Sam Crawford

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sam Crawford
SamCrawford.jpg
Crawford nel 1909.
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 183 cm
Baseball Baseball pictogram.svg
Record
Batte sinistro
Tira destro
Debutto in MLB 10 settembre 1899 con i Cincinnati Reds
Media battuta (AVG) .309
Fuoricampo (HR) 97
Punti battuti a casa (RBI) 1525
Ruolo Esterno
Ritirato 1929
Hall of fame National Baseball Hall of Fame (1957)
Carriera
Squadre di club
1899-1902Cincinnati Reds
1903-1917Detroit Tigers
Statistiche aggiornate al 25 ottobre 2015

Samuel Earl "Sam" Crawford (Wahoo, 18 aprile 1880Hollywood, 15 giugno 1968) è stato un giocatore di baseball statunitense di ruolo esterno che ha giocato nella Major League Baseball (MLB). È stato introdotto nella National Baseball Hall of Fame nel 1957.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Crawford giocò nella MLB per i Cincinnati Reds e i Detroit Tigers. Fu uno dei migliori battitori della cosiddetta dead-ball era e detiene ancora i record della Major League record per tripli in carriera (309) e fuoricampo interni in una stagione (12). In quest'ultima categoria detiene anche la seconda prestazione in carriera (51). Concluse i suoi giorni da giocatore con 2.961 valide e una media in battuta di .309, diventando il primo giocatore a guidare sia la American League che la National League in home run (1901 e 1908).

Ed Barrow, che allenò Crawford nei suoi primi due anni con Detroit, e fu colui che convertì Babe Ruth in esterno come general manager dei New York Yankees, una volta disse di non avere mai visto un battitore migliore di Crawford.[1] Uno dei suoi contemporanei, Fielder Jones, disse di Crawford: “Nessuno di loro può battere forte come Crawford. Si erge sul piatto solido come una casa di mattoni e ribatte tutti i lanciatori senza favoritismi.”[2]

Crawford fu tra i leader della American League in valide, punti battuti a casa, battute in extra base, media bombardieri e basi totali per 11 anni consecutivi, dal 1905 al 1915.[3] Utilizzando il cosiddetto “Gray Ink Test,” che assegna punti in base a quante volte un giocatore è stato leader nelle categorie dei battitori all'interno della lega, Crawford si posiziona al nono posto di tutti i tempi, davanti a stelle come Ted Williams e Mickey Mantle, tra gli altri.[4] Nel 1999, The Sporting News lo inserì all'84º posto nella classifica dei migliori cento giocatori di tutti i tempi[5].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

  • Leader della lega in fuoricampo: 2
1901, 1908
  • Leader della American League in punti battuti a casa: 3
1910, 1914, 1915

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ THE OBIT FOR SAM CRAWFORD, TheDeadBallEra.com. URL consultato il 25 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2009).
  2. ^ Player Pages>Sam Crawford, TheBaseballPage.com. URL consultato il 25 ottobre 2015.
  3. ^ Sam Crawford Entry, Baseball-Reference.com.
  4. ^ Gray Ink Test Leaders All-Time Batting, Baseball-Reference.com. URL consultato il 25 ottobre 2015.
  5. ^ (EN) Baseball's 100 Greatest Players, baseball-almanac.com. URL consultato il 17 novembre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN167481090 · LCCN (ENno2011026653