Centristi per l'Europa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Centristi per l'Europa
Centristi per l'Europa.svg
LeaderPier Ferdinando Casini
CoordinatoreGianpiero D'Alia
StatoItalia Italia
AbbreviazioneCpE
Fondazione11 febbraio 2017
IdeologiaCristianesimo democratico,
Europeismo,
Centrismo
CollocazioneCentro
CoalizioneAP-CpE (2017-)
Seggi Camera
2 / 630
Seggi Senato
3 / 320
Seggi Europarlamento
0 / 73
Seggi Consiglio regionale
0 / 897
ColoriAzzurro
Sito web

Centristi per l'Europa (CpE) è un partito politico italiano di centro nato in seguito ad una scissione nell'Unione di Centro[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le premesse[modifica | modifica wikitesto]

L'abbandono di Casini[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 2016 l'Unione di Centro, pur facendo parte della maggioranza del Governo Renzi, assume posizioni sempre più critiche verso il Partito Democratico e inizia a riavvicinarsi al centro-destra. La posizione non viene condivisa dal fondatore Pier Ferdinando Casini, che decide di lasciare il partito, non rinnovando la tessera.[2]

Il referendum del 2016[modifica | modifica wikitesto]

Qualche settimana dopo l'abbandono di Casini la direzione nazionale critica aspramente la Riforma costituzionale Renzi-Boschi e promuove la nascita dei comitati per l'inutilità del sì.[3] Tale atteggiamento non viene condiviso dal Presidente del partito Gianpiero d'Alia, dal ministro Gian Luca Galletti e da diversi deputati UdC all'Assemblea Regionale Siciliana che costituiscono il comitato Centristi per il sì.

L'abbandono di D'Alia[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 novembre 2016 D'Alia critica duramente la linea politica del partito affermando che "l'UdC è morta". In seguito a ciò il segretario Lorenzo Cesa sospende D'Alia dal partito e lo deferisce ai probiviri per gravi affermazioni offensive nei confronti del partito. In serata D'Alia si dimette dalla carica di Presidente e lascia il partito[4]

Il giorno seguente D'Alia e 8 deputati UdC all'ARS danno vita ai Centristi per la Sicilia.[5]

La fine di Area Popolare[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 dicembre 2016 l'UdC abbandona ufficialmente Area Popolare e i suoi deputati e senatori passano al gruppo misto. Casini, D'Alia e il deputato Ferdinando Adornato decidono invece di restare nel gruppo di AP e danno vita ai Centristi per l'Italia.[6]

La nascita[modifica | modifica wikitesto]

L'11 febbraio 2017 Casini e D'Alia annunciano al Teatro Quirino di Roma la fondazione dei Centristi per l'Europa, a cui aderiscono anche Adornato e i senatori Aldo di Biagio e Luigi Marino.[7][8][9]

Regionali Siciliane del 2017[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda le elezioni regionali in Sicilia del 2017 il partito raggiunge un accordo con il Partito Democratico e il centro-sinistra per il sostegno, quale candidato Presidente, al rettore dell'Università di Palermo Fabrizio Micari.[10][11]

La decisione di sostenere Micari provoca l'abbandono di tre deputati regionali del partito, che si schierano invece con il candidato unitario del centro-destra Nello Musumeci: Marcherita La Rocca Ruvolo e Gaetano Cani aderiscono all'Unione di Centro,[12][13] mentre Orazio Ragusa a Forza Italia.[14]

I Centristi per l'Europa (presenti nell'isola come Centristi per la Sicilia) si presentano alla competizione unitamente ad Alternativa Popolare di Angelino Alfano, costituendo la lista comune Alternativa Popolare-Centristi per Micari.[15][16]

La lista, nonostante i pronostici, non riesce tuttavia a superare la soglia di sbarramento regionale del 5%, arrestandosi ad un deludente 4,18% che non consente di eleggere alcun deputato regionale.[17][18]

Ideologia[modifica | modifica wikitesto]

Il partito ha i propri riferimenti ideologici nel cristianesimo democratico e nell'europeismo. Come suggerisce il nome, si tratta di un partito di centro, lontano sia dal populismo di destra, che dalla sinistra estrema.

Nelle istituzioni[modifica | modifica wikitesto]

Camera dei deputati[modifica | modifica wikitesto]

Nel gruppo: "Alternativa Popolare-Centristi per l'Europa-NCD"

Senato della Repubblica[modifica | modifica wikitesto]

Nel gruppo: "Alternativa Popolare-Centristi per l'Europa-NCD"

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Casini tiene a battesimo i Centristi per l’Europa per riunire i moderati italiani, su LaStampa.it. URL consultato l'8 aprile 2017.
  2. ^ L'Udc scarica Alfano. E Casini lascia, in ilGiornale.it. URL consultato l'8 aprile 2017.
  3. ^ Referendum costituzionale, strappo Udc: centristi verso il 'no' alla riforma, in Repubblica.it, 18 luglio 2016. URL consultato l'8 aprile 2017.
  4. ^ D’Alia sbatte la porta e trova... Totò Cuffaro. URL consultato l'8 aprile 2017.
  5. ^ Tutti con D'Alia: all'Ars sparisce l'Udc e nasce Centristi per la Sicilia, in Tempostretto - quotidiano online di Messina e provincia. URL consultato l'8 aprile 2017.
  6. ^ Area Popolare si spacca dopo il referendum. Udc: "L'esperienza, forse mai decollata, si conclude qui", su Il Fatto Quotidiano, 6 dicembre 2016. URL consultato l'8 aprile 2017.
  7. ^ Nascono i Centristi per l'Europa, D'Alia alla guida, su Giornale di Sicilia. URL consultato l'8 aprile 2017.
  8. ^ Centristi per l'Europa, l'irriducibile Casini vuole rifare la Dc con molto Sud e tante vecchie glorie. E il ministro Galletti fa il Carlo Conti, su L’Huffington Post. URL consultato l'8 aprile 2017.
  9. ^ Nasce «Centristi per l'Europa». Con Casini, il ministro Galletti e D'Alia, in Il Sole 24 ORE. URL consultato l'8 aprile 2017.
  10. ^ (IT) Ufficiale il ticket Micari - La Via, della partita anche i Centristi per l'Europa; tensione più a sinistra fra Rifondazione e Fava (FOTO E VIDEO) | BlogSicilia - Quotidiano di cronaca, politica e costume, in BlogSicilia - Quotidiano di cronaca, politica e costume, 09 settembre 2017. URL consultato il 03 novembre 2017.
  11. ^ (IT) DBD Group - www.dbdgroup.it, Regionali, D'Alia: "La vera novità si chiama Micari". URL consultato il 03 novembre 2017.
  12. ^ (IT) Regionali, Margherita La Rocca Ruvolo passa all’Udc – Grandangolo Agrigento. URL consultato il 03 novembre 2017.
  13. ^ Gaetano Cani, indagato per estorsione: è nella coalizione con Musumeci, in CataniaToday. URL consultato il 03 novembre 2017.
  14. ^ (IT) Redazione quotidianodiragusa.it, Scicli, Orazio Ragusa passa a Forza Italia: ecco perché, in quotidianodiragusa.it, 2017-09-14CEST12:16:00+00:00. URL consultato il 03 novembre 2017.
  15. ^ (IT) La elezioni regionali in Sicilia, presentata la lista di Alternativa Popolare-Centristi | BlogSicilia - Quotidiano di cronaca, politica e costume, in BlogSicilia - Quotidiano di cronaca, politica e costume, 06 ottobre 2017. URL consultato il 03 novembre 2017.
  16. ^ Regionali, il ministro Alfano presenta la lista di "Alternativa popolare", in AgrigentoNotizie. URL consultato il 03 novembre 2017.
  17. ^ Sicilia: Musumeci conquista maggioranza all'Ars, fuori Ap e Centristi. URL consultato il 07 novembre 2017.
  18. ^ L'estinzione degli alfaniani Affondano anche i transfughi, in Live Sicilia. URL consultato il 07 novembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]