Partito del Socialismo Europeo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Partito del Socialismo Europeo
(EN) Party of European Socialists
(DE) Sozialdemokratische Partei Europas
(FR) Parti Socialiste Européen
(ES) Partido Socialista Europeo
Partito del Socialismo Europeo.svg
PresidenteBulgaria Sergej Stanišev
SegretarioGermania Achim Post
VicepresidenteSpagna Iratxe García Pérez
Portogallo Francisco André
Slovacchia Katarína Neveďalová
Svezia Heléne Fritzon
StatoUnione europea Unione europea
SedeRue du Trône/Troonlaan, 98, 1050 Bruxelles, Belgio
Abbreviazione
  • (EN) PES
  • (IT) PSE
Fondazione1953 (gruppo)
1973 (confederazione)
1992 (partito)
IdeologiaSocialdemocrazia[1][2]
Europeismo[3]
CollocazioneCentro-sinistra[2][4]
Gruppo parl. europeoGruppo del Partito del Socialismo Europeo (1992-2009)
Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici (dal 2009)
Seggi Europarlamento
136 / 705
(2019)
Organizzazione giovanileYoung European Socialists
ColoriRosso
Sito webpes.eu

Il Partito del Socialismo Europeo (PSE o PES[5]), meglio noto come Partito Socialista Europeo, è un partito politico europeo di orientamento socialdemocratico e laburista fondato nel 1992. Precursore del partito è stata la Confederazione dei Partiti Socialisti della Comunità Europea, fondata nel 1973.[6]

In sede di Parlamento europeo, il PSE ha dato vita nel 2009 all'Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici; prima di allora, aderiva al gruppo del Partito del Socialismo Europeo (la cui denominazione ufficiale è tuttavia variata nel corso del tempo).[7]

Il Presidente è l'ex primo ministro bulgaro Sergej Stanišev, eletto durante il Congresso del partito a Bruxelles del 2012.[8][9]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1953 nell'Assemblea Comune della CECA si forma il Gruppo Socialista, composto dai Socialdemocratici tedeschi, i Socialisti e Socialdemocratici Italiani, i Socialisti Francesi, i Socialisti belgi, i Laburisti Olandesi e i Socialisti Lussemburghesi.

Nel 1973 i socialisti europei formano la Confederazione dei Partiti Socialisti della Comunità Europea, con l'aggiunta poi dei Laburisti Britannici e Irlandesi.[6]

L'atto costitutivo dell'attuale PSE, firmato a L'Aia nel 1992, reca le firme, per l'Italia, dei segretari dei tre partiti membri dell'epoca: Bettino Craxi (PSI), Achille Occhetto (PDS) e Carlo Vizzini (PSDI).

Il PSE ha costituito il gruppo politico più consistente del Parlamento europeo alle elezioni del 1979, del 1984, del 1989 e del 1994, il secondo a quelle del 1999, del 2004, del 2009, del 2014 e del 2019.[7]

Per integrare l'italiano Partito Democratico, il suo omologo cipriota e il lettone Partito dell'Armonia Nazionale, nessuno dei quali membro del partito, il PSE crea nel 2009 all'interno del Parlamento europeo il gruppo dell'Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici, con 184 deputati, ultima evoluzione dello storico gruppo socialista.[7]

Nel 2010 viene istituita la Foundation for European Progressive Studies (FEPS) come think tank del PSE.

Il 27 febbraio 2014 la direzione del Partito Democratico italiano decide a larga maggioranza l'adesione al PSE.[10] Nel marzo 2014, in seguito al congresso di Roma, il PSE aggiunge la dicitura "Socialisti & Democratici" al suo logo ufficiale.[11]

Ideologia e posizioni[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il manifesto firmato il 1º dicembre 2008, il partito vuole:

  • rilanciare l'economia e prevenire nuove crisi finanziarie;
  • una nuova Europa sociale - dare alle persone un patto per l'equità;
  • trasformare l'Europa nella forza leader nel mondo contro i cambiamenti climatici;
  • promuovere l'uguaglianza di genere;
  • sviluppare un'efficace politica europea sull'immigrazione;
  • accrescere il ruolo dell'Europa come partner per la pace, la sicurezza e lo sviluppo.

Diritti sociali e civili[modifica | modifica wikitesto]

Sostiene fortemente il “diritto alla disconnessione” per legge, in modo che una persona «debba lavorare solo durante le ore del suo contratto e quando è pagato», affinché non ci sia più pressione sui dipendenti per essere sempre disponibili, lavoro non retribuito, stress e burn out.[12]

Si batte per una strategia per raggiungere l’uguaglianza di genere, propone infatti il superamento del divario di genere in termini retributivi e pensionistici, la difesa della salute sessuale e riproduttiva della donna e dei suoi diritti, l’equilibrio di genere nelle posizioni apicali e nei processi decisionali, l’entrata in vigore della direttiva sull’equilibrio tra vita privata e professionale, la lotta alla tratta di esseri umani e allo sfruttamento sessuale/lavorativo, e l’eradicazione della violenza contro la donna e la violenza di genere.[13]

Fiscalità[modifica | modifica wikitesto]

Sostiene fortemente un piano per combattere evasione ed elusione fiscale per recuperare centinaia di miliardi di euro. Propone un'aliquota fiscale minima globale del 21% per limitare la concorrenza fiscale tra i paesi e generare entrate che finanziano i servizi pubblici per tutti.[14]

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Congressi[modifica | modifica wikitesto]

I congressi del Partito del Socialismo Europeo (PSE) sono organizzati ogni due anni e mezzo[15], una volta durante l'anno in cui si tengono le elezioni per il Parlamento europeo, e una volta a metà mandato[16].

Il Congresso di Bruxelles del 28-29 settembre 2012 ha portato all'elezione del nuovo Presidente del partito[17] e ha preparato le proposte comuni per le elezioni europee del 2014. Il congresso ha puntato anche ad adottare un processo "più democratico e trasparente"[18] per la selezione del candidato socialista alla presidenza della Commissione europea nel 2014. I socialisti sperano di riuscire a sconfiggere José Manuel Durão Barroso[19], beneficiando del fallimento delle destre europee nell'affrontare la crisi economico-finanziaria in Europa. Durante il congresso è stato eletto nuovo Presidente l'ex-primo ministro della Bulgaria Sergej Stanišev, con il 91% dei voti dei 350 delegati dei 34 partiti socialisti europei. Come suoi vice sono stati eletti il francese Jean-Christophe Cambadélis, l'inglese Jan Royall, la spagnola Elena Valenciano e la slovacca Katarína Neved'alová.

Stanišev fu riconfermato presidente il 22–23 giugno 2015 al Congresso di Budapest. Anche Achim Post (SPD) fu riconfermato segretario generale; come vice-presidenti furono eletti Jean-Christophe Cambadélis (PS), Carin Jämtin (Socialdemocratici Svedesi), Katarína Neveďalová (Smer-SD) e Jan Royall (Labour).

Il 7–8 dicembre 2019 al Congresso del PES di Lisbona Stanišev e Post furono riconfermati presidente e segretario generale. Iratxe García (PSOE) fu eletta prima vice-presidente, mentre Francisco André (Socialisti portoghesi), Katarína Neveďalová (Smer-SD) e Marita Ulvskog (Socialdemocratici di Svezia) furono eletti vice-presidenti.

Nelle istituzioni dell'Unione europea[modifica | modifica wikitesto]

Organizzazione Istituzione Numero di seggi
Unione europea Consiglio europeo
7 / 27
Commissione europea
9 / 27
Parlamento europeo
136 / 705
Comitato delle regioni
88 / 329

Consiglio europeo[modifica | modifica wikitesto]

7 dei 27 Capi di Stato o di governo membri del Consiglio europeo appartengono al PSE:

Commissione europea[modifica | modifica wikitesto]

Frans Timmermans, Primo Vicepresidente
Josep Borrell, Alto Rappresentante

Commissione von der Leyen (IX legislatura, dal 1º dicembre 2019)

Maroš Šefčovič, Vicepresidente
Commissario/a Incarico e competenza[20] Stato membro Partito nazionale
Frans Timmermans Primo Vicepresidente per il clima e il Green Deal europeo Paesi Bassi Paesi Bassi PvdA
Josep Borrell Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza Spagna Spagna PSOE
Maroš Šefčovič Vicepresidente per le relazioni interistituzionali e le prospettive strategiche Slovacchia Slovacchia Smer
Jutta Urpilainen Partenariati internazionali Finlandia Finlandia SDP
Paolo Gentiloni Economia Italia Italia PD
Nicolas Schmit Lavoro e diritti sociali Lussemburgo Lussemburgo LSAP
Helena Dalli Uguaglianza Malta Malta Lab
Elisa Ferreira Coesione e riforme Portogallo Portogallo PS
Ylva Johansson Affari interni Svezia Svezia SAP

Parlamento europeo[modifica | modifica wikitesto]

Nel Parlamento europeo il PSE è presente nell'Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici (S&D), il cui gruppo, guidato dal 2 luglio 2019 dall'eurodeputata spagnola Iratxe García Pérez, è il secondo per numero di membri dopo le elezioni europee del 2019[21]. Il gruppo S&D conta 144 eurodeputati al dicembre 2021, di cui 136 membri del PSE (alcuni partiti nazionali appartengono al gruppo S&D pur non essendo membri del PSE, come il romeno PRO Romania e l'ungherese Coalizione Democratica). Per la prima metà della IX legislatura il gruppo S&D esprime anche il Presidente del Parlamento nella persona dell'italiano David Sassoli (PD).

Consiglio dell'Unione europea[modifica | modifica wikitesto]

Partiti membri del PSE sono rappresentati in seno al Consiglio dell'Unione europea: partecipano alle maggioranze di governo in Belgio (governo De Croo), Bulgaria (governo Donev), Danimarca (governo Frederiksen), Estonia (governo Kallas II), Finlandia (governo Marin), Germania (governo Scholz), Italia (governo Draghi), Lussemburgo (governo Bettel-Kersch-Bausch), Malta (governo Abela), Portogallo (governo Costa III), Romania (governo Ciucă), Slovenia (governo Golob), Spagna (governo Sanchez II) e Svezia (governo Andersson).

Comitato delle regioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel Comitato europeo delle regioni il PSE conta 88 membri e 88 membri supplenti ed è il secondo gruppo più rappresentato.

Oltre l'Unione Europea[modifica | modifica wikitesto]

Esponenti del PSE sono capi di Stato o di governo in alcuni Paesi e territori extra-UE:

Partiti membri[modifica | modifica wikitesto]

I partiti nazionali che aderiscono al PSE in qualità di partiti membri (UE, Norvegia e Regno Unito) o associati sono i seguenti.[22]

Stato Partito Nome ufficiale Status
Albania Albania Partito Socialista d'Albania Partia Socialiste e Shqipërisë associato
Austria Austria Partito Socialdemocratico d'Austria Sozialdemokratische Partei Österreichs membro
Belgio Belgio Vooruit Vooruit membro
Partito Socialista Parti Socialiste membro
Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Partito Socialdemocratico di Bosnia ed Erzegovina Socijaldemokratska Partija BiH associato
Bulgaria Bulgaria Partito Socialista Bulgaro Bălgarska Socialističeska Partija (Българска социалистическа партия) membro
Partito dei Socialdemocratici Bulgari Partija Balgarski Socialdemokrati (Партия Български социалдемократи) associato
Cipro Cipro Movimento dei Socialdemocratici - EDEK Kinima Sosialdimokraton EDEK (Κινήμα Σοσιαλδημοκρατών ΕΔΕΚ) membro
Croazia Croazia Partito Socialdemocratico di Croazia Socijaldemokratska partija Hrvatske membro
Danimarca Danimarca Socialdemocratici Socialdemokraterne membro
Estonia Estonia Partito Socialdemocratico Sotsiaaldemokraatlik Erakond membro
Finlandia Finlandia Partito Socialdemocratico Finlandese Suomen Sosialidemokraattinen Puolue membro
Francia Francia Partito Socialista Parti Socialiste membro
Germania Germania Partito Socialdemocratico di Germania Sozialdemokratische Partei Deutschlands membro
Grecia Grecia Movimento Socialista Panellenico Panellinio Sosialistiko Kinima (Πανελλήνιο Σοσιαλιστικό Κίνημα) membro
Irlanda Irlanda Partito Laburista Irish Labour Party - Páirtí an Lucht Oibre membro
Islanda Islanda Alleanza Socialdemocratica Samfylkingin jafnaðarmannaflokkur associato
Italia Italia Partito Democratico Partito Democratico membro
Partito Socialista Italiano Partito Socialista Italiano membro
Lettonia Lettonia Partito Socialdemocratico "Armonia" Sociāldemokrātiskā Partija "Saskaņa" membro
Lituania Lituania Partito Socialdemocratico di Lituania Lietuvos Socialdemokratų Partija membro
Lussemburgo Lussemburgo Partito Operaio Socialista Lussemburghese Lëtzebuerger Sozialistesch Arbechterpartei - Parti Ouvrier Socialiste Luxembourgeois membro
Macedonia del Nord Macedonia del Nord Unione Socialdemocratica di Macedonia Socijaldemokratski Sojuz na Makedonija (Социјалдемократски Сојуз на Македонија) associato
Malta Malta Partito Laburista Partit Laburista membro
Moldavia Moldavia Partito Democratico della Moldavia Partidul Democrat din Moldova associato
Montenegro Montenegro Partito Democratico dei Socialisti del Montenegro Demokratska Partija Socijalista Crne Gore associato
Partito Socialdemocratico del Montenegro Socijaldemokratska Partija Crne Gore associato
Norvegia Norvegia Partito Laburista Arbeiderpartiet - Det norske Arbeiderparti membro
Paesi Bassi Paesi Bassi Partito del Lavoro Partij van de Arbeid membro
Polonia Polonia Alleanza della Sinistra Democratica Sojusz Lewicy Demokratycznej membro
Unione del Lavoro Unia Pracy membro
Portogallo Portogallo Partito Socialista Partido Socialista membro
Regno Unito Regno Unito Partito Laburista Labour Party membro
Partito Socialdemocratico e Laburista Social Democratic and Labour Party - Páirtí Sóisialta Daonlathach an Lucht Oibre membro
Rep. Ceca Rep. Ceca Partito Socialdemocratico Ceco Česká strana sociálně demokratická membro
Romania Romania Partito Socialdemocratico Partidul Social Democrat membro
Serbia Serbia Partito Democratico Demokratska stranka (Демократска странка) associato
Slovacchia Slovacchia Direzione - Socialdemocrazia Smer – Sociálna demokracia membro
Slovenia Slovenia Socialdemocratici Socialni demokrati membro
Spagna Spagna Partito Socialista Operaio Spagnolo Partido Socialista Obrero Español membro
Svezia Svezia Partito Socialdemocratico dei Lavoratori di Svezia Socialdemokraterna - Sveriges socialdemokratiska arbetareparti membro
Svizzera Svizzera Partito Socialista Svizzero Sozialdemokratische Partei der Schweiz - Parti socialiste suisse associato
Turchia Turchia Partito Popolare Repubblicano Cumhuriyet Halk Partisi associato
Partito Democratico dei Popoli Halklarin Demokratik Partisi associato
Ungheria Ungheria Partito Socialista Ungherese Magyar Szocialista Párt membro

I partiti nazionali che aderiscono al PSE in qualità di partiti osservatori sono i seguenti:[22]

Stato Partito Nome ufficiale Status
Andorra Andorra Partito Socialdemocratico Partit Socialdemòcrata osservatore
Armenia Armenia Federazione Rivoluzionaria Armena Hay Heghapokhakan Dachnaktsoutioun osservatore
Cipro del Nord Cipro del Nord Partito Turco Repubblicano Cumhuriyetçi Türk Partisi osservatore
Israele Israele Partito Laburista Israeliano Avoda (מִפְלֶגֶת הָעֲבוֹדָה הַיִּשְׂרְאֵלִית) osservatore
Energia Meretz (מרצo) osservatore
Egitto Egitto Partito Socialdemocratico Egiziano al-Ḥizb al-Miṣrī al-Dīmuqrāṭī al-Ijtimāʿī osservatore
Georgia Georgia Sogno Georgiano k'art'uli ots'neba – demokratiuli sak'art'velo osservatore
Lettonia Lettonia Partito Socialdemocratico dei Lavoratori di Lettonia Latvijas Sociāldemokrātiskā Strādnieku Partija osservatore
Marocco Marocco Unione Socialista delle Forze Popolari Al-Ittihad Al-Ishtirakiy Lilqawat Al-Sha'abiyah osservatore
Palestina Palestina Fatah Fatah (فتح) osservatore
San Marino San Marino Partito dei Socialisti e dei Democratici Partito dei Socialisti e dei Democratici osservatore
Tunisia Tunisia Forum Democratico per il Lavoro e le Libertà Ettakatol – Forum démocratique pour le travail et les libertés osservatore

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wolfram Nordsieck, European Union, su Parties and Elections in Europe, 2019. URL consultato il 30 maggio 2019 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2017).
  2. ^ a b Richard Dunphy, Contesting Capitalism?: Left Parties and European Integration, Manchester University Press, 2004, p. 103, ISBN 978-0-7190-6804-1.
  3. ^ (EN) The Party, su pes.eu. URL consultato il 5 ottobre 2021.
  4. ^ John Pinder, Simon Usherwood, The European Union: A Very Short Introduction, OUP Oxford, 2013, ISBN 978-0-1915-03931.
  5. ^ pes.eu.
  6. ^ a b Breve guida al Parlamento Europeo (PDF), su puntoeuropa.it, Punto Europa, pp. 8-9. URL consultato l'8 marzo 2014.
    «Nel 1973 viene formata la Confederazione dei Partiti Socialisti della Comunità europea.»
  7. ^ a b c Composizione del Parlamento, su europarl.europa.eu, Parlamento Europeo. URL consultato l'8 marzo 2014.
  8. ^ Zita Gurmai, President of PES Woman, 26 July 2012, Together for the Europe we need![collegamento interrotto], recuperato l'8 agosto 2012
  9. ^ a b (EN) The President, su PES.eu. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 24 marzo 2014).
    «Sergei Stanishev, PES President»
  10. ^ Pd entra nel Pse: 121 sì, 1 contrario, su unita.it, l'Unità, 27 febbraio 2014. URL consultato il 2 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2014).
    «La direzione Pd ha votato sì all'ordine del giorno che prevedeva l'adesione al Pse. Sono stati 121 i voti a favore, unico contrario quello di Beppe Fioroni, due gli astenuti.»
  11. ^ Il PSE "omaggia "il PD cambiando ufficialmente nome: PSE – Socialists&Democrats., su welfarenetwork.it, 2 marzo 2014. URL consultato il 20 settembre 2016.
  12. ^ https://www.socialistsanddemocrats.eu/it/socialrights
  13. ^ https://www.socialistsanddemocrats.eu/it/womensrights
  14. ^ https://www.socialistsanddemocrats.eu/it/taxjustice
  15. ^ PES. December 2009. PES Statutes adopted by the 8th Congress Archiviato il 7 agosto 2011 in Internet Archive., recuperato l'8 agosto 2012.
  16. ^ Van Hecke, Steven, Author, Karl Magnus, 1966-, Author Johansson, and Institutionen för samhällsvetenskaper, Statsvetenskap, Originator Södertörns högskola. 2013. "Summitry of Political Parties at European Level: The Case of the PES Leaders' Conference." In Next Left, 62. Brussels: FEPS - Foundation for European Progressive Studies, 2013. SwePub.
  17. ^ Our common candidate for 2014. PES Resolution Archiviato l'11 aprile 2014 in WebCite., recuperato l'8 agosto 2012.
  18. ^ PES Presidency declaration 14 April 2011.
  19. ^ PES Council. 24 November 2011.
  20. ^ Commissione europea, Die Kommissare, su ec.europa.eu, Commissione europea. URL consultato l'11 settembre 2018.
  21. ^ https://www.socialistsanddemocrats.eu/it/who-we-are/our-members/meps
  22. ^ a b (EN) PES member parties, su PES.eu. URL consultato il 3 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2013).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN128120870 · LCCN (ENn2005004942 · J9U (ENHE987007456869305171 · WorldCat Identities (ENlccn-n2005004942