St. Louis Cardinals

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'ex squadra di football americano, vedi Arizona Cardinals.
St. Louis Cardinals
Baseball Baseball pictogram.svg
Campione della NL Central division in carica
Saint Louis Cardinals logo.png
Segni distintivi
Uniformi di gara
Kit trousers beltonwhite.png

Casa

Kit trousers beltongrey.png

Trasferta

Colori sociali                    
Rosso, blu, giallo, bianco
Dati societari
Città Saint Louis
Nazione Stati Uniti Stati Uniti
Lega National League
Division Central
Fondazione 1882
Denominazione St. Louis Cardinals (1900–presente)
St. Louis Perfectos (1899)
St. Louis Brown Stockings/Browns (1882-1898)
Presidente William O. Dewitt III
Proprietario William O. DeWitt Jr.
General manager John Mozeliak
Allenatore Mike Matheny (2012-presente)
Sito web stlouis.cardinals.mlb.com
Palmarès
World Series 1926,1931,1934,1942,1944,1946,
1964,1967,1982,2006,2011
Titoli di League 23
Titoli di Division 13
Wild card 3
Impianto di gioco
BuschStadium 2006-05-30.jpg
Busch Stadium (III) (2006-presente)
43.975 posti

I St. Louis Cardinals sono una delle franchigie professionistiche della Major League Baseball (MLB), con sede a St. Louis, nel Missouri. Sono membri della Central division della National League. Disputano le loro gare interne al Busch Stadium a partire dal 2006. Nati come uno dei primi club professionistici di baseball St. Louis e acquistati dall'imprenditore Chris von der Ahe nel 1881, erano inizialmente conosciuti come Brown Stockings. L'anno successivo divennero uno dei membri fondatori della American Association (AA). Con la chiusura della AA, St. Louis si unì alla NL nel 1892; all'epoca erano chiamati Browns e Perfectos, prima di essere ufficialmente rinominati Cardinals nel 1900.

Una delle franchigie di maggior successo nella storia del baseball, i Cardinals hanno vinto 11 World Series (secondi solo ai 27 dei New York Yankees e primi nella National League), 19 pennant della National League (secondi solo ai 20 dei San Francisco Giants) e 13 titoli di division. Mentre faceva parte della AA, St. Louis vinse quattro titoli, qualificandosi per quelle che furono le antenate delle World Series. Pareggiarono quelle del 1885 e vinsero quelle del 1886[1] (in entrambi i casi contro i predecessori dei Chicago Cubs, in una rivalità storica che continua ancora oggi.

I traguardi dei Cardinals che hanno avuto un impatto sulla MLB e sullo sport in generale includono la creazione pionieristica di Branch Rickey del farm system, le due triple corone dei battitori di Rogers Hornsby, le 30 vittorie di Dizzy Dean nella stagione 1934, i 17 record MLB e i 29 record della NL di Stan Musial, la media PGL di 1.12 di Bob Gibson nel 1968, il "Whiteyball" di Whitey Herzog, il record stagionale di fuoricampo di Mark McGwire nel 1998 e le improbabili rimonte della squadra che vinse il titolo nel 2011.[2] I Cardinals hanno vinto 105 o più gare in quattro diverse stagioni e 100 o più gare in nove occasioni. I loro giocatori sono stati nominati per 20 volte MVP della lega, hanno vinto quattro triple corone dei battitori e tre Cy Young Award. Membri della Baseball Hall of Fame includono Lou Brock, Dean, Gibson, Herzog, Hornsby, Joe Medwick, Musial, Rickey, Red Schoendienst, Ozzie Smith e Bruce Sutter.

Nel 2015, Forbes ha valutato il valore dei Cardinals in 1,4 miliardi di dollari, sesti tra le franchigie della MLB; le loro entrate l'anno precedente erano state di 294 milioni di dollari e il loro reddito operativo di 73,6 milioni il più alto della MLB.[3] Dal loro acquisto nel 1995, il gruppo di investimento del proprietario William DeWitt, Jr. ha visto un'enorme crescita rispetto al prezzo di 147 milioni pagati per l'acquisto. John Mozeliak è il general manager e Mike Matheny il manager.[4] Noti per il caloroso supporto dei propri tifosi, malgrado il trovarsi in un mercato di medio livello, i Cardinals hanno spesso una presenza di pubblico tra le maggiori della lega e sono consistentemente tra le prime tre squadre della MLB nei rating televisivi.[5][6]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Prima dei Cardinals (1875-1881)[modifica | modifica wikitesto]

Il baseball professionistico iniziò a St. Louis con la fondazione dei Brown Stockings nella National Association nel 1875. La NA fallì quella stessa stagione e, St. Louis si unì alla National League come membro fondatore, finendo al terzo posto con un bilancio di 45-19. George Bradley lanciò il primo no-hitter nella storia del baseball. La NL espulse St. Louis dalla lega nel 1877 a causa di uno scandalo di partite combinate e la squadra andò in bancarotta.[7] Senza una lega, continuarono come squadra semiprofessionistica itinerante fino al 1881.

A causa dei profondi cambiamenti organizzativi tra il 1877 e il 1881, i Brown Stockings non sono generalmente considerati condividere una continuità temporale coi St. Louis Cardinals;[8][9]

American Association e primi anni nella National League (1882–1919)[modifica | modifica wikitesto]

Charles Comiskey guidò i Browns a 4 titoli dell'American Association

Per la stagione 1882, Chris von der Ahe acquistò la squadra, la riorganizzò e la rese un membro fondatore dell'American Association (AA), una lega rivale della NL.[10] Il 1882 è generalmente considerato il primo anno di esistenza dei St. Louis Cardinals.[8][9][11]

Nel 1882, St. Louis accorciò il suo nome in "Browns". Poco dopo divenne la squadra dominante della AA, col manager Charles Comiskey che la guidò a quattro titoli consecutivi dal 1885 al 1888.[1][12] Il lanciatore ed esterno Bob Caruthers guidò la lega in media PGL (2.07) e vittorie (40) nel 1885 e terminò tra i primi sei nelle due stagioni successive. Guidò anche la lega in percentuale in base (.448) nel 1886 e finì quarto in media battuta nel 1886 (.334) e quinto nel 1887 (.357).[13] L'esterno Tip O'Neill vinse la prima tripla corona della storia della franchigia nel 1887, l'unica della storia della AA.[14][15][16] Con la vittoria del pennant, i Browns affrontarono i campioni della NL nel predecessore delle World Series. Incontrarono due volte i Chicago White Stockings, i futuri Chicago Cubs, pareggiando la prima e vincendo la seconda, dando iniziò alla rivalità che dura ai giorni nostri.[17] During the franchise's ten seasons in the AA, they compiled an all-time league-high of 780 wins and .639 winning percentage. They lost just 432 contests while tying 21 others.[1]

Rogers Hornsby vinse due Triple corone come Cardinal[16]

La AA andò in bancarotta dopo la stagione 1891 e i Browns si trasferirono nella National League, iniziando un periodo negativo. Tra il 1892 e il 1919, St. Louis ebbe solo cinque stagioni con un record positivo, finendo penultima in sedici occassioni e concludendo quattro stagioni con cento o più sconfitte. Il punto più basso fu la stagione 1897, con un record di 29-102, il peggiore della storia della franchigia.[1] Il record di 84-67 del 1899 fu il migliore per il club tra l'addio alla AA e l'acquisto da parte di Sam Breadon.[18] Divenuta nota col nome di "Perfectos", la squadra indossava una maglia colore rosso cardinalizio e calzini a righe.[18] In seguito, nel corso di quella stagione, il giornalista sportivo del St. Louis Republic Willie McHale incluse in un articolo il commento di una tifosa che aveva sentito affermare "Che adorabile sfumatura di cardinal." I tifosi apprezzarono il soprannome "Cardinals" e, l'anno successivo, data la popolarità ottenuta dal nomignolo, il club lo adottò ufficialmente.[18]

Nel 1902, una squadra dell'American League si trasferì da Milwaukee a St. Louis, adottando il nome St. Louis Browns e costruendo un nuovo stadio sul vecchio sito dello stadio dei Cardinals, dando il via a una rivalità che durò mezzo secolo.[19] Breadon acquistò una quota di minoranza dei Cardinals nel 1919 e nel 1917 il manager Branch Rickey si unì ai Cardinals.[20][21] Le prime venticinque stagioni dei Cardinals nella NL furono di segno opposto rispetto alla loro permanenza nella AA – con una percentuale di vittorie del 40,6, vinsero 1.632 partite, ne persero 2.425 e ne pareggiarono 74.[1]

L'era Breadon (1920–52)[modifica | modifica wikitesto]

Il baseball a St. Louis iniziò la sua rinascita in questo periodo: dal 1926, i Cardinals hanno vinto undici World Series e 19 pennant della NL.[1] Breadon iniziò la ricostruzione acquistando la squadra nel 1920 e nominando Rickey come business manager, il quale espanse lo staff degli osservatori, puntò sullo sviluppo dei giocatori e fece un lavoro pionieristico sulle minor league, rivestendo il ruolo oggi noto come quello di general manager.[22] Con Rogers Hornsby in seconda base, che vinse la Tripla corona nel 1922 e nel 1925, i Cardinals vinsero le loro prime World Series nel 1926.[16][23] St. Louis poi conquistò la NL nel 1928, 1930 e 1931, vincendo le sue seconde World Series nel 1931.[24]

Stan Musial si ritirò con diversi record in battuta della National League e della squadra

La squadra tornò a vincere le World Series nel 1934[24], guadagnando anche popolarità al di fuori St. Louis grazie alle radio.[25] Dizzy Dean era il leader di quella squadra, venendo premiato come MVP nel 1934 e guidando la NL diverse volte in vittorie, strikeout, inning lanciati, gare complete e shutout.[26] Johnny Mize e Joe Medwick emersero come battitori potenti, con Medwick che vinse l'ultima Tripla corona per un Cardinal nel 1937.[16][24][27][28][29]

Negli anni quaranta, vi fu un'epoca d'oro per i giocatori giunti dalle squadre affiliate alle minor league, come Marty Marion,[30] Enos Slaughter,[31] Mort Cooper,[32] Walker Cooper,[33] Stan Musial,[34] Max Lanier,[35] Whitey Kurowski,[36] Red Schoendienst[37] e Johnny Beazley.[38] In uno dei suoi decenni di maggior successo, il club vinse 960 gare, contro 580 sconfitte, con una percentuale di successo maggiore di tutte le altre squadre della MLB, 62,3.[39] Con Billy Southworth come manager, i Cardinals vinsero le World Series nel 1942 e nel 1944 (queste ultime in un derby cittadino contro i Browns) e vinsero 105 o più gare per tre anni consecutivi dal '42 al '44.[1] La percentuale di vittorie Southworth come manager (64,2) è la più alta di St. Louis da quando si unì alla National League.[40][41] Musial era considerato il miglior battitore della sua epoca e uno dei più decorati della storia della squadra, vincendo tre titoli di MVP e sette come miglior battitore.[34][42] St. Louis in seguito vinse le World Series nel 1946 alla settima partita.[43] Breadon fu costretto a cedere la squadra nel 1947, concludendo con 6 World Series e 9 pennant della NL come proprietario.[44] La squadra rimase competitiva, terminando con più vittorie che sconfitte in 13 delle successive 17 stagioni, non riuscendo però a vincere più le World Series sino al 1964.[1]

L'era di Gussie Busch (1953–89)[modifica | modifica wikitesto]

Bob Gibson, il lanciatore più decorato della storia della squadra, vinse due Cy Young Award[45]

Nel 1953, il birrificio Anheuser-Busch acquistò i Cardinals e August "Gussie" Busch ne divenne il presidente,[46] portando i Browns a trasferirsi a Baltimora dove divennero gli Orioles rendendo i Cardinals l'unica squadra della MLB in città.[47] Negli anni sessanta vi furono nuovi successi, a partire da uno di quelli che è considerato uno dei migliori (o peggiori, dal punto di vista dei Cubs) scambi della storia della Major League, quando St. Louis ricevette l'esterno Lou Brock in cambio del lanciatore Ernie Broglio da Chicago.[48] Il terza base MVP Ken Boyer e il lanciatore Bob Gibson guidarono il club a una nuova vittoria delle World Series nel 1964,[49] con Curt Flood, Bill White, Curt Simmons e Steve Carlton che diedero anch'essi contributi chiave nel corso del decennio.[50][51][52][53] Nel 1967, il nuovo arrivo Orlando Cepeda vinse il premio di MVP, contribuendo poi alla vittoria delle World Series.[54][55] L'anno seguente la franchigia vinse la lega, guidando la MLB con una media PGL complessiva di 2.49[56]. Con un record per l'era moderna di 1.12 di media PGL e un altro primato di 17 strikeout in una sola gara delle World Series,[57] Gibson vinse sia il premio di MVP che il Cy Young Award quell'anno.[58]

Negli anni settanta, il ricevitore e terza base Joe Torre e il prima base Keith Hernández furono entrambi premiati come MVP, ma la squadra non finì mai oltre il secondo posto.[44][59][60] La franchigia ritrovò la via delle World Series nel decennio successivo, col manager Whitey Herzog e il suo stile di gioco soprannominato "Whiteyball". In quegli anni un altro scambio alterò la franchigia: nel 1982, l'interbase Garry Templeton fu ceduto ai Padres per l'altro interbase Ozzie Smith.[61][62] Ampiamente considerato come uno dei migliori difensori della storia del baseball, Smith è al primo posto di tutti i tempi tra gli interbase in Guanti d'oro vinti (13), convocazioni all'All-Star Game (15), assistenze (8.375) e doppi giochi (1.590).[63][64] St. Louis tornò alle World Series nel 1982, vinte contro i Milwaukee Brewers quell'autunno.[65][66] In seguito i Cardinals conquistarono il titolo di lega nel 1985 e 1987.[67] Nel 1985 furono sconfitti dai rivali statali dei Kansas City Royals.[68]

L'era di Bill DeWitt (1990–presente)[modifica | modifica wikitesto]

Il lanciatore Chris Carpenter fu essenziale in due vittorie delle World Series[69]
Albert Pujols fu la stella dei Cardinals nel primo decennio del nuovo millennio

Dopo la morte di Gussie Busch nel 1989,[70] il birrificio Anheuser-Busch assunse il controllo[71] e assunse Joe Torre come manager sul finire del 1990,[72] dopo di che cedette la squadra a un gruppo di investitori guidato da William DeWitt, Jr. nel 1996.[73] Tony La Russa sostituì Torre nella primavera del 1996.[74] Nel 1998, Mark McGwire si scontrò con Sammy Sosa dei Cubs alla caccia del record stagionale di fuoricampo.[75] Dal 2000 al 2013, i Cardinals si ristabilirono come una delle migliori squadre della lega, raggiungendo dieci volte i playoff, vincendo quattro pennant della NL e due World Series, con 1.274 vittorie nella stagione regolare, a fronte di 993 sconfitte per una una percentuale del 56%, guidando la National League e al secondo posto nella MLB dietro i New York Yankees.[76] Con le aggiunte di Jim Edmonds, Albert Pujols e Scott Rolen, i Cardinals avevano tre importanti battitori e difensori soprannominati "MV3;"[77] Pujols vinse tre titoli di MVP e batté con .328 e 445 fuoricampo durante la sua carriera coi Cardinals.[78] Nel 2004, la media PGL di 3.09 e le 15 vittorie di Chris Carpenter fecero terminare il club col miglior record della MLB di 105 vittorie, vincendo la NL.[79] Nel 2006, malgrado gli infortuni e la discontinuità,[80] St. Louis vinse le World Series, battendo i Detroit Tigers in cinque gare. Le loro 83 vittorie nella stagione regolare furono il minimo della storia per una squadra che conquistò il titolo[81][82][83]

Nel 2009, i Cardinals raggiunsero le 10.000 vittorie, a partire dai giorni nella AA[84][85] St. Louis fece ritorno ai playoff nel 2011, rimontando il più grande svantaggio dopo 130 partite (10,5 gare), superando gli Atlanta Braves all'ultima giornata per una wild card.[86] In gara 3 delle World Series 2011, Pujols divenne solamente il terzo giocatore a battere tre fuoricampo in una gara delle serie finale.[87] In gara 6 vinsero in rimonta il loro undicesimo titolo contro i Texas Rangers.[88] A fine stagione, La Russa annunciò il proprio ritiro, l'unico manager a farlo dopo avere vinto il titolo. Lasciò con il record di franchigie di vittorie per un manager, 1.408.[89][90]

Il successore di La Russa, Mike Matheny, divenne il primo della storia a guidare la sua squadra alle National League Championship Series in entrambe le sue prime due stagioni dalla suddivisione della lega in division (nel 1969).[91] Nel 2014, St. Louis giunse per il quarto anno consecutivo alle NLCS, dopo avere battuto 3-1 i Dodgers nelle Division Series. Dieci giorni dopo essere stati eliminati dai playoff dai San Francisco Giants, l'esterno rookie Oscar Taveras rimase vittima di un incidente stradale nella nativa Repubblica Dominicana.[92] Il 17 novembre, i Cardinals acquisirono dai Braves l'esterno Jason Heyward (fresco vincitore del Guanto d'oro) per sostituire Taveras.[93] Nel 2015, St. Louis vinse il terzo titolo di division consecutivo ma non riuscì a tornare per il quinto anno alle NLCS, venendo eliminata dai Cubs nelle Division Series.

Giocatori importanti[modifica | modifica wikitesto]

Membri della Baseball Hall of Fame[modifica | modifica wikitesto]

Come St. Louis Browns
Giocatore Anno Giocatore Anno
Charles Comiskey 1939 Pud Galvin 1965
Roger Connor 1976 George Sisler 1939
Come St. Louis Cardinals
Giocatore Anno Giocatore Anno
Grover C. Alexander 1938 Rabbit Maranville 1954
Walter Alston 1983 Bill McKechnie 1962
Jake Beckley 1971 John McGraw 1937
Jim Bottomley 1974 Joe Medwick 1968
Roger Bresnahan 1945 Johnny Mize 1981
Lou Brock 1985 Stan Musial 1969
Mordecai Brown 1949 Kid Nichols 1949
Jesse Burkett 1946 Branch Rickey 1967
Steve Carlton 1994 Wilbert Robinson 1945
Orlando Cepeda 1999 Red Schoendienst 1989
Dizzy Dean 1953 Enos Slaughter 1985
Leo Durocher 1994 Ozzie Smith 2002
Dennis Eckersley 2004 John Smoltz 2015
Frankie Frisch 1947 Billy Southworth 2008
Bob Gibson 1981 Bruce Sutter 2006
Burleigh Grimes 1964 Joe Torre 2014
Chick Hafey 1971 Dazzy Vance 1955
Jesse Haines 1970 Bobby Wallace 1953
Whitey Herzog 2010 Hoyt Wilhelm 1985
Rogers Hornsby 1942 Vic Willis 1995
Miller Huggins 1964 Cy Young 1937
Tony La Russa 1984
Nota
I giocatori in grassetto sono riprodotti nella Hall of Fame con l'uniforme dei Cardinals.

Numeri ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Note
  • Hornsby: Quando fu onorato nel 1937, '"SL"' fu utilizzato al posto del numero dal momento che aveva giocato per la maggior parte in un'epoca in cui i numeri non erano utilizzati
  • 42: Il numero 42 di Jackie Robinson fu ritirato dalla lega per tutte le franchigie nel 1997. I Cardinals ritirarono nuovamente il 42 nel settembre 2006 in onore di Sutter, che era stato eletto nella Hall of Fame in precedenza quell'anno.
  • 85: Gli azionisti dei Cardinals onorarono Busch col numero 85 il giorno del suo 85º compleanno nel 1984.

Elenco manager dei Cardinals[modifica | modifica wikitesto]

Roster attuale[modifica | modifica wikitesto]

Roster St. Louis Cardinals
Roster attivo Roster inattivo Staff tecnico

Lanciatori

Ricevitori

Interni

Esterni

Battitori designati

  • Nessuno

Lanciatori

Ricevitori

Interni

Esterni


Manager

Coach

Lista infortunati per almeno 60 giorni

  • Nessuno


26 attivi, 14 inattivi, 0 sulla lista infortunati (60 giorni)

Injury icon 2.svg Lista degli infortunati per 7 o 15 giorni
Lista di restrizione
# Congedo personale
A In Arbitration
Roster aggiornato al 21 aprile 2014
TransazioniGrafico di profondità


Record di franchigia[modifica | modifica wikitesto]

Battitori[modifica | modifica wikitesto]

  • OPS - On-Base + Slugging
1 Mark McGwire, 1B 1997-2001 1.011
2 Albert Pujols, 1B 2001-2011 1.037
3 Johnny Mize, 1B 1936-1941 1.018
4 Rogers Hornsby, 2B 1915-1926, 1933 .995
5 Stan Musial, OF 1941-1944, 1946-1963 .976
1 Stan Musial 1941-1944, 1946-1963 475
2 Albert Pujols 2001-2011 445
3 Ken Boyer 1955-1965 255
4 Jim Edmonds 2000-2008 241
5 Ray Lankford 1990-2001, 2004 228
1 Stan Musial 1941-1944, 1946-1963 3.630
2 Lou Brock 1964-1979 2.713
3 Rogers Hornsby 1915-1926, 1933 2.110
4 Albert Pujols 2001-2011 2.073
5 Enos Slaughter 1938-1942, 1946-1953 2.064
1 Stan Musial 1941-1944, 1946-1963 1.951
2 Albert Pujols 2001-2011 1.329
3 Enos Slaughter 1938-1942, 1946-1953 1.148
4 Jim Bottomley - 1.105
5 Rogers Hornsby 1915-1926, 1933 1.072
1 Lou Brock 1964-1979 888
2 Vince Coleman - 549
3 Ozzie Smith - 433
4 Arlie Lathan - 369
  • Punti segnati (Runs o R)
1 Stan Musial 1941-1944, 1946-1963 1.949
2 Lou Brock 1964-1979 1.427
3 Albert Pujols 2001-2011 1.291
4 Rogers Hornsby 1915-1926, 1933 1.089
5 Enos Slaughter 1938-1942, 1946-1953 1.071

Lanciatori[modifica | modifica wikitesto]

1 Bob Gibson - 3.117
2 Dizzy Dean - 1.095
3 Bob Forsch - 1.079
4 Chris Carpenter - 1.073
1 Bob Gibson - 251
2 Jesse Haines - 210
3 Bob Forsch - 163
1 Jason Isringhausen - 217
2 Lee Smith - 160
3 Todd Worrell - 129

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h St. Louis Cardinals Team History & Encyclopedia, Baseball-Reference.com. URL consultato il 31 ottobre 2015.
  2. ^ Eisenbath 1999: 251
  3. ^ St. Louis Cardinals, Forbes, marzo 2015.
  4. ^ Cardinals Front Office, mlb.com. URL consultato il 31 ottobre 2015.
  5. ^ Cardinals fans get another vote as best in baseball, in Denver Post, 2 agosto 2012. URL consultato il 31 ottobre 2015.
  6. ^ Busch Stadium facts, cardinals.mlb.com. URL consultato il 31 ottobre 2015.
  7. ^ Cash 2002: 38
  8. ^ a b St. Louis Cardinals Team History & Encyclopedia, su Baseball Reference. URL consultato il 31 ottobre 2015.
  9. ^ a b St. Louis Cardinals (1882-2013), su Retrosheet. URL consultato il 31 ottobre 2015.
  10. ^ Suehsdorf, A. D. (1978). The Great American Baseball Scrapbook, p. 8. Random House. ISBN 0-394-50253-1
  11. ^ 1875 St. Louis Brown Stockings team page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  12. ^ Charlie Comiskey Managerial Record, Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  13. ^ Bob Caruthers player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  14. ^ Tip O'Neill player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  15. ^ Tip O'Neill awards, su Baseball Almanac. URL consultato il 1º novembre 2015.
  16. ^ a b c d MLB Triple Crown Winners, su Baseball-reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  17. ^ Jon David Cash, Before They Were Cardinals: Major League Baseball in Nineteenth-Century, St. Louis, University of Missouri Press, 2002.
  18. ^ a b c Cardinals timeline 1, su St. Louis Cardinals Official Website. URL consultato il 1º novembre 2015.
  19. ^ Baltimore Orioles on Baseball Almanac, su Baseball-almanac.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  20. ^ Norman Macht, The Ballplayers - Sam Breadon, su BaseballLibrary.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  21. ^ Pat Doyle, Branch Rickey's Farm - Minor League History, su baseball-almanac.com. URL consultato il 3 giugno 2013.
  22. ^ On This Day: Branch Rickey, 83, dies in Missouri, in New York Times on the Web Learning Network, 10 gennaio 1965. URL consultato il 1º novembre 2015.
  23. ^ Rogers Hornsby player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  24. ^ a b c Cardinals timeline 3, su St. Louis Cardinals Official Website. URL consultato il 1º novembre 2015.
  25. ^ Doug Feldman. Dizzy and the Gashouse Gang: The 1934 St. Louis Cardinals and Depression-Era Baseball. Jefferson NC: McFarland & Company, 2000. 215pp.
  26. ^ Dizzy Dean player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  27. ^ St. Louis Cardinals HOF Museum, su MLB.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  28. ^ Johnny Mize player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  29. ^ Joe Medwick player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  30. ^ Marty Marion player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  31. ^ Enos Slaughter player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  32. ^ Mort Cooper player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  33. ^ Walker Cooper player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  34. ^ a b Stan Musial player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  35. ^ Max Lanier player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  36. ^ Whitey Kurowski player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  37. ^ Red Schoendienst player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  38. ^ Johnny Beazley player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  39. ^ Breakout selected from 1940 to 1949, Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  40. ^ Billy Southworth, su Society for American Baseball Research. URL consultato il 1º novembre 2015.
  41. ^ Billy Southworth Managerial Record, Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  42. ^ A.B. Fallstrom, Cardinals Hall of Famer Stan Musial Dies at 92, su ABC News, 20 gennaio 2013. URL consultato il 1º novembre 2015.
  43. ^ Larry Schwartz, Slaughter's mad dash gives Cardinals the title, su ESPN Classic, 17 ottobre 2005. URL consultato il 1º novembre 2015.
  44. ^ a b Cardinals timeline 4, su St. Louis Cardinals Official Website. URL consultato il 1º novembre 2015.
  45. ^ Bob Gibson player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  46. ^ August Anheuser Busch Was Born, su America's Library, 30 luglio 2011. URL consultato il 1º novembre 2015.
  47. ^ August Anheuser Busch Was Born, su Sports Encyclopedia, 23 aprile 2008. URL consultato il 1º novembre 2015.
  48. ^ MLB Trade Deadline Can Be Great Deal of Trouble, in New York Times, 30 luglio 2011. URL consultato il 1º novembre 2015.
  49. ^ Ross Newhan, 1964 St. Louis Cardinals, su Scout.com, 20 gennaio 2008. URL consultato il 1º novembre 2015.
  50. ^ Bill White player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  51. ^ Steve Carlton player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  52. ^ Curt Flood player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  53. ^ Curt Simmons player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  54. ^ Orlando Cepeda player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  55. ^ 1967 World Series, in MLB.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  56. ^ 1968 Major League Baseball Season Summary, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  57. ^ World Series History: 1968 World Series, su MLB.com. URL consultato il 5 aprile 2013.
  58. ^ 1968: The Year of the Pitcher, su SI.com, 4 agosto 1998.
  59. ^ Joe Torre player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  60. ^ Keith Hernández player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  61. ^ Ross Newhan, A Deep Team Rises to Top Despite Injuries, Cardinals Are Flying High and Leading NL East, in Los Angeles Times, 5 luglio 1987, p. Sports 3.
  62. ^ Whitey Herzog Managerial Record, Baseball-Reference.com. URL consultato il 26 marzo 2013.
  63. ^ John Donovan, Calling the Wizard, in SI.com, 28 luglio 2002. URL consultato il 1º novembre 2015.
  64. ^ Ozzie Smith player page, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 24 aprile 2013.
  65. ^ 1982 World Series, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  66. ^ Vintage Gallery: Memories of the last 'Suds Series, in pjstar.com, 11 ottobre 2011. URL consultato il 1º novembre 2015.
  67. ^ 1987 St. Louis Cardinals Batting, Pitching & Fielding statistics, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 14 maggio 2013.
  68. ^ 1985 World Series, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  69. ^ Chris Carpenter player page, Baseball-Reference.com, 1º novembre 2015.
  70. ^ Julie Cart, Patriarch of Cardinals Is Dead at 90: August A. Busch, Jr., Beer Baron, Bought Baseball Team in '53, su LA Times, 30 settembre 1989. URL consultato il 31 marzo 2013.
  71. ^ Anheuser-Busch Looking to Sell Cardinals, su The Daily Reporter, 26 ottobre 1995. URL consultato il 1º novembre 2015.
  72. ^ Joe Torre Managerial Record, Baseball-Reference.com. URL consultato il 1º novembre 2015.
  73. ^ AB Sell Cardinals, in New York Times, 23 dicembre 1995. URL consultato il 1º novembre 2015.
  74. ^ Tony La Russa retires as manager, three days after winning World Series, in NJ.com (Associated Press), 31 ottobre 2011. URL consultato il 1º novembre 2015.
  75. ^ Mark McGwire's Seventy Home Run Season by Baseball Almanac, baseball-almanac.com. URL consultato il 1º novembre 2015 (archiviato il 17 agosto 2007).
  76. ^ Breakout selected from 2000 to 2013, Sports Reference LLC. URL consultato il 1º novembre 2015.
  77. ^ Derrick Goold, Cardinals recast the 'MV3', su stltoday.com, 24 dicembre 2011. URL consultato il 1º novembre 2015.
  78. ^ Albert Pujols player page, Baseball-Reference.com, 31 marzo 2013.
  79. ^ 2004 St. Louis Cardinals team page, Baseball-Reference.com, 1º novembre 2015.
  80. ^ Patrick Morris, Cardinals win like never before, Los Angeles Times, 6 febbraio 2008. URL consultato il 1º novembre 2015.
  81. ^ Top 10 Unlikely World Series Winners, RealClearSports, 25 ottobre 2012. URL consultato il 1º novembre 2015.
  82. ^ Cardinals timeline: 2000s, su St. Louis Cardinals Official Website. URL consultato il 1º novembre 2015.
  83. ^ 2006 St. Louis Cardinals team page, Baseball-Reference.com, 1º novembre 2015.
  84. ^ American Association Remembered, su MLB.com, 7 maggio 2007. URL consultato il 1º novembre 2015.
  85. ^ The St. Louis Cardinals' Greatest Moments, su Back to Baseball, 24 luglio 2012. URL consultato il 1º novembre 2015.
  86. ^ Bernie Miklasz, Cardinals win like never before, St Louis Post-Dispatch, 29 ottobre 2011. URL consultato il 1º novembre 2015.
  87. ^ Joe Strauss, Pujols puts on historic display of power, su St. Louis Post-Dispatch, 22 ottobre 2011. URL consultato il 1º novembre 2015.
  88. ^ Anthony DiComo, 'Unbelievable' Game 6 ranks among the best, su MLB.com, 28 ottobre 2011. URL consultato il 1º novembre 2015.
  89. ^ Bruce Jenkins, Cardinals carry on winning tradition, su San Francisco Chronicle, 12 ottobre 2012. URL consultato il 1º novembre 2015.
  90. ^ Cardinals to retire Tony La Russa's No. 10 jersey, su USATODAY.com (AP), 1º maggio 2012. URL consultato il 1º novembre 2015.
  91. ^ Cardinals Press Release, Cardinals announce extension for Matheny, cleveland.indians.mlb.com, 20 novembre 2013. URL consultato il 1º novembre 2015.
  92. ^ Cards in disbelief over Taveras' death
  93. ^ Heyward, Miller in Braves-Cards swap

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cash, Jon (2002). Before They Were Cardinals: Major-League Baseball in Nineteenth-Century St. Louis. University of Missouri Press. ISBN 0-826-21935-7.
  • Eisenbath, Mike (1999). The Cardinals Encyclopedia. Philadelphia: Temple University Press. ISBN 1-56639-703-0. OCLC 40193767.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]