Chicago Cubs

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chicago Cubs
Baseball Baseball pictogram.svg
Chicago Cubs logo.png
Segni distintivi
Uniformi di gara
Kit left arm pinstripesonwhite.png
Kit right arm pinstripesonwhite.png
Kit trousers pinstripesonwhite.png

Casa

Kit trousers beltongrey.png

Trasferta

Kit trousers pinstripesonwhite.png

Terza

Colori sociali               
Rosso, blu, bianco
Dati societari
Città Chicago
Nazione Stati Uniti Stati Uniti
Lega National League
Division Central
Fondazione 1870
Denominazione Chicago White Stockings (1870-1871, 1874-1889)
Chicago Colts (1890-1897)
Chicago Orphans (1898-1901)
Chicago Cubs (1902–presente)
Presidente Theo Epstein
Proprietario Thomas S. Ricketts
General manager Jed Hoyer
Allenatore Joe Maddon (2015-presente)
Sito web chicago.cubs.mlb.com
Palmarès
World Series 1907,1908
Titoli di League 16
Titoli di Division 5
Wild card 2
Impianto di gioco
Wrigley field 720.jpg
Wrigley Field (1916-presente)
42.374 posti

I Chicago Cubs sono una squadra professionistica di baseball appartenente alla Major League Baseball (MLB), con sede a Chicago, Illinois. Sono membri della Central division della National League. Sono una delle due squadre delle major league con sede a Chicago; gli altri sono i Chicago White Sox, membri della Central division della American League (AL). Il club è posseduto da Thomas S. Ricketts, figlio del fondatore di TD Ameritrade, Joe Ricketts.

La squadra disputò le sue prime partite nel 1870 nella National Association of Base Ball Players col nome di Chicago White Stockings, vincendo il campionato. Si unirono alla professionistica National Association of Professional Base Ball Players nel 1871, ma sospesero le operazioni nelle due stagioni successive a causa del Grande incendio di Chicago. Ripresero nel 1874, unendosi alla National League nel 1876 come membro fondatore, diventando in seguito noti come Chicago Cubs per la stagione 1903. I Cubs sono la più antica squadra professionistica del Nord America e quella rimasta più a lungo nella stessa città per tutta la sua storia. Sono uno dei due rimanenti membri fondatori della National League (assieme agli Atlanta Braves, che iniziarono a giocare nella NFL nel 1871 come Boston Red Stockings).

Nel 1906, la squadra fece registrare un record della Major League Baseball con 116 vittorie (pareggiato dai Seattle Mariners nel 2001) con una percentuale di vittorie del 76,3, ancora un primato imbattuto. Disputarono le loro prime World Series quello stesso anno, perdendo contro i loro rivali cittadini, i White Sox, per quattro gare a due. I Cubs vinsero due World Series consecutive nel 1907 e nel 1908, diventando la prima squadra a qualificarvisi per tre anni consecutivi e a vincere per due volte di seguito. Da allora la squadra è apparsa otto volte alle World Series, l'ultima nel 1945, senza più vincerle, una striscia negativa di 107 anni che è la più lunga di qualsiasi altra squadra nello sport nordamericano,[1][2]. A causa di questa dubbia distinzione, ci si riferisce spesso a loro come "Lovable Losers" (adorabili perdenti). Sono anche noti come "The North Siders" poiché il Wrigley Field, il loro stadio dal 1916, è localizzato nel lato nord di Chicago. La principale rivalità della squadra è quella contro i St. Louis Cardinals.

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

La casa dei Cubs è il Wrigley Field, stadio costruito nel 1916 che conserva molte caratteristiche peculiari dei tradizionali stadi da baseball. Ad esempio, la linea esterna del campo di gioco è delimitata da un insolito muro ricoperto di edera. I riflettori per illuminare il campo sono stati installati soltanto nel 1988, dal momento che tradizionalmente le partite dei Cubs sono sempre state giocate alle 14.20. Tale tradizione è dovuta alla decisione da parte della squadra di giocare in orario pomeridiano per evitare di disturbare il vicinato giocando la sera tardi. Tuttora, esiste un accordo con le autorità cittadine perché i Cubs non giochino più di un terzo delle partite casalinghe in orario serale.

Giocatori importanti[modifica | modifica wikitesto]

Numeri ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Membri della Baseball Hall of Fame[modifica | modifica wikitesto]

Roster attuale[modifica | modifica wikitesto]

Roster Chicago Cubs
Roster attivo Roster inattivo Staff tecnico

Lanciatori

Rotazione titolare
Bullpen
Closer

Ricevitori

Interni

Esterni


Lanciatori

Ricevitori

  • Nessuno

Interni

Esterni


Manager

Coach

  • 64 Henry Blanco (controllo qualità)
  • 58 Mike Borzello (ricevitori)
  • 25 Chris Bosio (lanciatori)
  • 53 Doug Dascenzo (esterni)
  • 77 Eric Hinske (assistente battitori)
  • 16 Brandon Hyde (prima base)
  • 1 Gary Jones (terza base)
  • 2 John Mallee (battitori)
  • 4 Dave Martinez (panchina)
  • 95 Chad Noble (bullpen catcher)
  • 35 Lester Strode (bullpen)

Lista infortunati per almeno 60 giorni


25 attivi, 15 inattivi, 1 sulla lista infortunati (60 giorni)

Injury icon 2.svg Lista degli infortunati per 7 o 15 giorni
Lista di restrizione
# Congedo personale
A In Arbitration
Roster aggiornato al 18 ottobre 2015
TransazioniGrafico di profondità


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ John Helyar, Lovable losers? Not at this sale price, su ESPN.com, 2 aprile 2007. URL consultato il 18 aprile 2015.
  2. ^ John Nadel, Wait 'til next year, again: Cubs eliminated by LA, Associated Press, 5 ottobre 2008. URL consultato il 18 ottobre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]