Vincente Minnelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Statuetta dell'Oscar Oscar al miglior regista 1959

Vincente Minnelli, all'anagrafe Lester Anthony Minnelli (Chicago, 28 febbraio 1903Beverly Hills, 25 luglio 1986), è stato un regista statunitense, inizialmente costumista e scenografo teatrale; secondo marito di Judy Garland con la quale ha avuto la figlia Liza Minnelli.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vincente Minnelli, di origini italiane da parte del padre, precisamente i suoi familiari erano originari del quartiere popolare di Borgo Vecchio di Palermo in Sicilia[1], e franco canadesi da parte della madre, fu figlio d'arte: suo padre, Vincent Charles Minnelli, dirigeva il Minnelli Brothers' Tent Theatre, e il giovane Vincente entrò nel mondo dello spettacolo già all'età di tre anni. Il suo talento nel disegno lo spinse ad intraprendere la carriera di disegnatore di costumi e di decoratore, ma non disdegnò nemmeno la regia, dove si cimentò nel ruolo di assistente. Nel 1933 venne nominato direttore del Radio City Music Hall di New York e debuttò a Broadway lavorando per le Ziegfeld Follies (Ziegfeld Follies of 1936).

Alla Metro Goldwyn Mayer[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio degli anni quaranta, Arthur Freed gli propose di unirsi alla Metro Goldwyn Mayer. Specializzato in musical sfarzosi ed eleganti, in cui la narrazione e i numeri musicali si fondevano perfettamente, Minnelli realizzò pellicole come Incontriamoci a Saint Louis, Il pirata, entrambe con Judy Garland, Un americano a Parigi, con Gene Kelly, e Spettacolo di varietà, con Cyd Charisse. Quest'ultimo musical è considerato il suo capolavoro, nonché il suo testamento artistico: egli vi descrive infatti le sue memorie sul tema dello spettacolo hollywoodiano e sulla vita delle star. Vincente Minelli mise in scena numerose commedie musicali, celebri per le scenografie surrealiste e per le scene di balletto o di canzoni che si integravano perfettamente con la scenografia. Minnelli trovò le scenografie hollywoodiane dell'epoca vecchie e statiche, e iniziò quindi a ispirarsi alle atmosfere degli artisti e alle correnti che lo avevano influenzato come il fauvismo, l'impressionismo e il surrealismo. Anche grazie a questi elementi, i film di Minnelli furono caratterizzati da una ricchezza di colori e da una particolare abilità nel fondere i diversi stili.

I matrimoni[modifica | modifica wikitesto]

Vincente Minnelli si sposò quattro volte; il matrimonio con Judy Garland durato sei anni (dal 1945 al 1951), portò alla nascita di Liza Minnelli. In seguito si sposò con Georgette Magnani, matrimonio che durò quattro anni (dal 1954 al 1958), dal quale ebbe la secondogenita Christine Nina Minnelli. Dopo la fine del matrimonio con la Magnani si sposò con Danica "Denise" Radosavljevic matrimonio che durò nove anni (dal 1962 al 1971) e infine con Margaretta Lee Anderson (dal 1980 al 1986, anno della sua morte).

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premio Oscar[modifica | modifica wikitesto]

Golden Globe[modifica | modifica wikitesto]

Un americano a Parigi e Gigi si sono inoltre aggiudicati l'Oscar al miglior film. Il primo ha anche vinto il Golden Globe per il miglior film commedia o musicale, il secondo il Golden Globe per il miglior film musicale.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Spettacoli teatrali (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gianni Bonina, [giannibonina.blogspot.com Gli zii di Sicilia/Il gran rifiuto di Liza Minnelli]. URL consultato il 10 agosto 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN17226864 · ISNI (EN0000 0000 8096 0714 · LCCN (ENn79085042 · GND (DE118784145 · BNF (FRcb11916225d (data) · WorldCat Identities (ENn79-085042