Earl Averill

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Earl Averill
EarlAverillGoudeycard.jpg
Averill in una figurina del 1933.
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Baseball Baseball pictogram.svg
Record
Batte sinistro
Tira destro
Debutto in MLB 16 aprile 1929 con i Cleveland Indians
Media battuta (AVG) .318
Fuoricampo (HR) 238
Punti battuti a casa (RBI) 1.164
Ruolo Esterno
Ritirato 1941
Hall of fame National Baseball Hall of Fame (1975)
Carriera
Squadre di club
1929-1939Cleveland Indians
1939-1940Detroit Tigers
1941Boston Braves
Palmarès
All-Star 6
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 12 ottobre 2015

Howard Earl Averill (Snohomish, 21 maggio 1902Everett, 16 ottobre 1983) è stato un giocatore di baseball statunitense di ruolo esterno nella Major League Baseball (MLB). È stato inserito nella National Baseball Hall of Fame nel 1975.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Averill debuttò nella Major League nel 1929 coi Cleveland Indians con cui giocò per dieci anni e di cui rimane il leader per basi totali, punti battuti a casa, corse e tripli.[1] Inoltre è al terzo posto in battute e doppi e quarto in fuoricampo. Durante i suoi anni a Cleveland, la squadra non si classificò mai meglio di terza. Averill fu il primo giocatore della Major League a colpire quattro home run in un doubleheader (uno a partita) il 17 settembre 1930 e uno dei primi giocatori a batterne uno alla sua prima sessione in battuta (il 16 aprile 1929). Averill batté col .378 nel 1936, guidando la American League in battute con 232, ma finendo secondo dietro Luke Appling nella media (Appling colpì col .388 quell'anno).

Averill fu scambiato coi Detroit Tigers a metà della stagione 1939. L'anno successivo, pur giocando poco, raggiunse le sue prime World Series, che i Tigers persero per 4 gare a 3 contro i Cincinnati Reds.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

1933-1938
  • Numero 3 ritirato dai Cleveland Indians

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Earl Averill is Outstanding Rescruit of Season, in The Pittsburgh Press, 7 giugno 1929.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]