José Méndez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
José Méndez
Mendez Jose 1920.jpg
Méndez nel 1920
Nazionalità Cuba Cuba
Baseball Baseball pictogram.svg
Ruolo Lanciatore
Ritirato 1926
Hall of fame National Baseball Hall of Fame (2006)
Carriera
Squadre di club
1907-1916 Almendares
1908 Brooklyn Royal Giants
1911-1912 Almendares Park
1909-1912 Cuban Stars
1913-1917 All Nations
1917 Los Angeles White Sox
1918 Chicago American Giants
1919 Detroit Stars
1920-1926 Kansas City Monarchs
Statistiche aggiornate al 19 giugno 2019

José de la Caridad Méndez (Cárdenas, 19 marzo 1887L'Avana, 31 ottobre 1928) è stato un giocatore di baseball cubano che ha giocato nel ruolo di lanciatore nelle Negro League. È stato introdotto nella National Baseball Hall of Fame nel 2006.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

NEl 1907 Méndez fu scoperto da Bebé Royer nella squadra di Almendares della lega cubana. Di corporatura relativamente minuta,[1] lanciava un'ostica fast ball con un semplice movimento ingannevole. Nella prima stagione nella lega cubana ebbe un record di 9 vittorie e nessuna sconfitta, guidando la squadra alla vittoria del pennant. Quell'estate debuttò negli Stati Uniti per i Cuban Stars ed ebbe anche un record di 3–0 per i Brooklyn Royal Giants.[2]

Nell'autunno del 1908, nel mezzo della seconda occupazione di Cuba disputò delle gare che lo fecero diventare una leggenda. I Cincinnati Reds visitarono L'Avana giocando contro squadre della lega cubana e Méndez dominò lanciando 25 inning senza subire punti in tre apparizioni. Diversi giorni dopo, contro una squadra di All-Star delle minor league lanciò altre due gare senza subire punti, incluso un no-hitter.

Altre squadre della Major League Baseball visitarono Cuba nel corso di quegli anni e Méndez lanciò contro di loro con un record di 9-11 in 24 gare, con una media PGL di 3.26. Alla fine del 1914 subì un infortunio a un braccio che ne condizionò le prestazioni durante i lanci, venendo spostato nel ruolo di interbase. Tornò gradualmente a lanciare negli anni successivi e vinse la sua ultima gara a Cuba il 21 gennaio 1927. Il suo record nella lega cubana è di 76-28 e la sua percentuale di vittorie è la migliore di tutti i tempi (minimo 40 vittorie).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "In the Spotlight of Sports, Cuba's Black Matthewson" Philadelphia Inquirer, January 14, 1912, Page 3, Columns 1 to 7
  2. ^ Figueredo, pp. 71–73. González Echevarría, pp. 129–131. Holway, p. 57. Peterson, pp. 211–213. Riley, p. 545.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ashwill, Gary (May 2, 2006). "José Méndez vs. versus major league teams, 1908–13".
  • Figueredo, Jorge S. (2003). Cuban Baseball: A Statistical History, 1878–1961. McFarland & Company. ISBN 0-7864-1250-X.
  • González Echevarría, Roberto (1999). The Pride of Havana: A History of Cuban Baseball. Oxford University Press. ISBN 0-19-514605-0.
  • Holway, John B. (2001). The Complete Book of Baseball's Negro Leagues: The Other Half of Baseball History. Fern Park, Florida: Hastings House Publishers. ISBN 0-8038-2007-0.
  • Peterson, Robert (1984). Only the Ball Was White. McGraw-Hill Book Company. ISBN 0-07-049599-8.
  • Riley, James A. (1994). "Mendez, José (Joe, The Black Diamond)". The Biographical Encyclopedia of the Negro Baseball Leagues. Carroll & Graf. pp. 545–46. ISBN 0-7867-0959-6.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN51455522 · LCCN (ENno2006131383 · WorldCat Identities (ENno2006-131383