Roberto Gualtieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roberto Gualtieri
Gualtieri, Roberto-9790.jpg

Ministro dell'economia e delle finanze
Durata mandato 5 settembre 2019 –
13 febbraio 2021
Capo del governo Giuseppe Conte
Predecessore Giovanni Tria
Successore Daniele Franco

Deputato della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 4 marzo 2020
Legislature XVIII
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico
Circoscrizione Lazio 1
Collegio Trionfale
Sito istituzionale

Vicepresidente del
Gruppo Socialisti & Democratici
Durata mandato 2 luglio 2019 –
5 settembre 2019
Presidente Iratxe García Pérez
Predecessore Patrizia Toia
Successore Irene Tinagli

Presidente della Commissione per i problemi economici e monetari del Parlamento europeo
Durata mandato 2 luglio 2014 –
5 settembre 2019
Presidente Martin Schulz
Antonio Tajani
David Sassoli
Successore Irene Tinagli

Eurodeputato
Durata mandato 14 luglio 2009 –
5 settembre 2019
Legislature VII, VIII, IX (fino al 05/09/2019)
Gruppo
parlamentare
S&D
Coalizione PSE
Circoscrizione Italia centrale
Incarichi parlamentari
Presidente della Commissione per i problemi economici e monetari
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico (dal 2007)
Precedenti:
PCI (1985-1991)
PDS (1991-1998)
DS (1998-2007)
Titolo di studio Dottorato di Ricerca in Scienze Storiche
Università Scuola Superiore di Studi Storici di San Marino
Professione storico, docente universitario

Roberto Gualtieri (Roma, 19 luglio 1966) è un politico, storico e accademico italiano.

Dal 7 giugno 2009 al 5 settembre 2019 è stato deputato europeo del Partito Democratico.[1], presiedendo la Commissione per i problemi economici e monetari dal 2014 sino alla sua nomina a ministro[2].

È stato ministro dell'economia e delle finanze dal 5 settembre 2019 al 13 febbraio 2021 ed è stato eletto deputato il 1° marzo 2020 in occasione delle elezioni suppletive convocate al fine di colmare il seggio lasciato vacante da Paolo Gentiloni dopo la sua nomina a commissario europeo.


Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver frequentato il liceo classico Visconti della capitale ed essersi laureato in Lettere, ha conseguito il dottorato di ricerca in Scienze storiche alla Scuola Superiore di Studi Storici di San Marino.[3] È professore associato di Storia contemporanea all'Università degli Studi di Roma "La Sapienza"[4] ed è vicedirettore della Fondazione Istituto Gramsci[5]. È autore di numerosi libri ed articoli sulla storia italiana e internazionale del XX secolo e sul processo di integrazione europea. Collabora a diversi quotidiani e riviste, ha diretto il Rapporto annuale sull'integrazione europea per l'editore Il Mulino.[6]

Gualtieri è stato iscritto alla Federazione Giovanile Comunista Italiana, nel 1985 prende la tessera del Partito Comunista Italiano e in seguito ha militato per anni nei Democratici di Sinistra: ha fatto parte prima della segreteria di Roma e poi del consiglio nazionale, prima di contribuire a redigere il Manifesto per il Partito democratico e di entrare nella direzione del Partito nel 2008. Ex dalemiano, era nei 'giovani turchi', la corrente Pd guidata da Matteo Orfini.

Membro della segreteria romana dei Democratici di Sinistra tra il 2001 e il 2006, nell'ottobre 2006 è stato uno dei tre relatori del convegno di Orvieto che ha dato il via alla costruzione del nuovo partito e ha successivamente fatto parte della commissione di "saggi" nominata da Romano Prodi[7] che ha redatto il "Manifesto"[8] per il Partito democratico.
Nel 2007 viene eletto all'Assemblea nazionale del Partito Democratico, nel 2008 entra a far parte della Direzione nazionale, dove è stato rieletto nel gennaio 2014.[9]

Al Parlamento Europeo[modifica | modifica wikitesto]

Nella primavera del 2009 è stato eletto deputato europeo per il PD nella circoscrizione Italia centrale. Nel luglio 2009 è stato nominato titolare della Commissione per gli Affari Costituzionali (AFCO), e della Sottocommissione per la Sicurezza e la Difesa (SEDE), in cui ha ricoperto l'incarico di coordinatore per il Gruppo dei Socialisti e Democratici; membro sostituto della Commissione per gli Affari Esteri (AFET) e della Commissione per i Bilanci (BUDG), in cui ha ricoperto l'incarico di relatore permanente per il bilancio sulla PESC.

Nel 2010 è stato nominato negoziatore per il gruppo dei Socialisti e Democratici sull'istituzione del servizio europeo per l'azione esterna (con il deputato PPE Elmar Brok e il deputato ALDE Guy Verhofstadt).[10] È stato inoltre co-relatore in commissione Bilanci (con il deputato PPE Laslo Surjan) del bilancio rettificativo 6/2010 relativo all'istituzione del SEAE.[11]

Nel 2011 è stato nominato co-relatore (con Elmar Brok) del progetto di decisione del Consiglio europeo che ha modificato l'articolo 136 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea relativamente al MES, il meccanismo di stabilità per gli Stati membri la cui moneta è l'euro.[12]

Alla fine del 2011 è stato nominato (con Elmar Brok, Guy Verhofstadt e Daniel Cohn-Bendit) membro della squadra che ha negoziato a nome del Parlamento europeo il Trattato sulla stabilità, sul coordinamento e sulla governance nell'Unione economica e monetaria (il cosiddetto "Patto di bilancio europeo").

Dal 2012 ha ricoperto l'incarico di coordinatore per il gruppo S&D nella Commissione Affari Costituzionali. È stato inoltre nominato membro sostituto della Commissione Affari economici e monetari (ECON) e membro titolare della Delegazione parlamentare per le relazioni con il Consiglio legislativo palestinese (DPLC). In commissione Affari costituzionali, è stato co-relatore (con il deputato PPE Rafal Trzaskowski) sulla composizione del Parlamento europeo in vista delle elezioni del 2014.[13]

In commissione Sicurezza e difesa, è stato relatore sullo sviluppo della politica di sicurezza e di difesa comune a seguito dell'entrata in vigore del trattato di Lisbona[14].

Nell'ottobre 2012 è stato nominato negoziatore "sherpa" del Parlamento europeo, insieme a Elmar Brok, Guy Verhofstadt e Daniel Cohn Bendit, presso il gruppo di lavoro istituito dal presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy per la riforma dell'Unione economica e monetaria.[15]
Nel 2013 è stato co-relatore con Rafał Trzaskowski sulla Relazione sui Problemi Costituzionali della Governance Multilivello nell'Unione Europea.[16]

Nel 2013, con Elmar Brok, Verhofstaft, Cohn-Bendit, Andrew Duff e Jo Leinen ha partecipato all'elaborazione del nuovo Trattato per l'Unione europea promosso dal Gruppo Spinelli, di cui è membro.[17]

A seguito della sua rielezione a deputato europeo, il 7 luglio 2014 è stato eletto Presidente della Commissione per i problemi economici e monetari.[2]

Relatore di numerosi provvedimenti, tra cui la relazione annuale sull'Unione bancaria, vari regolamenti sulle statistiche, le nomine ai vertici di Bce, Srb, Eba, Esma, Eiopa, Efsi, gli Npl e il nuovo programma InvestEu, è molto impegnato nel coordinamento dell'attività della Commissione Econ nell’ambito della regolamentazione dei mercati finanziari presiedendo tutti i triloghi legislativi.

Nel 2017 è stato nominato dalla Conferenza dei Presidenti membro del Brexit Steering Group – in rappresentanza del gruppo dei Socialisti e Democratici –, incaricato di seguire i negoziati Brexit per conto del Parlamento Europeo e coordinato da Guy Verhofstadt. Nell'ambito del Brexit Steering Group partecipa anche, insieme a Guy Verhofstadt e Elmar Brok, agli incontri degli sherpa del Consiglio Europeo sulla Brexit. Presiede il Financial Assistance Working Group, istituito nel 2016 dal Parlamento europeo per monitorare l'implementazione del programma di aiuti alla Grecia e future possibili programmi, e il Banking Union Working Group.

È molto attivo con discorsi e conferenze nel dibattito europeo sul futuro dell'Unione Economica e Monetaria, il completamento dell'Unione Bancaria e l’istituzione dell'Unione dei Mercati dei Capitali.

Nel 2016 il magazine Politico, che lo ha definito uno dei legislatori più efficienti dell’intero Parlamento, lo ha collocato tra gli otto deputati più influenti del Parlamento europeo.[18][19]

Nel corso del suo mandato ha presieduto il numero record di 157 triloghi (le negoziazioni inter-istituzionali tra Commissione, Parlamento e Consiglio per definire le norme europee).[18][19]

Si ricandida alle elezioni europee del 2019 con il PD nella circoscrizione del Centro Italia.[20] Ottiene 66.965 preferenze risultando il primo dei non eletti. In seguito alla rinuncia di Pietro Bartolo al seggio ottenuto nella Circoscrizione Italia centrale per accettazione dello stesso del seggio parimenti ottenuto nella Circoscrizione Italia insulare, rientra tra gli eletti. Durante la fase di costituzione del nuovo parlamento europeo ha fatto parte della commissione di 40 parlamentari provenienti dalla diverse forze politiche, che hanno stabilito l'agenda parlamentare per il quinquennio, sarà l'unico italiano a parteciparvi[21]. Il 2 luglio 2019 diviene vicepresidente del Gruppo Socialisti & Democratici.

Il 10 luglio 2019 viene rieletto alla guida della Commissione per i problemi economici e monetari del Parlamento europeo[22].

Ministro nel governo Conte[modifica | modifica wikitesto]

Gualtieri interviene alla riunione informale dei ministri dell'economia d'Europa.

Il 5 settembre 2019 diventa ministro dell'Economia e delle Finanze nel governo Conte II, succedendo a Giovanni Tria. Contemporaneamente si dimette da europarlamentare.

Intervenendo al meeting informale dei ministri delle finanze di Europa come primo atto del suo mandato ha aderito alla Coalizione dei ministri finanziari per la lotta al cambiamento climatico[23].

Il 16 ottobre 2019 alle 4.35 di notte il Consiglio dei Ministri dopo 5 ore di riunione approva la legge di Bilancio e il decreto fiscale collegato alla manovra[24]. Tra i principali provvedimenti vi è un inasprimento delle pene per i grandi evasori e si introduce il cosiddetto piano Cashless con l’obiettivo di aumentare i pagamenti elettronici anche attraverso l'introduzione di sanzioni per la mancata accettazione dei pagamenti con carte di credito o carta di debito[25].

A seguito delle dimissioni di Paolo Gentiloni dal ruolo di deputato, il 26 gennaio 2020 viene indicato quale candidato in corsa per l'elezione alla Camera dei deputati nelle elezioni suppletive, per il Collegio uninominale Lazio 1 - 01, sostenuto dalla coalizione di centro-sinistra (PD-IV-EV-Art.1-SI-PSI-DemoS), dove viene eletto l'1 marzo.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Togliatti e la politica estera italiana. Dalla Resistenza al trattato di pace, 1943-1947, Roma, Editori Riuniti, 1995. ISBN 88-359-3916-X.
  • Curatela di Massimo D'Alema, La sinistra nell'Italia che cambia, Milano, Feltrinelli, 1997. ISBN 88-07-47013-6.
  • Introduzione alla storia contemporanea. L'Europa nel mondo del XX secolo, Roma, Carocci, 2001. ISBN 88-430-1798-5.
  • Il PCI nell'Italia repubblicana, 1943-1991, a cura di, Roma, Carocci, 2001. ISBN 88-430-2052-8.
  • L'8 settembre dei partiti. Alle origini della democrazia italiana, Roma, Nuova iniziativa editoriale, 2003.
  • Il PCI tra solidarietà nazionale e alternativa democratica nelle lettere e nelle note di Antonio Tatò a Enrico Berlinguer, in L'Italia repubblicana nella crisi degli anni Settanta. Atti del ciclo di convegni, Roma novembre e dicembre 2001, IV, Sistema politico e istituzioni, a cura di Gabriele De Rosa e Giancarlo Monina, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2003. ISBN 88-498-0753-8.
  • Curatela di Alcide De Gasperi, Discorsi sull'Europa, Roma, Nuova iniziativa editoriale, 2004.
  • L'Italia dal 1943 al 1992. DC e PCI nella storia della Repubblica, Roma, Carocci, 2006. ISBN 88-430-3737-4.
  • La nascita della repubblica. Dibattito politico e transizione istituzionale (1943-1946), in 1945-1946. Le origini della Repubblica, II, Questione istituzionale e costruzione del sistema politico democratico, a cura di Giancarlo Monina, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2007. ISBN 978-88-498-1861-1.
  • Togliatti nel suo tempo, a cura di e con Carlo Spagnolo e Ermanno Taviani, Roma, Carocci, 2007. ISBN 978-88-430-4184-8.
  • L'Unione europea e il governo della globalizzazione. Rapporto 2008 sull'integrazione europea, a cura di e con Ferruccio Pastore, Bologna, il Mulino, 2008. ISBN 978-88-15-12543-9.
  • L'Europa e la Russia a vent'anni dall'89. Rapporto 2009 sull'integrazione europea, a cura di e con José Luis Rhi-Sausi, Bologna, il Mulino, 2009. ISBN 978-88-15-13165-2.
  • Pensare la politica. Scritti per Giuseppe Vacca, a cura di e con Francesco Giasi e Silvio Pons, Roma, Carocci, 2009. ISBN 978-88-430-4998-1.
  • Hub globale, trincea o pantano? Il futuro del Mediterraneo e il ruolo dell'Europa. Rapporto 2010 sull'integrazione europea, a cura di e con José Luis Rhi-Sausi, Bologna, il Mulino, 2010. ISBN 978-88-15-13799-9.
  • La difesa comune europea dopo il Trattato di Lisbona. Rapporto 2011 sull'integrazione europea, a cura di e con José Luis Rhi-Sausi, Bologna, il Mulino, 2011. ISBN 978-88-15-15030-1.
  • Il caso Moro, gli intellettuali e la crisi della Repubblica. Norberto Bobbio, Rosario Romeo e Augusto Del Noce, in Gli intellettuali nella crisi della Repubblica, 1968-1980, a cura di Ermanno Taviani e Giuseppe Vacca, Roma, Viella, 2016. ISBN 978-88-6728-729-1.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Home | Roberto GUALTIERI | Deputati | Parlamento Europeo, su www.europarl.europa.eu. URL consultato il 17 aprile 2019.
  2. ^ a b Gualtieri nuovo presidente Commissione affari economici e monetari del Parlamento - Eunews, su eunews.it, 7 luglio 2014. URL consultato il 17 aprile 2019.
  3. ^ https://www.unirsm.sm/it/scuola-superiore-di-studi-storici/allievi/_1970.htm
  4. ^ Copia archiviata, su lettere.uniroma1.it. URL consultato il 27 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2019).
  5. ^ Copia archiviata, su fondazionegramsci.org. URL consultato il 26 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2014).
  6. ^ RAPPORTO SULL'INTEGRAZIONE EUROPEA, su www.fondazionegramsci.org. URL consultato l'11 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2014).
  7. ^ Operazione Partito democratico Pronta la squadra dei «saggi» - Archivio Corriere della Sera, su archivio.corriere.it. URL consultato il 17 aprile 2019.
  8. ^ Partito democratico, pronto il Manifesto "Ci impegniamo a nascere nel 2008" - Politica - Repubblica.it, su www.repubblica.it. URL consultato il 17 aprile 2019.
  9. ^ Sito Ufficiale | Partito Democratico Archiviato il 1º settembre 2014 in Internet Archive.
  10. ^ PARERE (PDF), su europarl.europa.eu.
  11. ^ PROGETTO DI ORDINE DEL GIORNO (PDF), su europarl.europa.eu.
  12. ^ https://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+TA+P7-TA-2011-0103+0+DOC+XML+V0//IT#BKMD-3
  13. ^ Emendamento 9 (PDF), su europarl.europa.eu.
  14. ^ RELAZIONE sullo sviluppo della politica di sicurezza e di difesa comune a seguito dell'entrata in vigore del trattato di Lisbona - A7-0166/2011, su www.europarl.europa.eu. URL consultato il 17 aprile 2019.
  15. ^ (EN) MEP Roberto Gualtieri appointed chief negotiator for S&D Group on Van Rompuy Paper on European Monetary Union, su Socialists & Democrats. URL consultato il 17 aprile 2019.
  16. ^ RELAZIONE sui problemi costituzionali di una governance a più livelli nell'Unione europea - A7-0372/2013, su europarl.europa.eu.
  17. ^ Gruppo Spinelli: questa Ue non funziona, si passi a una federazione europea - Eunews, su eunews.it.
  18. ^ a b Roberto Gualtieri, su Politico, 11 aprile 2019. URL consultato il 17 aprile 2019.
  19. ^ a b Gli eurodeputati che si sono fatti notare, su Il Post, 17 aprile 2019. URL consultato il 17 aprile 2019.
  20. ^ Maurizio Ribechini, Europee, ufficiali i 76 candidati del PD: ci sono anche Kyenge, Sassoli e Smeriglio, BlastingPop, 11 aprile 2019. URL consultato il 16 aprile 2019.
  21. ^ Solo un italiano ai negoziati sul programma del nuovo Parlamento Ue. Ed è del Pd, su EuropaToday. URL consultato il 13 luglio 2019.
  22. ^ Una buona notizia per l'Italia. Gualtieri rieletto presidente di commissione a Strasburgo, su www.ilfoglio.it. URL consultato il 13 luglio 2019.
  23. ^ Gualtieri aderisci alla Coalizione contro cambiamenti climatici, su tgcom24.mediaset.it.
  24. ^ Manovra, consiglio dei ministri: ok 'salvo intese' al dl fisco e a legge Bilancio. Conte: "Lotta evasione, evitato incremento Iva", su Repubblica.it, 16 ottobre 2019. URL consultato il 16 ottobre 2019.
  25. ^ Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 09, su www.governo.it, 16 ottobre 2019. URL consultato il 16 ottobre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro dell'economia e delle finanze della Repubblica Italiana Successore Logo mef.svg
Giovanni Tria dal 5 settembre 2019 al 13 febbraio 2021 Daniele Franco
Controllo di autoritàVIAF (EN116234328 · ISNI (EN0000 0001 1085 3670 · SBN IT\ICCU\LO1V\145771 · LCCN (ENnr96015026 · BNF (FRcb12536696w (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nr96015026