Insurrezione di aprile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Coordinate: 45°38′10″N 13°48′15″E / 45.636111°N 13.804167°E45.636111; 13.804167
Insurrezione di aprile
parte della seconda guerra mondiale
Data30 aprile 1945
LuogoTrieste, Italia
EsitoLiberazione di Trieste
Schieramenti
Comandanti
Germania Fredrich Rainer
Repubblica Sociale Italiana Giovanni V. Esposito
Repubblica Sociale Italiana Libero Sauro
Italia Ercole Miani
Yugoslav Partisans flag 1945.svg Franc Ṡtoka
Effettivi
15 000 Waffen-SS tedesche
5 000 guardie repubblicane
20 000 soldati regolari jugoslavi
10 000 partigiani italiani
Perdite
10 000 militari tedeschi
4 000 militari repubblichini
1 000 civili italiani
8 500 militari jugoslavi
1 000 partigiani italiani
Voci di rivolte presenti su Wikipedia

L'insurrezione di aprile o insurrezione di Trieste fu una rivolta popolare avvenuta nella città di Trieste alla fine della campagna d'Italia durante la seconda guerra mondiale

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu organizzata e voluta dal CLN, alla quale presero parte il Corpo Volontari della libertà (CVL) e partigiani iugoslavi per la liberazione della città dalle poche forze tedesche presenti ancora sul territorio, nell'ambito dell'occupazione titina della Venezia Giulia. Non riuscirono ad occupare il porto, preceduti dallo sbarco di soldati neozelandesi. L'amministrazione jugoslava durò 40 giorni, fino al raggiungimento di un accordo tra Tito e le truppe alleate (12 giugno) per l'evacuazione da Trieste degli iugoslavi e il passaggio dei poteri all'amministrazione anglo-americana.

Schieramento jugoslavo[modifica | modifica wikitesto]

  • IX Corpo dell'Armata popolare di liberazione della Iugoslavia (NOVJ)
    • 30ª Divisione NOVJ
      • 17ª Brigata slovena di liberazione nazionale «Simon Gregorčič»
      • 18ª Brigata slovena di liberazione nazionale d'assalto «Bazoviška»
      • 19ª Brigata slovena di liberazione nazionale d'assalto «Srečko Kosovel»
    • 31ª Divisione NOVJ
      • 7ª Brigata slovena di liberazione nazionale d'assalto «France Prešeren»
      • 16ª Brigata slovena di liberazione nazionale «Janko Premrl-Vojko»
      • Brigata Tolminska

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Forze armate del regno di jugoslavia comandate da Josip Broz soprannominato "Tito", rappresentante con ampi poteri politici e militari il re di Jugoslavia in esilio in Inghilterra, soluzione questa voluta dagli alleati anglo-americani americani che progettavano lo sbarco in Normandia. Strategia e tattica prevedevano anche la lotta partigiana delle popolazioni dei territori occupate dalla Germania nazista guidata da Hitler.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]