Don Drysdale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Don Drysdale
Portrait of the baseball player Don Drysdale ca1960 (cropped).jpg
Drysdale con i Dodgers nel 1960
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 196 cm
Peso 86 kg
Baseball Baseball pictogram.svg
Record
Batte destro
Tira destro
Debutto in MLB 17 aprile 1956 con i Brooklyn Dodgers
Partite vinte-perse 209-166
Media PGL (ERA) 2.95
Strikeout (SO) 2486
Ruolo Lanciatore
Ritirato 1969
Hall of fame National Baseball Hall of Fame (1984)
Carriera
Squadre di club
1959-1969 600px Dodger blue and white.png Brooklyn/L.A. Dodgers
Palmarès
World Series 3
All-Star 9
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 7 novembre 2015

Donald Scott "Don" Drysdale (Van Nuys, 23 luglio 1936Montréal, 3 luglio 1993) è stato un giocatore di baseball statunitense di ruolo lanciatore che ha giocato per tutta la carriera nei Brooklyn/Los Angeles Dodgers della Major League Baseball (MLB). È stato introdotto nella National Baseball Hall of Fame nel 1984.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Don Drysdale plaque

Drysdale lanciò per i Brooklyn/Los Angeles Dodgers, assieme all'altro Hall of Famer Sandy Koufax tra il finire degli anni cinquanta e gli anni sessanta, formando una delle coppie di lanciatori più temute della storia.[1] Drysdale (sprannominato "Big D" dai tifosi[2]) utilizzava spesso lanci tali da intimidire i battitori avversari, in modo simile ad un altro Hall of Famer come Bob Gibson. Le 154 volte che colpì un battitore rimangono un record della National League moderna.

Drysdale era considerato anche un buon battitore per essere un lanciatore. In un totale di 14 stagioni, batté 218 valide, inclusi 29 fuoricampo.

Nel 1962, Drysdale concluse la stagione con 25 vittorie, venendo premiato con il Cy Young Award. Nel 1968, stabilì il primato della Major League con sei shutout e 58 inning senza subire punti consecutivi. Il secondo record fu battuto da un altro giocatore dei Dodgers, Orel Hershiser, vent'anni dopo. Nel 1963, faticò con una media battuta degli avversari di .251 e vinse gara 3 delle World Series al Dodger Stadium contro i New York Yankees, 1–0. Nel 1965, fu l'unico giocatore dei Dodgers a battere con .300 e pareggiò il suo record della National League per fuoricampo da parte di un lanciatore con sette. Quell'anno vinse 23 partite e guidò i Dodgers al loro terzo titolo a Los Angeles. Concluse la sua carriera nel 1969 a causa di un dolore cronico alla spalla.

Nel 1965, Sandy Koufax rifiutò di lanciare in gara 1 delle World Series a causa della coincidenza della festività ebraica dello Yom Kippur.[3] Al posto Koufax, fu Drysdale a lanciare per i Dodgers, concedendo 7 punti in 2 inning e 2/3 innings. Quando Walter Alston, il manager, lo tolse dalla partita, Drysdale disse: "Scommetto che in questo momento vorresti che fossi anch'io ebreo." I Dodgers persero contro i Minnesota Twins, 8-2.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Los Angeles Dodgers: 1959, 1963, 1965

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1959, 1959², 1961², 1962, 1963–1965, 1967, 1968
1962
  • Leader della MLB in vittorie: 1
1962
  • Leader della MLB in strikeout: 3
1959, 1960, 1962

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Dynamic Duo, 1959-1966: When Don Drysdale and Sandy Koufax ruled (baseballpastandpresent.com), 16 ottobre 2011. URL consultato il 7 novembre 2015.
  2. ^ (EN) Don Drysdale, Hall of Fame Dodger Pitcher, Dies at 56 (Los Angeles Times), 4 luglio 1993. URL consultato il 7 novembre 2015.
  3. ^ (EN) 1965 World Series (Baseball Reference). URL consultato il 7 novembre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN48376500 · LCCN (ENn89650745 · WorldCat Identities (ENn89-650745