Giuseppe Rotunno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David di Donatello David di Donatello per il miglior direttore della fotografia 1984

David Luchino Visconti David Luchino Visconti nel 1986

David di Donatello David di Donatello per il miglior direttore della fotografia 1990

Giuseppe Rotunno (Roma, 19 marzo 1923) è un direttore della fotografia italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fra i maggiori direttori della fotografia internazionali, nella sua carriera ha partecipato alla realizzazione di grandi capolavori del cinema, collaborando a lungo, fra gli altri, con Luchino Visconti e Federico Fellini. Intensa è stata anche la sua attività all'estero, soprattutto negli Stati Uniti.

Fra gli innumerevoli riconoscimenti ottenuti in carriera, conta ben sette Nastri d'argento, due David di Donatello e una Nomination all'Oscar per la migliore fotografia nel 1980 per All That Jazz - Lo spettacolo continua di Bob Fosse, film per cui vinse anche il prestigioso premio britannico Bafta. Un'altra Nomination ai Bafta l'aveva ricevuta nel 1976 per Il Casanova di Federico Fellini.

Da molti anni dirige il corso di Direzione della Fotografia alla Scuola nazionale di cinema del Centro Sperimentale di Cinematografia.

A partire dal 2009 il Bif&st di Bari assegna un premio intitolato a Giuseppe Rotunno per il miglior direttore della fotografia tra i film del festival.

Giuseppe Rotunno nel 1966 è stato il primo direttore della fotografia (o come direbbe Vittorio Storaro cinematografista, poiché il direttore è solo il regista) non americano ad essere ammesso all'ASC (American Society of Cinematographers)[1][2]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Members - The American Society of Cinematographers, su theasc.com. URL consultato il 22 marzo 2018.
  2. ^ (IT) MASTERS OF LIGHT – TRIBUTE TO GIUSEPPE ROTUNNO (AIC, ASC), in TERRE DI CINEMA - International Cinematographers Days, 03 luglio 2015. URL consultato il 22 marzo 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN67662231 · ISNI (EN0000 0001 1474 2089 · SBN IT\ICCU\CFIV\033032 · LCCN (ENno00090137 · GND (DE133662195 · BNF (FRcb14043347r (data)