Legge elettorale italiana del 2015

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Legge elettorale italiana del 2015
Titolo esteso Legge 6 maggio 2015, n. 52 "Disposizioni in materia di elezione della Camera dei deputati."
Tipo Legge ordinaria
Stato Dichiarata parzialmente incostituzionale[1], annullata in parte dal 16 febbraio 2017[2]
Legislatura XVII
Proponente Testo unificato di una proposta di legge di iniziativa popolare e trenta proposte di legge di iniziativa parlamentare
Schieramento PD, NCD, UDC, SC, CD, PSI, MAIE
Date fondamentali
Promulgazione 6 maggio 2015
A firma di Sergio Mattarella
Testo
Rimando al testo in Gazzetta Ufficiale

La legge elettorale italiana del 2015, denominata ufficialmente legge 6 maggio 2015, n. 52[3], prevedeva in origine un sistema maggioritario a doppio turno con premio di maggioranza, soglia di sbarramento e cento collegi plurinominali con capilista "bloccati". Essa disciplina l'elezione della sola Camera dei deputati a decorrere dal 1º luglio 2016, in sostituzione della precedente legge elettorale del 2005, travolta dalla Corte costituzionale con un giudizio di parziale illegittimità costituzionale nel dicembre 2013 e tuttora in vigore limitatamente all'elezione del Senato.[4]

È comunemente nota come Italicum dal soprannome che le diede nel 2014 l'allora segretario del Partito Democratico e futuro presidente del Consiglio Matteo Renzi, suo principale promotore (fino a fine gennaio 2015 con l'appoggio anche di Forza Italia di Silvio Berlusconi, con il quale aveva stretto il Patto del Nazareno).

Nel gennaio 2017 la Corte costituzionale ha dichiarato incostituzionale il turno di ballottaggio, lasciando il premio di maggioranza per la lista che dovesse ottenere il 40% al primo (e quindi unico) turno. La Corte ha inoltre dichiarato incostituzionale la possibilità per i capilista bloccati che dovessero essere eletti in più collegi di scegliere discrezionalmente l'effettivo collegio di elezione: la scelta viene quindi affidata ad un sorteggio. Il sistema elettorale per la Camera dei deputati diventa così un sistema proporzionale a correzione maggioritaria.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La legge Calderoli (legge n. 270/2005, comunemente nota come Porcellum), approvata durante il Governo Berlusconi III, aveva regolato le elezioni politiche del 2006, 2008 e 2013, ed era stata duramente criticata perché accusata di stravolgere la volontà degli elettori e di non garantire sempre governabilità.

Per questi motivi il 26 gennaio 2009 venne presentata alla Camera dei deputati una proposta di legge elettorale di iniziativa popolare. Per tutta la XVI legislatura, tuttavia, tale proposta non venne mai esaminata.

Il 4 dicembre 2013[5], con sentenza pubblicata nel gennaio 2014[6], la Corte Costituzionale dichiarò incostituzionali le disposizioni della Legge Calderoli che assegnavano un premio di maggioranza indipendente dal raggiungimento di una soglia minima di voti e prevedevano la presenza di lunghe liste bloccate senza preferenze (le quali non rendevano i candidati riconoscibili all'elettore). La legge venne quindi di fatto trasformata in un proporzionale puro con un voto di preferenza (soprannominato Consultellum)[7][8]. Un'eventuale nuova legge elettorale avrebbe quindi dovuto tenere conto dei principi costituzionali indicati dalla Consulta.

Il 10 dicembre 2013, in seguito alla pressione del segretario del Partito Democratico Matteo Renzi, la Commissione Affari Costituzionali della Camera cominciò a esaminare la proposta di legge popolare di cui sopra e ne fece un testo unificato con ben trenta altre proposte di legge di iniziativa parlamentare.

Nel febbraio 2014 il Presidente del Consiglio Enrico Letta rassegnò le dimissioni a favore proprio di Renzi, insediatosi a capo dell'Esecutivo il 22 febbraio[9]. L'ex sindaco di Firenze diede subito nuovo impulso al DDL presentando numerosi emendamenti al testo unificato che lo modificarono profondamente, dando vita al primo Italicum. Inizialmente esso conteneva anche le norme relative all'elezione del Senato della Repubblica, ma l'11 marzo 2014, durante i lavori d'Aula, a seguito dell'approvazione di un emendamento del deputato del Partito Democratico, Giuseppe Lauricella, venne stralciata la parte riguardante il Senato, rendendo così la legge valida solo per la Camera dei Deputati, nell'ottica della riforma costituzionale allo studio in Parlamento che avrebbe dovuto rendere l'assemblea di Palazzo Madama non più direttamente elettiva. L'Italicum venne approvato dalla Camera in prima lettura il 12 marzo[10].

Dopo diversi mesi di latenza, l'esame della riforma elettorale riprese nel gennaio 2015 al Senato, dove subì molte modifiche frutto di trattative tra il Presidente del Consiglio da una parte e le altre forze politiche e la minoranza interna al PD dall'altra. La nuova versione dell'Italicum, tanto rivoluzionata rispetto alla prima da essere ribattezzata "Italicum 2.0", fu approvata dal Senato il 27 gennaio con il sostegno dei voti di Forza Italia. I senatori della minoranza PD rifiutarono di votare il provvedimento, uscendo dall'aula[11], rendendo così fondamentali i voti del centro-destra per l'approvazione.

Nel febbraio 2015 Forza Italia cambiò radicalmente la sua opinione sull'Italicum, arrivando perfino a definirla una legge autoritaria e incostituzionale e annunciando il suo voto contrario nella terza lettura della stessa.

La seconda versione della riforma elettorale venne trasmessa a Montecitorio, approdando nella Commissione Affari Costituzionali della Camera l'8 aprile 2015 e giungendo in Aula il 27 aprile[12]. Il 28 aprile, tra le proteste delle opposizioni, il governo decise di porre la questione di fiducia sui tre articoli del testo in discussione (il quarto non aveva subito modifiche e quindi non sarebbe stato votato) con l'intenzione di evitare modifiche a parti degli articoli stessi e quindi una quarta lettura al Senato, dove i numeri della maggioranza non erano così ampi come a Montecitorio[13]. Dopo aver superato tutti e tre i voti di fiducia, la riforma elettorale venne approvata in via definitiva pochi giorni dopo, il 4 maggio; al momento del voto finale i partiti di opposizione uscirono dall'aula in segno di protesta nei confronti del provvedimento da loro fortemente contestato e la minoranza del Partito Democratico votò contro in polemica con il segretario/premier Renzi[14].

Due giorni più tardi, il 6 maggio, il testo dell'Italicum arrivò al Quirinale, dove il Presidente della Repubblica Mattarella vi appose la sua firma, promulgando la nuova legge elettorale[15][16]. L'8 maggio il provvedimento compì il suo ultimo passaggio, venendo pubblicato in Gazzetta Ufficiale e diventando a tutti gli effetti legge dello Stato[17].

Caratteristiche principali e funzionamento[modifica | modifica wikitesto]

Prima versione dell'Italicum[modifica | modifica wikitesto]

La prima versione dell'Italicum approvata in prima lettura dalla Camera aveva le seguenti caratteristiche:

  • premio di maggioranza di 340 seggi (55% dei seggi, esclusi gli eletti nella circoscrizione Estero) alla lista o alla coalizione in grado di raggiungere il 37% dei voti;
  • ballottaggio tra le due liste o coalizioni più votate se nessuna dovesse raggiungere la soglia del 37%. Il vincitore ottiene 321 seggi (52%);
  • soglia di sbarramento nazionale al 12% per le coalizioni, al 4,5% per i partiti coalizzati e all'8% per i partiti non coalizzati;
  • suddivisione del territorio nazionale in più di 100 collegi plurinominali, da designare con un decreto legislativo che il governo era delegato a varare entro tre mesi dall'entrata in vigore della legge;
  • brevi liste bloccate senza possibilità di esprimere preferenze;

Questa versione subì poi pesanti modifiche al Senato dando vita alla seconda (e definitiva) versione dell'Italicum.

Versione definitiva dell'Italicum[modifica | modifica wikitesto]

Schema di scheda elettorale per il primo turno: per ogni lista la scheda riporta il contrassegno della lista, il nome del capolista bloccato e due linee orizzontali per esprimere i due voti di preferenza. In Valle d'Aosta e nelle province autonome di Trento e Bolzano non è possibile esprimere preferenze, essendo i collegi uninominali.

La versione finale approvata dal Parlamento e poi modificata dalla Corte costituzionale nel 2017 prevede;

  • premio di maggioranza di 340 seggi (55% dei seggi, esclusi gli eletti nella circoscrizione Estero) alla lista (non più alla coalizione) in grado di raggiungere il 40% dei voti (non più il 37%) al primo turno;
  • soglia di sbarramento unica al 3% su base nazionale per tutti i partiti, non essendo più previste le coalizioni;
  • suddivisione del territorio nazionale in 100 collegi plurinominali (designati successivamente con un decreto legislativo);[18]
  • designazione di un capolista "bloccato" in ogni collegio da parte di ciascun partito, con possibilità per i capilista di candidarsi in massimo 10 collegi;
    • Parte emendata con sentenza della Corte costituzionale depositata il 25 gennaio 2017. I capilista plurieletti vedranno il proprio collegio di elezione estratto a sorteggio[19]
  • possibilità per gli elettori di esprimere sulla scheda elettorale due preferenze "di genere" (obbligatoriamente l'una di sesso diverso dall'altra, pena la nullità della seconda preferenza) da scegliere tra le liste di candidati presentate;
  • per favorire l'alternanza di genere, l'obbligo di designare capilista dello stesso sesso per non più del 60% dei collegi nella stessa circoscrizione (regione) e di compilare le liste seguendo l'alternanza uomo-donna.
I collegi elettorali per la Camera dei deputati, tutti plurinominali fatta eccezione per la Valle d'Aosta e le province autonome di Trento e Bolzano.

Come precisato sopra, alla lista che raggiunge almeno il 40% dei voti al primo turno vengono automaticamente assegnati i 340 seggi derivanti dal premio di maggioranza, mentre i 277 seggi restanti (si escludono infatti quello della Valle d'Aosta e i 12 della circoscrizione Estero) vengono ripartiti fra le altre liste che superano lo sbarramento; questi ultimi seggi vengono ripartiti con metodo proporzionale, precisamente secondo il Metodo Hare-Niemeyer dei quozienti interi e dei più alti resti: i seggi vengono assegnati proiettando le percentuali ottenute dai partiti a livello nazionale sui 100 collegi (i seggi assegnati da ognuno di essi variano da un minimo di 3 a un massimo di 9).[20]

Il territorio dei 100 collegi è stato determinato, come previsto dalla legge, con il decreto legislativo 7 agosto 2015, n. 122, cercando di garantire la coerenza del bacino territoriale e l'omogeneità economico-sociale e storico-culturale di ciascun collegio, sulla base delle indicazioni di un'apposita Commissione, nominata dai Presidenti delle Camere e formata dal presidente dell'Istituto nazionale di statistica e da dieci docenti universitari ed esperti.[18] La Valle d'Aosta e le province autonome di Trento e Bolzano sono state divise in nove collegi uninominali (rispettivamente, uno, quattro e quattro collegi), mentre il resto d'Italia è stato diviso in 91 collegi plurinominali.[18] I voti espressi nei collegi uninominali sono in ogni caso computati nella determinazione della cifra elettorale nazionale di ciascuna lista ai fini della determinazione del numero di voti considerato come soglia di accesso alla ripartizione dei seggi e della determinazione della lista che ha ottenuto la maggiore cifra elettorale nazionale (in funzione del premio di maggioranza). Secondo la legge elettorale previgente, invece, il sistema dei collegi uninominali era previsto solo per la Valle d'Aosta e non era computato né ai fini dello sbarramento, né ai fini della determinazione del premio di maggioranza.

Inoltre, data la forte connessione con la legge di revisione costituzionale Renzi-Boschi che avrebbe trasformato l'elezione del Senato in elezione indiretta da parte dei Consigli regionali, nel testo dell'Italicum fu previsto che le nuove norme non si applicassero all'elezione del Senato e fu inserita una clausola di salvaguardia che posticipava l'applicazione delle sue disposizioni all'elezione della Camera a decorrere dal 1º luglio 2016, data per la quale il governo prevedeva che la riforma della Costituzione in discussione in Parlamento avrebbe terminato il suo iter e il Senato non sarebbe stato più direttamente elettivo. Tuttavia, la riforma costituzionale, approvata in via definitiva dal Parlamento italiano il 12 aprile 2016, non è stata approvata nel successivo referendum costituzionale del 4 dicembre 2016. Di conseguenza, fino all'eventuale emanazione di una nuova legge elettorale per il Senato, per l'elezione del Senato continuano ad applicarsi le disposizioni del Consultellum.

Iter di approvazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito i vari passaggi parlamentari:

  • 26 gennaio 2009 - Il disegno di legge di iniziativa popolare è presentato alla Camera dei Deputati;
  • 10 dicembre 2013 - La Commissione Affari costituzionali della Camera unifica il disegno di legge con altre 30 proposte di iniziativa parlamentare;
  • 30 gennaio 2014 - Dopo pesanti modifiche il disegno di legge giunge all'esame dell'Aula;
  • 11 marzo 2014 - Viene stralciata la parte riguardante il Senato della Repubblica;
  • 12 marzo 2014 - La Camera approva il disegno di legge con 365 sì, 156 no e 40 astenuti;
  • 27 gennaio 2015 - Il Senato approva, con modifiche, il disegno di legge con 184 sì, 66 no e 2 astenuti;
  • 4 maggio 2015 - La Camera approva in via definitiva il disegno di legge con 334 sì, 61 no e 4 astenuti;
  • 6 maggio 2015 - Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella firma la legge;
  • 8 maggio 2015 - L'Italicum viene pubblicato in G.U. e diventa legge;
  • 23 maggio 2015 - La nuova legge elettorale entra ufficialmente in vigore;
  • 7 agosto 2015 - Il governo, dopo aver recepito i pareri delle commissioni parlamentari, approva in via definitiva il decreto legislativo che determina i 100 collegi plurinominali previsti dalla legge elettorale (decreto legislativo 7 agosto 2015, n. 122).
  • 11 agosto 2015 - Anche il decreto legislativo viene pubblicato in Gazzetta Ufficiale.[18]

Ricorsi e dichiarazione di parziale incostituzionalità[modifica | modifica wikitesto]

Ipotesi su una possibile incostituzionalità della legge erano state sollevate già durante la sua discussione in Parlamento, in particolare riguardo al premio di maggioranza[21], ritenuto irragionevole, senza la certezza di una contestuale riforma del sistema bicamerale.[22] Un altro aspetto di possibile incostituzionalità, sottolineato da Massimo Luciani, è che molti parlamentari non sarebbero scelti dai cittadini, in particolare quelli eletti nelle liste dei partiti più piccoli, che porterebbero in Parlamento solo i capilista.[23][24] Una posizione più decisa è stata presa dal costituzionalista Massimo Villone, secondo cui l'Italicum manifesta molti vizi del Porcellum e "punta a una semplificazione forzosa del sistema politico, che non è un fine costituzionalmente rilevante".[25] Più in generale, se ne è evidenziata la relazione con la revisione costituzionale del governo Renzi (in termini di "combinato disposto")[26]: ad esempio, "con i 340 seggi in più del premio di maggioranza e una ventina di senatori, i numeri sarebbero sufficienti per un impeachment"[27]. A favore della legge si era dichiarato invece Augusto Barbera, sottolineando come il premio alla lista anziché alla coalizione rendesse impossibile la formazione di "coalizioni rabberciate, idonee a vincere ma non in grado di governare"; Barbera era inoltre convinto che la legge non ponesse problemi di legittimità costituzionale.[28] Dello stesso parere erano molti altri giuristi e costituzionalisti, come Francesco Clementi, Cesare Pinelli, Ida Nicotra e Carlo Fusaro, che hanno espresso un'opinione positiva sulla legge, ritenendo che avrebbe favorito l'aggregazione delle forze politiche e che, se combinata con la riforma del Senato e del bicameralismo che però è stata bocciata tramite referendum, avrebbe garantito la governabilità.[29]

Nel 2015 il comitato dei giuristi per la difesa della Costituzione[30] ha presentato varie[31] azioni di accertamento della violazione del diritto elettorale dei singoli cittadini, che si sono affidati al patrocinio degli avvocati che vinsero il ricorso contro il Porcellum, tra cui Felice Carlo Besostri [32]. Il primo ricorso che ha dato luogo a una remissione della questione alla Corte costituzionale è stato quello sollevato dinanzi al tribunale di Messina, che ha ammesso sei dei tredici dubbi di costituzionalità proposti, riguardanti il "vulnus al principio di rappresentanza territoriale", il "vulnus al principio di rappresentanza democratico", la "mancanza di soglia minima per accedere al ballottaggio", la "impossibilità di scegliere direttamente e liberamente i deputati", le "irragionevoli soglie di accesso al Senato residuate dal Porcellum", e la "irragionevole applicazione della nuova normativa limitata solo alla Camera dei deputati, a Costituzione invariata".[33] Il secondo ricorso che ha dato luogo a una remissione alla Corte costituzionale è stato quello sollevato dinanzi al tribunale di Torino[34], che ha ammesso due delle tredici eccezioni sollevate (su liste bloccate e premio di maggioranza al ballottaggio). Un terzo ricorso, sempre avanzato dal coordinamento di legali presieduto da Besostri, ha dato luogo a Perugia a una nuova remissione alla Corte costituzionale della questione di legittimità costituzionale della legge[35].

Il 19 settembre 2016, la Corte costituzionale ha deciso di rinviare la trattazione dei ricorsi sollevati dai Tribunali di Messina e di Torino prevista per il 4 ottobre 2016.[36] Sono poi sopraggiunte nel novembre 2016 anche le remissioni di questioni di costituzionalità avanzate dai tribunali di Trieste e Genova[37].

Il 25 gennaio 2017 la Corte costituzionale ha dichiarato l'illegittimità costituzionale parziale della legge[38]. In particolare, ha "rigettato la questione di costituzionalità relativa alla previsione del premio di maggioranza al primo turno e ha invece accolto le questioni relative al turno di ballottaggio, dichiarando l’illegittimità costituzionale delle disposizioni che lo prevedono". Inoltre, "ha accolto la questione relativa alla disposizione che consentiva al capolista eletto in più collegi di scegliere a sua discrezione il proprio collegio d’elezione. A seguito di questa dichiarazione di incostituzionalità, sopravvive comunque, allo stato, il criterio residuale del sorteggio".[39]

Al deposito delle motivazioni, il 9 febbraio 2017, con la sentenza n. 35 del 2017 la Corte costituzionale ha enunciato criteri utili per evitare nuove norme elettorali incostituzionali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Italicum, la decisione della Consulta: “Ballottaggio incostituzionale”. Ma sopravvive il premio di maggioranza
  2. ^ Corte costituzionale, sentenza n. 35 del 25 gennaio - 9 febbraio 2017
  3. ^ LEGGE 6 maggio 2015, n. 52, in Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, 8 maggio 2015. URL consultato l'8 maggio 2015.
  4. ^ Riforma elettorale, in Camera dei Deputati, 27 aprile 2015.
  5. ^ Incostituzionalità della Legge elettorale n. 270/2005 (PDF), Ufficio Stampa ― Corte Costituzionale, 4 dicembre 2013. URL consultato il 4 maggio 2015.
  6. ^ Sentenza n° 1/2014, Corte Costituzionale della Repubblica Italiana, 13 gennaio 2014. URL consultato il 5 maggio 2015.
  7. ^ Legge elettorale, ecco perché la Consulta ha bocciato il Porcellum, in Il Sole 24 Ore, 13 gennaio 2014.
  8. ^ Con il Consultellum al Pd solo 270 seggi, in Centro Italiano Studi Elettorali, 29 maggio 2014.
  9. ^ Renzi giura da premier. Gelido passaggio di consegne con Letta. In Cdm: "Ricreazione finita", http://qn.quotidiano.net, 22 febbraio 2014. URL consultato il 4 maggio 2015.
  10. ^ LAVORI PREPARATORI DEI PROGETTI DI LEGGE, Camera dei Deputati. URL consultato il 4 maggio 2015.
  11. ^ Legge elettorale: sì Senato a Italicum, torna alla Camera. Renzi: "Riforme vanno avanti", http://www.ansa.it, 27 gennaio 2015. URL consultato il 6 maggio 2015.
  12. ^ LAVORI PREPARATORI DEI PROGETTI DI LEGGE, Camera dei Deputati. URL consultato il 4 maggio 2015.
  13. ^ ITALICUM, IL GOVERNO PONE LA FIDUCIA, IL PD SI SPACCA. LE OPPOSIZIONI INSORGONO, BAGARRE IN AULA, http://www.rainews.it, 28 aprile 2015. URL consultato il 4 maggio 2015.
  14. ^ Italicum è legge, via libera della Camera alla nuova legge elettorale. Renzi supera prova, http://www.ansa.it, 4 maggio 2015. URL consultato il 4 maggio 2015.
  15. ^ Italicum: Mattarella firma la legge elettorale, http://www.ansa.it, 6 maggio 2015. URL consultato il 6 maggio 2015.
  16. ^ Mattarella ha firmato l'Italicum. Giudizi positivi da Fitch e Moody's, http://www.repubblica.it/, 7 maggio 2015. URL consultato il 7 maggio 2015.
  17. ^ Serie Generale n. 105 del 8-5-2015, Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, 8 maggio 2015. URL consultato l'8 maggio 2015.
  18. ^ a b c d Decreto legislativo 7 agosto 2015, n. 122, in Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, nº 185, 11 agosto 2015, pp. 1-14. URL consultato il 7 dicembre 2016.
  19. ^ http://www.cortecostituzionale.it/documenti/comunicatistampa/CC_CS_20170125174754.pdf
  20. ^ Ecco il nuovo Italicum, http://www.ilsecoloxix.it/, 27 gennaio 2015. URL consultato il 4 maggio 2015.
  21. ^ Maria Agostina Cabiddu, IL PACCHETTO (DELLE RIFORME COSTITUZIONALI) E LO SPACCHETTAMENTO, in Astrid, Cambiare la Costituzione?, 2016, Maggioli Editore, p. 263: "Fra le rationes decidendi della dichiarazione d’incostituzionalità della legge n. 270 del 2005 individuate dalla Corte costituzionale, quella dell'«eccessiva divaricazione tra la compressione dell'organo di rappresentanza politica (…) e la volontà dei cittadini espressa attraverso il voto» (sentenza n. 1 del 2014), sicché sembra ragionevole ritenere che non diversa dovrebbe essere la sorte del cosiddetto Italicum, in forza del quale una lista, in sede di ballottaggio, col 20 o 25 per cento dei voti, potrebbe, grazie al premio di maggioranza, conseguire la maggioranza dei seggi."
  22. ^ Italicum, prove tecniche di incostituzionalità su giornalettismo.com
  23. ^ Luciani "Così com'è quella legge è incostituzionale" su repubblica.it
  24. ^ Autorevoli costituzionalisti contro la legge elettorale di Matteo Renzi e Silvio Berlusconi. "È peggio del Porcellum" su huffingtonpost.it
  25. ^ Mattarella presidente, Villone: "Italicum incostituzionale, capo dello Stato lo dirà" su ilfattoquotidiano.it
  26. ^ http://www.freenewsonline.it/?p=8715
  27. ^ http://www.lettera43.it/politica/besostri-la-riforma-boschi-e-un-colpo-al-colle_43675258542.htm
  28. ^ Italicum: più pregi che difetti di Augusto Barbera su rivistailmulino.it
  29. ^ Riforma del Senato, il sì dei costituzionalisti: "Svolta attesa da decenni" su unita.tv
  30. ^ Nato "da una costola del Coordinamento per la Democrazia Costituzionale" e composto da "un centinaio di professionisti liberi, autonomi, democratici e progressisti, che mi son limitato a coordinare": così Felice Carlo Besostri, Adesso diciamo Sì all’attuazione della Costituzione, Il Manifesto, 10 dicembre 2016, secondo cui "tra i ricorrenti, oltre che cittadini, figurano parlamentari del M5S, di SEL-SI e una parlamentare di Innovatori e Civici".
  31. ^ http://www.agi.it/politica/notizie/italicum_besostri_presentati_due_ricorsi-201511071446-pol-rt10050
  32. ^ http://www.left.it/2015/10/27/italicum-felice-besostri-ecco-perche-e-incostituzionale-dalla-prossima-settimana-i-ricorsi/
  33. ^ L’Italicum rinviato alla Corte Costituzionale, Avanti! 24/02/2016; sulla calendarizzazione da parte della Corte costituzionale, il neo presidente ha dichiarato che si può "giungere ad una decisione in un tempo relativamente breve": Italicum, il tribunale di Messina rinvia alla Consulta la legge elettorale: "Dubbio di costituzionalità sui nominati", Il Fatto quotidiano, 24 febbraio 2016; Italicum alla Consulta. Accolto in parte il ricorso al Tribunale di Messina su repubblica.it; Italicum, accolti dal Tribunale di Messina motivi di incostituzionalità su ilgiornale.it
  34. ^ Ottavia Giustetti, Italicum, sì al ricorso. Il tribunale di Torino si rivolge alla Corte costituzionale, Repubblica, 5 giugno 2016.
  35. ^ Accolto a Perugia ricorso contro l'Italicum, Corriere dell'Umbria, 10 settembre 2016.
  36. ^ La Consulta rinvia ad altra data l’esame dell’Italicum, in Il Sol 24 Ore.
  37. ^ Per la tavola sinottica, comprensiva delle doglianze di tutti e cinque i tribunali ricorrenti, v. Giampiero Buonomo, L’Italicum e la Corte: tavola sinottica delle doglianze, in Nomos, n. 3/2016, p. 12 e seguenti.
  38. ^ FRANCESCO MOROSINI, Italicum. La parole della Consulta sono azioni, 27 gennaio 2017
  39. ^ Italicum, la decisione della Consulta: “Ballottaggio incostituzionale”. Ma sopravvive il premio di maggioranza, il Fatto Quotidiano, 25 gennaio 2017. URL consultato il 26 gennaio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]