Omofilia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La parola omofilia è stata utilizzata nell'ambito del primo movimento omosessuale come sinonimo o indicatore di omosessualità, dagli anni '20 alla fine degli anni '60. Con la definizione di omofilo ci si può anche riferire a un individuo che accetta gli omosessuali, che è sostenitore delle loro richieste, che ha pensieri positivi circa l'omosessualità, o infine è un sostenitore della sua accettazione sociale.

A partire dalla metà del XX secolo è stato un concetto ampiamente utilizzato in sociologia e in altri campi.

Etimologia e uso in ambiente omosessuale[modifica | modifica wikitesto]

Il termine omo-filia è preferito e favorito da alcuni perché sottolinea l'amore ("-phile "dal greco φιλία) piuttosto che il sesso, come accade ad esempio in omo-sessuale. Coniato per la prima volta dal medico, poligrafo (autore) e giornalista pubblicista tedesco Karl-Günther Heimsoth che, nella sua tesi di dottorato datata 1924 "Hetero- und Homophilie", lo introduce nell'ambito della sessuologia; diviene di uso comune negli anni '50 e '60 da parte di organizzazioni pro-omosessuali e nelle pubblicazioni a loro correlate; i gruppi di questo periodo sono ormai noti collettivamente per aver fatto parte del cosiddetto movimento omofilo.

L'uso di omofilia, associato al movimento omofilo, ha cominciato a scomparire con l'emergere del contemporaneo movimento di liberazione omosessuale tra la fine degli anni '60 e i primi anni '70 del XX secolo, sostituito sempre più da una nuova serie di termini come gay, lesbiche, bisessuale e transgender e, nel sul far degli anni '90 da queer insieme all'acronimo LGBTQ; ciò anche se alcuni "gruppi omofili" sopravvissero fino agli anni '80 e '90.

La Chiesa d'Inghilterra ha usato ancora il termine "homophile" in certi contesti almeno dal 1991 - ad esempio per indicare "l'orientamento omofilo" e la "relazione omofila sessualmente attiva"[1]

In quasi tutte le lingue in cui le parole "omofili" e "omosessuali" sono stati entrambi in uso, "omosessuale" ha vinto come il moderno termine neutro convenzionale maggiormente utilizzato. L'unica eccezione è il norvegese, dove è successo il contrario, e "homofil[i]" è il moderno termine neutro convenzionale per "omosessuale [lità]" in lingua norvegese.

Anche nel mondo anglosassone la parola "homophilia" è stato in una certa misura variamente utilizzato; ma entro la fine degli anni '60, in seguito ai moti di Stonewall, è stata sempre più sostituita e abbandonata. La dicitura di "Homofili" stata per la prima volta usata in Norvegia nel 1951 un opuscolo del ramo norvegese della danese Lega pro-omosessuali fondata nel 1948.

Inoltre, il termine è talvolta usato colloquialmente nella comunità gay per descrivere un "eteroalleato", vale a dire una persona che si identifica come eterosessuale ma che, nonostante questo, si sente vicina alle persone LGBT nei loro rapporti sociali o è molto legata alla comunità LGBT e alla sua cultura.

In sociologia[modifica | modifica wikitesto]

Omofilia (vale a dire, "l'amore del simile/dell'uguale") è la tendenza degli individui di associarsi e di creare legami con altri considerati simili per alcune peculiari caratteristiche. La presenza di omofilia è stata descritta in una vasta gamma di studi i quali hanno osservato l'omofilia in vari contesti e modalità e stabilito una connessione di somiglianza[2] in differenti ambiti tra cui: l'età, l'identità di genere, la classe sociale e il ruolo organizzativo[3].

Gli individui nelle relazioni omofiliche condividono caratteristiche comuni (credenze, valori , educazione, etc.) che rendono la comunicazione e la relazione di formazione più facile. Omofilia porta spesso a omogamia-matrimonio tra persone con caratteristiche simili[4].

Nel contesto dell'analisi di rete sociale, il termine usato è quello più vicino all'originale in sociologia; omofilia qui corrisponde al fenomeno causato dalla somiglianza tra individui in una o più caratteristiche rilevanti, all'interno della rete sociale in cui si trovano ad essere interconnessi tra di loro[5]. Merton e Paul Lazarsfeld distinguono tra lo "status omofilia" e il "valore omofilia"; il primo descrive gli individui con similitudini di stato sociale che hanno maggiori probabilità (date le loro caratteristiche in comune) di associarsi tra loro; il secondo invece si riferisce alla tendenza ad associarsi con altre persone che la pensano in modo simile, indipendentemente dalle differenze di status[6].

L'opposto di omofilia è qui l'eterofilia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Issues in Human Sexuality: A Statement by the House of Bishops of the General Synod of the Church of England, December 1991 (London: Church House Publishing, 1991). Annotated text online, btinternet.com. (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2012).
  2. ^ McPherson, M., Smith-Lovin, L., & Cook, J. M. (2001). "Birds of a Feather: Homophily in Social Networks". Annual Review of Sociology. 27:415–444.
  3. ^ Aaron Retica, Homophily, in New York Times, 10 dicembre 2006.
  4. ^ Fiore, A. T. and Donath, J. S. (2005). "Homophily in Online Dating: When Do You Like Someone Like Yourself?". MIT Media Lab.
  5. ^ Lazarsfeld, P.; Merton, RK (1954). "L'amicizia come un processo sociale: un'analisi sostanziale e metodologica." Libertà e controllo nella società moderna: pp. 18-66. (Friendship as a social process: A substantive and methodological analysis, in "Freedom and Control in Modern Society"
  6. ^ Lazarsfeld, P. F. and Merton, R. K. RONKEYLAF (1954). "Friendship as a Social Process: A Substantive and Methodological Analysis". In Freedom and Control in Modern Society, Morroe Berger, Theodore Abel, and Charles H. Page, eds. New York: Van Nostrand, 18–66.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]