Wolf - La belva è fuori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wolf - La belva è fuori
Wolf la belva è fuori.png
Jack Nicholson in una scena del film
Titolo originale Wolf
Paese di produzione USA
Anno 1994
Durata 125 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere orrore, sentimentale, fantastico
Regia Mike Nichols
Soggetto Jim Harrison, Wesley Strick
Sceneggiatura Jim Harrison, Wesley Strick
Produttore Douglas Wick
Produttore esecutivo Robert Greenhut, Neil A. Machlis
Fotografia Giuseppe Rotunno
Montaggio Sam O'Steen
Musiche Ennio Morricone
Scenografia Jim Dultz, Bo Welch
Costumi Ann Roth
Trucco Rick Baker
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Wolf - La belva è fuori (Wolf) è un film del 1994, diretto da Mike Nichols ed interpretato da Jack Nicholson, Michelle Pfeiffer e James Spader.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Attraversando una strada di campagna nel Vermont, in una notte di luna piena, Will Randall - caporedattore di una grande casa editrice newyorkese - investe un lupo e, nel tentativo di soccorrerlo, viene morso alla mano. Alla casa editrice presso cui Will lavora, il nuovo proprietario ed editore superiore, il cinico plurimiliardario Alden, decide di cambiare la conduzione e Will si trova messo in disparte. Decide così di accettare un posto in Europa che, di fatto, lo fa arretrare di carriera a favore del viscido Stewart, un collega più giovane. Nel frattempo si rende conto che la ferita infertagli dal lupo è diversa da un qualsiasi altro morso. Si rivolge ad un dottore esperto in culti pagani, arti magiche e licantropia, che gli conferma quello che lui teme: sta diventando quello che nella mitologia umana viene comunemente definito un "licantropo".

Il suo nuovo stato lo porta a diventare più ambizioso ed aggressivo: decide così di licenziarsi e di soffiare al suo editore Alden gli scrittori con cui ha lavorato per anni. Intreccia inoltre una relazione con la ribelle e magnetica figlia di quest'ultimo, Laura, contemporaneamente alla separazione dalla moglie, avendola scoperta amante di Stewart. Ma anche durante queste notti d'amore con Laura, Will si trasforma in licantropo alla luna piena, vaga per Central Park, uccide dei teppisti di quartiere, precedentemente sbrana un cervo; insomma, la sua nuova natura si palesa in modo sempre più evidente. Comunque, il suo nuovo comportamento, colpisce favorevolmente il tycoon Alden, che torna sui suoi passi e lo reintegra al suo posto, addirittura con aumenti e maggiori diritti. Il suo rivale, Stewart, subdolo e senza scrupoli, viene ferito incidentalmente da Randall durante un plenilunio e comincia ad assumere anche lui le caratteristiche del licantropo. La sua indole malvagia lo porta ad uccidere la moglie di Will - lasciata da quest'ultimo dopo essere stata scoperta amante di Stewart - e, deciso a vendicarsi per essere stato licenziato al posto di Will, una sera si presenta furioso a casa di Alden, dove cerca di assalire Laura che per precauzione ha chiuso Will nelle stalle. Intanto l'editore Alden viene a sapere, dal dottore, della condizione di Will e corre a casa. Stewart si trasforma, uccide il guardiano e cerca di mettere in scena il tentato assassinio di Laura come se fosse stato attuato da Will, che però, trasformatosi anch'egli, riesce a liberarsi dalle sbarre che lo rinchiudono, lottando contro il giovane licantropo, ma risparmiandolo ed allontanandosi da lui. Stewart, però, afferra un'arma e gli salta addosso per colpirlo alle spalle, ma Laura, afferrata la pistola del guardiano, uccide il giovane licantropo sparandogli ripetutamente al petto. Will e Laura si scambiano un commuovente silenzioso saluto dato dalla consapevolezza di Will che la sua trasformazione si sta ormai completando e che non c'è via di ritorno, mentre Laura vive un momento di disperazione al pensiero di dover lasciar andare il suo amato. Will scompare nei boschi ultimando la sua trasformazione in lupo mentre Alden arriva dalla figlia all'alba. Laura dice alla polizia che è stato Stewart (ritornato umano poiché morto, senza farlo sapere a nessuno) ad uccidere il guardiano con pistola per arrivare a lei, e che il guardiano, prima di morire, è riuscito a liberare Will che ha ucciso Stewart in una colluttazione, e che è poi fuggito, allora probabilmente già in volo verso una meta sconosciuta. Poco dopo, allontanandosi, si rende conto che, a causa del suo amore per Will, sta diventando un licantropo anche lei a partire dai suoi occhi che dall'azzurro diventano color ambra, lasciando intendere che il futuro dei due amanti sarà insieme, da lupi, nella foresta.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema

Divieto in Italia: vm14