Omosessualismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Amore per il prossimo ≠ accettazione dell'omosessualismo; contro-manifestanti del gay pride a Varsavia, Polonia.

L'omosessualismo è un neologismo nato all'inizio del XX secolo dalla parola "omosessualità" e il suffisso -ismo, che, a uso corrente, identifica chi sostiene gli omosessuali (non necessariamente appartenente alle persone LGBTI). Dopo la sua nascita ha assunto una connotazione negativa.

Nascita del termine e sviluppo del significato[modifica | modifica wikitesto]

A inizio novecento il termine tedesco relativo all'omosessualità oscillò tra due forme: "homosexualismus" (omosessualismo) e "homosexualität" (omosessualità); nel tempo fu la seconda a prevalere.[1] Questa incertezza si trasmise anche alle lingue che adottavano via via il neologismo, cosicché per un certo periodo si ebbe la coesistenza di entrambe le forme, esattamente come ancor oggi avviene in italiano con "transessualismo" e "transessualità". Il portoghese ha addirittura adottato la forma "homossexualismo" come standard; lo stesso fanno alcuni documenti in lingua italiana dei primi decenni del XX secolo (secondo "Google Ngram", i due picchi nell'utilizzo di questa parola in italiano risalgono al 1923 e al 1943).[2][3] In tutti questi casi il significato della parola "omosessualismo" non ha nulla a che fare con l'uso recente, trattandosi di una semplice variante del termine "omosessualità".

Il termine nasce (con la sua connotazione odierna) nel 1957 nella sua forma negativa (anti-omosessualismo) in riferimento a chi diffondeva la cultura anti-omosessuale e omofoba negli Stati Uniti d'America.[4] Nel tempo il concetto è stato associato dai gruppi conservatori a chi era promotore delle istanze LGBTI (sia che esso fosse interno o esterno a tale gruppo).[5][6]

Con il tempo è stato accostato anche alla teoria del complotto dell'ideologia gender (complotto che vedrebbe il movimento omosessuale tentare di reclutare le giovani generazioni per distruggere l'umanità[7])[8] e alle presunte lobby gay.[9][10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ habilitieren-hysterisch, su books.google.it.
  2. ^ omosessualismo trend, su books.google.com. URL consultato il 13 settembre 2018.
  3. ^ omosessualità trend, su books.google.com. URL consultato il 13 settembre 2018.
  4. ^ L'anti-omosessualismo combattuto dagli omosessuali, su CulturaGay.it. URL consultato il 13 settembre 2018.
  5. ^ Il sacramento del diavolo: sodomia, omosessualismo e cattolicesimo, su books.google.it.
  6. ^ Rivista penale di dottrina, legislazione e giurisprudenza, su books.google.it.
  7. ^ Gianfranco Amato, Gender (d)istruzione: Le nuove forme d’indottrinamento nelle scuole italiane, Fede & Cultura, 10 febbraio 2015, ISBN 9788864093703. URL consultato il 14 settembre 2018.
  8. ^ Enrica Perucchietti e Gianluca Marletta, Unisex - Nuova versione: Cancellare l'identità sessuale: la nuova arma della manipolazione globale, Arianna Editrice, 17 settembre 2015, ISBN 9788865881521. URL consultato il 13 settembre 2018.
  9. ^ ANTONIO GIANGRANDE, CHI COMANDA IL MONDO? FEMMINE E LGBTI, Antonio Giangrande, 9 marzo 2017. URL consultato il 13 settembre 2018. Ospitato su approdonews.it.
  10. ^ Jerry A. Coyne, O scienza o religione - Perché la fede è incompatibile coi fatti, Nessun Dogma, 4 dicembre 2016, ISBN 9788898602285. URL consultato il 13 settembre 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]