Jim Thome

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jim Thome
Jim Thome 2008.jpg
Thome nel 2008 con i Chicago White Sox
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Baseball Baseball pictogram.svg
Ruolo Prima base, battitore designato, terza base
Ritirato 2012
Hall of fame National Baseball Hall of Fame (2018)
Carriera
Squadre di club
1991–2002Cleveland Indians
2003–2005Philadelphia Phillies
2006-2009Chicago White Sox
2009L.A. Dodgers
2010–2011Minnesota Twins
2011Cleveland Indians
2012Philadelphia Phillies
2012Baltimore Orioles
Statistiche
Batte sinistro
Lancia destro
Media battuta ,276
Valide 2 328
Punti battuti a casa 1 699
Fuoricampo 612
Palmarès
All-Star 5
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 24 maggio 2019

James Howard Thome (Peoria, 27 agosto 1970) è un giocatore di baseball statunitense che ha giocato nel ruolo di prima base, battitore designato e terza base nella Major League Baseball (MLB). È stato introdotto nella National Baseball Hall of Fame nel 2018, al suo primo anno di eleggibilità[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Thome giocò per 22 stagioni nella Major League Baseball dal 1991 al 2012 per sei diverse squadre, in particolare per i Cleveland Indians, durante gli anni novanta. Un prolifico battitore di potenza, colpì 612 fuoricampo durante la sua carriera, l'ottavo risultato di tutti i tempi, con 2.328 valide, 1.699 punti battuti a casa (RBI) e una media battuta di .276. Fu convocato per cinque All-Star Game e vinse un Silver Slugger Award nel 1996.

Thome fu scelto dagli Indians nel Draft MLB 1989 e debuttò nella Major League nel 1991. A inizio carriera giocò come terza base prima di passare in pianta stabile alla prima base. Con gli Indians fu parte di un nucleo di giocatori che guidò il club a disputare due World Series in tre anni a metà degli anni novanta. Thome trascorse con la franchigia oltre un decennio, prima di firmare come free agent con i Philadelphia Phillies nel 2002, con i quali trascorse le successive tre stagioni. Scambiato con i Chicago White Sox prima della stagione 2006, fu premiato come Comeback Player of the Year dell'American League quell'anno, superando quota 500 fuoricampo nei tre anni con la squadra. A quel punto della carriera, problemi alla schiena lo limitarono al ruolo di battitore designato. Dopo avere giocato con Los Angeles Dodgers e Minnesota Twins, fece un breve ritorno a Cleveland e Philadelphia, prima di chiudere la carriera con i Baltimore Orioles. Dopo il ritiro, Thome divenne un dirigente dei White Sox.

Nel corso della sua carriera, la caratteristica primaria di Thome fu la potenza con cui colpiva le palle avversarie. In sei diverse stagioni batté più di 40 fuoricampo e nel 2003 guidò la National League in home run con 47. La sua on-base plus slugging (OPS) in carriera di .956 è la 19ª di tutti i tempi. Nel 2011 divenne l'ottavo giocatore a battere 600 fuoricampo in carriera. Al 2019 è leader di tutti i tempi per walk-off home run con 13.[2]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

1997–1999, 2004, 2006
1996
  • Leader della National League in fuoricampo: 1
2003

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Jim Thome elected to Hall of Fame, su MLB.com. URL consultato il 24 maggio 2019.
  2. ^ Walk-off home run - BR Bullpen, su www.baseball-reference.com. URL consultato il 24 maggio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]