Diritti LGBT nel mondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Questa pagina è semiprotetta. Può essere modificata solo da utenti registrati.

Questa voce presenta una panoramica delle leggi inerenti alle persone e i comportamenti omosessuali in diversi paesi del mondo; queste possono variare, anche di molto, da paese a paese: dalla completa equiparazione del matrimonio omosessuale a quello eterosessuale da una parte alla pena di morte come condanna per i comportamenti omosessuali o anche solo per l'espressione della propria identità di genere dall'altra.

I diritti per le persone lesbiche, gay, omosessuali o transgender (LGBT) fanno parte del più ampio spettro dei diritti umani[1] e dei diritti civili[2] e includono (ma non sono limitati a):

  1. una legislazione anti-bullismo, contro la discriminazione all'interno dell'ambito scolastico
  2. l'uguaglianza in materia di immigrazione
  3. leggi anti discriminazione in materia di occupazione ed alloggio
  4. leggi contro i crimini d'odio che prevedano sanzioni alla violenza contro le persone LGBT motivata da pregiudizio
  5. parificazione dell'età del consenso
  6. legislazione relativa all'orientamento sessuale e al servizio militare
  7. riconoscimento delle relazioni omosessuali, tramite unioni civili o matrimonio omosessuale
  8. l'omogenitorialità
  9. l'adozione da parte di coppie dello stesso sesso
Status legale dell'omosessualità nel mondo.

██ Informazioni non disponibili

Legale

██ Matrimonio omosessuale

██ Unione civile

██ Riconosciuti i matrimoni omosessuali esteri

██ Riconosciuti i matrimoni omosessuali negli altri stati, ma non a livello federale

██ Nessuna unione civile

██ Leggi restrittive delle libertà di espressione e associazione

Illegale

██ Pena minima

██ Pena elevata

██ Ergastolo

██ Pena capitale

Nelle pagine elencate di seguito viene riassunto lo status legale dell'omosessualità in vari paesi del mondo, tra i più rappresentativi del proprio continente.

Excursus storico

Depenalizzazione dell'omosessualità per paese ed anno

Leggi antidiscriminazione

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Omosessualità e leggi antidiscriminatorie.

Il 31 marzo 2010 il comitato dei ministri del Consiglio d'Europa ha adottato una raccomandazione agli stati membri riguardante le "misure per combattere la discriminazione per motivi di orientamento sessuale o identità di genere".[3]

Nel 2011 il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha approvato la sua prima risoluzione a favore del riconoscimento dei diritti LGBT, seguita da una relazione della commissione ONU sui diritti umani che documenta le violazioni dei diritti delle persone LGBT. In seguito al rapporto vi è stata l'esortazione a che tutti i paesi che non l'hanno ancora fatto a promulgare ed adottare al più presto leggi di tutela dei diritti LGBT[4][5].

Note

  1. ^ About LGBT Human Rights, Amnesty International. URL consultato il 29 marzo 2013.
  2. ^ Becker, John, LGBT Rights Are Civil Rights, Huffington Post, 23 marzo 2012. URL consultato il 29 marzo 2013.
  3. ^ (EN) Raccomandazione CM/Rec(2010)5 del Comitato dei Ministri agli stati membri.
  4. ^ Frank Jordans, U.N. Gay Rights Protection Resolution Passes, Hailed As 'Historic Moment', Associated Press, 17 giugno 2011.
  5. ^ UN issues first report on human rights of gay and lesbian people, United Nations, 15 dicembre 2011.

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni