Marina Cicogna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Marina Cicogna Mozzoni Volpi di Misurata (Roma, 29 maggio 1934) è una produttrice cinematografica, sceneggiatrice e attrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appartenente all'antico casato lombardo dei Cicogna Mozzoni e da parte di madre - veneti - dei Conti Volpi di Misurata (il nonno era Giuseppe Volpi, governatore della Tripolitania), esponente del jet set e della dolce vita romana degli anni sessanta che gravitava attorno a Via Veneto[1][2][3], ha prodotto alcuni fra i più importanti film italiani del cinema d'autore (Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, di Elio Petri, vinse l'Oscar 1971 per il miglior film straniero).

È stata titolare assieme al fratello Bino Cicogna della casa di produzione e distribuzione Euro International Film, con la quale ha immesso nel mercato cinematografico italiano una grande quantità di film prodotti all'estero spesso da case indipendenti.

È apparsa come interprete in due piccole parti di Il comune senso del pudore (1976) e Medea, 1969, di Pier Paolo Pasolini.

Dichiaratamente omosessuale, fu la scopritrice dell'attrice Florinda Bolkan, della quale fu in seguito anche compagna di vita per oltre vent'anni[4].

È presidente onorario dell'Accademia Internazionale d'Arte di Ischia.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

(l'elenco si riferisce a film prodotti e/o co-prodotti, salvo dove non diversamente indicato in cui Cicogna ha ricoperto altri compiti)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marina Cicogna: "Sul set della mia vita", su leiweb.it, 27 maggio 2009. URL consultato il 19 aprile 2014.
  2. ^ Marina Cicogna, la donna che amava anche le donne, su lamescolanza.com, 3 agosto 2000. URL consultato il 19 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2014).
  3. ^ Un bel ricordo di Marina Cicogna. Agnelli senza pietà, su notiziegay.blogspot.ch, 22 gennaio 2008. URL consultato il 19 aprile 2014.
  4. ^ Mario Cirrito, Il mondo dorato di Marina Cicogna in mostra a Roma: "Che anni felici con la Bolkan", in Queer Blog, 27 maggio 2009. URL consultato il 19 aprile 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • di Corcia, Tony, Valentino: ritratto a più voci dell'ultimo imperatore della moda, Torino, Lindau, 2013, ISBN 9788867081547 (Marina Cicogna racconta la sua amicizia con il couturier Valentino Garavani)
  • AA.VV., La città del cinema, Napoleone editore, Roma 1979.

Marina Cicogna Produttore o co-produttore anche dei film seguenti, da voi non indicati. 1968: C'era una volta il west. di Sergio Leone. 1969: Medea di P. P. Pasolini (Non Interprete!). 1971: La classe operaia va in Paradiso. di Elio Petri. 1972: Fratello sole, sorella luna. di Franco Zeffirelli. 1972: Mimì Metallurgico, ferito nell'onore. di Lina Wertmüller. Risulta produttrice anche del film "Film d'amore e d'anarchia" (1973) di Lina Wertmuller

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN265340046 · ISNI (EN0000 0003 8269 3519 · LCCN (ENno2004100057 · GND (DE138700117