Fabrizio Bocchino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fabrizio Bocchino
Senatore F. Bocchino.jpg

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
- GRUPPO MISTO - componente: Sinistra Italiana - Sinistra Ecologia Libertà - Liberi e Uguali (Dal 3/03/2016 a fine legislatura)

In Precedenza:

- Movimento 5 Stelle (Da inizio legislatura al 26/02/2014)

- GRUPPO MISTO (Dal 27/02/2014 al 14/05/2014)

- GRUPPO MISTO - componente: Italia Lavori in Corso (Dal 15/05/2014 al 16/07/015)

- GRUPPO MISTO - componente: L'Altra Europa con Tsipras (Dal 17/07/2015 al 2/03/2016)

Circoscrizione Regione Sicilia
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Sinistra Italiana (Dal 2016)
In precedenza:
Movimento 5 Stelle (2013-2014)
Indipendente (2014-2015)
L'Altra Europa con Tsipras (2015-2016)
Titolo di studio Laurea in Fisica
Università Università degli Studi di Palermo
Professione Ricercatore Astrofisico

Fabrizio Bocchino (Erice, 26 novembre 1968) è un politico e fisico italiano, senatore della XVII legislatura.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il diploma al liceo scientifico Vincenzo Fardella di Trapani [1], si è laureato in Fisica nel 1993 presso l'Università di Palermo, conseguendo un dottorato in Fisica presso la stessa università nel 1997. Si occupa dal 1998 al 1999 di elaborazione dati presso l'Osservatorio astronomico di Palermo, con compiti di coordinamento delle attività del CED. Dal 1999 al 2001, vince una borsa di studio post-dottorato presso la Divisione di Astrofisica alle Alte Energie della Agenzia Spaziale Europea (ESA), con sede a Noordwijk (Olanda), dove studia l'emissione nella banda dei raggi X dei resti di supernova. Dal 2001 diviene ricercatore astronomo presso l'Osservatorio Astronomico di Palermo dell'Istituto nazionale di astrofisica (INAF).

Autore di diverse pubblicazioni scientifiche su riviste di settore internazionale con referee e di moltissimi contributi a congresso[2]. Convocato più volte dalla NASA e dall'Agenzia Spaziale Europea (ESA) a partecipare a comitati di valutazione di progetti scientifici, e più volte invitato dalle più prestigiose riviste del settore (The Astrophysical Journal, Astronomy and Astrophysics) a servire come referee per la valutazione di articoli scientifici.[senza fonte]

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2013 viene eletto senatore della XVII legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione Sicilia per il Movimento 5 Stelle. Nel maggio dello stesso anno viene eletto vicepresidente della VII Commissione Istruzione Pubblica e Beni Culturali del Senato.

A febbraio 2014 Antonio Noziglia mediante il blog di Beppe Grillo riporta una presunta sfiducia della base[3], contestata, oltre che dallo stesso Bocchino, anche da Francesco Campanella[4] anch'egli sfiduciato.

Il 26 febbraio 2014 è espulso dal Movimento 5 Stelle assieme ai senatori Luis Alberto Orellana, Francesco Campanella, e Lorenzo Battista[5][6]. Dal giorno seguente entra a far parte del Gruppo Misto.

Il 15 maggio 2014 è tra i fondatori della componente del gruppo misto "Italia Lavori in Corso" (ILIC) [7][8]. Successivamente alla sua espulsione, insieme ad altri parlamentari fuoriusciti dal Movimento, ha proseguito nel versamento di metà dello stipendio e parte della diaria ad associazioni benefiche.[9]

Ha quindi aderito alla lista L'Altra Europa con Tsipras entrando a far parte, assieme al senatore Francesco Campanella, del Comitato nazionale eletto dall'Assemblea nazionale del 18 e 19 aprile 2015.

Nel marzo 2016 aderisce al processo costituente de gruppo parlamentare Sinistra Italiana, divenuto partito nel febbraio 2017.

Nel 2016 Fabrizio Bocchino comincia ad occuparsi della vicenda relativa al Progetto Human Technopole e del ruolo che in esso gioca l'Istituto Italiano di Tecnologia (IIT)[10]. In seguito alla scoperta dell'esistenza di un c.d. "tesoretto" accantonato dall'IIT a causa del mancato utilizzo degli ingenti fondi pubblici ad esso assegnati[11], nel Giugno 2017 presenta un emendamento al Senato per il riutilizzo dei fondi IIT inutilizzati ai fini dell'assunzione di giovani ricercatori[12], cosa richiesta anche da una petizione delle associazioni di rappresentanza dei precari della ricerca[13]. Nonostante il testo dell'emendamento sia chiaramente rivolto all'inutilizzato "tesoretto" e non al finaziamento ordinario dell'Ente, egli è oggetto di una campagna denigratoria mirante a metterlo in cattiva luce, portata avanti da alcune testate locale genovesi, che lo accusano di "tagliare i fondi dell'IIT"[14]. Sebbene l'emendamento sia stato respinto, pochi mesi dopo, nel Settembre 2017, la ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli annunciava che una parte consistente del "tesoretto" sarebbe stata sottratta all'IIT e devoluta al finanziamento competitivo di progetti di ricerca di base nelle università italiane[15].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ www.tp24.it
  2. ^ Elenco delle pubblicazioni su riviste internazionali con referee (dal database NASA ADS), su adsabs.harvard.edu.
  3. ^ Bocchino e Campanella sfiduciati dal territorio Archiviato il 27 febbraio 2014 in Internet Archive.
  4. ^ Io sfiduciato dalla base? è stato scritto solo da una dozzina di attivisti
  5. ^ Votazione per l'espulsione dei senatori Battista, Bocchino, Campanella e Orellana - Risultati Archiviato il 1º marzo 2014 in Internet Archive.
  6. ^ M5S, espulsi quattro senatori dissidenti È caos, lacrime e urla durante l'assemblea
  7. ^ senato.it - Scheda di attività di Fabrizio BOCCHINO - XVII Legislatura
  8. ^ Copia archiviata, su italialavoriincorso.it. URL consultato il 7 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2014).
  9. ^ M5S, senatori espulsi restituiscono 106mila euro e li donano a onlus: “Rispettato patto”
  10. ^ Human Technopole: i dubbi sollevati al Senato da Cattaneo, Napolitano e Bocchino sono anche i nostri, su www.flcgil.it. URL consultato l'11 novembre 2017.
  11. ^ (IT) Human Technopole: IIT ha «540 milioni in conti bancari e investimenti». Dare ancora soldi è intelligente?, in ROARS, 25 aprile 2016. URL consultato l'11 novembre 2017.
  12. ^ senato.it - Proposta di modifica n. 22-ter.0.1 al DDL n. 2853, su www.senato.it. URL consultato il 10 novembre 2017.
  13. ^ (IT) Petizione alla Ministra Fedeli: destinare i fondi “Natta” e IIT ai giovani ricercatori, in ROARS, 17 maggio 2017. URL consultato il 10 novembre 2017.
  14. ^ Primocanale.it - Sventato nuovo attacco all'Iit in Senato: no a emandamento per taglio ai fondi
  15. ^ Iit, il, in Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 10 novembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]