Danilo Donati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Danilo Donati
Statuetta dell'Oscar Oscar ai migliori costumi 1969
Statuetta dell'Oscar Oscar ai migliori costumi 1977

Danilo Donati (Luzzara, 6 aprile 1926Roma, 2 dicembre 2001) è stato uno scenografo, costumista e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel 1926 a Luzzara, in provincia di Reggio nell'Emilia, mostrò fin dall'infanzia propensione per le arti figurative, unita a quella per la letteratura. Iscrittosi alla Scuola d'Arte di Porta Romana a Firenze, riuscì a evitare, grazie alla famiglia, il servizio militare. Nell'immediato dopoguerra diventò allievo del pittore Ottone Rosai, ma venne richiamato a Luzzara e chiamato alle armi.

Nel 1953 perse la madre ed entrò in un periodo di sconforto e crisi depressive che durò per circa due anni, al termine del quale iniziò a collaborare con Luchino Visconti, allora impegnato a teatro; occupazione che però non lo soddisfaceva appieno.

Finalmente, nel 1959, l'occasione di emergere: dopo aver curato i costumi della trasmissione televisiva Il Mattatore, Mario Monicelli gli affidò la progettazione dei costumi de La grande guerra. Da allora, la sua carriera fu in continua ascesa: il 1962 segnò l'inizio del sodalizio con Pier Paolo Pasolini, per il quale creò i costumi di numerosi film, che vennero poi tutti realizzati dal sarto Piero Farani.

Contemporaneamente, collaborava con Mauro Bolognini e, soprattutto, con l'amico Franco Zeffirelli: e proprio grazie a Zeffirelli e ai costumi rinascimentali realizzati per Romeo e Giulietta, nel 1969, vinse il primo dei suoi due premi Oscar. Il secondo arrivò nel 1977 grazie a Il Casanova di Federico Fellini, per il quale ricreò un Settecento opulento e quantomai fantasioso.

Si cimentò anche con la scenografia in molti film, tra i quali Chi lavora è perduto (In capo al mondo) dell'esordiente Tinto Brass, Per grazia ricevuta di Nino Manfredi, Francesco di Liliana Cavani e Marianna Ucrìa di Roberto Faenza. Donati ha lavorato anche per il cinema americano realizzando i costumi per Flash Gordon (1980) di Mike Hodges e per Yado - Red Sonja (1985) di Richard Fleischer, Ginger e Fred (1986) di Fellini, affiancato dall'aiutante - costumista A. Squicciarini.

Uomo schivo e poliedrico, si è anche rivelato un discreto scrittore con il romanzo (in parte autobiografico) Coprifuoco edito da Newton & Compton, finalista al Premio Strega 2001, nel quale descrisse l'ambiente fiorentino degli anni quaranta e i giorni che hanno preceduto la liberazione della città da parte delle truppe alleate.

Nel 1994 iniziò a lavorare per Roberto Benigni; proprio il film di Benigni Pinocchio fu il suo ultimo lavoro, con il quale si aggiudicò postumi per le migliori scenografie e i migliori costumi il premio David di Donatello.

Donati morì a Roma il 2 dicembre 2001.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Archivio[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni costumi realizzati da Danilo Donati sono conservati da Neri costumi teatrali - NCT, srl, e comprende quindici costumi da cardinale e tredici metri lineari di altri costumi[1]; altri, come quelli di Fratello sole, sorella luna (per il quale vinse un Oscar), si trovano alla Fondazione Cerratelli, vicino a Pisa[2].

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fondo Neri costumi teatrali - NCT, srl di Formello, serie Costumi Danilo Donati, su SIUSA Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche. URL consultato il 19 giugno 2019.
  2. ^ Stage costume for Nobildonna per Fratello Sole Sorella Luna, su Collezioni Europeana. URL consultato l'8 novembre 2019.
  3. ^ a b Enrico Lancia, Ciak d'oro, su books.google.it. URL consultato il 12/04/20.
  4. ^ CIAK D’ORO 2003: 4 PREMI A OZPETEK E SALVATORES, su e-duesse.it. URL consultato il 04/06/03 (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2020).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN232665587 · ISNI (EN0000 0003 6765 2161 · SBN MILV162080 · LCCN (ENn97865642 · GND (DE1061878414 · BNF (FRcb14677036w (data) · J9U (ENHE987007325591005171 · WorldCat Identities (ENlccn-n97865642