Donatella Bianchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Donatella Bianchi (La Spezia, 1º ottobre 1963) è una giornalista, scrittrice e conduttrice televisiva italiana. Dal 2014 è Presidente del WWF Italia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera lavorativa[modifica | modifica wikitesto]

Iscritta all'albo dei giornalisti professionisti dal 4 settembre 1997, ha debuttato in televisione all'età di 15 anni nel programma di Rai 1 Domenica In condotto da Corrado. Testimonial nello stesso anno della Mira Lanza, incise il singolo Mira Mira l'Olandesina per la Warner Bros Italia. Sempre con Corrado Mantoni nel 1981 partecipò a Gran Canal su Rai 2.

In lei matura la passione per il giornalismo e torna in tv, su Rai 2, con il programma Sereno Variabile quale inviata speciale[1]. Firma e conduce reportage e dirette dalle Azzorre, Yemen, Egitto, Israele, Tunisia, Canada realizzando numerose interviste esclusive.

Collabora con la Testata Giornalistica Regionale fino al 1994 come conduttrice del Tg Lazio e della rubrica Tgr Italia Agricoltura, in onda su Rai 3 il sabato mattina, uno programma realizzato per conto del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali contenente notizie sul mondo agricolo italiano[2].

Firma e conduce numerosi programmi radiofonici tra i quali "Senti la Montagna" (Radiouno) e "Quando i Mondi si incontrano" (Radiouno).

Dal 1999 conduce Linea blu - Vivere il mare in onda il sabato pomeriggio su Rai 1. È una trasmissione che si prefigge l'obiettivo di sviluppare negli spettatori la cultura del mare (pone l'accento sui problemi del mare, sull'economia marittima, sulle tradizioni marinare, sull'ambiente e il territorio). Numerose le personalità che hanno collaborato negli anni con la trasmissione: Umberto Pellizzari, Enzo Maiorca, Raimondo Bucher e altri atleti, subacquei e apneisti.

Nel 2005 è stata testimonial dell'A.C.A.M. (Azienda Consorzio Acqua e Metano), della Spezia.

Ha collaborato con il Secolo XIX e con numerose riviste specializzate come Gente Viaggi e Archeo.

Nel 2009 ha pubblicato il suo primo libro "Storie dal Mare" Aliberti Editore.

Nel giugno del 2014 è stata eletta Presidente del WWF Italia.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È stata sposata con il giornalista Osvaldo Bevilacqua con il quale ha due figli Federica e Pierluca[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Donatella Bianchi, Storie dal Mare, Reggio nell'Emilia, Aliberti Editore, 2009, ISBN 978-88-7424-456-0.
  • Donatella Bianchi, Le 100 perle del mare italiano, Milano, Rizzoli Editore, 2012, ISBN 978-88-17-05723-3.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore Ordine al merito della Repubblica italiana
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri»
— 2 giugno 2010[5]
Medaglia d'oro al merito di Marina - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al merito di Marina
«Illustre giornalista, scrittrice e conduttrice televisiva di straordinaria professionalità e passione da sempre dedicate a tematiche mirate allo sviluppo della cultura marinara del nostro Paese, legata profondamente al mare e a tutti gli aspetti correlati, dalla tutela dell'ambiente alla difesa delle risorse e del lavoro, ha ripetutamente collaborato con la Marina Militare, in un connubio e una sinergia di intenti di grande spessore nell'ambito della conduzione della trasmissione "Linea blu - Vivere il mare" riscuotendo un successo pieno e unanimemente riconosciuto.

In particolare, in occasione del ritrovamento della Corazzata Roma, ha guidato con rara abnegazione e lucida efficacia la comunicazione televisiva dell'importantissimo evento, strutturando con passione e forte entusiasmo la valorizzazione mediatica di una delle pagine più importanti della storia navale nazionale. Brillante esempio di eccezionali capacità professionali e umane, con la sua attività ha contribuito sensibilmente a dare lustro e ad accrescere il prestigio della Marina Militare Italiana.»
— La Spezia - Mar Tirreno, 19 ottobre 2012.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b I personaggi di Rai 1 - Donatella Bianchi, su RAI. URL consultato il 12 aprile 2018.
  2. ^ Donatella Bianchi, su Labirinto d'acque. URL consultato il 12 aprile 2018.
  3. ^ A Donatella Bianchi il Premio DonnAmbiente 2017, su ADN Kronos. URL consultato il 12 aprile 2018.
  4. ^ A Donatella Bianchi il premio DonnAmbiente 2017, su WWF. URL consultato il 12 aprile 2018.
  5. ^ Sito Presidenza della Repubblica Italiana, dettaglio decorato Bianchi Sig.ra Donatella, su quirinale.it. URL consultato il 26 luglio 2014.
  6. ^ *** Atto Completo ***
Controllo di autoritàVIAF (EN96758494