Giovanni Tria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Tria
Giovanni Tria crop.jpg

Ministro dell'economia e delle finanze
In carica
Inizio mandato 1º giugno 2018
Presidente Giuseppe Conte
Predecessore Pier Carlo Padoan
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Indipendente
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università degli Studi di Roma "La Sapienza"
Professione Economista, docente e dirigente scolastico

Giovanni Tria (Roma, 28 settembre 1948) è un economista, accademico e politico italiano, dal 1º giugno 2018 ministro dell'Economia e delle Finanze nel Governo Conte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in Giurisprudenza, è stato docente di Economia, Macroeconomia, Storia del pensiero economico alle università di Perugia e "La Sapienza" di Roma. È docente ordinario di Economia politica all’Università di Roma Tor Vergata. Dal 2002 al 2009 è stato Direttore del CEIS Tor Vergata (Centre for Economic and International Studies)[1]. Nel 2017 è stato eletto preside della Facoltà di Economia[2].

È stato chiamato negli anni come esperto in diversi ministeri (Economia e finanze, Esteri, Pubblica amministrazione, Lavoro). È stato dal 2002 al 2006 e dal 2009 al 2012 membro del Consiglio di Amministrazione dell’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL). È stato presidente della Scuola nazionale dell'amministrazione della presidenza del Consiglio, dal 1º gennaio 2010 al 15 marzo 2016[3].

Fa parte del Comitato Economico della Fondazione Bettino Craxi[4].

Collabora con Il Foglio e con il sito Formiche.net e fa parte del comitato scientifico della Fondazione Magna Carta[5], un think tank il cui orientamento si ispira al liberalismo conservatore.[6]

Il 31 maggio 2018 è stato indicato come ministro dell'economia e delle finanze nel primo governo della XVIII legislatura guidato da Giuseppe Conte[7], entrando in carica il giorno dopo.

Da ministro ha espresso impegno nell'attuazione della Flat tax e del Reddito di cittadinanza.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Giovanni Tria, CEIS- Centre for Economic and International Studies. URL consultato il 13 settembre 2018 (archiviato il 13 settembre 2018).
  2. ^ Il Prof. Giovanni Tria eletto Preside della Facoltà di Economia dell'Università di Roma "Tor Vergata", su economia.uniroma2.it, Università degli Studi di Roma Tor Vergata. URL consultato il 31 maggio 2018 (archiviato il 19 ottobre 2017).
  3. ^ Firmato protocollo tra Scuola Nazionale dell’Amministrazione e la Scuola Albanese della Pubblica Amministrazione, su sna.gov.it, Scuola nazionale dell'amministrazione.
  4. ^ (IT) Comitato Economico Sociale – Fondazione Craxi, su www.fondazionecraxi.org. URL consultato il 1º giugno 2018.
  5. ^ Giovanni Tria, su magna-carta.it. URL consultato il 31 maggio 2018.
  6. ^ La Fondazione, su magna-carta.it. URL consultato il 31 maggio 2018.
  7. ^ Giovanni Tria verso il ministero dell'Economia: Lega-M5s, il governo sta per nascere. Paolo Savona resta in squadra, Libero, 31 maggio 2018. URL consultato il 31 maggio 2018 (archiviato il 1º giugno 2018).
  8. ^ Il ministro Tria: "Ok a Flat Tax e reddito di cittadinanza", in ilGiornale.it. URL consultato l'8 agosto 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN4282865 · ISNI (EN0000 0000 4521 0598 · SBN IT\ICCU\CFIV\231447 · LCCN (ENn2001093891 · GND (DE170955699