Lou Brock

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lou Brock
Newloubrockprofile.jpg
Brock nel 1988.
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Baseball Baseball pictogram.svg
Record
Batte sinistro
Tira sinistro
Debutto in MLB 10 settembre 1961 con i Chicago Cubs
Media battuta (AVG) .293
Fuoricampo (HR) 149
Punti battuti a casa (RBI) 900
Ruolo Esterno
Ritirato 1979
Hall of fame National Baseball Hall of Fame (1985)
Carriera
Squadre di club
1961-1964Chicago Cubs
1964-1979St. Louis Cardinals
Palmarès
World Series 2
All-Star 6
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 15 ottobre 2015

Louis Clark "Lou" Brock (El Dorado, 18 giugno 1939) è un ex giocatore di baseball statunitense di ruolo esterno nella Major League Baseball (MLB). È stato inserito nella National Baseball Hall of Fame nel 1985, al suo primo anno di eleggibilità.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Brock iniziò la sua carriera di anni nella Major League Baseball nel 1961 con i Chicago Cubs, trascorrendone la maggior parte come esterno sinistro con i St. Louis Cardinals. Noto in particolar modo per avere superato il record assoluto di Ty Cobb di basi rubate nel 1977,[1] fu convocato per sei All-Star Game e guidò la National League (NL) in basi rubate per otto stagioni. Guidò inoltre la NL in doppi e tripli nel 1968. Nel 1974 si piazzò al secondo posto nel premio di MVP della National League. Con i Cardinals vinse per due volte le World Series, nel 1964 e nel 1967. Nel 1999, The Sporting News lo inserì al 58º posto nella classifica dei migliori cento giocatori di tutti i tempi[2].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

St. Louis Cardinals: 1964, 1967

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1967, 1971, 1972, 1974, 1975, 1979
  • Leader della National League in basi rubate: 8
1966–1969, 1971–1974

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Success Story: Lou Brock's Climb to the Hall of Fame, Baseball Digest, novembre 1985. URL consultato il 15 ottobre 2015.
  2. ^ (EN) Baseball's 100 Greatest Players, baseball-almanac.com. URL consultato il 17 novembre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN11889616 · ISNI (EN0000 0000 3998 9101 · LCCN (ENno95023120 · NDL (ENJA00434425 · WorldCat Identities (ENno95-023120