libertà ai marinai che non fossero di nazionalità slava meridionale di far ritorno in famiglia a seguito di presentazione di espressa domanda, con contemporanea concessione di una licenza illimitata.[4]

Nel tardo pomeriggio del 31 ottobre ebbe quindi luogo una breve cerimonia con la quale le navi austriache vennero formalmente cedute ai quattro delegati di Pola del Consiglio Nazionale degli Sloveni, dei Croati e dei Serbi[5]. La bandiera imperiale - contrariamente alle istruzioni impartite in nome dell'imperatore, che rilevavano come "in base alle norme internazionali non può farsi un immediato mutamento di bandiera"[6] - venne ammainata e sostituita dal tricolore rosso-bianco-blu. Lo stesso pomeriggio il capitano di vascello Janko Vuković de Podkapelski, designato il giorno prima da parte del Consiglio Nazionale degli Slavi del sud, prese il comando provvisorio della flotta. La Viribus Unitis diventò la nave ammiraglia della nuova marina della entità degli Slavi del sud.[7]. Lo stesso 31 ottobre a Zagabria venne nominato comandante in capo della marina da guerra jugoslava il contrammiraglio Dragutin Prica[8]

L'azione[modifica | modifica wikitesto]

Tali avvenimenti non erano tuttavia noti ai marinai italiani, che la sera del 31 ottobre avevano già lasciato Venezia a bordo di due motoscafi armati siluranti (MAS) scortati da due torpediniere, né tantomeno erano stati ratificati dall'Italia; inoltre la sorveglianza militare del porto proseguiva con le stesse procedure mantenute durante la guerra. Giunte nelle acque istriane a poche miglia dall'imbocco del porto di Pola, le torpediniere si ritirarono e un MAS rimorchiò la mignatta fino ad alcune centinaia di metri dalla diga foranea del porto. Alle ore 22.18 i due ufficiali italiani puntarono verso il porto di Pola a bordo della mignatta, mentre il MAS si allontanò verso il punto dove avrebbe dovuto raccoglierli dopo l'azione.

Raffaele Rossetti, medaglia d'oro al valor militare per l'affondamento della Viribus Unitis

L'avvicinamento all'obiettivo fu complesso e rischioso: Rossetti e Paolucci dovettero trascinare la mignatta a motore spento oltre le ostruzioni (sbarramento esterno e tre ordini di reti) ed eludere l'intensa vigilanza austriaca. Passati inosservati alle sentinelle sulla diga, alle imbarcazioni di ronda e a un sommergibile nella rada, i due guastatori giunsero verso le 3.00 in prossimità delle navi ancorate. Solamente alle ore 4.45 del 1º novembre 1918, dopo più di sei ore in acqua, i due ardimentosi ufficiali riuscirono infine a posizionarsi a poche decine di metri dallo scafo della Viribus Unitis. Rossetti si staccò dalla mignatta e si avvicinò alla chiglia della corazzata con uno dei due ordigni, mentre il compagno rimase ad attenderlo al timone del mezzo che risultava poco governabile a causa della corrente. Alle 5.30 l'esplosivo da 200 kg fu finalmente assicurato alla carena dell'obiettivo e programmato per le ore 6.30, ma quando Rossetti ritornò da Paolucci i due vennero illuminati dalla luce di un proiettore e subito scoperti. Prima della cattura, Paolucci riuscì tuttavia ad attivare la seconda carica di esplosivo, mentre Rossetti affondò la mignatta, che ingovernata andò ad arenarsi nei pressi del piroscafo Wien, ormeggiato a poca distanza.

I due furono catturati e portati a bordo della Viribus Unitis, come prigionieri, dove appresero che nella notte l'alto comando austriaco aveva ceduto la flotta di Pola agli iugoslavi e che la nave non batteva più bandiera austriaca. Solo alle 6.00 avvertirono il capitano Vuković che la corazzata poteva esplodere da un momento all'altro, e prontamente questi ordinò a tutti di abbandonare immediatamente la nave e di trasferire i prigionieri a bordo della nave gemella Tegetthoff. Ma l'esplosione non avvenne e l'equipaggio fece gradualmente ritorno a bordo, non dando più credito all'avvertimento dei due italiani, finché alle 6.44 la carica brillò davvero e la corazzata austriaca, inclinatasi su un lato, cominciò rapidamente ad affondare. L'azione si concluse così con oltre 300 tra vittime e dispersi, tra cui il comandante Vuković, che fu colpito mortalmente dalla caduta di un albero di legno mentre, nuotando tra i flutti, cercava di porsi in salvo.

L'armistizio di Villa Giusti, con cui l'Austria-Ungheria si arrese all'Italia, fu firmato due giorni dopo, il 3 novembre 1918, con la clausola in forza della quale sarebbe diventato operativo dal 4 novembre. Il 5 novembre la Regia Marina occupò il porto di Pola e, grazie allo sbarco italiano, Rossetti e Paolucci - che erano ancora detenuti a bordo di una ex nave austriaca - furono liberati. Per la riuscita dell'impresa - così come prevedeva la normativa dell'epoca relativa alle prede di guerra - ottennero un premio di 1.300.000 lire da dividersi in parti uguali. Tempo dopo - venuti a sapere delle precarie condizioni economiche della famiglia del comandante Vuković, ne devolsero una parte alla vedova. Rossetti e Paolucci vennero insigniti della medaglia d'oro al valor militare. La motivazione della decorazione per Rossetti fu la seguente:

« Genialmente ideava un mirabile ordigno di guerra marittima, con amorosa tenacia ne curava personalmente la costruzione. Volle a sé riservato l'altissimo onore di impiegarlo e, con l'audacia dei forti, con un solo compagno penetrò di notte nel munito porto di Pola. Con mirabile freddezza attese il momento propizio e verso l'alba affondò la nave ammiraglia della flotta Austro-Ungarica.
Pola, 1º novembre 1918
 »

Il relitto[modifica | modifica wikitesto]

Due ancore della Viribus Unitis sono esposte rispettivamente all'ingresso del Museo storico navale di Venezia e del Ministero della Marina Militare Italiana a Roma. Il relitto fu fatto a pezzi con esplosivi e parzialmente ripescato negli anni successivi ma ancora ne rimangono parti sul fondo che non vengono recuperate per non bloccare il porto durante i conseguenti lavori[9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ B. Dobrić, "Viribus Unitis", Istrapedia (http://www.istrapedia.hr/hrv/1281/viribus-unitis/istra-a-z/)
  2. ^ Assault on the Viribus Unitis (in inglese)
  3. ^ Hans Sokol, La guerra marittima dell'Austria-Ungheria 1914-1918, Vol IV, Libreria Editrice Goriziana 2007, p. 322.
  4. ^ Hans Sokol ,op. cit., p. 324.
  5. ^ Nel documento il Consiglio venne denominato "dei Serbo-croato-sloveni". Hans Sokol, op. cit., p. 327.
  6. ^ Si veda l'ordine completo in Hans Sokol, op. cit., p. 324.
  7. ^ Austrian or Austro-Hungarian Navy, World War 1
  8. ^ Hans Sokol, op. cit., p. 326.
  9. ^ http://croatian-treasure.com/viribus.html The Sinking of Viribus Unitis accesso 5 febbraio 2012

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Favre, La Marina nella Grande Guerra, 2008ª ed., Udine, Gaspari, ISBN 978-88-7541-135-0.
  • Paul G. Halpern, La Grande Guerra nel Mediterraneo. Volume I 1914-1916, Gorizia, LEG, 2009. ISBN 978-88-6102-061-0
  • Paul G. Halpern, La Grande Guerra nel Mediterraneo. Volume II 1917-1918, Gorizia, LEG, 2010. ISBN 978-88-6102-091-7
  • The Fate of the Viribus Unitis by Raffaele Paolucci. In "The Fortnightly Review" (New York), Vol. 105, 1919, 977-988.
  • The Sinking of the Viribus Unitis by Raffaele Rossetti. In "Great Moments of Adventure". edited by Evan J. David. Duffield and Co., 1930.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]