Stan Coveleski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stan Coveleski
Stan Coveleski npcc 13989.jpg
Coveleski nel 1925
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Baseball Baseball pictogram.svg
Record
Batte destro
Tira destro
Debutto in MLB 10 settembre 1912 con i Philadelphia Athletics
Partite vinte-perse 215-142
Media PGL (ERA) 2.89
Strikeout (SO) 981
Ruolo Lanciatore
Ritirato 1928
Hall of fame National Baseball Hall of Fame (1969)
Carriera
Squadre di club
1912Philadelphia Athletics
1916-1924Cleveland Indians
1925-1927 600px blu rosso bianco twins.svg Washington Senators
1928New York Yankees
Palmarès
World Series 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 24 ottobre 2015

Stanley Anthony Coveleski, nato Stanislaus Kowalewski (Shamokin, 13 luglio 1889South Bend, 20 marzo 1984), è stato un giocatore di baseball statunitense di ruolo lanciatore nella Major League Baseball (MLB). È stato introdotto nella National Baseball Hall of Fame nel 1969.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Coveleski giocò per quattordici stagioni nella American League (AL) per Philadelphia Athletics, Cleveland Indians, Washington Senators e New York Yankees. In 450 gare in carriera, terminò con un record di 215–142, con 224 gare complete e una media PGL di 2.89. Iniziò a giocare nel baseball professionistico nel 1908, seguendo le orme del fratello maggiore, Harry Coveleski. Giocò principalmente per i Lancaster Red Roses fino al debutto nelle major league con gli Athletics nel 1912. Dopo altre tre stagioni nelle minor league, firmò con gli Indians nel 1916. Con essi vinse le World Series nel 1920, durante le quali vinse tre partite con una media PGL di 0.67 che rimane un record per le World Series[1]

Conclusa l'esperienza con gli Indians, Coveleski passò tre stagioni con i Senators e l'ultima con gli Yankees prima di ritirarsi dopo quella del 1928. Coveleski era specializzato nel lanciare la cosiddetta spitball, una palla alterata con una sostanza estranea, come tabacco da masticare. La pratica era legale all'inizio della sua carriera ma venne vietata nel 1920. Fu tuttavia uno dei 17 lanciatori a cui fu permesso di continuare ad utilizzare quella tecnica.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Cleveland Indians: 1920

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

  • Leader della American League in media PGL: 2
1923, 1925
  • Leader della American League in strikeout: 1
1920


Nei Media[modifica | modifica wikitesto]

È citato nel film per ragazzi "I Kill Giants".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kashatus, p. 86.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Kashatus, William C. (2002). Diamonds in the Coalfields: 21 Remarkable Baseball Players, Managers, and Umpires from Northeast Pennsylvania. McFarland. ISBN 978-0-7864-1176-4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]