David di Donatello alla carriera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il David speciale è un premio speciale che viene assegnato senza regolarità dalla giunta dei David di Donatello per celebrare attori, produttori, registi e altri membri della cinematografia italiana e internazionale.

Inizialmente veniva spesso usato per premiare conseguimenti che non rientravano nelle categorie esistenti o interpretazioni di attori italiani (e non) giudicate meritevoli che non erano state premiate nelle categorie già presenti, in seguito portò con il tempo alla creazione di diverse nuove categorie, come ad esempio gli interpreti non protagonisti e il regista esordiente. Tuttavia negli anni recenti è stato usato quasi esclusivamente per celebrare la carriera di un artista, tanto da essere definito in alcune occasioni David di Donatello alla carriera.

Secondo l'articolo 31 dello Statuto dell'Accademia, la Giunta può «assegnare tre David speciali con relativa motivazione ed eventualmente un altro per il miglior operatore nel settore delle industrie tecniche». Il premio viene consegnato direttamente durante la cerimonia di premiazione.[1]

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Anni 1960-1969[modifica | modifica wikitesto]

Gary Cooper, David Speciale alla carriera.

Anni 1970-1979[modifica | modifica wikitesto]

Anni 1980-1989[modifica | modifica wikitesto]

  • 1981:
    • Non assegnato
  • 1982:
    • Non assegnato

Anni 1990-1999[modifica | modifica wikitesto]

  • 1995
    • Milcho Manchevski, per Prima della pioggia. Epica testimonianza della insensata violenza fratricida che insaguina la regione balcanica, stimola a riflettere sia sulla colpevole indifferenza di chi sta a guardare sia sulla disperata impotenza di chi non vuole accettare l'esplodere di una brutalita senza principio
    • Michele Placido, per Un eroe borghese. Con talento e modestia ha percorso il lungo, inconsueto itinerario da attore ad autore realizzando opere di riconosciuto valore narrativo, artistico e di testimonianza civile
    • Vittorio Cecchi Gori, per i suoi ampi e significativi successi produttivi nel corso della stagione cinematografica
    • Aurelio De Laurentiis, per gli importanti primati come distributore nella stagione cinematografica
  • 1996:
    • Vittorio Gassman, alla carriera[2]
    • Gina Lollobrigida, alla carriera[2]
    • Virna Lisi, per il prestigio della sua carriera
    • Rita Rusić, per il numero più alto di film di qualità e di rilievo prodotto nella stagione '95-'96
    • Aurelio De Laurentiis, per l'attenzione e l'impegno imprenditoriale ed aziendale mostrati nelle ultime stagioni cinematografiche che lo hanno visto protagonista dell'industria cinematografica nazionale, ottenendo importanti risultati di mercato attraverso un'elevata redditività e frequenza di pubblico e, al contempo, realizzando significative iniziative produttive e distributive, con particolare attenzione per il cinema italiano ed europeo
    • Giovanni Di Clemente, per il complesso della sua attività nel campo della produzione cinematografica dall'83 ad oggi

Anni 2000-2009[modifica | modifica wikitesto]

Anni 2010-2017[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ David di Donatello - Statuto dell'Accademia del Cinema Italiano, daviddidonatello.it. URL consultato il 15 ottobre 2015.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n Definito sul sito daviddidonatello.it come "David alla carriera" invece che "David Speciale".

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema