Buck Leonard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Buck Leonard
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Baseball Baseball pictogram.svg
Ruolo Prima base
Ritirato 1955
Hall of fame National Baseball Hall of Fame (1939)
Carriera
Squadre di club
1934-1950 Bianco e Nero.svg Homestead Grays
Statistiche
Batte sinistro
Lancia sinistro
Media battuta ,320
Palmarès
Negro League World Series 3
Negro League All-Star 13
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 18 luglio 2017

Walter Fenner "Buck" Leonard (Rocky Mount, 8 settembre 1907Rocky Mount, 27 novembre 1997) è stato un giocatore di baseball statunitense che ha giocato nel ruolo di prima base nelle Negro League (MLB). È stato introdotto nella National Baseball Hall of Fame nel 1972.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Leonard iniziò la carriera nelle Negro League nel 1933 coi Brooklyn Royal Giants, dopo di che di passò agli Homestead Grays nel 1934, la squadra per cui giocò fin al ritiro nel 1950. I Grays tra la fine degli anni trenta e la metà degli anni quaranta sono considerati una delle migliori squadre di tutti i tempi, non sono nell'ambito delle NL. La squadra giunse in finale per nove annate consecutive durante quel periodo.[1]

Leonard batteva per quarto nell'ordine di battuta, dopo un altro celebre Hall of Famer come Josh Gibson. Guidò le Negro League in media battuta nel 1948 con .395 e di solito guidò la lega in fuoricampo o finì secondo dietro al compagno Gibson. Dal momento che Gibson era conosciuto come "il Babe Ruth nero", Leonard, che giocava come prima base, fu inevitabilmente chiamato "il Lou Gehrig nero." Insieme, i due erano soprannominati "Thunder Twins" o "Dynamite Twins".[2] Un altro Hall of Famer e stella delle Negro league, Monte Irvin, disse che se a Leonard fosse stato permesso di giocare nelle major league, i tifosi "avrebbero potuto chiamare Lou Gehrig il Buck Leonard bianco. Era davvero così forte."[1] I Monarchs disputarono la loro ultima stagione nel 1950.[3] In seguito, Leonard giocò nella lega messicana e nel 1952 gli fu offerto un contratto nella MLB, ma ormai ritenne di essere troppo vecchio per giocare a quel livello, rifiutando l'offerta. Nel 1999, Leonard fu inserito da The Sporting News‍ al 47º posto nella classifica dei migliori cento giocatori di tutti i tempi.[4]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

  • Negro League World Series: 3
1943, 1944, 1948

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

  • Negro League All-Star: 13
1935, 1937, 1938, 1939, 1939, 1940, 1941, 1943, 1944, 1945, 1946, 1946, 1948

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b James Riley, Of Monarchs and Black Barons: Essays on Baseball's Negro Leagues, McFarland & Company, 2012, pp. 129–132, ISBN 0-7864-9130-2. URL consultato il 18 luglio 2017.
  2. ^ Payment, p. 40.
  3. ^ Lew Freedman, African American Pioneers of Baseball: A Biographical Encyclopedia, Greenwood Publishing Group, 2007, p. 38, ISBN 978-0-313-33851-9. URL consultato il 18 luglio 2017.
  4. ^ (EN) Baseball's 100 Greatest Players, baseball-almanac.com. URL consultato il 5 novembre 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Payment, Simone (2002), Buck Leonard, New York, New York: The Rosen Publishing Group Inc., ISBN 0-8239-3473-X

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN73085587 · LCCN (ENn94060209 · WorldCat Identities (ENn94-060209