Cecil Beaton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Sir Cecil Walter Hardy Beaton (Londra, 14 gennaio 1904Broad Chalke, 18 gennaio 1980) è stato un fotografo e costumista britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cecil Beaton nasce a Hampstrad, in Inghilterra, conosciuto anche come Sir Cecil Walter Hardy Beaton. Uno dei quattro figli di Ernest Beaton, commerciante di legname e padre di una famiglia di classe media.[1] Cecil è appassionato d'arte fin da giovane e viene incoraggiato a seguire questa sua passione. Nella sua auotobiografia Beaton racconterà la prima volta in cui ha provato interesse per la fotografia: quando a tre anni trovò delle cartoline della attrice edoardiana Lily Elsie. Da questo episodio Beaton inizierà a scovare e collezionare le cartoline di attrici famose, estetica che influenzerà il suo stile fotografico. Inizia a fotografare a 11 anni, quando i suoi genitori gli regalano la sua prima macchina fotografica, una Box-Brownie, lui stesso ha raccontato di aver sperimentato molto e che si divertiva facendo posare la madre e le sorelle. [2] Dopo il liceo studia storia e architettura all'Università di Cambridge e dal 1926 si dedica alla fotografia e a disegnare costumi e scenografie per la televisione e poi per il cinema. Vince due Oscar per Gigi e My Fair Lady. In particolar modo diventerà un'icona della moda il vestito bianco e nero disegnato da Beaton ed indossato da Audrey Hepburn in My Fair Lady. Nel 1927, a soli 23 anni, Beaton viene assunto dalla rivista Vogue come disegnatore ma si fa apprezzare anche per la sua fotografia. Dal 1939 al 1945 è il fotografo ufficiale del Ministero dell'informazione Britannico, viaggiando dalla Cina al Medio al Medio Oriente e rischiando la vita più volte. La sua fotografia in questo periodo subisce una svolta epocale, Beaton ritrae dai soldati ai capi di Stato, e gli scatti di questo periodo sono considerati tra i più importanti. Negli anni '40 Beaton riprenderà a collaborare con Vogue, e le sue fotografie riappariranno sia su Vogue inglese che su Vogue America. Sir Beaton è stato anche un viveur dei suoi tempi, particolarmente attratto dalle personalità stravaganti ed eclettiche e sempre impegnato nella vita dell'epoca. Tramite i suoi scatti di inizi carriera ha documentato e vissuto a pieno i divertimenti delle Bright Young Things, ovvero quella generazione che ha vissuto la giovinezza a cavallo tra i due conflitti mondiali, negli anni '30, caratterizzata da una particolare spensieratezza e una instancabile voglia di vivere.[3] Cecil Beaton è stato anche il fotografo ufficiale della famiglia reale britannica, e grazie alle sue immagini che ritraevano una regina più accessibile e più umana, anche madre e moglie, ha contribuito a ristabilire la popolarità della Corona. [4] Anche quando si tratta di incarichi ufficiali Beaton propone uno stile patinato, che ricorda il glamour e riesce ad ammorbidire l'immagine di Elisabetta II, fino a quel momento vista come donna rigida ed austera. Anche per questo viene insignito del titolo di Sir, proprio per volere della sovrana per i suoi meriti nelle arti. [5] A Cecil Beaton è stato dedicato un docufilm diretto da Lisa Immordino Vreeland ed intitolato Love, Cecil, che racconta la vita del fotografo a partire da filmati originali, foto d'epoca e i diari di Beaton.[6] Cecil Beaton è stato preso da esempio da tantissimi fotografi tra cui Erdem Moralioglu, che nei suoi lavori include spesso citazioni agli scatti di Beaton. [7] Nel 2020 la National Portrait Gallery di Londra ha dedicato una mostra a Beaton, intitolata Bright Young Things dedicata ai primi anni del fotografo, quando i soggetti dei suoi lavori erano la sua cerchia di amici ricchi, belli e aristocratici.[8]

Estetica fotografica[modifica | modifica wikitesto]

«Siate audaci, siate differenti, siate poco pratici, siate qualsiasi cosa che possa affermare l’integrità della convinzione e dell’immaginazione.»

La fotografia di Beaton è in bianco e nero, caratterizzata da una profonda vena irriverente che va a cercare dettagli inusuali anche in donne iconiche come Marilyn Monroe e Grace Kelly.[9] Beaton è stato un grande innovatore del mondo fotografico, nonché uno dei più importanti fotografi del ventesimo secolo. Beaton ha fotografato per esempio la regina Elisabetta II, Wallis Simpson e Edoardo VIII, icone come Greta Garbo, Audrey Hepburn e Marilyn Monroe, o personalità come la pittrice Bridget Bate Tichenor, lo scrittore H. G. Wells, Elizabeth Taylor, Richard Burton. In queste e altre occasioni ha mostrato il suo più grande talento, ovvero quello di riuscire a far emergere degli elementi mai visti in personalità importanti e sotto gli occhi di tutti, riusciva infatti ad umanizzarle e a renderle più complete, mostrandone un lato nuovo e più vicino allo spettatore, che riusciva a coglierne anche i lati più nascosti. Grazie alle immagini Beaton riusciva a rafforzare lo status quo di queste personalità. Questo valeva per i personaggi politici tanto quanto per gli scatti di moda, in cui il surrealismo ne faceva da padrone. Beaton è stato uno dei primi fotografi ad utilizzare tecniche proprie della scenografia teatrale per scattare fotografie estremamente particolari, si ricorda ad esempio lo sfondo in cellophane o in lamina d'argento. Il glamour femminile è sempre al centro della fotografia di Beaton, pur essendo reinterpretato con personalità, l'estetica della sua fotografia di moda è stata di certo influenzata dalla sua bisessualità, dalla cultura queer e dall'estetica visiva della Pop Art di Andy Warhol e David Hockney.[10] Nella fotografia di guerra, invece, Cecil Beaton non si sofferma sugli orrori, ma piuttosto su uno spirito di ricostruzione e di ricerca dell'umanità, di resilienza. Uno degli scatti più rappresentativi di questo periodo ritrae una bambina ricoverata in ospedale, Eileen Dunne, a soli tre anni, che stringe la sua bambola di pezza. Questa fotografia finirà sulla copertina di Life e farà il giro del mondo facendo parlare dei conflitti in Europa e scuotendo gli animi, contribuendo alla decisione degli Stati Uniti di intervenire nel conflitto mondiale.[11]

Foto celebri[modifica | modifica wikitesto]

Spettacoli teatrali[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ande, Cecil Beaton, su Rosso Foto, 3 gennaio 2010. URL consultato il 14 luglio 2021.
  2. ^ CHIARA CORONELLI, L'alta società di Cecil Beaton, su Il giornale dell'arte, 5 marzo 2020. URL consultato il 14 luglio 2021.
  3. ^ Federica Camurati, Cecil Beaton, in mostra l'universo delle «Bright young things», su MFfashion, 6 luglio 2014. URL consultato il 14 luglio 2021.
  4. ^ Paola C, Come Cecil Beaton salvò la Regina, su Vitadamuseo, 6 luglio 2014. URL consultato il 14 luglio 2021.
  5. ^ Adriana Polveroni, Sir Cecil Beaton fotografo "dandy", su Repubblica, 28 marzo 2002. URL consultato il 14 luglio 2021.
  6. ^ Redazione, Su Sky Arte: la storia di Cecil Beaton, su Arttribune, 5 marzo 2020. URL consultato il 14 luglio 2021.
  7. ^ ROSALIND JANA, Erdem: 7 lezioni che ha imparato da Cecil Beaton, su Arttribune, 19 FEBBRAIO 2020. URL consultato il 14 luglio 2021.
  8. ^ Nicol Degli Innocenti, L’incanto dorato di Cecil Beaton, su Sole 24 ore, 31 agosto 2020. URL consultato il 14 luglio 2021.
  9. ^ Redazione, I 15 migliori fotografi di moda (FOTO), su Blogdimoda, 8 luglio 2015. URL consultato il 14 luglio 2021.
  10. ^ Redazione, Cecil Beaton: Grandi Fotografi, su Fotografia moderna, 23 marzo 2021. URL consultato il 14 luglio 2021.
  11. ^ Redazione, Cecil Beaton e la foto che cambiò il mondo, su AEMorgan, 23 marzo 2021. URL consultato il 14 luglio 2021.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Charles Spencer, Cecil Beaton, Stage and Film Designs - Academy Editions - London/St.Martins Press - New York 1975
  • (EN) David Chierichetti, Hollywood Costume Design, Cassell & Collier Macmillan Publishers Ltd, London 1976 ISBN 0-289-707-307
  • (EN) Elizabeth Leese, Costume Design in the Movies BCW Publishing Limited, 1976 ISBN 0-904159-32-9
  • (EN) Dale McConathy con Diana Vreeland Hollywood Costume - Glamour! Glitter! Romance!, Harry N. Abrams, Inc., Publishers, New York 1976
  • Cecil Beaton - 60 fotografie 1922-1971 Electa, Milano 1982
  • (EN) Cecil Beaton - edited by Dr. David Mellor - Barbican Art Gallery, London (1986)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN32015653 · ISNI (EN0000 0001 2126 6770 · Europeana agent/base/148698 · LCCN (ENn50006451 · GND (DE118507834 · BNF (FRcb12052438r (data) · BNE (ESXX850543 (data) · ULAN (EN500001040 · NLA (EN36172806 · NDL (ENJA00432634 · WorldCat Identities (ENlccn-n50006451