Virginia Raggi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Virginia Raggi
Virginia Raggi - Festival Economia 2016.jpg
Virginia Raggi al Festival dell'economia di Trento 2016

Sindaco di Roma
In carica
Inizio mandato 22 giugno 2016
Predecessore Francesco Paolo Tronca
(commissario prefettizio)

Sindaco metropolitano di Roma
In carica
Inizio mandato 22 giugno 2016
Predecessore Mauro Alessandri
(vicesindaco metropolitano)

Dati generali
Partito politico Movimento 5 Stelle
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università degli Studi Roma Tre
Professione Avvocato
Firma Firma di Virginia Raggi

Virginia Raggi (Roma, 18 luglio 1978) è una politica italiana, sindaco di Roma e della città metropolitana dal 22 giugno 2016.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Originaria del quartiere Appio-Latino di Roma[1], è diplomata al Liceo Scientifico Statale Isacco Newton[2] e si è laureata in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi Roma Tre[1][3], specializzata in diritto civile, giudiziale e stragiudiziale. Nel 2003 incominciò la pratica forense presso lo studio di Cesare Previti[1] muovendo in seguito verso lo studio Sammarco[3]. Nel 2007 fu nominata cultore della materia presso l'Università degli Studi di Roma Foro Italico[4]. Nel curriculum per il Campidoglio[5] dichiara - sempre con riferimento al 2007 - di essere "vincitore del Dottorato di ricerca in Diritto europeo, storia e sistemi giuridici dell'Europa - Diritto europeo su base storico-comparatistica" XXIII Ciclo, avviato nel 2007 presso l'Università di Roma Tre e di durata triennale[6].

È sposata con il regista radiofonico Andrea Severini[1] dal quale ha avuto un figlio, Matteo.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Attivista nel comitato di quartiere della sua zona[1][3][7], fa parte del Movimento 5 Stelle dal 2011 ed è inoltre stata co-fondatrice del gruppo omonimo presso il XIV Municipio di Roma[3].

Alle elezioni comunali romane del 2013 Virginia Raggi ottenne 1 525 voti di preferenza, venendo quindi eletta consigliere comunale: nel corso del mandato, si è occupata soprattutto di politiche scolastiche e occupazionali della città[4]. Nelle primarie on-line organizzate dal Movimento 5 Stelle[7], per designare il candidato del partito[3] in seguito alla decadenza di Ignazio Marino da sindaco di Roma[8], risultò la più votata (1 764 voti su 3 862 votanti, pari al 45,5% delle preferenze).

Sindaco di Roma[modifica | modifica wikitesto]

Elezione[modifica | modifica wikitesto]

Virginia Raggi in una conferenza dopo il primo turno delle elezioni amministrative del 2016

Il 5 giugno 2016, con i 461 190 voti ottenuti al primo turno delle elezioni amministrative (pari al 35,25%), risultò il candidato più votato[9], il successivo 19 giugno vinse il ballottaggio con 770 564 voti (67,15%), prevalendo sull'esponente del PD Roberto Giachetti[9], ottenendo 29 seggi in Assemblea Capitolina e diventando così il più giovane sindaco di Roma della storia e, allo stesso tempo, anche la prima donna a ricoprire tale carica[10]. Per effetto dell'elezione è anche sindaco metropolitano di Roma Capitale, suddivisione amministrativa che ha sostituito la provincia di Roma.

Il 19 dicembre 2017 ha annunciato di non aver intenzione di ricandidarsi a sindaco di Roma, in ottemperanza con la regola interna del M5S che vede possibile completare al massimo due mandati.[11]

Giunta[modifica | modifica wikitesto]

La giunta comunale è formata dal sindaco, dal vicesindaco e da altri 11 assessori.

La prima giunta è stata presentata il 7 luglio 2016 durante la prima seduta del consiglio comunale[12], anche se da allora 9 assessori hanno rassegnato le proprie dimissioni, in alcuni casi irrevocabili.

Membri attuali[modifica | modifica wikitesto]

La giunta comunale è formata da sei uomini e sei donne:[13]

  • Luca Bergamo, vicesindaco dal 22 dicembre 2016[14] e assessore alla crescita culturale dal 7 luglio 2016[15];
  • Carlo Cafarotti, assessore allo sviluppo economico, al turismo e al lavoro dal 14 maggio 2018[16];
  • Pietro Calabrese, assessore alla città in movimento dal 23 settembre 2019[17];
  • Antonio De Santis, assessore al personale, all'anagrafe e allo stato civile, ai servizi demografici ed elettorali dal 16 gennaio 2019[18];
  • Laura Fiorini, assessore al verde, al benessere degli animali e ai rapporti con la cittadinanza attiva nell'ambito del decoro urbano dal 4 settembre 2019[19];
  • Daniele Frongia, assessore allo sport, alle politiche giovanili e ai grandi eventi dal 7 luglio 2016 e vicesindaco tra il 7 luglio[15] e il 22 dicembre 2016[14];
  • Gianni Lemmetti, assessore al bilancio dal 24 agosto 2017[20] e al coordinamento strategico delle partecipate;
  • Veronica Mammi, assessore alla persona, alla scuola e alla comunità solidale dal 23 settembre 2019[17];
  • Linda Meleo, assessore alle infrastrutture dal 23 settembre 2019[17] e assessore alla città in movimento tra il 7 luglio 2016[15] e il 23 settembre 2019;
  • Luca Montuori, assessore all'urbanistica dal 10 marzo 2017[21];
  • Valentina Vivarelli, assessore al patrimonio e alle politiche abitative dal 23 settembre 2019[17].

Membri passati[modifica | modifica wikitesto]

  • Laura Baldassarre, assessore alla persona, alla scuola e alla comunità solidale dal 7 luglio 2016[15] al 23 settembre 2019[17];
  • Paolo Berdini, assessore all'urbanistica dal 7 luglio 2016[15] al 15 febbraio 2017[22];
  • Rosalia Alba Castiglione, assessore al patrimonio e alle politiche abitative dal 4 agosto 2017[23] al 23 settembre 2019;
  • Massimo Colomban, assessore alla riorganizzazione delle partecipate dal 1º ottobre 2016[24] al 10 ottobre 2017[25];
  • Margherita Gatta, assessore alle infrastrutture dal 4 agosto 2017[23] al 23 settembre 2019;
  • Alessandro Gennaro, assessore al coordinamento strategico delle partecipate dall'11 ottobre 2017[26] al 16 maggio 2018[27];
  • Flavia Marzano, assessore per la Roma Semplice dal 7 luglio 2016[15] al 23 settembre 2019;
  • Andrea Mazzillo, assessore al bilancio e al patrimonio dal 1º ottobre 2016[24] al 24 agosto 2017[28];
  • Adriano Meloni, assessore allo sviluppo economico, al turismo e al lavoro dal 7 luglio 2016[15] all'11 maggio 2018[29];
  • Marcello Minenna, assessore al bilancio, al patrimonio e alla riorganizzazione delle partecipate dal 7 luglio[15] al 1º settembre 2016[30];
  • Giuseppina Montanari, assessore alla sostenibilità ambientale dal 22 dicembre 2016[14] all'8 febbraio 2019[31];
  • Paola Muraro, assessore alla sostenibilità ambientale dal 7 luglio[15] al 13 dicembre 2016[32].

Altri incarichi[modifica | modifica wikitesto]

Durante il mandato di sindaco Virginia Raggi ha assunto temporaneamente le cariche lasciate vacanti nei municipi di Roma e in seguito a dimissioni o revoche degli assessori nominati in giunta.

In seguito alle dimissioni del presidente dell'VIII Municipio, Paolo Pace, il 5 aprile 2017 diviene commissario dello stesso[33], rimanendo in carica fino all'11 giugno 2018, con l'elezione di Amedeo Ciaccheri a presidente del municipio[34].

Il 21 febbraio 2018 viene invece sfiduciata la presidente del III Municipio, Roberta Capoccioni, che lascia la presidenza ad interim al sindaco[35], rimasto in carica fino al 25 giugno dello stesso anno con l'elezione di Giovanni Caudo a presidente del municipio.[36]

Con la sfiducia del presidente dell'XI Municipio, Mario Torelli, il 9 aprile 2019, il sindaco ha assunto le deleghe di presidente.[37]

Provvedimenti principali[modifica | modifica wikitesto]

Virginia Raggi con la fascia tricolore

Il 6 marzo dello stesso anno la Raggi firma, con il premier Paolo Gentiloni, l'accordo con il quale il governo si impegna a stanziare 18 milioni di euro[38] per la riqualificazione delle periferie riguardanti il progetto presentato dal Comune di Roma[39] nell'ambito del Bando delle periferie indetto nel 2016 dal Governo Renzi.[40]

Nel mese di settembre 2017, l'OREF (il consiglio dei revisori dei conti del comune di Roma) ha fornito un parere negativo sull'approvazione del bilancio, elaborato dalla giunta con riferimento al 2016: in quell'occasione, il sindaco ha deciso di ignorare il parere negativo dell'organo, accusato dall'Assessore al Bilancio, Gianni Lemmetti, di voler impersonare un ruolo politico e non tecnico.[41]

Nel novembre dello stesso anno il sindaco Raggi guida un maxi-blitz di circa 500 agenti della polizia municipale che porta all'abbattimento di otto ville abusive appartenenti al clan criminale dei Casamonica.[42][43]

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 2017, dovendo affrontare una crisi idrica dovuta alla siccità e l'abbassamento del livello del lago di Bracciano, storica riserva idrica della capitale, la sindaca ha deliberato alcune misure drastiche come la chiusura di alcune fontane romane, tra cui i celebri nasoni, per ridurre lo spreco d'acqua.[44] La prima cittadina si è tuttavia opposta all'interruzione delle captazioni da parte di Acea Ato 2 nel bacino idrico del lago, voluta dalla regione Lazio. Nonostante i ricorsi della società al Tribunale Superiore delle acque pubbliche, le captazioni sono state interrotte nel mese di agosto 2017.[45][46]

Nell'estate dello stesso anno un incendio di natura dolosa ha bruciato 100 ettari[47] della pineta di Castel Fusano (Municipio X). Essendo il terzo incendio per grandezza nel parco (dopo quello del 2000[48] e quello del 2008), il sindaco ha deciso di aumentarne la sicurezza all'interno, installando due telecamere nel perimetro della pineta e progettando di potenziare il servizio di sorveglianza e la dotazione del servizio giardini per affrontare le problematiche legate al parco più grande della capitale.[49]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

In seguito all'intenzione di istituire il parco archeologico del Colosseo, ritenuto lesivo agli interessi di Roma Capitale, l'amministrazione nell'aprile 2017 ha fatto ricorso al tribunale amministrativo del Lazio, che ha annullato i provvedimenti del MiBACT nei mesi seguenti.[50] Tuttavia il 24 luglio successivo il Consiglio di Stato di Roma ha accolto il ricorso del ministero ribaltando la sentenza del tribunale.[51]

Nel gennaio 2018, l'assemblea capitolina ha deliberato lo stanziamento di 722 000 euro nel bilancio 2018-2020 per il risanamento e la riapertura del museo della civiltà romana, situato nel quartiere Europa e chiuso dal febbraio 2014 per lavori di adeguamento della struttura.[52] I primi lavori erano partiti nel giugno 2017[53] ed è previsto un collaudo e la conseguente apertura parziale per gli ultimi mesi del 2019.[54]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante le iniziali dichiarazioni riguardanti l'organizzazione di un referendum consultivo sull'eventuale candidatura di Roma a futura sede per le olimpiadi del 2024[55], il 21 settembre 2016, il sindaco annuncia ufficialmente il ritiro della città dalla selezione, e il 29 settembre successivo il consiglio comunale approva la mozione per bloccare la candidatura della città con 30 voti favorevoli e 12 contrari. Il rifiuto è stato causato dalla presunta impossibilità per Roma di trovarsi pronta ad ospitare un evento di grande portata come i giochi olimpici, ricordando le conseguenze delle olimpiadi del 1960.[56][57]

Il 24 febbraio 2017 il sindaco raggiunge e sigla, dopo giorni di accese polemiche, un nuovo accordo con il presidente della società calcistica A.S. Roma, James Pallotta e il costruttore Luca Parnasi, proprietario del terreno, riguardante la costruzione di un nuovo stadio (di proprietà dell'A.S. Roma) che andrà a sorgere al posto dell'Ippodromo di Tor di Valle. Questo nuovo accordo stabilisce, rispetto al precedente siglato dalla giunta guidata da Ignazio Marino, il taglio di circa metà delle cubature previste nel progetto iniziale, la messa in sicurezza dal rischio idrogeologico del quartiere Decima e la ristrutturazione della stazione di Tor di Valle della ferrovia Roma-Lido.[58] Il 14 giugno successivo il consiglio comunale approva la delibera riguardante il nuovo progetto.[59] Nel giugno 2018 lo stadio precedentemente annunciato, viene coinvolto in un'inchiesta che provoca l'arresto e il confinamento agli arresti domiciliari del costruttore Luca Parnasi, del presidente di Acea, Luca Lanzalone, del vicepresidente del consiglio regionale del Lazio, Adriano Palozzi e dell'ex assessore regionale Michele Civita (rilasciato il 7 luglio 2018[60]).[61]

Il 21 aprile 2017 l'assemblea capitolina ha approvato una mozione che autorizza la giunta ad adottare gli atti opportuni al fine di portare a Roma il Gran Premio di Formula E, e nel giugno del 2017 la giunta, dopo aver raggiunto un accordo con il CEO di Formula E Holding Ltd. Alejandro Agag, ha approvato la delibera che stabilisce la volontà della città di ospitare nel 2018 il primo Gran Premio italiano di Formula E nel circuito cittadino nel quartiere dell'Eur.[62][63] Il 19 giugno la FIA stabilisce che il primo Gran Premio di Roma si disputerà il 14 aprile 2018.[64]

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Sul versante dei trasporti il sindaco ha permesso alla società in house ATAC di richiedere l'ammissione alla procedura di concordato preventivo, in modo tale da scongiurarne il fallimento. L'ammissione da parte del tribunale fallimentare è avvenuta il 27 luglio 2018[65], mentre il 9 gennaio 2019 la proposta è stata approvata dall'assemblea dei creditori.[66] Tale approccio è stato osteggiato principalmente dai Radicali Italiani, che hanno proposto la liberalizzazione del trasporto pubblico romano.[67] Nel mese di novembre 2018 si è tenuto inoltre un referendum consultivo sulla messa a gara del servizio, il cui risultato è stato invalidato per il mancato raggiungimento del quorum.[68]

Con l'avvicinarsi della scadenza del contratto firmato tra comune e Roma TPL nel 2010[69], è stata preparata la gara d'appalto per la gestione di un centinaio di linee della rete autobus in carico al consorzio privato. Nonostante diverse manifestazioni d'interesse, in seguito ad un ricorso presso il TAR (operato da Autoguidovie, Busitalia, GTM e SIA), il bando è stato ritirato[70], provocando la proroga del contratto con l'azienda al 1º gennaio 2020[71].

Nel 2018 la giunta ha approvato nuove norme per limitare l'accesso al centro storico ai bus turistici a partire dal 2019[72], causando proteste e ricorsi da parte di associazioni e dipendenti del settore.[73]

Nel 2019 la giunta ha autorizzato la municipalizzata capitolina a noleggiare e acquistare nuove vetture per compensare le mancanze del parco mezzi. In totale sono stati acquistati più di 200 Menarinibus Citymood e sono stati noleggiati 38 autobus (VDL Citea, Iveco Bus Urbanway e Indcar Mobi City) dalla Cialone Tour S.p.A. di Ferentino per la durata di un anno.

L'intera giunta è stata aspramente criticata tra il 2018 e il 2019 per la prolungata chiusura delle stazioni della linea A della metropolitana Barberini, Spagna e Repubblica a causa di un incidente dovuto al collasso di una scala mobile in quest'ultima.[74] Per tale ragione il comune ha rescisso il contratto con la Metroroma s.r.l. (titolare della manutenzione di tali impianti nelle stazioni)[75], che ha tuttavia presentato ricorso imputando la scarsa manutenzione alla municipalizzata dei trasporti e richiedendo un risarcimento.[76]

Nell'agosto 2019 il sindaco, con l'assessore Margherita Gatta e la presidente del II Municipio Francesca Del Bello, ha inaugurato i lavori di abbattimento di un tratto della Tangenziale Est posto nei pressi della stazione di Roma Tiburtina.[77]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la vittoria alle primarie online del Movimento 5 Stelle, e in seguito ad alcuni retroscena pubblicati dal quotidiano romano Il Tempo[78], Virginia Raggi rese noto che, tra il 2003 e il 2006, aveva svolto praticantato forense presso lo studio legale di Cesare Previti, già avvocato di Silvio Berlusconi e ministro della difesa nel governo Berlusconi I[79]. Accusata di aver omesso tale particolare sia nel suo curriculum che sulla biografia personale sul blog di Beppe Grillo[1], emerse in seguito il suo legame professionale con l'avvocato Pieremilio Sammarco (anch'egli indirettamente legato a Previti e Berlusconi in quanto rappresentati da suo fratello Alessandro), con il quale avrebbe svolto pratica legale e nel cui studio aveva lavorato fino a inizio 2016[80].

Riguardo alle polemiche legate a un contratto imposto — personalmente da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio — a tutti i candidati del Movimento 5 Stelle, in cui si prevedono multe e richieste di dimissioni dagli incarichi elettivi ricoperti qualora i sottoscrittori fossero ritenuti autori di atti lesivi del buon nome del partito, la Raggi, che all'epoca ancora non ricopriva carica di sindaco, affermò la propria disponibilità a rassegnare le dimissioni da eventuali incarichi qualora indagata o dietro espressa richiesta del leader[81].

Il 17 giugno 2016, alla vigilia del ballottaggio, si venne a sapere dell'esistenza di due consulenze legali (una prestata nel 2012 e l'altra nel 2014) relative ad altrettante attività di recupero crediti da parte dell'Azienda sanitaria locale di Civitavecchia; la Raggi fu accusata di non aver denunciato la più recente delle due consulenze, affidatale all'epoca in cui era già consigliere comunale a Roma, una carica che la escludeva per legge dall'albo dei professionisti a cui possono attingere le amministrazioni pubbliche che vogliano avvalersi di prestazioni professionali legali per le loro controversie giuridiche[82]; responsabile del procedimento di assegnazione dell'incarico risultava essere, secondo la Repubblica, la dirigente Asl Gigliola Tassarotti, madre della deputata del Movimento 5 Stelle Marta Grande[83]. Successivamente l'indagine fu archiviata[84].

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 gennaio 2017 viene indagata per falso ideologico e abuso d'ufficio[85] nell'ambito dell'inchiesta sulla nomina a capo del dipartimento turismo di Renato Marra, il cui fratello Raffaele, ex capo del personale, era stato arrestato per corruzione[86]. Con la chiusura delle indagini nel mese di settembre viene rinviata a giudizio con l'accusa di falso ideologico in atto pubblico[87]. Il processo, svoltosi con giudizio immediato su richiesta della stessa imputata, è iniziato il 20 giugno 2018[88] e si è concluso il 10 novembre successivo con la sua assoluzione in primo grado poiché "il fatto non costituisce reato"[89]. Il pubblico ministero aveva chiesto una condanna a 10 mesi di reclusione[90].

Nel febbraio 2017 è risultata indagata per abuso d'ufficio con Salvatore Romeo per la nomina di quest'ultimo a capo della segreteria politica del Campidoglio[91], tuttavia il processo è stato archiviato il 20 febbraio 2018.[92]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Marco Damilano, Virginia Raggi, chi è la donna che spaventa Renzi e Berlusconi, in L'Espresso, 16 marzo 2016. URL consultato l'11 giugno 2016.
  2. ^ Home Page - Liceo, su liceonewtonroma.gov.it, Liceo Isaac Newton. URL consultato il 17 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2019).
  3. ^ a b c d e Virginia Raggi, Chi Sono - Virginia Raggi, su movimento5stelle.it, Movimento 5 Stelle. URL consultato l'11 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2016).
  4. ^ a b Chi è Virginia Raggi, candidata a sindaco di Roma del Movimento 5 Stelle, in il Post, 24 febbraio 2016. URL consultato l'11 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2016).
  5. ^ C.V. di Virginia Raggi del 20 ottobre 2017 (PDF), su comune.roma.it.
  6. ^ Francesca Cantù, Il dottorato di ricerca a Roma Tre: analisi e bilancio, in Analysis, vol. 2008, nº 1.
  7. ^ a b Claudia Daconto, Virginia Raggi candidata sindaco di Roma del M5S: perché è stata scelta, in Panorama, 24 febbraio 2016. URL consultato l'11 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2016).
  8. ^ Valeria Forgione e Viola Giannoli, Roma, è finita l'era Marino: 26 consiglieri consegnano le dimissioni, decade la giunta, in la Repubblica, 30 ottobre 2015. URL consultato il 30 giugno 2016.
  9. ^ a b Elezioni 2016, Comune di Roma, su interno.it, Ministero dell'Interno. URL consultato il 21 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2016).
  10. ^ Viola Giannoli, Chi è Virginia Raggi: la prima sindaca di Roma, in la Repubblica, 20 giugno 2016. URL consultato il 20 giugno 2016.
  11. ^ Raggi: “Non mi ricandido, c’è la regola. Arrivare viva alla fine sarà un successo”, in La Stampa, 19 dicembre 2017. URL consultato il 4 settembre 2019.
  12. ^ Da Frongia a Morgante, ecco la squadra Capitale, in Adnkronos, 7 luglio 2016. URL consultato il 27 giugno 2019.
  13. ^ Roma Capitale, su www.comune.roma.it. URL consultato il 4 settembre 2019.
  14. ^ a b c Ordinanza N° 147 del 22 dicembre 2016 (PDF), su comune.roma.it, 22 dicembre 2016. URL consultato il 4 settembre 2019.
  15. ^ a b c d e f g h i Ordinanza N° 14 del 7 luglio 2016 (PDF), su comune.roma.it, 7 luglio 2016. URL consultato il 4 settembre 2019.
  16. ^ Ordinanza N° 88 del 14 maggio 2018 (PDF), su comune.roma.it, 14 maggio 2018. URL consultato il 4 settembre 2019.
  17. ^ a b c d e Ordinanza N° 174 del 23 settembre 2019 (PDF), su comune.roma.it, 23 settembre 2019. URL consultato il 18 novembre 2019.
  18. ^ Ordinanza N° 6 del 16 gennaio 2019 (PDF), su comune.roma.it, 16 gennaio 2019. URL consultato il 4 settembre 2019.
  19. ^ Laura Fiorini nuova assessora al Verde, Benessere degli animali e Rapporti con la cittadinanza attiva, in Roma Capitale, 4 settembre 2019. URL consultato il 4 settembre 2019.
  20. ^ Ordinanza N° 143 del 24 agosto 2017 (PDF), su comune.roma.it, 24 agosto 2017. URL consultato il 4 settembre 2019.
  21. ^ Ordinanza N° 43 del 10 marzo 2017 (PDF), su comune.roma.it, 10 marzo 2017. URL consultato il 4 settembre 2019.
  22. ^ Accettazione dimissioni dell'assessore Paolo Berdini (PDF), su comune.roma.it, 15 febbraio 2017. URL consultato il 4 settembre 2019.
  23. ^ a b Ordinanza N° 127 del 4 agosto 2017 (PDF), su comune.roma.it, 4 agosto 2017. URL consultato il 4 settembre 2019.
  24. ^ a b Ordinanza N° 78 del 1º ottobre 2016 (PDF), su comune.roma.it, 1º ottobre 2016. URL consultato il 4 settembre 2019.
  25. ^ Formalizzazione dimissioni dell'assessore Massimo Colomban (PDF), su comune.roma.it, 10 ottobre 2017. URL consultato il 4 settembre 2019.
  26. ^ Ordinanza N° 162 dell'11 ottobre 2017 (PDF), su comune.roma.it, 11 ottobre 2017. URL consultato il 4 settembre 2019.
  27. ^ Formalizzazione dimissioni dell'assessore Alessandro Gennaro (PDF), su comune.roma.it, 16 maggio 2018. URL consultato il 4 settembre 2019.
  28. ^ Ordinanza N° 142 del 24 agosto 2017 (PDF), su comune.roma.it, 24 agosto 2017. URL consultato il 4 settembre 2019.
  29. ^ Formalizzazione dimissioni dell'assessore Adriano Meloni (PDF), su comune.roma.it, 9 maggio 2018. URL consultato il 4 settembre 2019.
  30. ^ Accettazione dimissioni dell'assessore Marcello Minenna (PDF), su comune.roma.it, 1º settembre 2016. URL consultato il 4 settembre 2019.
  31. ^ Roma, bocciato il bilancio Ama. Si dimette Giuseppina Montanari, assessore all'Ambiente, in HuffPost, 8 febbraio 2019. URL consultato il 6 settembre 2019.
  32. ^ Accettazioni dimissioni dell'assessore Paola Muraro (PDF), su comune.roma.it, 13 dicembre 2016. URL consultato il 4 settembre 2019.
  33. ^ Fabio Grilli, Municipio VIII, M5s dura solo 9 mesi. Pace lascia e mette tutti d'accordo: "Elezioni subito", in Roma Today, 5 aprile 2017. URL consultato il 4 settembre 2019.
  34. ^ Vincenzo Bisbiglia, Amministrative, il M5s è fuori dai ballottaggi nei due Municipi di Roma. Vince il “modello civico” di Zingaretti, in Il Fatto Quotidiano, 11 giugno 2018. URL consultato il 4 settembre 2019.
  35. ^ Simone Canettieri, Roma, sfiduciata la mini-sindaca M5S del III municipio: «Ma sarà commissaria», in Il Messaggero, 21 febbraio 2018. URL consultato il 4 settembre 2019.
  36. ^ Elezioni municipio III, trionfa Giovanni Caudo: il centrosinistra si riprende piazza Sempione, in Roma Today, 25 giugno 2018. URL consultato il 4 settembre 2019.
  37. ^ Valeria Costantini, Il M5s perde un altro Municipio: sfiduciato Mario Torelli, in Corriere della Sera, 9 aprile 2019. URL consultato il 5 settembre 2019.
  38. ^ Redazione Roma, Periferie, il Comune: aggiudicati 18 milioni per la riqualificazione, in Corriere della Sera. URL consultato il 16 marzo 2017.
  39. ^ Bando delle Periferie. In arrivo 18milioni di euro per Roma. Ci sarà posto anche per l’Ecomuseo Casilino?, su Ecomuseo Casilino. URL consultato il 16 marzo 2017.
  40. ^ Periferie arrivano fondi governo. De Magistris: "In estate giù Vele Scampia" - Politica, in ANSA.it, 6 marzo 2017. URL consultato l'8 marzo 2017.
  41. ^ Quando nel 2015 Raggi bacchettava Marino: "Importante ascoltare l’Oref", in La Stampa, 29 settembre 2017. URL consultato il 30 settembre 2017.
  42. ^ Casamonica, maxi-blitz per abbattere otto ville del clan al Quadraro: in campo 500 uomini e la sindaca Virginia Raggi, su Il Fatto Quotidiano, 20 novembre 2018. URL consultato il 3 gennaio 2019.
  43. ^ Roma: blitz nella notte, avviato l'abbattimento di 8 villette abusive del clan Casamonica, su Agi. URL consultato il 3 gennaio 2019.
  44. ^ Lorenzo Vendemiale, Siccità Roma, chiusi primi trenta nasoni. Mozione M5s per rendere a pagamento le “Case dell’acqua”: il Pd va all’attacco, in il Fatto Quotidiano, 4 luglio 2017. URL consultato il 27 giugno 2017.
  45. ^ Relazione ISPRA sul lago di Bracciano (PDF), ISPRA, 18 ottobre 2017. URL consultato il 29 giugno 2019.
  46. ^ Stop ai prelievi dal lago di Bracciano, vince la linea della Regione: il Tribunale respinge il ricorso di Acea, in RomaToday, 26 luglio 2018. URL consultato il 29 giugno 2019.
  47. ^ Valeria Costantini, Castel Fusano, allarme incendi per la pineta abbandonata a se stessa, in Corriere della Sera, 3 giugno 2018. URL consultato il 28 giugno 2019.
  48. ^ Giulio Mancini, Castel Fusano, il grande incendio di 17 anni fa: la pineta ridotta in cenere, in Il Messaggero, 2 luglio 2017. URL consultato il 28 giugno 2019.
  49. ^ Lorenzo Nicolini e Veronica Altimari, Castel Fusano: un anno dopo gli incendi poco è cambiato nella pineta. E' allarme baraccopoli, in Roma Today, 29 giugno 2018. URL consultato il 6 settembre 2019.
  50. ^ Colosseo, Tar accoglie ricorso sul Parco archeologico: “Roma perde risorse”. Raggi: “Vittoria dei cittadini”, in Il Fatto Quotidiano, 7 giugno 2017. URL consultato il 6 settembre 2019.
  51. ^ Paolo Conti, Via libera la Parco archeologico del Colosseo. Dal tram al palcoscenico, tutti i progetti, in Corriere della Sera, 25 luglio 2017. URL consultato il 6 settembre 2019.
  52. ^ Fabio Grilli, Museo Civiltà Romana: 722 mila euro per il risanamento, in RomaToday, 11 gennaio 2018. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  53. ^ Museo della Civiltà Romana: iniziati i lavori per la messa in sicurezza, in Roma Today, 15 giugno 2017. URL consultato il 6 settembre 2019.
  54. ^ Leonardo Mancini, Eur: si procede verso una riapertura parziale del Museo della Civiltà Romana, in Urloweb, 14 maggio 2019. URL consultato il 6 settembre 2019.
  55. ^ Maria Rosaria Spadaccino, Grazie ai partiti a Roma ci sono i clan, ma la città non è solo questo, in Corriere della Sera, 25 febbraio 2016. URL consultato il 2 agosto 2018.
  56. ^ Roma 2024: il Campidoglio vota il 'no' alle Olimpiadi. È scontro con il Coni, in Rai News, 29 settembre 2016. URL consultato il 4 settembre 2019.
  57. ^ Olimpiadi Roma 2024, sindaco Raggi dice no: “E’ da irresponsabili il sì alla candidatura”. Malagò: “Da lei solo pretestuose questioni di principio”, in Il Fatto Quotidiano, 21 settembre 2016. URL consultato il 4 settembre 2019.
  58. ^ Giovanni Gagliardi, "Lo stadio della Roma si farà senza le tre torri", l'annuncio di Virginia Raggi, in la Repubblica, 24 febbraio 2017. URL consultato il 4 settembre 2019.
  59. ^ Lorenzo Vendemiale, Stadio della Roma si farà: approvata la delibera decisiva, ma senza i voti di tre consiglieri M5s, in Il Fatto Quotidiano, 14 giugno 2017. URL consultato il 4 settembre 2019.
  60. ^ Edoardo Izzo, Stadio della Roma, Riesame: “L’ex assessore Civita non doveva essere arrestato”, in La Stampa, 7 luglio 2018. URL consultato il 6 settembre 2019.
  61. ^ Vincenzo Bisbiglia, Stadio Roma, 9 arresti tra politici e imprenditori: anche Parnasi, Lanzalone (consulente M5s), Palozzi (Fi) e Civita (Pd), in Il Fatto Quotidiano, 13 giugno 2018. URL consultato il 6 settembre 2019.
  62. ^ All'Eur arriva il Gran Premio: la Giunta dice sì alla Formula E, in RomaToday. URL consultato il 19 giugno 2017.
  63. ^ Formula E a Roma: è fatta, in La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 19 giugno 2017.
  64. ^ Formula E, ufficiale: il 14 aprile 2018 gara a Roma, in Corriere dello Sport, 19 giugno 2017. URL consultato il 6 settembre 2019.
  65. ^ Concordato Atac, c'è il via libera del Tribunale fallimentare, in Roma Today, 27 luglio 2018. URL consultato il 2 agosto 2018.
  66. ^ Atac, in via di ultimazione conteggio dei voti: assemblea creditori approva piano di concordato con una maggioranza pari a circa il 70%, in ATAC, 9 gennaio 2019. URL consultato il 4 settembre 2019.
  67. ^ Atac, Radicali: "Anac conferma nostre denunce", in RomaDailyNews, 21 luglio 2018. URL consultato il 4 settembre 2019.
  68. ^ Rory Cappelli e Simona Casalini, Referendum Atac, quorum lontano: solo il 16,4 % dei romani alle urne. Tra i votanti il Sì raggiunge il 74%, in la Repubblica, 11 novembre 2018. URL consultato il 4 settembre 2019.
  69. ^ Contratto tra Roma TPL e Roma Capitale (PDF), su agenzia.roma.it, 7 ottobre 2010. URL consultato il 6 settembre 2019.
  70. ^ Ginevra Nozzoli, Roma Tpl, il bando bocciato per i bus periferici è da rifare: ecco le ragioni dei giudici, in RomaToday, 6 marzo 2019. URL consultato il 27 giugno 2019.
  71. ^ Roma Tpl, è ufficiale: contratto prorogato fino al 1 gennaio 2020, in RomaToday, 25 maggio 2018. URL consultato il 27 giugno 2019.
  72. ^ Roma, bus turistici via dal centro storico dal 2019, Raggi esulta dopo la sentenza del Tar, in Il Messaggero, 12 ottobre 2018. URL consultato il 4 settembre 2019.
  73. ^ Camilla Romana Bruno, Bus turistici bloccano il centro di Roma: "Con piano Raggi lavoro a rischio per 15mila persone", in la Repubblica, 20 dicembre 2018.
  74. ^ Alessandra Camilletti, Metro A Repubblica riapre dopo 8 mesi. Raggi chiede scusa. I cittadini: «Vergogna mondiale», in Il Messaggero, 26 giugno 2019. URL consultato il 27 giugno 2019.
  75. ^ Adelaide Pierucci, Roma, metro Barberini, perizia choc: «Scale mobili riparate con fascette di metallo», in Il Messaggero, 29 aprile 2019. URL consultato il 27 giugno 2019.
  76. ^ Lorenzo De Cicco, Il disastro delle metro A e B: quasi 100 gli impianti guasti tra scale mobili e ascensori, in Il Messaggero, 21 giugno 2019. URL consultato il 27 giugno 2019.
  77. ^ Al via la demolizione della Tangenziale Est, in Adnkronos, 5 agosto 2019. URL consultato il 5 settembre 2019.
  78. ^ Alberto Di Majo, Ha lavorato con Previti. Accuse alla Raggi, in Il Tempo, 25 febbraio 2016. URL consultato il 6 settembre 2019 (archiviato il 26 febbraio 2016).
  79. ^ Roma, Raggi: "Mai lavorato per studio Previti, ho svolto lì la pratica forense", in Adnkronos, 25 febbraio 2016. URL consultato il 30 giugno 2016 (archiviato il 25 febbraio 2016).
  80. ^ Marco Lillo, Comunali Roma: Virginia Raggi e l’omissione sullo studio Previti, in Il Fatto Quotidiano, 27 febbraio 2016. URL consultato il 6 settembre 2019.
  81. ^ Alessandro Gilioli, Virginia Raggi: "Se Beppe Grillo me lo chiedesse, io mi dimetterei", in L'Espresso, 18 maggio 2016. URL consultato il 20 giugno 2016.
  82. ^ Comunali a Roma, due incarichi a Raggi dall'Asl di Civitavecchia. Il Pd: "Altra amnesia", in la Repubblica, 17 giugno 2016. URL consultato il 17 giugno 2016.
  83. ^ Giovanna Vitale, Incarichi Raggi, negli atti Asl la firma della madre di una 5Stelle, in la Repubblica, 19 giugno 2016. URL consultato il 6 settembre 2019.
  84. ^ Consulenze Asl, archiviata inchiesta sulla Raggi, in Il Tempo, 27 settembre 2016. URL consultato il 6 settembre 2019.
  85. ^ Federico Capurso e Jacopo Iacoboni, Roma, Raggi indagata per abuso e falso, in La Stampa, 25 gennaio 2017. URL consultato il 6 settembre 2019.
  86. ^ Roma, Marra arrestato per corruzione. Raggi: "Lui fuori, noi avanti". Gip: "Pericolosità sociale", in Repubblica, 16 dicembre 2016.
  87. ^ Falso in atto pubblico, chiesto rinvio a giudizio per Raggi, in Adnkronos, 28 settembre 2017. URL consultato il 6 settembre 2019.
  88. ^ Roma, Raggi a processo il 21 giugno: accolta richiesta di giudizio immediato, in Il Fatto Quotidiano, 5 gennaio 2018. URL consultato il 6 settembre 2019.
  89. ^ Simona Casalini e Maria Elena Vincenzi, Roma, processo Raggi, assolta la sindaca. "Questa sentenza spazza via due anni di fango", in la Repubblica, 10 novembre 2018. URL consultato il 6 settembre 2019.
  90. ^ Ilaria Sacchettoni, Sentenza Virginia Raggi, il pm chiede 10 mesi: «Mentì per evitare le dimissioni», in Corriere della Sera, 9 novembre 2018. URL consultato il 6 settembre 2019.
  91. ^ Campidoglio, Raggi indagata con Romeo per la nomina dell'ex capo segreteria, in la Repubblica, 7 febbraio 2017. URL consultato il 6 settembre 2019.
  92. ^ Ilaria Sacchettoni, Raggi assolta, archiviato caso sulla nomina di Romeo: «Su di me fango», in Corriere della Sera, 20 febbraio 2018. URL consultato il 6 settembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autoritàVIAF (EN7652147270389835700006 · WorldCat Identities (EN7652147270389835700006