Eteronormatività

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'eteronormatività o eteronorma è la convinzione che l'eterosessualità sia l'unico orientamento sessuale o norma unica per la sessualità[1], e che le relazioni sessuali e coniugali siano appropriate solo tra persone di sesso opposto. L'eteronormatività è spesso legata a eterosessismo e omofobia[2].

Come premessa di questa posizione prescrittiva, si assume che le persone siano divise in due generi distinti e complementari (rimuovendo quindi anche l'intersessualità in quanto "deviazione"), ovvero uomo e donna, naturalizzando ruoli sociali.

L'eteronormatività allinea così la sessualità alla norma biologica, all'identità di genere e ai ruoli di genere.

Origine del termine[modifica | modifica wikitesto]

Michael Warner rese popolare il termine nel 1991[3], in una delle prime opere principali della teoria queer. Le radici del concetto stanno nella teoria di Gayle Rubin sul "sistema di genere sessuale" e di Adrienne Rich sull'eterosessualità obbligatoria[4]. Fin dall'inizio, le teorie dell'eteronormatività hanno incluso uno sguardo critico sul genere; Warner aveva scritto che "ogni persona queer che arriva ad una comprensione di sé, sa in un modo o nell'altro che la sua stigmatizzazione è collegato al genere. [...] Essere queer [...] significa essere in grado, in un modo più o meno articolato, di sfidare la comprensione comune della cosa[3].

In una serie di articoli, Samuel A. Chambers richiese una comprensione dell'eteronormatività come concetto che rivela le aspettative, esigenze e vincoli prodotti quando l'eterosessualità è preso come norma all'interno di una società[5][6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Harris J, White V, A Dictionary of Social Work and Social Care, Oxford University Press, 2018, p. 335, ISBN 978-0-19-251686-2. URL consultato il 19 agosto 2018.
  2. ^ Goodman RD, Gorski PC, Decolonizing "Multicultural" Counseling through Social Justice, Springer, 2014, pp. 28–30, ISBN 978-1-4939-1283-4. URL consultato il 19 agosto 2018.
  3. ^ a b Warner, Michael (1991), "Introduction: Fear of a Queer Planet". Social Text; 9 (4 [29]): 3–17
  4. ^ Adrienne Rich, 'Compulsory Heterosexuality and Lesbian Existence' Signs: Journal of Women in Culture and Society, 5:631-60, 1980
  5. ^ Samuel A. Chambers, "Telepistemology of the Closet; Or, the Queer Politics of Six Feet Under". Journal of American Culture 26.1: 24–41, 2003
  6. ^ Samuel A. Chambers, "Revisiting the Closet: Reading Sexuality in Six Feet Under, in Reading Six Feet Under. McCabe and Akass, eds. IB Taurus, 2005

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]