George Kelly (giocatore di baseball)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
George Kelly
George-kelly.jpg
Kelly nel 1920
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Baseball Baseball pictogram.svg
Ruolo Prima base
Ritirato 1908
Hall of fame National Baseball Hall of Fame (1971)
Carriera
Squadre di club
1915-1917New York Giants
1917Pittsburgh Pirates
1919-1926New York Giants
1927-1930Cincinnati Reds
1930Chicago Cubs
1932Brooklyn Dodgers
Statistiche
Batte destro
Lancia destro
Media battuta ,297
Punti battuti a casa 1 020
Fuoricampo 148
Palmarès
World Series 2
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 30 maggio 2017

George Lange Kelly (San Francisco, 10 settembre 1895Burlingame, 13 ottobre 1984) è stato un giocatore di baseball statunitense che ha giocato nel ruolo di prima base nella Major League Baseball (MLB). È stato introdotto nella National Baseball Hall of Fame nel 1973.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Kelly nel corso della sua carriera giocò per i New York Giants (1915–1917, 1919–1926), i Pittsburgh Pirates (1917), i Cincinnati Reds (1927–1930), i Chicago Cubs (1930) e i Brooklyn Dodgers (1932). Con i Giants vinse per due volte le World Series, nel 1921 e nel 1922. Guidò la National League in fuoricampo nel 1921 e in punti battuti a casa per due volte, nel 1920 e nel 1924. Malgrado ciò la sua introduzione nella Baseball Hall of Hame è stata oggetto di controversie poiché ritenuto da molti non all'altezza.[1] Entrò a farne infatti nel 1973 per mezzo del Veterans Committee, composto da diversi suoi ex compagni di squadra. Lo storico del baseball Bill James, pur avendo classificato Kelly come il 65º miglior prima base di tutti i tempi, lo ha anche definito "il peggior giocatore nella Hall of Fame".[2]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

New York Giants: 1921, 1922

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

  • Leader della National League in fuoricampo: 1
1921
  • Leader della National League in punti battuti a casa: 2
1920, 1924

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Clark Booth, The good news: Baseball Hall looking at electoral revamp, in Dorchester Reporter, 12 agosto 2010. URL consultato il 30 maggio 2019.
  2. ^ James, Bill (2003). The New Bill James Historical Baseball Abstract, p.455. Free Press. ISBN 0-7432-2722-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]