Partito di Unità Proletaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Partito di Unità Proletaria per il Comunismo.
Partito di Unità Proletaria
Leader Vittorio Foa, Silvano Miniati, Giovanni Russo Spena
Stato Italia Italia
Fondazione 1972
Dissoluzione 1974
Sede Roma
Ideologia Socialismo massimalista
Seggi massimi Senato
1 / 315
(1973)
Testata Unità Proletaria

Il Partito di Unità Proletaria (PdUP) è stato un partito politico italiano di estrema sinistra fondato nel dicembre 1972 mediante la confluenza di due distinti soggetti politici, il Nuovo PSIUP e Alternativa Socialista.

Si sciolse nel 1974, quando si fuse con il gruppo del Manifesto per dar vita al Partito di Unità Proletaria per il Comunismo.

Partiti fondatori[modifica | modifica wikitesto]

Nuovo PSIUP[modifica | modifica wikitesto]

Il Nuovo PSIUP, di orientamento socialista, fu fondato nel luglio 1972 da Vittorio Foa e Silvano Miniati e raccoglieva i militanti della corrente di sinistra dello PSIUP che non avevano condiviso la scelta di sciogliere il partito e di confluire nel PCI.

Alternativa Socialista[modifica | modifica wikitesto]

Alternativa Socialista era stata fondata da Giovanni Russo Spena e Domenico Jervolino come corrente di sinistra del Movimento Politico dei Lavoratori. Dopo la scelta del Movimento di confluire nel PSI, Alternativa Socialista si costituì come formazione autonoma.

Nascita del PdUP[modifica | modifica wikitesto]

Alla sua nascita poteva contare su 13 000 iscritti, 6-700 consiglieri comunali e sul senatore Dante Rossi.

Lo scopo dichiarato era di "far convergere il patrimonio storico del movimento operaio italiano (come Foa) con quello dei gruppi del dissenso cattolico (come Giangiacomo Migone)", come ebbe a spiegare nel 1972 un suo alto dirigente, Pino Ferraris, e come tale porsi come unico partito di estrema sinistra alternativo al PCI, ma convintamente parlamentare.

Il Congresso nazionale del Partito di unità proletaria, che si svolse al Palazzo dei Congressi di Firenze dal 19 al 21 luglio 1974, sancì lo scioglimento del partito e l'unificazione con Il manifesto, che aveva tenuto il suo congresso di sciolgimento dal 12 al 14 luglio 1974 a Roma, e la fondazione del Partito di Unità Proletaria per il comunismo. Va rilevato che, grazie all'impegno del segretario della Commissione Internazionale, Mario Albano, per la prima volta in Europa erano presenti i rappresentanti di quasi tutti i movimenti di liberazione del Terzo Mondo.

Congressi Nazionali[modifica | modifica wikitesto]

  • Congresso Nazionale del Partito di Unità Proletaria - Firenze, Palazzo dei Congressi 19 -21 luglio 1974
Controllo di autorità VIAF: (EN136014356