Martín Dihigo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Martín Dihigo
Martín Dihigo plaque.jpg
La placca di Dihigo alla Baseball Hall of Fame
Nazionalità Cuba Cuba
Baseball Baseball pictogram.svg
Record
Batte destro
Tira destro
Gare vinte-perse 22-19 (nelle Negro League)
Ruolo Lanciatore, seconda base
Ritirato 1950
Hall of fame National Baseball Hall of Fame (1977)
Carriera
Squadre di club
Negro League
1923–27, 1930Cuban Stars (East)
1927–28Homestead Grays
1929,
1930–31
Hilldale Giants
1935–36, 1945New York Cubans
Lega cubana
1922-23, 1924–29, 1938–39, 1940–45Habana
1923–24, 1929–32Almendares
1935–36Santa Clara
1936–38Marianao
1939–40, 1945–47Cienfuegos
Lega messicana
1937–39, 1950Aguila de Veracruz
1940, 1947Azules de Veracruz
1941–43, 1946Unión Laguna
1944Nuevo Laredo
1947San Luis Potosí
Statistiche aggiornate al 6 novembre 2015

Martín Magdaleno Dihigo Llanos (Matanzas, 25 maggio 1906Cienfuegos, 20 maggio 1971) è stato un giocatore di baseball cubano di ruolo lanciatore e seconda base nelle Negro League e in America Latina. È stato introdotto nella National Baseball Hall of Fame nel 1977.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dihigo iniziò la sua carriera professionistica a 16 anni nell'inverno del 1922 nella lega cubana. Giocò nelle Negro league dal 1923 al 1936 e di nuovo brevemente nel 1945. Nel corso della sua carriera, giocò in tutte le nove posizioni possibili. Come battitore, guidò le Negro league in fuoricampo nel 1926 e 1935. Come lanciatore, una volta batté Satchel Paige mentre questo stava disputando delle gare a Cuba.

Anche se fu un due volte All-Star nelle Negro league americane, la miglior stagione di Dihigo fu nella lega messicana nel 1938, quando ebbe un record di 18-2 con una media PGL di 0.90, vincendo anche il titolo di miglior battitore con una media battuta di .387. In un'altra stagione nella lega messicana, ebbe una media PGL di 0.15. Nella sua carriera in Messico, ebbe un record di 119-57 battendo con .317. Nella lega cubana, ne ebbe uno di 107-56, con .298 in battuta. Dihigo continuò a giocare in Messico sino all'inizio degli anni cinquanta. Fu ministro dello sport di cuba dal 1959 fino alla sua morte, dove fu chiamato "l'Immortale". In altri paesi dell'America Latina, era soprannominato "El Maestro".

Dihigo è uno dei due giocatori (con Willie Wells) ad essere stato inserito nelle Baseball Hall of Fame statunitense, cubana e messicana e fa parte anche di quelle del Venezuela e della Repubblica Dominicana.

La statura di Martín Dihigo è riflettuta nella conversazione tra l'ex general manager dei Los Angeles Dodgers Al Campanis e il giornalista Jaime Jarrín:

"Jaime, il miglior giocatore che abbia visto nella mia vita è Martin Dihigo, ma non è mai approdato nelle Major League,'" disse Jarrin. "'Dopo Dihigo, metterei Roberto Clemente sopra Willie Mays. Quei due sono i migliori giocatori che abbia mai visto in tutta la mia vita.'"[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jesse Sánchez, Clemente headlines All-Time Latino Team, su mlb.mlb.com. URL consultato il 6 novembre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59026551 · LCCN (ENnr2003022930 · WorldCat Identities (ENnr2003-022930