Trieste United States Troops

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Trieste United States Troops
Trieste United States Troops shoulder patch.jpg
Insegna da spalla del TrUST: stemma di Trieste sovrapposto all'insegna blu della 88th Infantry division sotto un cartiglio con le lettere "TRUST".
Descrizione generale
Attivo1947 - 1954
NazioneStati Uniti Stati Uniti
ServizioUnited States Army
Tipocomando di fanteria
Ruolomantenimento dell'ordine nel Territorio Libero di Trieste (zona A)
Dimensione5000
Guarnigione/QGCastello di Miramare
SoprannomeTrUST
Parte di
Reparti dipendenti
  • 88th Reconnaissance Company
  • 12th Field Artillery Battery (dal 1953)
  • 517th Combat Engineer Company
  • 281st Military Police Service Company
  • 7106th Engineer Service Company
  • 23rd Ordnance Maintenance Company
  • 508th Signal Company
  • 23rd Quartermaster Company
  • 9th Transportation Truck Company
  • 7th Station Hospital
  • 537th Medical Service Company
  • 98th Army Band
  • 17th Counterintelligence Corps Detachment
  • 7101st General Depot Headquarters Company (fino al 1953)
  • 7100 Headquarters, Allied Military Government Detachment
Comandanti
Degni di notaMaggior Generale Bryant E. Moore
Maggior Generale William M. Hoge
Maggior Generale Edmund Sebree
Maggior Generale William B. Bradford
Maggior Generale Bernice M. McFayden
Maggior Generale John A. Dabney
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il comando dell'esercito statunitense Trieste United States Troops (TrUST) fu creato il 1º maggio 1947 [1] in accordo al protocollo del trattato di pace italiano che creò il Territorio Libero di Trieste.[2]

Secondo il protocollo, quando il trattato di pace divenne effettivo le truppe delle potenze alleate presenti nel territorio (ovvero quelle del Regno Unito, degli Stati Uniti e della Jugoslavia, con 5000 uomini ciascuna) avrebbero costituito il primo governo dello Stato. La British Element Trieste Force (BETFOR) fu l'organizzazione britannica nel territorio.

L'esercito degli Stati Uniti assegnò al Territorio Libero di Trieste le truppe della sua 88th Infantry Division, in precedenza responsabile dell'area italiana segnata dalla Linea Morgan. Il 351st Infantry Regiment[3][4] dell'88th Division fu l'unità più impiegata sul territorio.[5] Il Maggior Generale Bryant E. Moore, comandante dell'88th Division, fu designato primo comandante del TrUST.

Missione[modifica | modifica wikitesto]

La missione del TrUST era di amministrare il Territorio Libero di Trieste e di supportare le politiche del Governo Militare Alleato fino alla nomina, da parte del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, di un Governatore del Territorio Libero di Trieste[6][7].

Area di responsabilità[modifica | modifica wikitesto]

L'area che sarebbe divenuta il Territorio Libero di Trieste era già stata divisa in due zone come risultato di accordi poco dopo la fine delle ostilità in Europa. Il Regno Unito e gli Stati Uniti amministravano la Zona A, che includeva la città di Trieste, tramite un governo militare. La Jugoslavia amministrava la Zona B, un'area che includeva parte della penisola istriana. I confini tra le due zone erano stati stabiliti dalla Linea Morgan.

Dopo la ratifica, la previsione del trattato di pace di stabilire il Territorio Libero di Trieste fu implementata il 15 settembre 1947. Il nuovo confine tra Italia e Jugoslavia si trovava generalmente più a ovest della precedente linea Morgan, se non in prossimità della città di Trieste, dove continuava a dividere la zona A dalla zona B del Territorio Libero di Trieste. Gli Stati Uniti e il Regno Unito continuavano ad amministrare la Zona A tramite un governo militare.

Come programmato, il 351st Infantry Regiment e le unità di supporto assunsero le responsabilità del TrUST nella Zona A del Territorio Libero di Trieste. La 88th Infantry Division, avendo completato la sua missione di occupazione in Italia, fu inattivata il 24 ottobre 1947.

Le truppe statunitensi e britanniche equipaggiarono una serie di 16 avamposti di frontiera. Soldati del TrUST equipaggiarono gli avamposti da 1 a 6. le truppe del BETFOR equipaggiarono gli avamposti da 7 a 16. La forza di polizia locale (Venezia Giulia Police Force, o VG police), assisteva le truppe britanniche e statunitensi nell'equipaggiare gli avamposti. La VG police adempiva le responsabilità di applicazione della legge di routine nella Zona A.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Il quartier generale del TrUST fu stabilito al Castello di Miramare. Un Bollettino di Informazione e Educazione delle Truppe dell'Esercito così descrisse il quartier generale:

(EN)

«Headquarters is probably the ritziest in the US Army. It is located in Miramare Castle, that ‘gleaming pearl in an emerald setting’ on the outskirts of Trieste built by Maximilian, younger brother of Emperor Franz Joseph of Austria. The castle is filled with oil paintings, hand-carved woodwork of intricate design, embossed wood carvings and other signs of the lavishness of the old Austrian court. Even hard-bitten ‘old soldiers’ who enter Miramare are found staring open-mouthed at the splendor of the castle, like a small child on his first visit to the zoo.»

(IT)

«Il quartier generale è probabilmente il più lussuoso dell'esercito degli Stati Uniti. Si trova nel Castello di Miramare, quella "scintillante perla in un ambiente di smeraldo", alla periferia di Trieste, costruito da Massimiliano, fratello minore dell'imperatore Francesco Giuseppe d'Austria. Il castello è pieno di dipinti ad olio, di opere in legno intagliato a mano di disegno intricato, di sculture in legno in rilievo e di altri segni della prodigalità della vecchia corte austriaca. Anche rudi veterani che entrano a Miramare si trovano a fissare a bocca aperta lo splendore del castello, come un bambino piccolo nella sua prima visita allo zoo.»

(Troop I&E Bulletin Vol 4 No 9. 27 February 1949)

Il quartier generale del 351st Infantry Regiment era a Opicina. Due dei suoi battaglioni di fanteria erano stanziati nell'area di Opicina sul plateau sopra Trieste. Un battaglione di fanteria era stanziato a Trieste. Le unità esterne al reggimento erano stanziate in una serie di località nel territorio Libero inclusa la città di Trieste, l'area di Opicina e Duino.

In un articolo del marzo 1948, il Saturday Evening Post descrisse il TrUST com'era sei mesi dopo aver assunto la missione nel Territorio Libero di Trieste:

(EN)

«Its hard core consists of the crack 351st Infantry Regiment, most of whose officers and men belonged to the recently deactivated famous 88th Division and carry on the tradition of that famous fighting unit. For its fancy work, TrUST has a tank company, a cannon company and an air observation unit made up of a half dozen tiny L-5s operating from a makeshift metal strip which is the only airport in the territory. There is no air cover but the American airbases in Germany and Austria are only an hour’s run away. There’s no heavy artillery, but some fighting ships of the British and American navies are always in the Trieste harbor and their long-range guns can command the roads into the city.»

(IT)

«Il nocciolo duro è costituito dal formidabile 351st Infantry Regiment, la maggior parte dei cui ufficiali e soldati appartenevano alla nota e recentemente inattivata 88th Division e portano avanti la tradizione di quella famosa unità di combattimento. Per il suo lavoro, il TrUST ha una compagnia di carri armati, una compagnia di cannoni e un'unità di osservazione aerea composta da una mezza dozzina di piccoli L-5 che operano da un'improvvisata striscia metallica, che è l'unico aeroporto nel territorio. Non vi è alcuna copertura aerea ma le basi aeree americane in Germania e in Austria, sono a solo un'ora di distanza. Non c'è artiglieria pesante, ma alcune navi da combattimento delle forze navali britanniche e americane sono sempre nel porto di Trieste e le loro armi a lunga gittata possono controllare le strade in città.»

(Trieste, Fuse of World War III?, Saturday Evening Post, 20 March 1948)

Durante i suoi sette anni di esistenza, alcune unità del TrUST furono inattivate, alcune furono ridenominate e altre furono aggiunte al comando. Nel 1952 la principale unità da combattimento del TrUST era il 351st Infantry Regiment che includeva:

  • Il quartier generale e la compagnia comando
  • Una compagnia di carri armati (originariamente la separata 15th Tank company)
  • Una compagnia di mortai pesanti
  • La compagnia di servizio
  • Tre battaglioni di fanteria, ognuno con una compagnia comando, tre compagnie di fucilieri e una compagnia di armi pesanti.

Uno dei colonnelli che comandarono il 351st Infantry Regiment, il Colonnello Earle Wheeler, ebbe una distinta carriera militare. Il Generale Wheeler fu presidente del Joint Chiefs of Staff dal 1964 al 1970 durante la Guerra del Vietnam.

Le unità di supporto esterne al reggimento includevano:

  • 88th Reconnaissance Company
  • 12th Field Artillery Battery (arrivò nel 1953)
  • 517th Combat Engineer Company (inizialmente 60th Combat Engineer company, in seguito ridenominata 7107 Engineer company, infine denominata 517th)[8]
  • 281st Military Police Service Company
  • 7106th Engineer Service Company
  • 23rd Ordnance Maintenance Company
  • 508th Signal Company
  • 23rd Quartermaster Company
  • 9th Transportation Truck Company (inattivata nel 1953, unita alla 23rd Quartermaster Company)
  • 7th Station Hospital
  • 537th Medical Service Company[9]
  • 98th Army Band
  • 17th Counterintelligence Corps Detachment[9]
  • 7101st General Depot Headquarters Company (inattivata nel 1953)[10].
  • 7100 Headquarters, Allied Military Government Detachment[9]

Fin dall'inizio, il TrUST ottenne una reputation di comando estremamente pulito. La cosa iniziò col primo comandante, il Maggior Generale Bryant E. Moore, che fu citato nel necrologio come colui che cambio radicalmente una sciatta forza d'occupazione in un'organizzazione pulitissima.[11] Le uniformi furono alterate per avere un aspetto migliore. Le truppe vestivano foulard blu e rivestimenti laccati per i caschi con decalcomanie dell'insegna del TrUST. I cinturoni intrecciati furono tinti di nero e le fibbie d'ottone lucidate. Alcune baionette e set di utensili da cucina furono cromati.

Il TrUST fu un comando segregato per gran parte dei suoi sette anni, e fu l'ultimo comando principale dell'esercito a essere integrato. Dopo estese discussioni, l'esercito seguì la linea guida del Dipartimento della Difesa e autorizzò l'assegnazione di soldati neri al TrUST nell'aprile 1953.[12]

Il TrUST e il football americano[modifica | modifica wikitesto]

Fu durante l'amministrazione alleata che in Italia e nel Territorio Libero di Trieste si cominciò a praticare il football americano. Dopo i primi incontri pionieristici, a partire dal 1948 le unità militari del TrUST organizzarono un proprio torneo nel TLT. Il campionato TrUST fu organizzato fino al 1954, anno in cui terminò la missione statunitense a Trieste.

Già prima dell'istituzione del TrUST gli 88th Infantry Division Blue Devils avevano giocato diversi campionati in Inghilterra e Germania; con l'istituzione del comando triestino si formarono diverse squadre all'interno del 351st Infantry Regiment, delle quali sono note:

  • i Dons (in seguito Golden Bears) della 7101st General Depot Headquarters Company
  • i Tigers del 1st Battalion
  • i Redskins del 2nd Battalion
  • gli Hornets del 3rd Battalion
  • i Rams.

I Golden Bears giocano anche incontri internazionali (in Europa e a Tripoli), battendo i Vienna Vikings per 19-0 nel Thanksgiving Game del 1949 e venendo sconfitti nel 1952 dai Munich Hunters per 19-6.[13]

Fine della missione[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 1953, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna annunciarono i loro piani per ritirare le loro forze dal Territorio Libero di Trieste e cedere l'amministrazione della Zona A al governo italiano, ma non annunciarono una data di implementazione di quel piano.[14] Alla fine del 1953, quando divenne evidente che Regno Unito, Stati Uniti, Italia e Jugoslavia avrebbero probabilmente raggiunto un accordo sulla questione del Territorio Libero di Trieste, l'esercito degli Stati Uniti rimpatriò le famiglie dei dipendenti.

Le truppe statunitensi cominciarono a lasciare il Territorio Libero di Trieste all'inizio di ottobre 1954, dopo che il 5 ottobre 1954 i governi di Stati Uniti, Regno Unito, Italia e Jugoslavia firmarono il Memorandum d'Intesa sul Territorio Libero di Trieste che sancì il cambio di amministrazione nel territorio. [15] Un generale italiano incontrò il comandante del TrUST al Castello di Duino per cominciare a pianificare il passaggio di consegne nell'allora Zona A del TLT.[16]

Le ultime truppe britanniche e americane si imbarcarono il 26 ottobre 1954 all'arrivo delle truppe italiane. L'ultimo comandante del TrUST, il Maggior Generale John A. Dabney, andò all'aeroporto di Udine, e da lì in aereo a Livorno per unirsi alle truppe che si erano già assemblate là.[17]

Comandanti[modifica | modifica wikitesto]

  • Maggior Generale Bryant E. Moore, maggio 1947 - giugno 1948
  • Maggior Generale William M. Hoge, giugno 1948 - marzo 1951
  • Maggior Generale Edmund Sebree, marzo 1951 - luglio 1952
  • Maggior Generale William B. Bradford, luglio 1952 - febbraio 1953
  • Maggior Generale Bernice M. McFayden, febbraio 1953 - luglio 1954
  • Maggior Generale John A. Dabney, luglio 1954 - settembre 1954

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ General Order Number 1, Headquarters Trieste United States Troops, dated 1 May 1947.
  2. ^ Annex VII, Instrument for the Provisional Regime of the Free Territory of Trieste) as approved by the United Nations Security Council, 10 January 1947.
  3. ^ http://www.tioh.hqda.pentagon.mil/Heraldry/ArmyDUISSICOA/ArmyHeraldryUnit.aspx?u=4168[collegamento interrotto].
  4. ^ 351st REGIMENT - Lineage and Honors Information - U.S. Army Center of Military History.
  5. ^ “Blue Devil” 88th Division newspaper, 1 March 1947.
  6. ^ Soldier’s Knowledge Sheet, February 1953.
  7. ^ United Nations Treaty Series (a cura di), Treaty of Peace with Italy. Signed at Paris, on 10 February 1947 (PDF), su treaties.un.org, vol. 49.
  8. ^ Oral history, MSgt (ret) John Bowman, 7 November 2011.
  9. ^ a b c Report of Inspection of United States Forces, Trieste. November 1952, Office, Chief of Army Field Forces, Fort Monroe, Virginia, 2 January 1953.
  10. ^ A Picture Story of the United States Forces in the Free Territory of Trieste, David Waddington Publications of Trieste, 1952.
  11. ^ Time magazine, 5 March 1951.
  12. ^ Chapter 15, Integration of the Armed Forces 1945-1965, Center of Military History, United States Army, 1985.
  13. ^ Massimo Foglio, L'Europa lunga un piede, ebook, 2013, ISBN 9788867554997.
  14. ^ New York Times, 10 October 1953.
  15. ^ Memorandum d'Intesa di Londra riguardante il Territorio Libero di Trieste, come pubblicato dalle Nazioni Unite. (PDF), su treaties.un.org.
  16. ^ Blue Devil, 9 October 1954.
  17. ^ New York Herald Tribune, 27 October 1954.