Transmisoginia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La transmisoginia (a volte trans-misoginia) è l'unione della parola transfobia (la paura, l'avversione o la discriminazione irrazionale nei confronti delle persone transgender) e della parola misoginia (l'odio per le donne).[1][2] Pertanto, la transmisoginia include atteggiamenti negativi, odio e discriminazione nei confronti degli individui transgender che si identificano nel genere femminile (MtF).[3][4][5] Il termine è stato coniato da Julia Serano nel suo libro Whipping Girl del 2007 e usato per descrivere la discriminazione affrontata dalle donne trans in cui la transfobia s'intensifica con la misoginia. Si dice che molte donne trans sperimentino un ulteriore strato di misoginia sotto forma di feticizzazione; Serano parla di come la società consideri le donne trans per forza sessualizzate, come persone costrette a prostituirsi o come donne sessualmente promiscue.[6] La transmisoginia è un concetto centrale nel transfemminismo.

Cause[modifica | modifica wikitesto]

La transmisoginia è generalmente intesa come paura nata dalla convinzione sociale che gli uomini siano superiori alle donne. In Whipping Girl, Julia Serano scrive che l'esistenza di donne trans è vista come una minaccia per una "gerarchia di genere incentrata sull'uomo, dove si presume che gli uomini siano migliori delle donne e che la mascolinità sia superiore alla femminilità".[7] La teorica di genere Judith Butler fa eco a questa ipotesi, affermando che l'omicidio delle donne transgender è "un atto di potere, un modo di riaffermare il dominio ... uccidere stabilisce il killer come sovrano nel momento in cui uccide".[8]

Le donne trans sono anche viste come una minaccia per l'eterosessualità degli uomini cisgender. Nei media vengono viste come "ingannatrici" come Dil, una donna transgender del film del 1992 "The Crying Game", personaggio creato per suscitare scandalo nel pubblico maschile quando il suo sesso biologico è rivelato.

Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo un sondaggio del 2015 la copertura per le spese legate agli interventi chirurgici di transizione è stata negata il 55% delle volte a coloro che l'hanno richiesta .[9] Questo svantaggio nel trattamento può anche essere notato o nel campo dell'educazione, dove il 77% delle persone transgender hanno subìto qualche forma di maltrattamento nella scuola (K-12). I livelli di povertà sono 2-3 volte più alti per le persone transgender. La discriminazione si rivela essere pervasiva in molte aree come "alloggio, assistenza sanitaria, lavoro e istruzione".[9]

A causa della trasmisoginia, le donne transgender affrontano livelli di discriminazione ancora più severi degli individui FtM. Uno studio sulle esperienze lavorative dopo che le persone hanno cambiato sesso ha rilevato che "i guadagni medi per i lavoratori transessuali FtM aumentano leggermente in seguito alla loro transizione, mentre i guadagni medi per le lavoratrici transgender MtF diminuiscono di quasi un terzo. Inoltre, la transizione verso il sesso femminile è stata accompagnata da una perdita di autorità e da un aumento delle molestie, mentre il contrario spesso porta autorità e rispetto"[senza fonte]. Un altro studio ha confermato che, in particolare tra le donne transgender di colore, sono alti i livelli di discriminazione sulla base della transfobia e del razzismo. Questa discriminazione ha portato a tassi più elevati di depressione.[10][11]

Ecuador[modifica | modifica wikitesto]

Uno studio sulla discriminazione delle donne lesbiche, bisessuali, transessuali, transgender e intersessuali in Ecuador ha trovato risultati simili. Le donne transgender "non hanno protezione contro la discriminazione sia nella legge che nella pratica". Di conseguenza, le donne trans sono spesso soggette a violenze, abusi sessuali e discriminazioni nelle istituzioni educative, sanitarie e della forza lavoro.[12]

Psicologia[modifica | modifica wikitesto]

Julia Serano in Whipping Girl ha sottolineato che il feticismo del travestitismo, un disturbo elencato nel DSM-IV, menziona solo il cross dressing degli uomini. Allo stesso modo, l'autoginefilia era un disturbo riconosciuto nel DSM-IV, ma l'autoandrophillia no. Il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali è stato rivisto nel 2013 e il feticismo del travestitismo e il disturbo dell'identità di genere sono stati rimossi. La disforia di genere è definita come vissuta da persone che sentono il proprio genere come discorde con il genere assegnato loro alla nascita.[7]

Molestie sessuali[modifica | modifica wikitesto]

Julia Serano osserva che, nonostante la transizione, le donne trans sono ancora comunemente percepite come uomini; tuttavia, sono raramente sessualizzate in quanto tali. Per esempio, l'industria del porno, il cui pubblico di riferimento è principalmente composto da uomini eterosessuali[senza fonte], in gran parte mostra le donne trans come oggetti sessuali piuttosto che in posizioni di dominio o come "predatori".[senza fonte] Serano osserva che quando si trova in un ambiente sociale in cui è conosciuta per essere transessuale, per esempio nei luoghi in cui interpreta la poesia, riceve molti più commenti sfacciatamente sessuali rispetto a quando si trova in un ambiente simile in cui si presume che sia cisgender.[7]

Secondo Stotzer (2009), ci sono attualmente tre possibili fonti di informazione sulla violenza e le molestie subite dalle persone transgender: sondaggi self-report, chiamate a caldo / relazioni sui servizi sociali e rapporti di polizia. Dopo una ricerca clinica, è stato riportato che: "il 50% delle persone transgender riferisce di attività sessuale indesiderata. [senza fonte]

Seguito da un'altra indagine che ha concluso che il 59% ha subito una storia di sesso o stupro forzato. I numeri sopra riportati provengono da dati del 2006".[13]

Secondo Laura Kacere (2014), "i crimini di odio contro i transessuali sono sproporzionatamente e tragicamente alti, e la maggior parte di questa violenza è relativa alle donne trans". Secondo uno studio del 2011, "il 22% delle donne trans negli Stati Uniti è stata vittima di violenze da parte della polizia.[14] In effetti, oltre la metà di tutti gli omicidi anti-LGBTQIA + sono stati perpetrati contro donne transgender.[senza fonte] Parlando anche statisticamente, "è importante notare che quasi i tre quarti di questi omicidi hanno colpito persone di colore.[senza fonte] Secondo Kacere , "la transmisoginia è riscontrabile anche negli atti di violenza: gli studi dimostrano che 1 donna su 5 transgender (21%) è stata incarcerata in qualche momento della sua vita. Questo è molto al di sopra della popolazione generale, ed è ancora più alto (47%) per le persone transgender afro-americane."[senza fonte]

Cause[modifica | modifica wikitesto]

Parte della causa potrebbe essere che le donne trans, per natura della loro relativa rarità, sono viste come "esotiche"; tuttavia, secondo la scrittrice Julia Serano questa non è la situazione, e afferma che "ci sono un sacco di tipi di donne che sono relativamente rare, ma non sono tutte sessualizzate nello stesso modo delle donne trans".[7] In Whipping Girl, Serano scrive di quella che definisce una "dicotomia predatore-preda", in cui "gli uomini sono invariabilmente visti come predatori e donne come prede".[7] A causa di questo punto di vista, le donne trans sono percepite come persone che attirano gli uomini "trasformando [se stesse] in oggetti sessuali a cui nessun uomo dal sangue rosso può resistere".[7]

Relazione con la transfobia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Transfobia.

La transmisoginia è diversa dalla transfobia in quanto la transmisoginia si concentra in particolare sulle donne trans. Considerando che la transfobia è un termine più generale, che copre un più ampio spettro di odio e discriminazione nei confronti di qualsiasi e/o tutti gli individui transessuali e transgender. Julia Serano afferma in Whipping Girl che "Quando la maggior parte delle barzellette viene fatta a spese dei transessuali MtF su "uomini che indossano abiti" o "uomini che vogliono tagliare i peni" questa non è transfobia ma è la trasmisoginia. Il fatto che la violenza e le aggressioni sessuali siano commesse principalmente contro le donne trans, non è transfobia, è transmisoginia".[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Merriam Webster [1]
  2. ^ Merriam Webster[2]
  3. ^ Transmisogyny primer (PDF), su juliaserano.com. URL consultato il 10 settembre 2014.
  4. ^ Kelby Harrison, Sexual deceit: the ethics of passing, Lexington Books, 2013, p. 12, ISBN 978-0-7391-7706-8.
  5. ^ edited by Jes Battis, Homofiles : theory, sexuality, and graduate studies, Lanham, Md., Lexington Books, 2011, ISBN 978-0-7391-3191-6.
  6. ^ [3]
  7. ^ a b c d e f g Julia Serano, Whipping girl, [Online-Ausg.]., Berkeley, Seal Press, 2007, ISBN 1-58005-154-5.
  8. ^ (EN) Why Do Men Kill Trans Women? Gender Theorist Judith Butler Explains | Broadly, su Broadly. URL consultato il 24 dicembre 2015.
  9. ^ a b (EN) USTS Report, su 2015 U.S. Trans Survey. URL consultato il 22 aprile 2017.
  10. ^ Kristen Schilt, Before and After: Gender Transitions, Human Capital, and Workplace Experiences, in The B.E. Journal of Economic Analysis & Policy, vol. 8, nº 1, 2008, pp. 1–28. URL consultato l'11 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2011).
  11. ^ Kevin Jefferson, Torsten B. Neilands e Jae Sevelius, Transgender women of color: discrimination and depression symptoms, in Ethnicity and Inequalities in Health and Social Care, vol. 6, nº 4, 29 novembre 2013, pp. 121–136, DOI:10.1108/EIHSC-08-2013-0013, ISSN 1757-0980 (WC · ACNP), PMC 4205968, PMID 25346778.
  12. ^ Guayaquil Diane Klein Rodriguez, Ecuador: Discrimination of Lesbian, Bisexual, Transsexual, Transgender and Intersex Women, in IGLHRC-Comisión Internacional De Los Derechos Humanos Para Gays Y Lesbianas, 2008.
  13. ^ Rebecca L. Stotzer, Violence against transgender people: A review of United States data, in Aggression and Violent Behavior, vol. 14, nº 3, 1º maggio 2009, pp. 170–179, DOI:10.1016/j.avb.2009.01.006.
  14. ^ (EN) Mallory, C., Hasenbush, A., & Sears, B, Discrimination and Harassment by Law Enforcement Officers in the LGBT Community (PDF), in Discrimination and Harassment by Law Enforcement Officers in the LGBT Community, Marzo 2015.