Transfobia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Due manifestanti inneggiano ai diritti dei e delle trans

Con transfobia si intende l'avversione, solitamente prodotta da pregiudizi e stigmatizzazione, nei confronti di persone transessuali o transgender, che può portare a comportamenti discriminanti nella società o nel lavoro, fino a manifestazioni di aggressività violenta, ossia violenza sessuale e negazione del diritto di asilo.[1]

Etimologia e uso[modifica | modifica wikitesto]

La parola transfobia è un termine composto dal termine omofobia, che condivide il suo secondo componente -fobia dal greco: φόβος, phóbos, "paura" e dal primo componente, il prefisso trans- da transgender.

Insieme alla lesbofobia, alla bifobia, all'omofobia fa parte della famiglia dei termini usati quando l'intolleranza e la discriminazione sono dirette verso le persone LGBT.[2]

Le parole transfobia e transfobica sono state aggiunte all'Oxford English Dictionary nel 2013, insieme a transperson, transman, transwoman.[3]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Teorica della transfeminist e autorice Julia Serano sostiene nel suo libro Whipping Girl che transfobia è un concetto radicato nel sessismo e individua le origini di transfobia e omofobia in quello che lei chiama "il sessismo di opposizione": la convinzione che maschi e femmine sono " categorie che si escludono a vicenda". Inoltre, scrive che la transfobia è alimentata dalle insicurezze che le persone hanno sulle norme di genere.[4]

L'autore e critico transgender Jody Norton crede che la transfobia sia un'estensione dell'omofobia e della misoginia. Sostiene che le persone transgender, come i gay e le lesbiche, sono odiate e temute perché sfidano e minano le norme di genere e il binomio di genere.[5]

Relazione con la transmisoginia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Transmisoginia.

Quando la transfobia è incentrata maggiormente su individui MtF si può parlare di transmisoginia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Transgender woman Fernanda raped in a Danish centre for asylum seekers
  2. ^ Christopher A. Shelley, Transpeople: Repudiation, Trauma, Healing, Toronto, University of Toronto Press, 2008, pp. 32–35, ISBN 978-0-8020-9784-2.
  3. ^ New words list June 2013, su public.oed.com.
  4. ^ Julia Serano. Whipping Girl: A Transsexual Woman on Sexism and the Scapegoating of Femininity, Seal Press, 2007. ISBN 978-1-58005-154-5, ISBN 1-58005-154-5
  5. ^ Jody Norton, "Brain Says You're a Girl, But I Think You're a Sissy Boy": Cultural Origins of Transphobia, in International Journal of Sexuality and Gender Studies, 2, Number 2, nº 2, 1997, pp. 139–164, DOI:10.1023/A:1026320611878.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2010012303
LGBT Portale LGBT: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di LGBT