Un eroe borghese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un eroe borghese
Unerghese.png
Una scena del film
Titolo originale Un eroe borghese
Paese di produzione Italia
Anno 1995
Durata 93 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, storico
Regia Michele Placido
Sceneggiatura Graziano Diana, Angelo Pasquini
Fotografia Luca Bigazzi
Musiche Pino Donaggio
Interpreti e personaggi
Premi

Un eroe borghese è un film del 1995, diretto da Michele Placido, tratto dal romanzo omonimo di Corrado Stajano che narra la drammatica storia reale di Giorgio Ambrosoli.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film si svolge a Milano negli anni settanta e racconta la vicenda dell'avvocato Giorgio Ambrosoli e delle sue indagini sulle attività finanziarie illecite del banchiere siciliano Michele Sindona, delle cui banche era stato nominato commissario liquidatore. Nonostante le perplessità dei colleghi e le forti pressioni, minacce e intimidazioni, Ambrosoli prosegue la sua attività investigativa con l'aiuto del maresciallo della Guardia di Finanza Silvio Novembre e arriva a scoprire come negli intrecci illegali siano coinvolti direttamente anche altri personaggi di alto livello del mondo finanziario, in particolare il banchiere milanese Roberto Calvi e l'arcivescovo americano Paul Marcinkus a capo dello IOR.

Vista la determinazione dell'avvocato, Sindona a New York ne ordina l'eliminazione al killer William Aricò, che l'11 luglio 1979 spara a Giorgio Ambrosoli sotto casa sua, uccidendolo. Nella scena finale del film, la famiglia di Ambrosoli, Silvio Novembre ed alcune persone amiche si riuniscono sul luogo del delitto nel giorno dei funerali.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema