Crisi economica della Grecia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il debito della Grecia in percentuale dal 1999, al confronto con l'Eurozona (Statistiche risalenti al 2011)

La crisi economica della Grecia è parte della crisi del debito sovrano europeo. La crisi inizia ufficialmente nell'autunno del 2009, quando il neo primo ministro George Papandreou rivela pubblicamente che i bilanci economici inviati dai precedenti governi greci all'Unione europea erano stati falsificati con l'obiettivo di garantire l'ingresso della Grecia nella Zona Euro.[1]

Da quel momento, i timori di una crisi del debito sovrano si sono sviluppati tra gli investitori sulla capacità della Grecia nel rispettare gli obblighi di debito, a causa della forte crescita del debito pubblico[2][3][4]. Questo portò ad una crisi di fiducia, indicata da un allargamento dello spread di rendimento delle obbligazioni e il costo di un'assicurazione contro i rischi su credit default swap rispetto agli altri paesi della zona euro, soprattutto la Germania[5][6].

Il declassamento del debito pubblico greco a junk bond nell'aprile 2010 ha creato allarme nei mercati finanziari. Il 2 maggio 2010 i paesi dell'Eurozona e il Fondo Monetario Internazionale hanno approvato un prestito di salvataggio per la Grecia da 110 miliardi di euro, subordinato alla realizzazione di severe misure di austerità. Prestito che in realtà nasconde un parziale e già avvenuto default dello stato greco, non più in grado di vendere agli investitori a condizioni di mercato i propri titoli di debito. Nell'ottobre 2011 i leader dell'Eurozona hanno deciso di offrire un secondo prestito di salvataggio da 130 miliardi di euro per la Grecia, condizionato non solo dall'attuazione di un altro duro pacchetto di austerità ma anche dalla decisione di tutti i creditori privati per una ristrutturazione del debito greco, riducendo il peso del debito previsto da un 198% del PIL nel 2012 a solo 120,5% del PIL entro il 2020.

La seconda operazione di salvataggio, ratificata dalle parti in causa nel febbraio 2012, venne attivata il mese successivo, dopo che l'ultima condizione del piano di ristrutturazione del debito greco fu soddisfatta. Se tutto fosse andato secondo le previsioni, il piano avrebbe dovuto coprire i bisogni della Grecia per il triennio 2012-2014.

Uno spiraglio di speranza si apre verso la fine del 2014, quando la Grecia riesce a registrare, durante il 3º trimestre, una debole crescita dello 0,7%[7]

Ma la situazione politica e sociale intanto è precipitata, le restrizioni hanno portato a conseguenze pesanti sul piano dell'occupazione e della protezione sociale, con una forte crescità della povertà. All'inizio del 2015 le elezioni premiano il raggruppamento di sinistra Siriza, e il leader del raggruppamento conquista la carica di Premier. I tentativi di impostare un diverso rapporto con le istituzioni europee proseguono per alcuni mesi, fino a quando la Grecia si sottrae alla restituzione di un prestito al F.M.I, in scadenza a fine giugno. Da quel momento le trattative per ottenere nuovi aiuti, e una decurtazione del debito, divengono concitate. Ma la BCE smette di erogare credito alla Banca centrale greca. Le conseguenze sono immediate: le banche chiudono gli sportelli, i prelievi vengono contingentati (unici prelievi consentiti tramite bancomat, a parte poche eccezioni). La crisi appare senza sbocchi e Tsipras sceglie di dare la parola ai greci tramite un referendum. La popolazione greca, esasperata, vota contro il piano presentato dai creditori. Ma il mandato espresso a Tsipras è di rimanere dentro l'Euro, o almeno questa è l'interpretazione del Premier. La trattativa con i partner europei sfocia infine in un accordo, per quanto i tempi concessi al governo greco per ottemperare alle risoluzioni prese siano strettissimi.

Cronistoria della crisi[modifica | modifica wikitesto]

Il primo ministro greco George Papandreou e il Presidente della Commissione europea José Manuel Barroso a Bruxelles il 20 giugno 2011

La crisi inizia quando il presidente George Papandreou, a fine 2009, subito dopo le elezioni politiche dichiara che i precedenti governi greci avevano falsificato i dati di bilancio dei conti pubblici per permettere alla Grecia d'entrare nell'euro[8], denunciando così il rischio di bancarotta del Paese.[9]

All'inizio del 2010, in seguito al downgrading da parte delle agenzie di rating internazionali,[10] si sono diffusi timori di una crisi del debito pubblico[11] relativamente ad alcuni Paesi della Zona Euro,[12] ed in particolare: la Grecia, la Spagna, l'Italia, l'Irlanda,[13] il Portogallo e Cipro.[14]

Nei primi giorni di maggio 2010[15] è stato definito un pacchetto di 110 miliardi di euro di aiuti in 3 anni, da parte dei paesi della zona euro, alla Grecia.[16]

La situazione non sembra migliorare nel 2011, in quanto le agenzie di rating Moody's, Standard & Poor's e Fitch tagliano ulteriormente il rating della Grecia portandolo rispettivamente a Caa1 (insolvente), a CCC (debito altamente speculativo) e a CCC (vulnerabile)[17], cosa che costringe il governo ad effettuare nuovi tagli per 6,5 miliardi di euro e nuove privatizzazioni al fine di ottenere nuovi prestiti da parte dell'Unione europea e del Fondo Monetario Internazionale[18]; la crisi ha riverbero anche sulla situazione occupazionale del paese, con un tasso di disoccupazione che a febbraio 2011 raggiunge il 15,9%.[19] Dopo l'approvazione da parte del parlamento greco di un nuovo piano di austerità che imporrà al paese ellenico tagli per ben 28 miliardi di euro entro il 2015, l'Unione europea dà il via libera alle ulteriori tranche di aiuti per tutto il 2011.[20] Il 25 luglio 2011 Moody's taglia il rating greco di altri tre livelli portandolo da Caa1 a Ca, dando per certo il default della nazione.[21] Nel settembre 2011 il governo greco vara un'ulteriore manovra tassando gli immobili allo scopo di recuperare 2,5 miliardi di euro utili a raggiungere un'ulteriore tranche di aiuti pari a 8 miliardi di euro[22]; nel frattempo il vice-cancelliere tedesco Philipp Rösler ha sostenuto la possibilità del default greco per uscire dalla crisi dell'euro.[23] La finanziaria sull'immobile non basta e il giorno 21 dello stesso mese il governo ellenico si vede costretto a formulare una drammatica manovra che prevede un ulteriore taglio alle pensioni, la messa in mobilità di 30.000 dipendenti statali già dal 2011 e il prolungamento della precedente tassa sugli immobili fino al 2014.[24] A questo punto viene istituita la cosiddetta "troika", formata da FMI, BCE ed UE, e grazie al suo verdetto sulla situazione della Grecia riesce a convincere la Germania ad attivare il fondo salva-stati, che garantisce alla Grecia ulteriore ossigeno economico.[25] Il governo Papandreou tenta di sottoporre a referendum il piano di salvataggio ma la minaccia da parte dell'Europa di sospendere gli aiuti economici gli impone il dietrofront, e a quel punto il premier ellenico annuncia le sue dimissioni ed il passaggio ad un governo di unità nazionale guidato da Lucas Papademos,[26] con le elezioni politiche pianificate per aprile 2012.[27] Nel frattempo il paese torna a vivere il fenomeno migratorio del dopoguerra verso altri continenti, in particolare il flusso caratterizza laureati greci che cercano opportunità prevalentemente in Australia, ma anche in Russia, Iran e Cina.[28]

Il primo ministro Lucas Papademos difende il piano di austerità in Parlamento nel novembre del 2011
La versione greca degli Indignados spagnoli, movimento sociale di mobilitazione di protesta pacifica contro il governo greco di fronte alla grave situazione economica in cui versa il Paese.

Ad inizio 2012 l'agenzia Fitch dà per certo il default della Grecia[29] e la Germania, paese maggiormente esposto verso il debito greco, si vede respingere la proposta di trasferire la sovranità nazionale del paese ellenico a Bruxelles.[30]

In febbraio la crisi si accentua ed il default sembra concretizzarsi, in quanto subito non si trovano accordi tra i partiti politici del paese per attuare nuovi tagli alla spesa pubblica che garantirebbero un aiuto economico da parte della Troika di 130 miliardi di euro, necessari per rimborsare i bond in scadenza a marzo per quasi 15 miliardi di euro;[31] in quel periodo si discusse di tagliare altri 15.000 dipendenti pubblici.[32] Il 12 febbraio 2012 il parlamento greco vota un ennesimo piano di austerity per incassare un aiuto di 130 miliardi di euro da parte della Troika; dopo l'approvazione sono subito scattate le proteste del popolo greco in piazza Syntagma, si è arrivati ad una vera e propria guerriglia contro la polizia e si è anche dato fuoco a edifici tra cui banche e negozi.[33]

Nella notte fra il 20 e il 21 febbraio a Bruxelles l'Eurogruppo ha approvato la tranche di aiuti per la Grecia di 130 miliardi,[34] rimandando quindi il default della penisola ellenica di qualche tempo.[35][36]

Atene, Piazza Syntagma, 100.000 persone si sono radunate domenica 29 maggio 2011: è stato il primo giorno di protesta del popolo greco contro il Fondo monetario internazionale.

A marzo si verifica il tanto temuto haircut del debito: i detentori privati di titoli di stato greci si sono visti ristrutturare il debito riducendo il valore nominale di più del 50% e allungando la scadenza[37].

Nel frattempo Standard and Poor's rivede nuovamente in ribasso il rating greco, portandolo alla valutazione "SD", ovvero di default selettivo, l'ultimo passo prima del default vero e proprio.[38]

La situazione si fece ancora più critica in quanto aleggiò l'ipotesi che gli investitori retail non erano propensi alla ristrutturazione del debito;[39] alla fine comunque più dell'80% dei creditori privati hanno aderito,[40] e nell'operazione di bond swap Atene riesce a cancellare quasi del tutto i 107 miliardi di debito in scadenza,[41] ma nonostante ciò Fitch decide di declassare ulteriormente il paese ellenico alla valutazione "RD" (Restricted Default), e secondo il parere di Moody's già si tratta di una situazione di default;[42] solo dopo l'emissione dei nuovi titoli Fitch riporta il rating a "B-" con outlook stabile.[43]

Nel maggio 2012, in piena fase elettorale e con un crescente sentimento antipolitico nel popolo, l'uscita dall'euro della Grecia venne data sempre più probabile e l'agenzia Fitch sostenne che tale evento non sarebbe stato fatale per la moneta unica.[44] I partiti non riuscirono a formare un governo di coalizione, rimandando il tutto a nuove elezioni per giugno[45] e causando nuova sfiducia che portò all'abbassamento del rating da parte dell'agenzia Fitch a CCC (sostanziale rischio di credito)[46] e ad un'enorme fuga di capitali.[47]

Verso fine 2012 per ridurre il proprio debito il ministero del tesoro ellenico effettuò un'operazione di buy-back sul debito stesso, riuscendo a riacquistare titoli di stato per un valore di 45 miliardi al prezzo di soli 15, riducendo così il debito pubblico di 30 miliardi.[48]

Dopo diversi anni di recessione, nel 3º trimestre del 2014 l'economia greca torna a crescere dello 0,7% sul Pil.[49][50]

In seguito alle elezioni del 25 gennaio 2015, Alexis Tsipras, capo del partito SYRIZA, viene eletto nuovo capo del governo con il 36,34% dei voti e 149 seggi. Tsipras, incaricato di negoziare con la BCE, il FMI e la UE il pagamento del debito greco, inizialmente fallisce nell'intento, in quanto le condizioni imposte dai creditori sono definite "umilianti" per il popolo greco e in grado di condurre l'economia del paese ad una "nuova crisi depressiva", perché fondate sui tagli e sull'austerity.[51] Tsipras a fine giugno 2015, con un discorso alla nazione in cui cita Roosevelt,[52] indice un referendum per il 5 luglio 2015. Gli elettori vengono chiamati ad accettare o rifiutare le proposte di ristrutturazione del debito fornite dai creditori,[53] e la vittoria spetta al fronte del "NO" con circa il 62% dei voti. Nonostante il voto al referendum avesse fatto inizialmente pensare a un rifiuto dell'austerità e a un possibile ritorno alla dracma Grecia, nella notte fra il 12 e il 13 luglio 2015, Tsipras e i creditori raggiungono finalmente un accordo, mentre la maggioranza di governo costituita dal partito Syriza, Coalizione della Sinistra Radicale, si spacca[54], tuttavia senza compromettere gli accordi con i creditori.

Rilevanza nel resto d'Europa[modifica | modifica wikitesto]

Il caso greco è considerato, dall'Unione europea, una questione molto importante vista la possibilità che tale situazione si ripercuota negli altri mercati della zona euro.[55] Per tale motivo, al fine di scongiurare il default della stessa, l'UE, assieme al Fondo Monetario Internazionale le ha concesso un prestito per la somma di 45 miliardi di Euro. Tale prestito è stato concesso a seguito di un piano economico approvato dal governo ellenico, volto a ridurre il proprio debito pubblico attraverso tagli significativi della spesa.[56] Parte dell'opinione pubblica è contraria a tale finanziaria e ciò ha portato a numerosi scontri ad Atene tra manifestanti e forze dell'ordine, in occasione della festività del primo maggio 2010.[57] Quindi, senza mezzi termini la troika di creditori (Fmi-Unione Europea-Bce) nel 2012 pose come condizione, per sbloccare il pacchetto di aiuti internazionali, l’attuazione da parte del governo greco di nuove misure strutturali e di austerità[58]. Fra esse spiccava la proposta/pretesa di ridurre del 22 per cento i salari minimi, per dare uno slancio alla competitività dei prodotti greci.[59]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ EuroNews.com - Grecia, le tappe della crisi del debito
  2. ^ (EN) Matthew Higgins, Thomas Klitgaard, Saving Imbalances and the Euro Area Sovereign Debt Crisis in Current Issues in Economics and Finance, vol. 17, nº 5, 2011. URL consultato il 5 aprile 2012.
  3. ^ George Matlock, Peripheral euro zone government bond spreads widen, Reuters, 16 febbraio 2010. URL consultato il 28 aprile 2010.
  4. ^ Acropolis now in The Economist, 29 aprile 2010. URL consultato il 22 giugno 2011.
  5. ^ Greek/German bond yield spread more than 1,000 bps, Financialmirror.com, 28 aprile 2010. URL consultato il 5 maggio 2010.
  6. ^ Gilt yields rise amid UK debt concerns, Financial Times, 18 febbraio 2010. URL consultato il 15 aprile 2011.
  7. ^ http://www.ft.com/cms/s/0/7257bc3e-6bcb-11e4-b1e6-00144feabdc0.html#axzz3J487YB3W
  8. ^ EuroNews.com - Grecia, le tappe della crisi del debito
  9. ^ Grecia sull'orlo della bancarotta in ilsole24ore.com. URL consultato il 1º maggio 2011.
  10. ^ Government debt: Judging the judges in guardian.co.uk, 4 gennaio 2010. URL consultato il 28 aprile 2010.
  11. ^ Stefan Schultz, Five Threats to the Common Currency in spiegel.de, 11 febbraio 2010. URL consultato il 28 aprile 2010.
  12. ^ George Matlock, Peripheral euro zone government bond spreads widen, Reuters, 16 febbraio 2010. URL consultato il 28 aprile 2010.
  13. ^ Bruce Walker, Greek Debt Crisis Worsens in The New American, 9 aprile 2010. URL consultato il 28 aprile 2010.
  14. ^ Brian Blackstone, Tom Lauricella, and Neil Shah, Global Markets Shudder: Doubts About U.S. Economy and a Debt Crunch in Europe Jolt Hopes for a Recovery in The Wall Street Journal, 5 febbraio 2010. URL consultato il 6 febbraio 2010.
  15. ^ Accordo per salvare la Grecia Piano da 110 miliardi di euro Ad Atene settimana di scioperi
  16. ^ Gli aiuti alla Grecia. URL consultato il 1º maggio 2011.
  17. ^ Grecia: S&P taglia rating sovrano, vicino il default. URL consultato il 14 giugno 2011.
  18. ^ Pronto il piano bis per Atene, entro l'anno tagli per altri 6,5 miliardi
  19. ^ Grecia, la disoccupazione balza al 15,9% a febbraio. L'Fmi: ristrutturazione del debito «non è necessaria»
  20. ^ Eurogruppo sblocca gli aiuti alla Grecia
  21. ^ Grecia: Moody's taglia rating di tre livelli, default certo
  22. ^ Grecia, nuova tassa sugli immobili.
  23. ^ La Grecia può fallire, euro in discesa
  24. ^ Grecia, governo decide nuove misure austerità
  25. ^ Berlino si convince, via al fondo salva-Stati
  26. ^ Accordo in Grecia su Governo di unità nazionale, elezioni il 19 febbraio
  27. ^ Grecia: accordo tra partiti per elezioni anticipate ad aprile
  28. ^ Duemilacinquecento greci si sono trasferiti in Australia
  29. ^ Fitch: la Grecia non ce la farà. Italia, downgrading in vista
  30. ^ La proposta choc di Berlino «L' Ue scriva il budget greco»
  31. ^ Grecia, rischio default più vicino«No» dei partiti alla nuova austerità
  32. ^ Atene pronta a licenziare 15mila dipendenti pubblici. Pressing di Francia e Germania
  33. ^ Grecia, nella notte via al piano di austerity. Ma la piazza diventa una polveriera
  34. ^ Grecia, accordo nella notte. Via libera agli aiuti - Corriere.it
  35. ^ lavoce.info http://www.lavoce.info/multimedia/-radio/pagina539.html
  36. ^ lavoce.info [1]
  37. ^ La Grecia ora è diversamente insolvente, cioè fallita
  38. ^ Grecia: nuovo taglio di rating da S&P, è ad un passo dal fallimento
  39. ^ Grecia Ristrutturazione Debito – Non tutto è dato per scontato i mercati cominciano a tremare
  40. ^ Grecia: E default (parziale) fu
  41. ^ La Grecia obbliga i creditori ad aderire alla ristrutturazione del debito. Fmi: prestito da 28 miliardi
  42. ^ Moody's: Grecia in default. Anche se dal Fmi sono pronti altri 28 miliardi
  43. ^ Grecia, Fitch porta rating su nuovi bond post-swap a B-/stabile
  44. ^ Crisi: Fitch, uscita Grecia non provocherebbe la fine dell'Euro
  45. ^ Grecia, elezioni di giugno "determinanti" - Passera
  46. ^ Fitch taglia il rating della Grecia Cameron: enormi rischi per tutti
  47. ^ Grecia, assalto agli sportelli bancari «Portiamo i risparmi al sicuro»
  48. ^ Il buy-back della Grecia è un successo. Acquistati 30 miliardi di titoli di Stato
  49. ^ http://www.ft.com/cms/s/0/7257bc3e-6bcb-11e4-b1e6-00144feabdc0.html#axzz3J487YB3W
  50. ^ http://www.bloomberg.com/news/2014-11-14/greece-exits-recession-after-debt-crisis-that-put-euro-at-risk.html
  51. ^ [2]
  52. ^ [3]
  53. ^ [4]
  54. ^ Grecia: evitata la Grexit, accordo fatto, nuovi aiuti per oltre 80 miliardi. Ora tocca al Parlamento greco fare presto ma Syriza si spacca - Economia. URL consultato il 2015-07-14.
  55. ^ ww.corriere.it
  56. ^ www.corriere.it
  57. ^ www.corriere.it
  58. ^ mondo Il Messaggero
  59. ^ Lavoce.Info - Articoli - Il salario minimo nella Grecia in crisi

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]