Blocco di Sinistra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Blocco di Sinistra
(PT) Bloco de Esquerda (BE)
LeftBloc.svg
PortavoceCatarina Martins
StatoPortogallo Portogallo
SedeRua da Palma, 268
Lisbona
Fondazione24 marzo 1999
IdeologiaSocialismo democratico[1]
Anti-capitalismo[2]
Eco-socialismo[3]
Femminismo[4]
Euroscetticismo[5]
CollocazioneSinistra
Partito europeoPartito della Sinistra Europea
Gruppo parl. europeoSinistra Unitaria Europea - Sinistra Verde Nordica
Seggi Assemblea della Repubblica
19 / 230
 (2015)
Seggi Europarlamento
2 / 21
 (2019)
Iscritti6 830 (2009)
ColoriRosso
Sito webbloco.org

Il Blocco di Sinistra (in portoghese: Bloco de Esquerda - BE) è un partito politico portoghese di orientamento socialista fondato nel 1999 dalla confluenza di tre distinti soggetti politici:

La portavoce del partito è Catarina Martins[6].

Il Bloco partecipa al partito della Sinistra europea e alla Sinistra Anticapitalista europea[7].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il partito fece il suo esordio in occasione delle elezioni legislative del 1999, quando ottenne il 2,5% dei voti e 2 seggi all'Assemblea della Repubblica. Alle successive legislative del 2002 vide aumentare i propri consensi, raggiungendo il 3% dei voti e tre seggi.

Alle elezioni legislative del 2005 il partito raccolse il 6,4% dei voti ed ottenne otto seggi. raddoppiando il dato delle elezioni delle precedenti elezioni del 2002. Anche in occasione delle elezioni presidenziali del 2006 il Bloco ottenne un risultato simile (5,3%), candidando l'economista e coordinatore del partito Francisco Louçã.

Nelle elezioni europee del 2009 hanno ricevuto il 10,73% dei voti ottenendo tre eurodeputati. Essi hanno inoltre superato il CDU per la prima volta in una elezione. Alla successiva elezioni nazionali del 2009, il partito ha ottenuto 9,81% dei voti e sedici deputati.

Negli anni successivi c'è stata un'inversione di tendenza. Alle elezioni legislative del 2011[8] il BE ha ottenuto il 5,2% dei voti, dimezzando la propria rappresentanza parlamentare. Alle europee del 2014 il partito si è fermato al 4,56% eleggendo un solo eurodeputato.

Ha conquistato alle elezioni del 2015 il 10,2% e 19 deputati, migliore risultato dalla nascita del Bloco. Dopo queste elezioni, il Blocco sigla un accordo col Partito Socialista in cui, pur mantenendo le distanze politiche, fornisce sostegno esterno al governo Costa per impedire il ritorno alle politiche del centrodestra già condannate dal popolo con le elezioni.[9]

Nell'Aprile 2018, Catarina Martins lancia - insieme a Jean-Luc Melenchon e Pablo Iglesias - il movimento internazionale Ora il Popolo.[10]

Ideologia[modifica | modifica wikitesto]

Il Bloco si è subito caratterizzato come un partito di sinistra radicale, attento a rappresentare oltre alle tradizionali culture politiche legate al pensiero comunista, istanze proprie del femminismo, dell'ambientalismo e del mondo omosessuale.

Risultati delle Elezioni[modifica | modifica wikitesto]

Elezioni legislative[modifica | modifica wikitesto]

Data Voti % +/- Seggi +/- Status
1999 132 333 2,4 (5º)
2 / 230
Opposizione
2002 153 877 2,8 (5º) Green Arrow Up.svg0,4
3 / 230
Green Arrow Up.svg1 Opposizione
2005 364 971 6,4 (5º) Green Arrow Up.svg3,6
8 / 230
Green Arrow Up.svg5 Opposizione
2009 558 062 9,8 (4º) Green Arrow Up.svg3,4
16 / 230
Green Arrow Up.svg8 Opposizione
2011 288 973 5,2 (5º) Red Arrow Down.svg4,6
8 / 230
Red Arrow Down.svg8 Opposizione
2015 550 892 10,2 (3º) Green Arrow Up.svg5,0
19 / 230
Green Arrow Up.svg11 Sostegno parlamentare

Elezioni presidenziali[modifica | modifica wikitesto]

Data Candidato

supportato

1º Turno 2º Turno
Voti % Voti %
2001 Fernando Rosas 129 840 3,0 (4º)
2006 Francisco Louçã 292 198 5,3 (5º)
2011 Manuel Alegre 832 637 19,8 (2º)
2016 Marisa Matias 469 814 10,1 (3º)

Elezioni europee[modifica | modifica wikitesto]

Data Voti % +/- Seggi +/-
1999 61 920 1,8 (5º)
0 / 25
2004 167 313 4,9 (4º) Green Arrow Up.svg3,1
1 / 24
Green Arrow Up.svg1
2009 382 667 10,7 (3º) Green Arrow Up.svg5,8
3 / 22
Green Arrow Up.svg2
2014 149 628 4,6 (5º) Red Arrow Down.svg6,1
1 / 21
Red Arrow Down.svg2

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wolfram Nordsieck, Portugal, in Parties and Elections in Europe. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  2. ^ Wolfram Nordsieck, Parties and Elections in Europe, su www.parties-and-elections.eu. URL consultato il 7 gennaio 2018.
  3. ^ Derek Wall, The Rise of the Green Left: Inside the Worldwide Ecosocialist Movement, Pluto Press, 2010, p. 97.
  4. ^ Where is Portugal’s Radical Left? — Global Politics, su global-politics.co.uk, 11 febbraio 2015. URL consultato il 7 gennaio 2018.
  5. ^ Country profile – Portugal - Euroviews 2014, su www.euroviews.eu. URL consultato il 7 gennaio 2018.
  6. ^ (PT) Mesa Nacional elege Comissão Política e Comissão Permanente, in Bloco de Esquerda, 1º dicembre 2014. URL consultato il 29 giugno 2016 (archiviato il 29 giugno 2016).
  7. ^ (EN) EL-Parties, in Partito della Sinistra Europea, 2016. URL consultato il 29 giugno 2016 (archiviato il 29 giugno 2016).
  8. ^ (EN) Parties and Elections in Europe - Portugal, su parties-and-elections.eu. URL consultato il 1º settembre 2014.
  9. ^ (EN) Full Contents of the Agreement between Socialist Party and Left Bloc, in Esquerda. URL consultato il 16 settembre 2018.
  10. ^ (FR) Maintenant le peuple ! Pour une révolution citoyenne en Europe - La France Insoumise, in La France Insoumise, 13 aprile 2018. URL consultato il 16 settembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN148324444 · LCCN (ENnb2012015750