Campionato mondiale di Formula 1 2021

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Campionato mondiale di Formula 1 2021
Edizione n. 72 del Campionato mondiale di Formula 1
Dati generali
Inizio28 marzo
Termine12 dicembre
Prove22
Altre edizioni
Precedente -
Edizione in corso

Il campionato mondiale di Formula 1 2021 organizzato dalla FIA è, nella storia della categoria, la 72ª stagione ad assegnare il campionato piloti e la 64ª ad assegnare il campionato costruttori. È iniziato il 28 marzo e si concluderà il 12 dicembre, dopo ventidue gare, cinque in più rispetto alla stagione precedente, rendendolo il campionato più lungo di sempre per numero di appuntamenti della storia della Formula 1.

L'inizio del campionato, previsto per il 21 marzo col Gran Premio d'Australia, viene rinviato al weekend successivo col Gran Premio del Bahrein dopo che la Federazione decide di posticipare, e successivamente annullare, la gara inaugurale della stagione a causa della pandemia di COVID-19.[1][2]

La prestagione[modifica | modifica wikitesto]

Il calendario[modifica | modifica wikitesto]

In verde sono segnati i paesi che nel 2021 ospitano un Gran Premio di Formula 1, con sedi del circuito segnate con un punto nero. In grigio scuro sono quelli che li hanno ospitati in passato con gli ex circuiti ospitanti contrassegnati con un punto bianco.

Inizialmente tutti i Gran Premi annullati nel corso della stagione precedente a causa della pandemia di COVID-19, tra cui quelli d'Australia, Cina, Monaco, Azerbaigian, Canada, Francia, Singapore, Giappone e Stati Uniti, fanno il loro ritorno nel mondiale, mentre i Gran Premi introdotti nel 2020 per rimpiazzare le gare precedentemente annullate, tra cui quelli di Stiria, 70º Anniversario, Toscana, Eifel, Emilia-Romagna e Sakhir, al loro debutto nel mondiale, insieme ai ritorni dei Gran Premi di Portogallo e Turchia, non vengono confermati.[1]

Il Gran Premio del Vietnam avrebbe dovuto debuttare nella stagione 2020, su un circuito costruito tra le vie della capitale Hanoi, ma per via della pandemia di COVID-19 viene posticipato all'anno successivo, per poi cancellarlo definitivamente dal calendario 2021 per via dell'arresto del Presidente del Comitato del Popolo di Hanoi, che ricopriva un ruolo di primaria importanza riguardo all'organizzazione del Gran Premio.[3]

Fa il suo ritorno nel calendario il Gran Premio d'Olanda, che farà tappa nel ristrutturato circuito di Zandvoort. Il ritorno del Gran Premio era stato programmato già durante il campionato 2020, ma esso è stato inizialmente posticipato e successivamente annullato a causa della pandemia di COVID-19.[4]

Fanno i loro debutti il Gran Premio di Città del Messico, il cui esordio era già programmato durante la stagione precedente, ma successivamente annullato a causa della pandemia di COVID-19, e il Gran Premio di San Paolo, da disputarsi rispettivamente all'Autodromo Hermanos Rodríguez di Città del Messico, sede in precedenza del Gran Premio del Messico, e sul circuito di Interlagos di San Paolo, sede in passato del Gran Premio del Brasile.[5] A questi si aggiunge, per la prima volta nella storia del campionato mondiale di Formula 1, l'esordio del Gran Premio d'Arabia Saudita, da corrersi su un circuito cittadino della città di Gedda, diventando il quarto Gran Premio da corrersi in Medio Oriente, dopo quelli di Bahrein, Abu Dhabi e Sakhir. L'obiettivo principale degli organizzatori è ospitare i futuri Gran Premi su un circuito permanente, ancora da definire, a Qiddiya, un quartiere di Riad.[6] La gara si svolgerà in notturna, il quarto evento dopo i Gran Premi di Singapore, Bahrein e Sakhir.[7]

Il 12 gennaio 2021 il Gran Premio d'Australia, originariamente previsto come gara inaugurale del campionato, a causa di problemi relativi alla pandemia di COVID-19, viene spostato a novembre. L'inizio del campionato viene posticipato di una settimana col Gran Premio del Bahrein.[8] Il Gran Premio di Cina, inizialmente in programma come terzo appuntamento della stagione, viene rinviato a data da destinarsi e al suo posto viene inserito il Gran Premio dell'Emilia-Romagna che diventa la seconda tappa stagionale, il cui debutto avvenne nel campionato 2020, per rimpiazzare Gran Premi non disputati a causa della pandemia, lasciando libera l'aggiunta di un nuovo Gran Premio, che sostituisce la cancellazione del Gran Premio del Vietnam, per mantenere il numero record di 23 appuntamenti stagionali.[9] Le date dei Gran Premi di San Paolo e quelle di Arabia Saudita e Abu Dhabi vengono rispettivamente anticipate e posticipate di una settimana, per accomodare lo spostamento del Gran Premio d'Australia nella parte di finale di stagione.[10]

Il 29 gennaio 2021 il Gran Premio dell'Emilia-Romagna cambia la sua denominazione in Gran Premio del Made in Italy e dell'Emilia Romagna, con l'inclusione dell'indicazione di provenienza di un bene che ha origine in Italia.[11]

Il 5 marzo 2021, come terzo appuntamento della stagione ancora da stabilire in sostituzione della cancellazione del Gran Premio del Vietnam, viene inserito il Gran Premio del Portogallo, il cui ritorno avvenne già nella stagione precedente, per rimpiazzare Gran Premi non disputati a causa della pandemia.[12][13]

Il 28 aprile 2021 la Federazione annuncia l'annullamento del Gran Premio del Canada per la seconda stagione consecutiva a causa delle problematiche legate alla pandemia di COVID-19. Al suo posto viene inserito il Gran Premio di Turchia, il cui ritorno avvenne già nella stagione precedente, per rimpiazzare Gran Premi non disputati a causa della pandemia.[14]

Il 14 maggio 2021, a causa delle restrizioni imposte dal Regno Unito ai viaggiatori provenienti dalla Turchia per via delle problematiche dettate dalla pandemia di COVID-19, la Federazione annuncia la posticipazione del Gran Premio di Turchia. Il Gran Premio di Francia viene anticipato di una settimana e nella sua data originaria viene inserito il Gran Premio di Stiria, che ha già debuttato nel campionato 2020, per rimpiazzare Gran Premi non disputati a causa della pandemia.[15]

Il 4 giugno 2021 la Federazione annuncia l'annullamento del Gran Premio di Singapore per il secondo anno consecutivo a causa delle problematiche dettate dalla pandemia di COVID-19.[16]

Il 25 giugno 2021, dopo che era stato posticipato nelle settimane precedenti, viene reinserito in calendario il Gran Premio di Turchia in sostituzione della cancellazione del Gran Premio di Singapore.[17]

Il 6 luglio 2021 viene annunciato l'annullamento del Gran Premio d'Australia dopo le decisioni prese dal governo per via delle problematiche dettate dalla pandemia di COVID-19.[2]

Il 18 agosto 2021 viene annullato il Gran Premio del Giappone per il secondo anno consecutivo a causa della pandemia di COVID-19.[18]

Il 28 agosto 2021 la Federazione conferma il calendario delle gare rimanenti, riducendolo a 22 Gran Premi rispetto ai 23 inizialmente previsti. I Gran Premi di Turchia, Città del Messico e San Paolo vengono spostati di una settimana, lasciando libera l'aggiunta di un nuovo Gran Premio in sostituzione del Gran Premio d'Australia precedentemente annullato.[19]

Il 30 settembre 2021, in sostituzione della cancellazione del Gran Premio d'Australia, viene annunciato per la prima volta nella storia del campionato mondiale l'ingresso in calendario del Gran Premio del Qatar, da disputarsi sul circuito di Losail.[20]

Gara Nome ufficiale del Gran Premio Circuito Sede Data Ora Diretta TV
Locale UTC ITA
1 Bahrein Gulf Air Bahrain Grand Prix Bahrain International Circuit Manama 28 marzo 18:00 15:00 17:00 Sky Sport F1[21]
2 Emilia-Romagna Pirelli Gran Premio del Made in Italy e dell'Emilia Romagna Autodromo Enzo e Dino Ferrari Imola 18 aprile 15:00 13:00 15:00 Sky Sport F1, TV8[21]
3 Portogallo Heineken Grande Prémio de Portugal Autódromo Internacional do Algarve Portimão 2 maggio 15:00 14:00 16:00 Sky Sport F1[21]
4 Spagna Aramco Gran Premio de España Circuit de Barcelona-Catalunya Montmeló 9 maggio 15:00 13:00 15:00 Sky Sport F1, TV8[21]
5 Monaco Grand Prix de Monaco Circuit de Monaco Monaco 23 maggio 15:00 13:00 15:00
6 Azerbaigian Azerbaijan Grand Prix Baku City Circuit Baku 6 giugno 16:00 12:00 14:00 Sky Sport F1[21]
7 Francia Emirates Grand Prix de France Circuit Paul Ricard Le Castellet 20 giugno[22] 15:00 13:00 15:00
8 Stiria BWT Großer Preis der Steiermark Red Bull Ring Spielberg 27 giugno 15:00 13:00 15:00
9 Austria BWT Großer Preis von Österreich Red Bull Ring Spielberg 4 luglio 15:00 13:00 15:00
10 Regno Unito Pirelli British Grand Prix Silverstone Circuit Silverstone 18 luglio 15:00 14:00 16:00
11 Ungheria Rolex Magyar Nagydíj Hungaroring Mogyoród 1º agosto 15:00 13:00 15:00
12 Belgio Rolex Belgian Grand Prix Circuit de Spa-Francorchamps Stavelot 29 agosto 15:00 13:00 15:00
13 Paesi Bassi Heineken Dutch Grand Prix Circuit Zandvoort Zandvoort 5 settembre 15:00 13:00 15:00
14 Italia Heineken Gran Premio d'Italia Autodromo nazionale di Monza Monza 12 settembre 15:00 13:00 15:00 Sky Sport F1, TV8[21]
15 White flag of surrender.svg VTB Russian Grand Prix[23] Sochi Autodrom Soči 26 settembre 15:00 12:00 14:00 Sky Sport F1[21]
16 Turchia Rolex Turkish Grand Prix Istanbul International Circuit Tuzla 10 ottobre[24] 15:00 12:00 14:00
17 Stati Uniti Aramco United States Grand Prix Circuit of the Americas Austin 24 ottobre 14:00 19:00 21:00
18 Messico Gran Premio de la Ciudad de México Autodromo Hermanos Rodríguez Città del Messico 7 novembre[25] 13:00 19:00 20:00
19 Brasile Heineken Grande Prêmio de São Paulo Autódromo José Carlos Pace San Paolo 14 novembre[26] 14:00 17:00 18:00
20 Qatar Ooredoo Qatar Grand Prix Losail International Circuit Doha 21 novembre 17:00 14:00 15:00
21 Arabia Saudita stc Saudi Arabian Grand Prix Jeddah Street Circuit Gedda 5 dicembre[27] 19:00 16:00 17:00
22 Emirati Arabi Uniti Etihad Airways Abu Dhabi Grand Prix Yas Marina Circuit Abu Dhabi 12 dicembre[28] 17:00 13:00 14:00 Sky Sport F1, TV8[21]
Cina Chinese Grand Prix Shanghai International Circuit Shanghai annullato[29]
Canada Heineken Grand Prix du Canada Circuit Gilles-Villeneuve Montréal annullato[30]
Singapore Singapore Airlines Singapore Grand Prix Marina Bay Street Circuit Singapore annullato[31]
Giappone Honda Japanese Grand Prix Suzuka International Racing Course Suzuka annullato[32]
Australia Rolex Australian Grand Prix Albert Park Circuit Melbourne annullato[33]

La presentazione delle vetture[modifica | modifica wikitesto]

Costruttore Telaio Data presentazione Luogo presentazione
Francia Alpine F1 Team A521 14 gennaio (livrea invernale)[34] Sito web
2 marzo (vettura)[35]
Regno Unito McLaren F1 Team MCL35M 15 febbraio[36] McLaren Technology Centre, Woking
Italia Scuderia AlphaTauri Honda AT02 19 febbraio[37] Sito web
Svizzera Alfa Romeo Racing ORLEN C41 22 febbraio[38] Grande Teatro-Opera Nazionale, Varsavia
Austria Red Bull Racing Honda RB16B 23 febbraio[39] Sito web
Germania Mercedes-AMG Petronas F1 Team W12 E Performance 2 marzo[40] Sito web
Regno Unito Aston Martin Cognizant F1 Team AMR21 3 marzo[41] Sito web
Stati Uniti Uralkali Haas F1 Team VF-21 4 marzo (livrea)[42] Sito web
12 marzo (vettura)[43] Bahrain International Circuit, Sakhir
Regno Unito Williams Racing FW43B 5 marzo[44] Sito web
Italia Scuderia Ferrari Mission Winnow[45] SF21 10 marzo[46] Sito web

Test[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Test F1 2021.

Per la stagione 2021 di Formula 1 la Federazione Internazionale dell'Automobile, a causa delle problematiche legate alla pandemia di COVID-19, riduce ad un'unica sessione di soli tre giorni i test pre-stagionali, a differenza delle due sessioni da tre giorni l'una utilizzate nei precedenti test, da disputarsi sul circuito di Manama in Bahrein, dal 12 al 14 marzo.[47] Era stata comunque già avanzata l'ipotesi di svolgere i test su questo tracciato durante la stagione 2020, ma fu successivamente scartata.[48]

Inizialmente i test erano programmati sul tradizionale circuito di Catalogna, in Spagna, dal 2 al 4 marzo, ma a seguito del rinvio dell'inizio del campionato, con il Gran Premio d'Australia, la prima gara della stagione, posticipato a novembre a causa della pandemia di COVID-19, le squadre hanno concordato di svolgere i test a Sakhir, due settimane prima del nuovo inizio della stagione programmato con il Gran Premio del Bahrein.[47] Rimangono immutati invece i test rookie post-stagionali del 15 dicembre da disputarsi sul circuito di Yas Marina ad Abu Dhabi.[49]

Per la prima volta i test prestagionali sono sponsorizzati da Aramco, una compagnia nazionale saudita di idrocarburi.[50]

Accordi e fornitori[modifica | modifica wikitesto]

Per la stagione 2021 la scuderia McLaren decide di abbandonare la fornitura Renault delle power unit e si accorda con la Mercedes per un contratto quadriennale, inserendo anche un'opzione di prolungamento. La McLaren utilizzò i propulsori tedeschi già in passato, tra la stagione 1995 e 2014, con i quali vinse tre titoli piloti e un mondiale costruttori. Con l'aggiunta della McLaren, la Mercedes diviene fornitrice ufficiale di tre scuderie.[51]

La neonata scuderia Aston Martin, che utilizza la power unit Mercedes, rinnova il contratto con l'azienda austriaca BWT,[52] ma al suo posto, come title sponsor, viene ingaggiata la multinazionale statunitense Cognizant, alla prima sponsorizzazione in Formula 1.[53] Per via dell'entrata della nuova scuderia, la Red Bull abbandona il title sponsor Aston Martin,[54] il quale viene sostituito con Honda.

DP World, sponsor principale usato dalla Renault nel 2020, non viene rinnovato dalla scuderia francese dopo la sua rinomina in Alpine. Uralkali, azienda russa produttrice ed esportatrice di potassio, diviene title sponsor della Haas.[55]

Mission Winnow, main sponsor della Ferrari, dal Gran Premio di Francia al Gran Premio d'Italia, e dal Gran Premio di Turchia, viene oscurato perché percepito dalle legislazioni locali come una forma di pubblicità indiretta al tabacco.[56][57]

Il 2021 è anche l'ultimo anno della Honda come fornitrice ufficiale di power unit, dopo il ritorno avvenuto nella stagione 2015, cui fornì i propulsori alla McLaren. Pertanto sia Red Bull che AlphaTauri, a partire dalla stagione 2022, dovranno trovare un nuovo fornitore, oppure svilupparli direttamente in proprio.[58] Successivamente, la Red Bull annuncia che sarà in grado di essere indipendente a livello di realizzazione di power unit dopo aver siglato con la Honda un accordo per sfruttare la tecnologia della casa giapponese per quanto concerne i propulsori a partire dal 2022. La nuova divisione è stata nominata "Red Bull Powertrains Limited" e la scuderia austriaca continuerà a correre con i motori Honda, fornendoli anche all'AlphaTauri.[59]

Pirelli diviene sponsor principale del Gran Premio dell'Emilia-Romagna,[60] mentre Heineken è main sponsor del ritorno del Gran Premio d'Olanda[61] e del nuovo Gran Premio di San Paolo.[62] Emirates diviene sponsor del Gran Premio di Francia,[63] mentre BWT, azienda austriaca attiva nel campo dei sistemi di trattamento dell'acqua, sponsorizza per la prima volta il Gran Premio di Stiria[64] e il Gran Premio d'Austria.[65] Rolex sponsorizza nuovamente il Gran Premio d'Ungheria,[66] come già accaduto nell'edizione 2018[67] e 2019,[68] e per la prima volta il Gran Premio di Turchia.[69] Aramco sponsorizza per la prima volta il Gran Premio degli Stati Uniti d'America,[70] Ooredoo, provider di telecomunicazioni, il nuovo Gran Premio del Qatar,[71] e stc, altro provider di telecomunicazioni, il nuovo Gran Premio d'Arabia Saudita.[72]

Il Gran Premio del Canada, prima del suo annullamento, era stato sponsorizzato da Heineken,[73] come già fatto nell'edizione 2018,[74] mentre il Gran Premio del Giappone, anch'esso annullato, da Honda,[75] come già accaduto nell'edizione dello stesso anno.[76]

Scuderie e piloti[modifica | modifica wikitesto]

Scuderie[modifica | modifica wikitesto]

La Racing Point cambia denominazione ufficiale da BWT Racing Point F1 Team in Aston Martin Cognizant F1 Team, a seguito di una decisione dell'imprenditore Lawrence Stroll, proprietario sia della scuderia che del marchio automobilistico.[77] Anche la Renault cambia il proprio nome ufficiale: viene infatti rinominata da Renault DP World F1 Team in Alpine F1 Team, poiché la casa madre desidera rilanciare il suo marchio automobilistico sportivo Alpine.[78]

Piloti[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver gareggiato sei anni con la Ferrari, il quattro volte campione del mondo di Formula 1 Sebastian Vettel cambia scuderia e passa all'Aston Martin.[79] Al suo posto la scuderia italiana ingaggia il pilota spagnolo Carlos Sainz Jr., che si allontana quindi dalla McLaren.[79] Il team inglese, per rimpiazzarlo, mette sotto contratto Daniel Ricciardo, che abbandona la Renault.[80] Nel posto vacante la scuderia francese ingaggia Fernando Alonso, che ritorna nella massima serie dopo due anni di assenza, dopo aver guidato l'ultima volta per la McLaren. Alonso corse nel team transalpino anche in precedenza, per due volte, tra il 2003 e il 2006 e tra il 2008 e 2009, conquistando due titoli mondiali nel 2005 e 2006.[81]

Sergio Pérez, dopo aver lasciato la Racing Point al termine della stagione precedente, nonostante la firma del prolungamento del contratto con la scuderia inglese avvenuta nel 2019,[82] viene ingaggiato dalla Red Bull, in sostituzione di Alexander Albon, reduce da una stagione peggiore rispetto a quella precedente, non all'altezza delle aspettative della scuderia austriaca. Albon rimane comunque come terzo pilota della squadra.[83]

Romain Grosjean e Kevin Magnussen, piloti della Haas, rispettivamente dal 2016 e dal 2017, lasciano il team alla fine del 2020.[84] Al loro posto vengono ingaggiati due piloti che hanno preso parte al campionato di Formula 2 2020, il russo Nikita Mazepin e il tedesco Mick Schumacher, campione uscente della categoria minore, figlio del sette volte campione del mondo Michael Schumacher, nonché nipote di Ralf Schumacher.[85][86] Mazepin sceglie come numero di gara il 9, utilizzato l'ultima volta dallo svedese Marcus Ericsson nel Gran Premio di Abu Dhabi 2018, mentre Schumacher il 47, utilizzato per l'ultima volta dal belga Stoffel Vandoorne nel Gran Premio del Bahrein 2016.[87] Mazepin, inoltre, è costretto a correre da atleta neutrale usando la designazione RAF (Russian Automobile Federation) per rispettare le restrizioni imposte dal TAS di Losanna dopo la sentenza sul doping di Stato che ha coinvolto l'agenzia antidoping russa.[88]

L'AlphaTauri conferma Pierre Gasly e annuncia l'ingaggio del giapponese Yuki Tsunoda, proveniente dal campionato di Formula 2 2020, al debutto nella massima categoria, il quale sostituisce Daniil Kvjat, che diventa pilota di riserva per l'Alpine.[89] Tsunoda sceglie come numero di gara il 22, utilizzato l'ultima volta da Jenson Button nel Gran Premio di Monaco 2017.[90] Si tratta del primo giapponese a correre nella massima formula dalla stagione 2014, quando Kamui Kobayashi guidò per l'ex scuderia malese Caterham. Inoltre è il primo pilota nato negli anni 2000 a prendere parte a un campionato mondiale di Formula 1.[91]

Il pilota finlandese dell'Alfa Romeo Racing, Kimi Räikkönen, è costretto a saltare il Gran Premio d'Olanda per via della positività al SARS-CoV-2. Viene sostituito dal pilota di riserva della scuderia, Robert Kubica, che ha preso parte all'ultima gara nel Gran Premio di Abu Dhabi 2019 con la Williams.[92] Räikkönen è costretto a saltare anche il successivo Gran Premio d'Italia in quanto non recupera dalla positività, venendo anche in questo caso sostituito dal pilota di riserva Kubica.[93]

Tabella riassuntiva[modifica | modifica wikitesto]

I piloti e le scuderie che affrontano la stagione 2021 di Formula 1 sono:[94]

Scuderia Costruttore Telaio Power unit Gomme Piloti Sigla GP Terzo pilota /
pilota di riserva
Germania Mercedes-AMG Petronas F1 Team Mercedes W12 E Performance[95] Mercedes P 44 Regno Unito Lewis Hamilton HAM 1- Belgio Stoffel Vandoorne[96]
Paesi Bassi Nyck De Vries[96]
Germania Nico Hülkenberg[97]
77 Finlandia Valtteri Bottas BOT 1-
Austria Red Bull Racing Honda Red Bull Racing-Honda RB16B[98] Honda P 33 Paesi Bassi Max Verstappen VER 1- Thailandia Alexander Albon[99]
Svizzera Sébastien Buemi[100]
11 Messico Sergio Pérez[83] PER 1-
Regno Unito McLaren F1 Team McLaren-Mercedes MCL35M[101] Mercedes P 3 Australia Daniel Ricciardo[80] RIC 1- Regno Unito Will Stevens
Regno Unito Oliver Turvey
Belgio Stoffel Vandoorne[102]
Paesi Bassi Nyck De Vries[102]
Regno Unito Paul di Resta[103]
4 Regno Unito Lando Norris NOR 1-
Regno Unito Aston Martin Cognizant F1 Team[77] Aston Martin-Mercedes AMR21[104] Mercedes P 18 Canada Lance Stroll STR 1- Germania Nico Hülkenberg[105]
5 Germania Sebastian Vettel[79] VET 1-
Francia Alpine F1 Team[78] Alpine-Renault A521[106] Renault P 14 Spagna Fernando Alonso[81] ALO 1- Russia Daniil Kvjat[89]
Cina Guanyu Zhou[107]
31 Francia Esteban Ocon OCO 1-
Italia Scuderia Ferrari Mission Winnow[45] Ferrari SF21[108] Ferrari P 16 Monaco Charles Leclerc LEC 1- Italia Antonio Giovinazzi
Regno Unito Callum Ilott[109]
Italia Antonio Fuoco
Italia Davide Rigon
55 Spagna Carlos Sainz Jr.[110] SAI 1-
Italia Scuderia AlphaTauri Honda AlphaTauri-Honda AT02[37] Honda P 22 Giappone Yuki Tsunoda[91] TSU 1- Thailandia Alexander Albon[111]
10 Francia Pierre Gasly GAS 1-
Svizzera Alfa Romeo Racing ORLEN Alfa Romeo Racing-Ferrari C41[112] Ferrari P 7 Finlandia Kimi Räikkönen RAI 1-12, 15- Polonia Robert Kubica[113]
Colombia Tatiana Calderón[114]
Regno Unito Callum Ilott[115]
88 Polonia Robert Kubica[116] KUB 13-14
99 Italia Antonio Giovinazzi GIO 1-
Stati Uniti Uralkali Haas F1 Team[55] Haas-Ferrari VF-21[117] Ferrari P 9 Federazione Automobilistica Russa Nikita Mazepin[85][118] MAZ 1- Brasile Pietro Fittipaldi[119]
47 Germania Mick Schumacher[86] MSC 1-
Regno Unito Williams Racing Williams-Mercedes FW43B[44] Mercedes P 63 Regno Unito George Russell RUS 1- Regno Unito Jack Aitken[120]
Israele Roy Nissany[121]
Regno Unito Jamie Chadwick[122]
Regno Unito Dan Ticktum[123]
6 Canada Nicholas Latifi LAT 1-

Direzione gara[modifica | modifica wikitesto]

Modifiche al regolamento[modifica | modifica wikitesto]

Il campionato 2021 avrebbe dovuto introdurre modifiche significative ai regolamenti, compresa l'organizzazione dello sport e le regole sportive, ma a causa della pandemia di COVID-19 la FIA ha definitivamente posticipato l'introduzione delle nuove regolamentazioni tecniche al 2022.[128]

Regolamento tecnico[modifica | modifica wikitesto]

I team saranno limitati nelle componenti che possono modificare e nel budget che hanno a disposizione per la stagione 2021, limiti introdotti per alleviare le pressioni finanziarie delle squadre a causa della crisi economica generata dalla pandemia di COVID-19.[129]

La Federazione introduce un tetto massimo al budget imponendo alle scuderie di non spendere più di 145 milioni di dollari all'anno.[130][131] Tuttavia, il limite di budget non include il marketing, lo stipendio dei piloti e gli stipendi dei tre principali dirigenti dei team.[132] Saranno messe in atto ulteriori restrizioni che stabiliscono come spendere i premi in denaro. Il limite si applicherà solo alla spesa relativa alle prestazioni dell'auto, che rimarrà in vigore fino alla stagione 2025.[131] Nel caso in cui una squadra infranga i regolamenti finanziari, la squadra può essere penalizzata in tre modi diversi: per una violazione procedurale le squadre saranno multate caso per caso; per il superamento del budget annuale fino al 5% è prevista una sanzione che comporta la detrazione dei punti del campionato o la riduzione dei tempi di test; per il superamento del budget annuale oltre il 5% è prevista una sanzione che comporta il divieto di partecipare ad una gara o, per i casi più gravi, la squalifica dal campionato.[133]

Per via della crisi economica provocata dalla pandemia, la Federazione ha imposto alle squadre di utilizzare molte delle parti della vettura del campionato precedente per quella del 2021 andando progressivamente a congelare gli sviluppi con l'avvicinarsi dell'inizio della stagione corrente.[134][135] Per non arrestare del tutto gli sviluppi delle vetture durante il campionato, la FIA ha concesso ai team di poter sviluppare alcuni elementi della vettura durante la stagione. Per questo motivo viene introdotto dalla Federazione un sistema a gettoni, in base al quale ai team verrà fornita una serie di gettoni che possono essere scambiati per l'introduzione di aggiornamenti di componenti specifici.[136][137] Le squadre possono anche richiedere una deroga speciale per apportare modifiche, in particolare nel caso della McLaren a cui è stato concesso di modificare la propria vettura per adattare il proprio telaio al nuovo motore Mercedes.[138]

Il sistema di Dual Axis Steering (DAS), introdotto dalla Mercedes nel 2020, è vietato a partire dal 2021.[139]

La Federazione annuncia l'arrivo di due direttive tecniche dove viene specificato il passaggio del regolamento relativo al trattamento degli pneumatici. Il guasto che ha colpito il pilota olandese della Red Bull Racing Max Verstappen durante il Gran Premio d'Azerbaigian sarebbe stato riconducibile ai protocolli di preparazione della gomma durante il weekend, in cui quest'ultime sono state sgonfiate per avere dei vantaggi di aderenza.[140] Dai dati raccolti dalla Pirelli e dalla Federazione è emerso che non c'è stato alcun difetto di produzione o di qualità su nessuno degli pneumatici. La FIA ha introdotto una nuova direttiva tecnica che consentirà di fare dei controlli su dei treni a campione anche a posteriori.[141]

Una seconda direttiva, valida dal Gran Premio di Francia, inasprisce i controlli sul rispetto delle pressioni minime prima del via. Se una macchina risulta non conforme ai valori minimi a tre minuti dalla partenza è costretta a partire dai box. Inoltre viene effettuato un controllo di pressione a freddo su tutti i pneumatici utilizzati dai piloti che accedono in Q3 e delle misurazioni sulle temperature degli pneumatici ai box durante le qualifiche e la gara.[142]

La Federazione emana una nuova direttiva che riguarda i pit stop, che vengono rallentati dal Gran Premio d'Ungheria in programma il successivo 1º agosto, con l'obiettivo di renderli più sicuri e limitare così il rischio di vetture che rientrano in pista o in pit lane con i dadi delle ruote non fissati perfettamente con i rischi che ne conseguono a livello di sicurezza.[143] A partire dal Gran Premio del Belgio la Federazione elimina una parte della direttiva. Il tempo di reazione minimo di 0″15 è stato eliminato e i due decimi tra il rilascio della vettura dal cavalletto e la ripartenza è stato invece trasformato in un divario permissibile di un decimo.[144]

A partire dal Gran Premio di Gran Bretagna fino al termine della stagione la Federazione dà il via libera all’utilizzo dei nuovi pneumatici Pirelli, dopo quanto successo nel Gran Premio d'Azerbaigian. I nuovi pneumatici prevedono una costruzione differente per le ruote posteriori. I pneumatici anteriori e le mescole utilizzate rimangono invariate, mentre la costruzione posteriore modificata presenta una maggiore rigidità in curva a carichi elevati e una maggiore rigidità verticale.[145]

Regolamento sportivo[modifica | modifica wikitesto]

Per la stagione 2021 il fine settimana di gara è stato rivisitato: tutti gli eventi mediatici, promozionali e verifiche tecniche sono spostati dalla giornata del giovedì, come accadeva nella stagione 2020, al venerdì mattina riducendo gli orari tra le attività della giornata. Le vetture saranno in condizioni di parco chiuso dopo la fine della terza sessione di prove libere, invece che in qualifica, limitando ulteriormente le squadre e i piloti che effettuano importanti modifiche alla vettura prima della gara.[146] Inoltre la durata di entrambe le prove libere del venerdì è ridotta da 90 minuti a 60 minuti, riducendo in totale di un'ora il tempo che hanno a disposizione le scuderie nella prima giornata del fine settimana. La durata complessiva di un Gran Premio, comprese le interruzioni per bandiera rossa, viene ridotta a tre ore invece che quattro come stabilito fino al 2020, mentre la durata massima di gara effettiva resta di due ore.[147]

Le squadre dovranno consentire a un pilota che ha gareggiato in meno di due Gran Premi di sostituire uno dei loro piloti in una sessione di prove libere del venerdì nel corso della stagione.[148]

La W Series 2021 è stata aggiunta all'elenco delle serie di campionati di supporto insieme alla Porsche Supercup, Formula 2 e Formula 3.[149][150]

A partire da questa stagione, per la prima volta, sono due le case automobilistiche a fornire sia la safety car che la medical car, nel corso dei Gran Premi. Oltre alla Mercedes, che ricopre questo ruolo dal 1996, la FIA sigla un accordo con la casa automobilistica inglese Aston Martin. Le vetture di sicurezza fornite dalla Mercedes presentano una colorazione rossa, a differenza di quella grigia usata nelle precedenti stagioni, mentre quelle fornite dall'Aston Martin una colorazione verde.[151]

La stagione 2021 è la prima in cui viene sperimentato un nuovo format denominato Qualifica Sprint (Sprint Qualifying), sponsorizzato dall'azienda Crypto.com che si occupa dello scambio di valute con sede a Hong Kong,[152] che si svolge nel Gran Premio di Gran Bretagna,[153] nel Gran Premio d'Italia[154] e nel Gran Premio di San Paolo.[155] L'annuncio è avvenuto il 26 aprile, dopo aver raggiunto un accordo all'unanimità tra i rappresentanti della Formula 1, della FIA e delle dieci squadre iscritte al campionato. Le modifiche apportano una riorganizzazione del weekend di gara: il venerdì vede la solita sessione di prove libere al mattino seguita però da una sessione di qualifiche con il format "standard" al pomeriggio, mentre il sabato vede la solita sessione di prove al mattino seguita dalla novità della Sprint Qualifying, ovvero una gara di 100 km o 60 minuti con partenza dalla griglia e libertà di scelta fra due tipologie di gomme e senza necessità di effettuare pit stop, per la quale saranno assegnati tre punti in classifica al vincitore, due punti al secondo ed un punto al terzo e che sancisce, in base all'ordine d'arrivo, l'ordine di partenza della gara della domenica.[156] Al pilota vincitore della Qualifica Sprint è attribuita la pole position del Gran Premio, valevole per il Trofeo Pole FIA.[157]

Gomme[modifica | modifica wikitesto]

Le gomme utilizzate sono le stesse delle due precedenti stagioni.

Nome mescola Colore Battistrada Condizioni Aderenza Durata Compound
Morbide (Soft) Rosso F1 tire Pirelli PZero Red.svg Liscio Da asciutto Alta Bassa C5-C4-C3
Medie (Medium) Giallo F1 tire Pirelli PZero Yellow.svg Media Media C4-C3-C2
Dure (Hard) Bianco F1 tire Pirelli PZero White.svg Bassa Alta C3-C2-C1
Intermedie (Intermediate) Verde Neumático F1 Pirelli Verde.svg Scanalato Da bagnato lieve o medio N.D. N.D. N.D.
Da bagnato (Wet) Blu Neumático F1 Pirelli Azul.svg Da bagnato cospicuo N.D. N.D. N.D.

Riassunto della stagione[modifica | modifica wikitesto]

Gran Premio del Bahrein[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Bahrein 2021.

Al via Max Verstappen riesce a mantenere il comando, davanti a Lewis Hamilton, mentre Valtteri Bottas viene passato da Charles Leclerc. Nelle retrovie Nikita Mazepin va in testacoda e colpisce le barriere. La direzione di gara invia in pista la safety car. Alla ripartenza Leclerc attacca Hamilton, che si difende e, a sua volta, prova a passare Verstappen, ma senza successo. Pierre Gasly perde l'alettone anteriore, dopo un contatto con Daniel Ricciardo. Pérez effettua la sua prima sosta, ma rimane con gomme medie. A seguito dell'incidente di Gasly viene imposta, brevemente, la virtual safety car.

Al quarto giro Leclerc cede la posizione a Bottas e, al nono giro, è costretto a subire il sorpasso anche da Norris, dopo una bella lotta. Nello stesso giro Lance Stroll prende la settima piazza a Fernando Alonso. Lo spagnolo si ferma, per il cambio gomme, al decimo passaggio. Al dodicesimo giro effettuano il pit stop Norris, Leclerc e Stroll. Un giro dopo è il turno per Hamilton, che opta per mescola dura. Anche Daniel Ricciardo va ai box; un problema al cambio gomme gli fa perdere diversi secondi. Hamilton rientra in gara quarto, ma passa subito Carlos Sainz Jr., che, poco dopo, si ferma per il cambio gomme.

Valtteri Bottas attende il sedicesimo giro per la sua sosta: come Hamilton passa alle gomme hard. Verstappen, dopo aver notato delle vibrazioni alle gomme, si ferma al diciassettesimo giro. La classifica vede ora al comando Lewis Hamilton, davanti a Verstappen, Bottas, Pérez, Norris e Leclerc. Il messicano della Red Bull si ferma, per la seconda volta, al diciannovesimo giro. Il giro successivo Sainz Jr. lotta con Sebastian Vettel e Fernando Alonso, riuscendo a sorpassare entrambi, portandosi all'ottavo posto. Nel giro seguente Alonso cede anche a Pérez, mentre Vettel, che non ha ancora effettuato la sua sosta, va lungo in frenata. Pochi giri dopo Pérez è capace di avere la meglio su Sainz Jr..

Hamilton si ferma ancora, al ventottesimo giro, e monta di nuovo gomme dure. Verstappen torna così a condurre la gara. Vanno ai box anche Stroll, Alonso e Bottas (il suo pit stop non è però perfetto). Ciò fa scalare terzo Lando Norris e quarto Charles Leclerc. Il monegasco è poi passato da Bottas, che recupera il terzo posto, dopo la seconda fermata ai box per Norris.

Max Verstappen conduce con oltre 17 secondi di vantaggio su Hamilton, quasi 34 su Bottas e 41"5 su Sergio Pérez, che ha recuperato diverse posizioni, sfruttando le soste degli altri piloti. Sainz Jr. è quinto, fino al trentaseiesimo giro, quando è chiamato ai box per la seconda sosta. Seguono Norris e Leclerc. Anche Pérez è di nuovo ai box, al trentottesimo passaggio. Il pilota della Red Bull rientra in gara ottavo, ma risale passando Stroll, nel giro successivo a quello del rientro in pista.

Max Verstappen aspetta il trentanovesimo passaggio per la sua sosta: rientra in gara secondo, alle spalle di Lewis Hamilton. L'olandese, con gomme nuove, riduce, di giro in giro, lo svantaggio su Hamilton, riuscendo a passarlo al cinquantatreesimo giro. La scuderia, però, lo invita a restituire la posizione a Hamilton, in quanto Verstappen, per effettuare la manovra, ha oltrepassato i limiti della pista, alla quarta curva. Nel frattempo, l'altro pilota della Red Bull, Sergio Pérez, ha guadagnato altre due posizioni, su Ricciardo e Leclerc, ponendosi al quinto posto.

Negli ultimi giri di gara Verstappen non trova più il ritmo per avvicinarsi a Hamilton, che ottiene, in questo modo, la sua novantaseiesima vittoria nel campionato mondiale. Per Hamilton è la quindicesima stagione consecutiva con almeno una vittoria, esattamente come Michael Schumacher.[158] Hamilton batte, invece, il record di giri in testa, che apparteneva sempre al tedesco. Il britannico non vinceva la gara inaugurale da cinque stagioni.[159] L'altro pilota della Mercedes, Bottas, completa il podio, davanti a Norris. Yuki Tsunoda, al suo esordio iridato, termina nono, conquistando subito i suoi primi punti. È il primo pilota giapponese a farlo dopo Kamui Kobayashi nel Gran Premio del Brasile 2012, dove terminò nono. L'ultimo pilota a cogliere punti nella prima gara era stato Stoffel Vandoorne, nel Gran Premio del Bahrein 2016.[160][161]

Gran Premio dell'Emilia-Romagna[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio dell'Emilia-Romagna 2021.

Il Gran Premio inizia sotto una leggera pioggia. Alla partenza Lewis Hamilton resta in testa ma non resiste all'attacco di Max Verstappen alla Variante del Tamburello; dietro, l'altro pilota della Red Bull Racing, Sergio Pérez, cede una posizione a Leclerc. Sempre nel corso del primo giro Nicholas Latifi va in testacoda, poi, al rientro in pista, ha un contatto con Nikita Mazepin: il pilota canadese termina contro le barriere. La direzione di gara invia in pista la safety car. Durante il periodo della vettura di sicurezza Mick Schumacher va in testacoda, sul rettilineo di partenza, dopo aver cercato di scaldare gli pneumatici, ma riprende la pista. Pérez è autore di un'escursione di pista: il messicano riprende la posizione superando due vetture, manovra non consentita, per cui verrà in seguito penalizzato con uno stop and go.

Verstappen, al momento della ripartenza, mantiene la testa, seguito da Lewis Hamilton, Charles Leclerc, Sergio Pérez, Daniel Ricciardo, Pierre Gasly, Carlos Sainz Jr. e Lando Norris. In pochi giri Norris passa sia Sainz Jr. che Gasly. Il francese dell'AlphaTauri, su gomme da bagnato estremo, a causa della pista che si sta asciugando, vede le coperture deteriorarsi presto, e subire gli attacchi di molti altri piloti posti alle sue spalle. Già al dodicesimo giro retrocede al dodicesimo posto, prima di passare ai box, al quindicesimo giro, per montare gomme intermedie.

Al diciassettesimo giro Ricciardo fa passare il compagno di team alla McLaren, Norris, più rapido. Il primo pilota a montare gomme da asciutto è Vettel, che sconta anche una penalità, per un ritardo nel montaggio delle gomme, prima del giro di formazione. Verstappen comanda con 2"5 su Hamilton, 16" su Leclerc, 29"7 su Pérez e 41"9 su Norris. L'olandese della Red Bull Racing attende il ventisettesimo giro, per montare gomme medie. Il giro successivo è il turno di Hamilton; il britannico opta per le gomme medie, ma un piccolo ritardo al pit stop lo fa rientrare in gara dietro all'olandese. Nello stesso giro si fermano anche Norris e Pérez, che sconta la penalità e cambia il volante.

Poco dopo rientrato in pista, Hamilton, nel corso di alcuni doppiaggi alla Tosa, va lungo e termina nella ghiaia.[162] Il britannico riesce a rientrare in gara, ma in nona posizione. Al trentunesimo giro c'è un contatto tra Valtteri Bottas e George Russell. Il pilota della Williams, alla Variante del Tamburello, mette una gomma sull'erba e colpisce la vettura del finlandese. Entrambi i piloti escono di pista, ma senza conseguenze fisiche. La gara viene interrotta con bandiera rossa.

La gara riprende dietro la safety car, con Verstappen al comando, davanti a Leclerc, Norris, Pérez, Sainz Jr., Ricciardo, Stroll, Räikkönen e Hamilton. Il finlandese dell'Alfa Romeo Racing si gira, e cede diverse posizioni. Norris passa subito Leclerc, mentre, nelle retrovie, vanno in testacoda anche Yuki Tsunoda ed Esteban Ocon.

Al trentasettesimo giro Sergio Pérez è autore di un'altra escursione di pista che gli costa moltissime posizioni. Un giro dopo Hamilton prende la sesta piazza a Lance Stroll. Il britannico è poi capace di passare anche Daniel Ricciardo, al quarantaduesimo passaggio. La rimonta prosegue al quarantanovesimo giro, dopo un sorpasso su Carlos Sainz Jr.. Charles Leclerc si avvicina a Lando Norris, senza però nessuna possibilità di passare. Anzi, al cinquantacinquesimo giro, il monegasco cede la posizione a Hamilton. Il pilota della Mercedes completa il suo recupero passando Norris, al cinquantanovesimo giro. Il giro seguente fa segnare anche il giro veloce in gara.

Max Verstappen coglie il suo undicesimo successo in carriera, davanti a Lewis Hamilton e Lando Norris. Con questi due podi il Regno Unito tocca i 700 podi nel campionato mondiale. Era dal Gran Premio di Cina 2012 che due piloti britannici non giungevano a podio nella stessa gara (all'epoca Hamilton e Jenson Button entrambi su McLaren). Per la scuderia inglese si tratta del primo podio con motorizzazione Mercedes dal Gran Premio d'Australia 2014 (all'epoca Kevin Magnussen e Jenson Button). Fernando Alonso conquista i suoi primi punti iridati dal suo rientro in Formula 1, per la prima volta dal Gran Premio di Singapore 2018 su McLaren-Renault.[163][164]

Gran Premio del Portogallo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Portogallo 2021.

In partenza il poleman Valtteri Bottas riesce a mantenere il comando, precedendo Lewis Hamilton e Max Verstappen. Carlos Sainz Jr. sfrutta bene le gomme morbide e passa Sergio Pérez. Seguono poi Lando Norris, Esteban Ocon e Charles Leclerc. Al termine del primo giro Kimi Räikkönen tampona il compagno di scuderia Antonio Giovinazzi, sul rettilineo dei box. Il finlandese danneggia irreparabilmente l'alettone anteriore, uscendo di pista. La direzione di gara, al fine di consentire la pulizia della pista, invia la safety car sul tracciato.

La gara riprende dopo cinque giri, con Verstappen capace di passare subito, alla prima curva, Hamilton, installandosi al secondo posto. All'ottavo giro Norris scavalca Pérez, per il quarto posto. Verstappen riesce ad avvicinarsi a Bottas, venendo però marcato da Hamilton, capace di riprendersi la seconda posizione già al decimo giro. Quattro giri dopo Norris cede nuovamente la quarta posizione a Pérez. Al diciannovesimo giro Hamilton completa la rimonta, passando il suo compagno di scuderia Bottas, a cui si avvicina di nuovo Verstappen.

Al ventunesimo giro va ai box Sainz Jr., che monta gomma media, così come, un giro dopo, Norris. Al venticinquesimo giro l'altro pilota della Ferrari, Leclerc, decide di montare gomme di mescola dura. A metà gara Hamilton ha, nel frattempo, portato il suo vantaggio a tre e secondi e mezzo su Bottas, 4"2 su Verstappen, 13"6 su Pérez e 34"9 su Ricciardo.

Verstappen tenta l'undercut, fermandosi al trentacinquesimo giro, montando la mescola dura, che sembra molto competitiva. Bottas attende un giro, rientra in pista davanti al pilota della Red Bull Racing, ma viene superato già alla terza curva. Poco dopo si ferma anche Hamilton, che riesce a mantenere il vantaggio su Verstappen. Al comando si posiziona Pérez, che non ha effettuato il cambio gomme. Il messicano regge in vetta fino al cinquantesimo giro, quando è passato, senza problemi, da Hamilton, alla prima curva. Il giro successivo Pérez è richiamato ai box, per il cambio gomme e il passaggio alle gomme morbide. Il britannico comanda con cinque secondi di vantaggio su Verstappen, 6"2 su Bottas e 32 secondi sullo stesso Pérez. Grazie alle nuove gomme, però, Pérez coglie il giro veloce.

Negli ultimi giri Sainz Jr., che al cambio gomme aveva preferito le coperture di mescola media, vede il degrado dei suoi pneumatici, e scende di diverse posizioni, finendo fuori dalla zona dei punti. La Mercedes richiama ai box Bottas, per montare gomme soft, e dare all'assalto al giro veloce e al punto addizionale. Il finlandese riesce, al penultimo giro, a strappare la miglior prestazione in gara a Pérez.

La scelta della scuderia anglo-tedesca viene seguita anche dalla Red Bull Racing, che richiama Verstappen, per tentare di riprendersi il giro veloce. L'olandese riesce, all'ultimo giro, a battere il tempo di Bottas, ma, in seguito, il tempo è cancellato perché Verstappen ha superato i limiti della pista. Hamilton coglie il novantasettesimo successo nel mondiale. Il podio si completa con Verstappen e Bottas. I tre si ritrovano sul podio per la quindicesima volta, nuovo record nella storia del mondiale di Formula 1.[165][166]

Gran Premio di Spagna[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Spagna 2021.

In partenza Max Verstappen passa, alla staccata della prima curva, Lewis Hamilton, conquistando il comando della gara. Alle sue spalle anche Valtteri Bottas deve cedere il passo a Charles Leclerc. La classifica vede poi Daniel Ricciardo, Sergio Pérez, Esteban Ocon e Carlos Sainz Jr..

Al settimo giro si ferma, all'uscita della curva 10, Yuki Tsunoda in posizione pericolosa, tanto che la direzione di gara è costretta a inviare in pista la vettura di sicurezza. Uno dei pochi piloti a optare per il cambio gomme è Antonio Giovinazzi, ma la sua sosta è lunga in quanto uno degli pneumatici è sgonfio, costringendo l'Alfa Romeo Racing a sostituire tutto il treno di gomme già preparato.

Alla ripartenza la classifica rimane immutata, anche se Leclerc tenta di passare Hamilton, alla prima curva, ma senza riuscire ad affiancare il britannico. Verstappen, al quindicesimo giro, gode di un margine di 1"1 su Hamilton, 5"4 su Leclerc, 6"6 su Bottas e 11"3 su Ricciardo. Tra il ventunesimo e ventiduesimo giro molti piloti effettuano la loro sosta, montando tutti gomme di mescola media. Al ventitreesimo passaggio si fermano Bottas, Ocon e Norris, mentre il giro seguente è il turno di Verstappen. L'olandese, al rientro in pista, si trova davanti il compagno di scuderia Pérez, che gli lascia strada. Anche Ricciardo effettua il suo pit stop, al venticinquesimo giro.

Al comando c'è Hamilton, seguito da Leclerc e Verstappen, staccato di oltre 19 secondi. Pérez si ferma al ventisettesimo giro, rientrando in gara ottavo. Ancora un giro e anche Hamilton e Leclerc entrano ai box, optando, come i piloti che li hanno preceduti, per le coperture medie. Il britannico rientra in gara alle spalle di Verstappen. Dopo le soste, Bottas ha preso la terza posizione a Leclerc. Al quinto posto si trova Ricciardo, poi Pérez e Sainz Jr..

Hamilton sembra potersi avvicinare a Verstappen. A sorpresa, al quarantaduesimo giro, la Mercedes richiama ai box il britannico: il campione del mondo monta gomme medie, rientra in pista terzo, staccato di oltre 22 secondi dalla vetta. Al quarantacinquesimo passaggio Pérez prende la quinta piazza a Ricciardo.

Giro dopo giro Hamilton riduce prima il distacco da Bottas, superandolo al cinquantaduesimo giro, poi su Verstappen. Il finlandese si ferma poco dopo per la seconda sosta, per cercare il giro veloce. Bottas rientra in gara alle spalle di Leclerc, che però deve cedere il terzo posto temporaneo, dopo quattro giri. Il sorpasso al comando avviene al cinquantanovesimo giro. Anche l'olandese segue la stessa scelta di Bottas: entra ai box, per montare gomme morbide, e cercare il giro veloce che attribuisce il punto supplementare. Il pilota della Red Bull Racing lo fa suo al sessantaduesimo giro.

Hamilton si impone, per la novantottesima volta in un Gran Premio valido quale prova del campionato mondiale. Completano il podio Verstappen e Bottas. I primi tre classificati ripropongono lo stesso identico podio dell'edizione 2020: tale evento si era verificato solo per le edizioni 1964 e 1965 del Gran Premio di Gran Bretagna (con Jim Clark primo, Graham Hill secondo e John Surtees terzo), per le edizioni 1998 e 1999 dello stesso Gran Premio di Spagna (con Mika Häkkinen primo, David Coulthard secondo e Michael Schumacher terzo) e per le edizioni 2012 e 2013 del Gran Premio del Bahrein (con Sebastian Vettel primo, Kimi Räikkönen secondo e Romain Grosjean terzo). Curiosamente Hamilton, Verstappen e Bottas avevano già stabilito questo primato nelle edizioni 2018 e 2019 della gara ma con il finlandese davanti all'olandese.[167]

Gran Premio di Monaco[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Monaco 2021.

Il poleman Charles Leclerc non prende parte al Gran Premio: prima di schierarsi sulla griglia di partenza, il pilota soffre di un problema al semiasse sinistro, e deve rinunciare alla gara. La sua presenza in pole position era stata già messa in dubbio dopo l'incidente patito nelle qualifiche, ma la Ferrari era poi riuscita a sistemare la trasmissione danneggiata. La griglia di partenza non subisce alterazioni, con la casella del monegasco che rimane vuota: era successo anche nell'edizione 2001, quando David Coulthard su McLaren-Mercedes ebbe un problema al launch control nel giro di ricognizione, ma in quel caso riuscì a prendere parte alla gara dal fondo dello schieramento.[168]

Max Verstappen, scattato dalla seconda piazzola, mantiene il comando, su Valtteri Bottas, Carlos Sainz Jr., Lando Norris, Pierre Gasly, Lewis Hamilton, Sebastian Vettel e Sergio Pérez. La gara rimane congelata per moltissimi giri. Verstappen mantiene sempre la prima posizione, con un margine di un secondo e mezzo su Bottas. Solo verso il ventesimo giro l'olandese amplia il distacco dal finlandese a quasi cinque secondi, mentre, a sua volta, è Sainz Jr. a chiudere la distanza su Bottas.

Al ventinovesimo giro Hamilton è il primo pilota a effettuare il cambio gomme: il campione del mondo passa a gomme dure. Il giro successivo vanno ai box anche Bottas e Norris. La gomma anteriore destra del pilota della Mercedes non si sfila e Bottas è costretto al ritiro. Anche Gasly va al cambio gomme, e rientra in gara davanti a Hamilton. Al trentunesimo giro si ferma Vettel: il tedesco dell'Aston Martin rientra in gara davanti a Gasly e Hamilton. Due giri dopo si ferma Sainz Jr. e il giro successivo anche Verstappen. Le soste non modificano la graduatoria. Al comando c'è Pérez, che non ha ancora cambiato gli pneumatici, seguito da Verstappen, che è davanti a Sainz Jr. e Norris. Quando il messicano si ferma per il pit stop, Verstappen torna al comando. Pérez rientra in quarta posizione.

Nella parte finale della gara Sainz Jr. sembra poter ridurre il distacco su Verstappen, che sembra lamentarsi per una perdita di potenza della sua power unit. Anche Pérez sembra potersi ingaggiare con Norris, per il terzo posto. Hamilton, impossibilitato a passare Gasly, si ferma a sostituire le gomme e conquista il giro veloce, che gli garantisce il punto addizionale.

Verstappen chiude la gara con una vittoria, la dodicesima in carriera. L'olandese è, per la prima volta da quando corre in Formula 1, in testa al mondiale. Sainz Jr., secondo, conquista il suo primo podio da ferrarista, il primo della stagione per la scuderia italiana. Si tratta del primo podio per la Ferrari dal Gran Premio di Turchia 2020 quando Sebastian Vettel finì in terza posizione. L'ultimo podio per la scuderia di Maranello sul tracciato di Monte Carlo risaliva all'edizione 2019 con Sebastian Vettel, quando terminò secondo. La Honda torna a podio nel Gran Premio di Monaco per la prima volta dall'edizione 2004 dal secondo posto con Jenson Button. Il motore nipponico torna a vincere nelle strade del Principato dopo 25 anni; l'ultima volta accadde con Olivier Panis nel 1996 su Ligier. La McLaren con Lando Norris torna sul podio del Principato dopo 10 anni; l'ultimo risaliva nell'edizione 2011 dove all'epoca Jenson Button chiuse al terzo posto.[169]

Gran Premio d'Azerbaigian[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Azerbaigian 2021.

Charles Leclerc comanda la gara alla partenza, mantenendo la posizione su Lewis Hamilton e Max Verstappen, mentre Sergio Pérez passa sia Carlos Sainz Jr. che Pierre Gasly. Il monegasco però non può sostenere l'attacco di Hamilton, che già al secondo giro prende la vetta. Anche la velocità delle Red Bull Racing è superiore, sul rettilineo, per il ferrarista che, al settimo giro, cede la seconda posizione a Verstappen, e al nono a Pérez la terza.

Al decimo giro Leclerc passa alle gomme dure, come fa Yuki Tsunoda, seguito, il giro successivo, da Sainz Jr.. Al dodicesimo passaggio vanno ai box le due Mercedes e Gasly. L'arrivo del francese obbliga la scuderia tedesca a rinviare in pista, con leggero ritardo, Hamilton. Anche Verstappen effettua la sua sosta: l'olandese torna in gara terzo, alle spalle di Pérez e Vettel, che non hanno ancora effettuato il pit stop, ma davanti a Hamilton. La sosta di Pérez, poco dopo, pur penalizzato da un cambio gomme non perfetto, permette anche al messicano di rientrare in gara davanti al britannico. Sebastian Vettel si trova in testa alla gara, seguito da Verstappen, Pérez, Hamilton, Lance Stroll, Pierre Gasly, che dopo i cambi gomme, ha superato Leclerc. Vettel, pur proseguendo su buoni ritmi, decide di fermarsi al diciannovesimo giro, per rientrare, dopo la sosta, in settima posizione, alla spalle di Leclerc.

Nei giri successivi Verstappen dilata il vantaggio su Pérez a oltre sei secondi e a quasi nove su Hamilton. Al trentunesimo passaggio Stroll subisce un problema a uno pneumatico in pieno rettilineo, perde il controllo della sua vettura, colpisce le barriere ed è costretto all'abbandono. A causa della posizione della monoposto e dei detriti rimasti sul tracciato, la direzione di gara invia in pista la vettura di sicurezza. Alla ripartenza, al trentacinquesimo giro, i primi tre piloti mantengono le loro posizioni, mentre Vettel supera Leclerc, poi attacca, senza successo, Gasly. Il tedesco attende ancora due giri e passa anche il pilota dell'AlphaTauri.

I primi della graduatoria non sembrano in grado di attaccare le rispettive posizioni ma si sfidano a colpi di giri veloci, per ottenere il punto addizionale. La gara subisce un colpo di scena a quattro tornate dalla fine, quando Verstappen subisce un problema simile a quello occorso a Stroll. Uno degli pneumatici cede sul rettilineo dei box, col pilota olandese che perde il controllo della vettura e termina la gara contro il muretto.[170] La direzione di gara decide, in questo caso, di stoppare la gara, con bandiera rossa. La direzione di gara giustifica la scelta anche per il timore che altre gomme possano cedere come accaduto a Stroll e Verstappen.

Pur mancando solo tre giri al termine la gara viene ripresa, con partenza da fermo in griglia, sulla base della classifica al momento dell'interruzione. Pérez parte dalla pole position, accompagnato in prima fila da Hamilton. La seconda fila è di Vettel e Gasly. Prima della seconda partenza dalla Mercedes di Hamilton si alzano dei fumi consistenti dai freni; nonostante ciò il britannico tenta, alla prima curva, l'attacco a Pérez, andando però lungo e venendo superato dall'intero gruppo. Pérez guida il Gran Premio, per i due giri finali, davanti a Vettel e Gasly, che viene messo sotto pressione, ma senza successo da Leclerc che, anzi, deve guardarsi dall'attacco di Lando Norris.

Pérez vince per la seconda volta in carriera in Formula 1 dal Gran Premio di Sakhir 2020, conquistando anche così il terzo podio sul circuito di Baku, come nel 2016 e nel 2018 al volante dell'ex scuderia Force India. Completano il podio Vettel, che torna sul podio per la prima volta dal Gran Premio di Turchia 2020, e che sancisce il primo podio per l'Aston Martin da quando la scuderia ha cambiato denominazione e il primo podio in assoluto per il costruttore britannico, e Gasly, al suo terzo podio iridato, il primo dalla vittoria nel Gran Premio d'Italia 2020. Era dal Gran Premio d'Austria 2018 che nessuna delle due Mercedes marcava punti iridati.[171]

Gran Premio di Francia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Francia 2021.

Max Verstappen non riesce a tenere il comando della gara alla partenza. Già alla prima curva va lungo e viene passato da Lewis Hamilton. Alle loro spalle c'è Valtteri Bottas che precede Sergio Pérez, Carlos Sainz Jr., Pierre Gasly, Charles Leclerc e Fernando Alonso.

Le posizioni di testa rimangono lo stesse fino al decimo giro, quando le due McLaren passano Alonso. Lo spagnolo cede la posizione anche a Sebastian Vettel, mentre Ricciardo raggiunge e passa Leclerc. Entrambi effettuano il cambio gomme, tra il quattordicesimo e sedicesimo giro. La scelta sembra positiva, visto che Leclerc migliora di molto il suo ritmo.

Al diciassettesimo passaggio si fermano Bottas, Sainz Jr. e Gasly, seguiti, nel giro successivo, da Verstappen e Alonso. Quando Hamilton si ferma, al diciottesimo giro, Verstappen coglie un tempo eccellente e riesce a rientrare in pista davanti al britannico. La classifica è guidata da Pérez, davanti a Verstappen, Hamilton, Bottas, Norris e il duo dell'Aston Martin.

Il messicano resta al comando fino al ventiquattresimo giro, quando entra ai box per il cambio gomme, così come Lando Norris. Pérez rientra in gara quarto, davanti sempre al duo dell'Aston Martin. Nei giri seguenti Hamilton si avvicina a Verstappen, mentre la Ferrari dimostra un forte degrado delle gomme, con Leclerc, che ha già effettuato un pit stop, che cede diverse posizioni, ed esce dalla zona dei punti.

Norris, dopo il cambio gomme, recupera in classifica, riportandosi ottavo, alle spalle di Ricciardo. Al trentaduesimo giro il leader della gara, Verstappen, preoccupato per il degrado degli pneumatici, opta per la seconda sosta. Scala quarto. Due giri dopo Norris passa Ricciardo e anche Stroll, riconquistando la quinta posizione, complice anche il cambio gomme di Vettel.

Verstappen, che ha un ritmo di oltre due secondi più veloce delle Mercedes, passa Pérez al trentacinquesimo giro, poi Bottas al quarantatreesimo passaggio, favorito anche da un'imprecisione del finlandese alla chicane della curva 8. Cinque giri dopo Bottas è costretto a cedere il podio al messicano della Red Bull Racing.

La rimonta di Verstappen si completa al penultimo giro, quando passa Hamilton, senza grossi problemi. Per l'olandese è il tredicesimo successo nel mondiale di Formula 1. Verstappen conquista anche il suo primo hat trick, che consiste nell'ottenere la pole position, il giro veloce e la vittoria della corsa.[172] Per la decima volta nella storia della categoria e per la sesta volta nell'era turbo-ibrida, iniziata nella stagione 2014, non si sono verificati ritiri. L'ultima volta era accaduto nel Gran Premio d'Austria 2019.[173]

Gran Premio di Stiria[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Stiria 2021.

Allo spegnimento del semaforo Max Verstappen mantiene il comando, precedendo Lewis Hamilton. Seguono poi Lando Norris, Sergio Pérez, Valtteri Bottas e Lance Stroll. Nelle retrovie Charles Leclerc tocca con l'ala anteriore la gomma posteriore sinistra di Pierre Gasly. Il monegasco è costretto subito ai box, dove monta gomme a mescola dura, mentre Gasly è addirittura costretto all'abbandono, dopo un contatto con Antonio Giovinazzi, alla terza curva.

La classifica resta invariata fino al decimo passaggio, quando Pérez prende la terza posizione a Norris. Verstappen incrementa, giro dopo giro, il vantaggio su Hamilton. Pérez si ferma per la sua sosta al ventisettesimo giro, seguito da Bottas. Il pit stop del messicano della Red Bull Racing è molto lento, tanto che rientra in pista alle spalle di Bottas. Hamilton si ferma al ventottesimo giro, mentre Verstappen attende il giro successivo. L'olandese mantiene il comando della gara, davanti al britannico.

Norris passa alle gomme dure al trentunesimo giro, consentendo a Carlos Sainz Jr. di ottenere la quinta posizione. Al quarantesimo giro Verstappen mantiene 4"5 di vantaggio Hamilton, 25" su Bottas che, a sua volta, distanzia Pérez di 2"7. La classifica recita poi Sainz Jr., Norris, Ricciardo e Stroll. Leclerc cambia di nuovo le gomme, seguito da Sainz Jr., che effettua il cambio degli pneumatici al quarantunesimo giro, così come Ricciardo. Sainz Jr. riesce, già nei giri seguenti, a riprendersi la sesta piazza, passando Stroll.

Verstappen amplia ancora il margine su Hamilton, mentre la Red Bull fa rientrare ai box Pérez, sia per cercare il giro veloce, sia per tentare di riprendere Bottas, grazie ai nuovi pneumatici. Più dietro Leclerc è autore di una poderosa rimonta che lo riporta nella zona dei punti. Le Ferrari sembrano dotate di un buon passo di gara, tanto che Sainz Jr. riesce a sdoppiarsi da Hamilton. Anche la Mercedes richiama ai box il campione del mondo, al fine di strappare il punto addizionale del giro veloce, conquistato da poco da Pérez. Il britannico, dopo essersi liberato dai dei doppiati, ottiene il giro veloce, all'ultimo giro. Pérez, invece, si avvicina molto a Bottas, portandosi a meno di un secondo dal finlandese, ma non ha mai l'opportunità reale di un sorpasso.

Verstappen conquista la sua quattordicesima vittoria, ampliando ancora il margine di vantaggio in classifica su Hamilton, secondo. Solo i primi quattro piloti, quelli di Red Bull e Mercedes, sono a pieni giri a fine gara.[174]

Gran Premio d'Austria[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Austria 2021.
I due piloti della Red Bull al Gran Premio d'Austria.

Il poleman Max Verstappen mantiene il comando della gara al via, mentre Lando Norris resiste agli attacchi di Sergio Pérez, conservando la seconda posizione. Seguono, poi, le due Mercedes e le due AlphaTauri. La gara viene subito congelata, con l'entrata della safety car, per la necessità di porre in sicurezza la vettura di Esteban Ocon, vittima di un incidente con Antonio Giovinazzi, alla terza curva.

Alla ripartenza Pérez attacca Norris, ma va nella ghiaia, alla staccata della curva 4, e viene passato da diverse vetture. Hamilton, scalato terzo, mette pressione a Norris. Tra il dodicesimo e tredicesimo giro effettuano la prima sosta le due AlphaTauri, seguite, al quattordicesimo giro, da Stroll. Nello stesso giro Charles Leclerc prende la settima posizione a Pérez. Al diciassettesimo passaggio Daniel Ricciardo prende la quinta posizione a Vettel che, immediatamente, va ai box per il cambio gomme.

Al ventesimo giro Hamilton coglie la seconda posizione su Norris, che subisce anche una penalizzazione di cinque secondi per la manovra su Pérez, effettuata a inizio gara. Verstappen comanda con margine sui due britannici; seguono poi Bottas, Ricciardo, Leclerc, Pérez e Sainz Jr.. Ricciardo si ferma, per il cambio degli pneumatici, al ventinovesimo giro, seguito, nel giro successivo, da Norris e Bottas. Il britannico della McLaren sconta cinque secondi di penalità, e rientra in gara alla spalle del finlandese. Hamilton si ferma poco dopo, così come Verstappen, ma le posizioni di vertice rimangono invariate. Al trentatreesimo giro effettua il passaggio al cambio gomme anche Pérez. Il messicano torna in pista decimo. Leclerc attende il trentaquattresimo giro per il suo pit stop, ma rientra in gara alle spalle del messicano, che precedeva prima delle soste. Verstappen comanda davanti al duo della Mercedes, con Norris quarto, a sua volta davanti a Sainz Jr., Gasly, Ricciardo, Pérez e Leclerc.

Al quarantesimo passaggio Leclerc tenta di passare Pérez: il messicano si difende con una manovra simile a quella effettuata da Norris nei suoi confronti, e viene anche lui punito con cinque secondi sul tempo di gara. Davanti Hamilton non riesce a tenere il ritmo di Verstappen, con una vettura danneggiata saltando su un cordolo. Al quarantaseiesimo passaggio si ferma Gasly, mentre Sainz Jr. attende il quarantanovesimo giro. Lo spagnolo torna in gara ottavo, alle spalle di Leclerc. Il monegasco tenta ancora, al quarantasettesimo giro, di passare Pérez. Anche in questo caso la manovra di difesa del messicano è guidicata meritevole di una penalizzazione di cinque secondi. Pérez, al cinquantaduesimo giro, sorpassa Ricciardo, anche se, di fatto, è penalizzato in totale 10 secondi, che verranno aggiunti al tempo finale di gara.

Le difficoltà tecniche di Hamilton consentono prima a Bottas di passare il suo compagno di team, poi costringono il campione del mondo a cedere la terza posizione a Norris. Verstappen, che gode di margine ampio su Bottas, ora secondo, opta per una seconda sosta. Ciò consente all'olandese di terminare la gara senza dubbi sulla tenuta delle gomme, e anche di assicurarsi il giro veloce (1'06"200). Il secondo miglior giro della gara, che è fatto segnare da Sainz Jr. al settantesimo giro, è più alto di oltre un secondo e mezzo. Negli ultimi giri Leclerc tenta, senza fortuna, di sorpassare Ricciardo. Con il sopraggiungere del compagno di team Carlos Sainz Jr., che gode di gomme più fresche, il monegasco cede la posizione allo spagnolo, che è poi capace di passare il pilota della McLaren, a due giri dal termine. Nel giro finale c'è un contatto tra Kimi Räikkönen e Sebastian Vettel. Le due monoposto terminano nella ghiaia.

Verstappen vince la sua quindicesima gara in carriera in Formula 1, conquistando il cinquantesimo podio. Il pilota della Red Bull fa suo, per la prima volta a 23 anni, nuovo record, il Grand Chelem, ovvero conquistando, nella stessa gara, pole position, giro veloce e vittoria comandando il Gran Premio per tutti i suoi giri.[175] Per la prima volta dal 2013, stagione in cui ha conquistato il suo ultimo mondiale costruttori, la Red Bull Racing vince cinque Gran Premi di fila, mentre la Mercedes, nell'era turbo-ibrida, non riesce a vincere per la prima volta per cinque gare di seguito.[176]

Gran Premio di Gran Bretagna[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Gran Bretagna 2021.
La presentazione della maquette che ipotizza le forme delle future monoposto di Formula 1 secondo i regolamenti della stagione 2022, presentata in occasione del Gran Premio inglese.

Max Verstappen mantiene il comando al via del Gran Premio ma deve difendersi dagli attacchi di Lewis Hamilton nel primo giro. Alla curva Copse, dopo che i due piloti si sono sfiorati in varie occasioni, le due vetture vanno a contatto: la Red Bull Racing dell'olandese esce di pista ad alta velocità. La gara viene prima neutralizzata dalla safety car e poi interrotta con bandiera rossa. Verstappen esce dalla vettura scosso e viene portato al centro medico del circuito e successivamente in ospedale. Hamilton viene, in seguito, penalizzato di 10 secondi sul tempo di gara.

La gara riprende con una seconda partenza, in cui in pole position si trova Charles Leclerc che, approfittando dell'incidente tra i due, ha preso il comando della gara. Il monegasco riesce a mantenere la vetta, con Hamilton secondo, mentre Lando Norris passa Valtteri Bottas. Seguono poi Ricciardo, Vettel, Alonso e Sainz Jr.. Vettel va in testacoda e finisce in fondo al gruppo, mentre Sainz Jr. sorpassa Alonso.

Nei giri successivi, quando entrambi sono su gomme medie, Leclerc riesce a mantenere un certo margine su Hamilton. Il pilota della Ferrari si lamenta di un calo di potenza della sua power unit, poi risolto grazie alle indicazioni del suo ingegnere, che non lo penalizza tanto da essere avvicinato dal campione del mondo. Al ventesimo giro c'è la sosta di Daniel Ricciardo: l'australiano passa su gomme hard, scelta che sarà seguita da tutti gli altri piloti. Il giro successivo si ferma anche l'altro pilota della McLaren, Norris. Il pit stop è lento, e fa perdere secondi al britannico. Bottas si ferma al ventiduesimo giro e Alonso al ventiquattresimo. Hamilton, staccato di quasi tre secondi da Leclerc, effettua il cambio gomme al ventisettesimo giro.

Tra il ventottesimo e ventinovesimo giro si fermano entrambe le Ferrari. Il primo a fermarsi, Sainz Jr.; è fortemente rallentato da un problema al cambio gomme, mentre è rapido quello di Leclerc. Il monegasco rientra in gara in testa, davanti a Bottas, staccato di oltre sette secondi. Seguono poi Norris e Hamilton con quest'ultimo che passa presto il suo connazionale.

Leclerc porta a nove secondi il vantaggio su Bottas, che vede, invece, ridursi il margine su Hamilton. Al trentanovesimo giro il finlandese lascia via libera al compagno di scuderia. Con gomme dure le Mercedes sono molto competitive, con Hamilton che lima, di quasi un secondo a giro, il distacco da Leclerc. Il divario tra il ferrarista e Hamilton è di 5"2 al quarantatreesimo passaggio, che scende a 2"8 tre giri dopo. Al quarantanovesimo giro Hamilton raggiunge Leclerc, passandolo alla Copse, nello stesso punto in cui vi è stato il contatto tra Verstappen e il pilota della Mercedes al via.

Hamilton conquista la novantanovesima vittoria nel campionato mondiale di Formula 1, vincendo per l'ottava volta il Gran Premio di Gran Bretagna, eguagliando il record di otto vittorie nel Gran Premio d'Ungheria e di otto vittorie di Michael Schumacher nel Gran Premio di Francia. Leclerc sale sul podio per la prima volta dal terzo posto nell'edizione 2020 del Gran Premio, finendo davanti a Bottas. Pérez, a due giri dal termine, strappa a Hamilton il punto supplementare previsto per chi fa il giro veloce.[177]

Gran Premio d'Ungheria[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Ungheria 2021.

La partenza avviene con una leggera pioggia, tanto che tutti i piloti optano per le gomme da bagnato intermedio. Al via Lewis Hamilton mantiene il comando, mentre parte male Valtteri Bottas, che viene sfilato da diverse vetture. Arrivato alla prima curva il finlandese tampona Lando Norris, che a sua volta finisce contro la vettura di Max Verstappen. Bottas, proseguendo nella corsa, colpisce la monoposto di Sergio Pérez. Anche Lance Stroll commette un errore, finisce contro Charles Leclerc che, a sua volta, coinvolge Daniel Ricciardo. La direzione di gara prima decide per l'invio in pista della safety car, poi opta per la sospensione della gara. Al momento dell'interruzione Hamilton comanda la gara, davanti a Esteban Ocon, Sebastian Vettel, Carlos Sainz Jr., Yuki Tsunoda, Nicholas Latifi e Fernando Alonso. Non possono più proseguire Bottas, Pérez, Norris, Leclerc e Stroll. Verstappen e Ricciardo, pur con una vettura danneggiata, possono riprendere il via.

Le condizioni atmosferiche migliorano, ma tutti i piloti decidono, alla ripartenza, di conservare le gomme da bagnato intermedio. Tutti, a eccezione di Hamilton, al termine del giro di schieramento, rientrano ai box per passare alle gomme slick. Hamilton si trova così da solo sulla griglia di partenza. Nel caos dei cambi gomme Kimi Räikkönen viene rimandato in pista al sopraggiungere di Nikita Mazepin; nel contatto ha la peggio il russo, che è costretto al ritiro. Hamilton, dopo solo un giro, rientra ai box, per passare alle gomme da asciutto. Il britannico rientra in gara ultimo, mentre il Gran Premio è comandato da Ocon, davanti a Vettel. I due costruiscono subito un bel margine su Latifi, che fa un po' da tappo a Tsunoda e Sainz Jr.. Verstappen e Hamilton, entrambi nelle retrovie, riescono a passare Schumacher. Il britannico si ferma al diciannovesimo passaggio, per montare gomme dure. Viene rimandato in pista davanti a Verstappen e Ricciardo.

Al ventunesimo giro si ferma Russell, poi seguono Tsunoda e Latifi. Tutti scelgono la mescola più dura. A questo punto Sainz Jr. è scalato terzo, e si trova davanti a Alonso e al duo dell'AlphaTauri. Alle spalle di questi due è risalito Hamilton. Il pilota della Mercedes passa, al trentaduesimo giro, Tsunoda, per la quinta posizione, recuperata dopo il pit stop di Gasly. Sempre al trentaduesimo passaggio Sainz Jr. effettua la sua sosta. Tra il trentaseiesimo e il trentasettesimo giro c'è il cambio gomme per Vettel e Ocon. Ciò consente ad Alonso di trovarsi in testa, fino al trentanovesimo giro, quando anche lo spagnolo cambia gli pneumatici. Il pilota dell'Alpine torna in gara quinto, alle spalle di Hamilton. L'altro pilota della scuderia francese, Ocon, è sempre al comando, davanti a Vettel e Sainz Jr.. Vettel si avvicina al francese, ma non riesce mai a impensierirlo per il primo posto.

Al quarantasettesimo passaggio Hamilton si ferma ancora, per montare gomme medie. Il britannico torna in gara alle spalle di Alonso. Il suo ritmo però è notevole, tanto da girare tre secondi più veloce di tutti gli altri piloti in gara. Da quel momento ingaggia una lunga battaglia con Alonso, che si conclude solo al sessantacinquesimo giro, col sorpasso ai danni dello spagnolo. Hamilton raggiunge, e passa, in un paio di giri, Sainz Jr., in evidente crisi con gli pneumatici, e riesce ad avvicinarsi al duo di testa, senza però avere la possibilità di giocarsi la vittoria.

Esteban Ocon vince il suo primo Gran Premio in carriera in Formula 1, precedendo Hamilton e Sainz Jr., dopo la squalifica ai danni di Vettel, originariamente giunto secondo. Colgono punti le due Williams, per la prima volta nei primi dieci classificati dal Gran Premio d'Italia 2018. Per l'Alpine è la prima vittoria, da quando ha cambiato denominazione. Con la precedente denominazione Renault l'ultimo successo risaliva al Gran Premio del Giappone 2008 con Alonso. La scuderia francese torna alla vittoria sul tracciato dell'Hungaroring dopo diciotto anni con lo stesso Alonso. La motorizzazione Renault conquista la vittoria per la prima volta dal Gran Premio del Belgio 2014 con Daniel Ricciardo su Red Bull Racing. Gasly coglie, per la terza volta in carriera, il giro veloce, dopo aver montato gomme morbide, negli ultimi giri. L'AlphaTauri ottiene il suo primo giro veloce da quando ha cambiato denominazione.[178]

Gran Premio del Belgio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Belgio 2021.

L'intensità delle precipitazioni mette in dubbio la tenuta della gara, la cui partenza viene posticipata prima alle 15:15, poi alle 15:25. Le vetture effettuano anche un giro di formazione, alle spalle della safety car, ma la verifica della pista conferma l'impossibilità di svolgere la gara.

La direzione di gara fissa per le 18:00 l'orario della ripartenza, con la possibilità che la gara duri solo un'ora, in considerazione dell'oscurità imminente. In seguito la direzione di gara stabilisce che il via verrà dato alle 18:17. La gara parte ancora dietro la vettura di sicurezza e viene stabilito, ufficialmente, che la gara avrà la durata di un'ora, dal momento della partenza. Al via tutte le 20 monoposto seguono la safety car ma, dopo due giri disputati in regime di vettura di sicurezza, la direzione di gara decide di interrompere nuovamente il Gran Premio. Dopo qualche minuto, alle 18:45, ben prima dello scoccare dell'ora dalla ripartenza, la direzione di gara decide di considerare ufficialmente concluso l'evento. Avendo percorso due giri viene comunque assegnata la metà dei punti, per la prima volta dal Gran Premio della Malesia 2009, anch'esso dichiarato concluso anticipatamente a causa di avverse condizioni meteorologiche, con la distanza di gara contrassegnata da un solo giro compiuto, che stabilisce il Gran Premio più corto della storia della Formula 1. Il record precedente spettava al Gran Premio d'Australia 1991 con 24 minuti, 34 secondi e 899 millesimi di durata.[179]

Max Verstappen coglie la sua sedicesima vittoria in carriera, davanti a George Russell e Lewis Hamilton. Per Russell si tratta del primo podio in carriera, il primo per la Williams dal Gran Premio d'Azerbaigian 2017. I giri più veloci della gara non sono stati riconosciuti nella classifica finale del Gran Premio. Per l'undicesima volta nella storia della massima categoria non si sono verificati ritiri.[179][180][181][182]

Gran Premio d'Olanda[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Olanda 2021.

Allo spegnimento dei semafori Max Verstappen tiene il comando della gara, seguito da Lewis Hamilton. Dietro Valtteri Bottas mantiene la terza posizione, davanti a Pierre Gasly. Fernando Alonso, scattato dalla nona posizione, sale settimo, alle spalle delle due Ferrari. I primi due mantengono un ritmo molto alto, ma Hamilton non riesce ad avvicinarsi a Verstappen. Nell'ottavo giro Pérez è costretto a una sosta ai box, dopo aver rovinato una gomma in una staccata, nel tentativo di passare Nikita Mazepin.

Al quattordicesimo giro il margine di Verstappen su Hamilton è di tre secondi e mezzo. Il resto del gruppo è staccato: Bottas è a oltre nove secondi dal leader, mentre gode di un margine di 14 su Gasly. Hamilton decide di anticipare la sosta al ventesimo giro, montando gomme medie. Verstappen marca il suo avversario, e si ferma nel giro successivo: anche l'olandese decide per le mescole medie. Il pit stop della Red Bull Racing è di un secondo migliore di quello della Mercedes, ma ciò non impedisce a Hamilton di limare a meno di due secondi il suo distacco dall'olandese. Il comando della gara è preso da Bottas.

Gasly si ferma al ventiquattresimo giro e opta per le coperture a mescola media. Il francese rientra in gara settimo. Bottas, in crisi con le gomme, vede assottigliarsi il suo vantaggio su Verstappen e Hamilton, molto velocemente. Nel frattempo Gasly risale sesto, passando Alonso, alla prima curva. Al trentesimo passaggio Verstappen, sfruttando un piccolo errore di guida di Bottas nel giro precedente, passa il finlandese sul rettifilo di partenza. Pochi metri dopo Bottas cede la posizione anche al compagno di scuderia Hamilton. Nel giro seguente anche il finlandese si ferma ai box per il cambio gomme. Tra il trentunesimo e trantaquattresimo giro si fermano invece le due Ferrari, che montano le gomme hard.

Verstappen guida la gara, con un secondo e mezzo di margine su Hamilton, 24 su Bottas, 46 su Gasly, e quasi un minuto su Leclerc. Hamilton, per cercare di avere una chance nel superare Verstappen, effettua una seconda sosta, al trentanovesimo giro. Il britannico sceglie le gomme medie, ma rientra tra dei doppiati che ne vanificano l'opportunità di avvicinarsi al leader della gara. Per sicurezza la Red Bull Racing richiama ancora Verstappen ai box: non avendo più gomme medie disponibili, l'olandese monta la mescola dura.

Hamilton, sfruttando anche dei doppiaggi, riesce a portarsi a meno di un secondo e mezzo da Verstappen, quando mancano 15 giri al termine della gara. Il ritmo del campione del mondo non è però sufficiente per attaccare l'olandese. Negli stessi giri Pérez, che si è fermato per mettere gomme soft, è autore di una bella rimonta. Passa le due McLaren e Esteban Ocon, fino a salire all'ottavo posto. Al sessantottesimo giro Bottas viene richiamato ai box. Nei giri successivi il pilota della Mercedes è capace di strappare il giro veloce, e conseguente punto addizionale, al compagno di scuderia, Hamilton. Ciò costringe la scuderia tedesca a richiamare il campione del mondo, per un'ulteriore sosta. Con gomme morbide il britannico è comunque capace, all'ultimo giro, di riprendersi il punto per il giro veloce. Nelle ultime fasi della gara Fernando Alonso strappa la sesta posizione a Sainz Jr..

Verstappen conquista il suo diciassettesimo Gran Premio valido quale prova del campionato mondiale, davanti al duo della Mercedes. È il primo pilota dei Paesi Bassi capace di vincere il Gran Premio nazionale.[183]

Gran Premio d'Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Italia 2021.

Daniel Ricciardo, partito in seconda posizione, prende subito il comando, relegando Max Verstappen dal posto d'onore. L'olandese viene attaccato anche da Lewis Hamilton alla Variante della Roggia: il britannico deve tagliare la curva e non riesce ad avere la meglio sull'olandese, anzi è costretto a vedersi sfilare da Lando Norris. Poco dopo, nello stesso punto, Antonio Giovinazzi entra in collisione con Carlos Sainz Jr.. La sua Alfa Romeo Racing va a sbattere contro le barriere e danneggia il musetto. L'italiano è costretto a una sosta ai box, e la direzione di corsa introduce il regime di virtual safety car, che termina nel corso del secondo giro.

La classifica è comandata da Ricciardo, che precede Verstappen, poi ci sono Norris, Hamilton, Leclerc, Sainz Jr. e Pérez. Al nono passaggio il messicano della Red Bull Racing ha la meglio, sempre alla Variante della Roggia, su Sainz Jr.. Valtteri Bottas, partito in ultima fila, inanella diversi sorpassi, tanto che dopo 14 giri è già entrato nella zona dei punti. Al quindicesimo giro Esteban Ocon si difende da un tentativo di sorpasso di Sebastian Vettel: la sua manovra è giudicata pericolosa dai commissari, che lo penalizzano di cinque secondi. Bottas prosegue nella sua scalata, passando Fernando Alonso, al diciannovesimo giro. Tre giri dopo il finlandese ha la meglio anche su Lance Stroll.

Ricciardo effettua la sua sosta al ventitreesimo giro. Verstappen attende un giro: un problema all'anteriore destra lo fa fermare ai box per oltre undici secondi. Norris, in crisi con gli pneumatici, è passato da Hamilton che, complice il pit stop dei primi due, si trova al comando. Nel giro successivo sia Hamilton che Norris passano ai box. Il cambio gomme del pilota della Mercedes non è perfetto, ma Hamilton rientra in gara davanti a Verstappen. L'olandese attacca, alla prima variante, il britannico. Le due vetture vanno alla collisione: la Red Bull si impenna su un cordolo e finisce sopra la Mercedes; entrambe le vetture finiscono nella ghiaia, e sono costrette all'abbandono. Per poter rendere la pista sicura la direzione di gara invia in pista la vettura di sicurezza. Per Hamilton si tratta del primo ritiro per incidente dal Gran Premio di Spagna 2016, nonché della prima battuta d'arresto dal Gran Premio d'Austria 2018.

Charles Leclerc e Sainz Jr. approfittano della situazione per andare ai box a cambiare le gomme. Il monegasco rientra in gara secondo, alle spalle di Ricciardo. Seguono, nell'ordine, Norris, Pérez, Sainz Jr. e Bottas. Alla ripartenza della gara Leclerc cede subito la seconda posizione a Norris. Poco dopo il ferrarista, pur dopo un bel duello, è costretto a cedere anche a Pérez. Il messicano, però, non ha ceduto la posizione, avendo tagliato la Variante della Roggia per passare Leclerc. Nel frattempo il monegasco cede anche a Bottas. La direzione di gara sanziona Pérez con cinque secondi di penalità.

Le due McLaren si trovano al comando, seguite dal penalizzato Pérez, poi Bottas e il duo della Ferrari. Bottas si avvicina a Pérez, che a causa della penalizzazione è di fatto alle sue spalle, ma non ha lo spunto sufficiente per il sorpasso in pista. Il finlandese attacca alla Variante della Roggia, ma viene ripassato dal messicano. La lotta fra i due sembra poter rimettere in gioco per il podio anche Leclerc, che però non riesce ad avvicinarsi. A pochi giri dal termine si ritira Nikita Mazepin, parcheggiando la sua monoposto alla Variante Ascari. Viene ancora deciso il regime di virtual safety car, che però ha breve durata.

Ricciardo vince, per l'ottava volta, una gara valida per il campionato mondiale. Per l'australiano è il primo successo dal Gran Premio di Monaco 2018, alla guida della Red Bull, mentre la McLaren non si imponeva dal Gran Premio del Brasile 2012 con Jenson Button. Grazie al secondo posto di Norris, il team di Woking fa segnare la sua prima doppietta dal Gran Premio del Canada 2010. La McLaren diventa anche il primo costruttore a cogliere una doppietta in stagione. Completa il podio Bottas, partito diciannovesimo. Era dal Gran Premio d'Australia 2014 che due McLaren e una Mercedes non si classificavano fra i primi tre, mentre l'ultimo podio con tre vetture motorizzate Mercedes risaliva al Gran Premio del Messico 2015.[184]

Gran Premio di Russia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Russia 2021.

Dopo la partenza Carlos Sainz Jr. sfrutta la scia di Lando Norris, riuscendo a passarlo e portarsi al comando. Seguono George Russell, Lance Stroll, Daniel Ricciardo, Fernando Alonso, che utilizza la via di fuga esterna alla seconda curva, e Lewis Hamilton. Lo spagnolo dell'Alpine cede, nei due giri successivi, due posizioni. Max Verstappen, partito ultimo, recupera molte posizioni, portandosi al dodicesimo posto dopo dieci giri. Sainz Jr. mantiene il comando su Norris, ma la Ferrari denota subito un calo di prestazioni degli pneumatici. Il britannico della McLaren cerca di attaccare lo spagnolo, ma senza essere capace di effettuare il sorpasso.

Dopo aver fatto riposare le gomme per qualche giro, Norris ritenta l'attacco su Sainz Jr., passando al comando al tredicesimo giro. Nel frattempo sia Stroll che Russell hanno già effettuato la loro sosta, passando a coperture di mescola dura. Sainz Jr. effettua il pit stop al quattordicesimo giro. Al ventesimo giro Norris comanda con oltre undici secondi di margine su Ricciardo, dodici e mezzo su Hamilton, e oltre 13 su Pérez. Dopo due giri si ferma Ricciardo, ma soffre per un piccolo problema al cambio gomme, che lo fa rientrare in gara quattordicesimo. Hamilton cambia gli pneumatici al ventiseiesimo giro, passando alle hard, seguito, poco dopo, da Verstappen, che monta medie, che è salito fino al quinto posto, prima della sua sosta.

Il leader del Gran Premio, Norris, passa ai box al ventisettesimo giro. Ora va a condurre la gara Pérez, seguito da Alonso, Leclerc e lo stesso Norris, il quale, al trentatreesimo giro, passa il monegasco. Il ferrarista cede la posizione anche a Hamilton, prima di effettuare il pit stop. Anche in questo caso il cambio gomme non è perfetto: il pilota rientra in gara tredicesimo, alle spalle di Vettel. Dopo le soste di Pérez, il quale anche per lui il cambio gomme risulta particolarmente lento, e Alonso, la classifica si stabilizza. Norris si trova al comando, seguito da Hamilton, Sainz Jr., Ricciardo e Pérez. Alle spalle del messicano c'è Alonso, su cui piomba Verstappen, che però non ha la velocità sufficiente per attaccare il pilota dell'Alpine.

Norris sembra poter rispondere ai tempi di Hamilton, mentre Ricciardo e Pérez ingaggiano un lungo duello. Il messicano è capace di prendere la posizione al quarantaquattresimo giro e, tre giri dopo, con l'arrivo della pioggia, passa anche Sainz Jr., entrando sul podio virtuale. La pioggia sembra, almeno all'inizio, molto debole, tanto che i piloti sono indecisi se passare alle gomme da bagnato intermedio oppure optare per delle gomme slick morbide. L'intensità della pioggia però aumenta, e ciò porta a un vero stravolgimento della classifica, negli ultimi giri, favorendo i piloti che per primi hanno optato per le gomme da bagnato. A quattro giri dal termine Norris decide di proseguire con le gomme da asciutto, a differenza di Hamilton. Il pilota della McLaren non riesce a tenere in pista la sua monoposto, e decide troppo tardi per il cambio gomme. Hamilton si trova così a condurre, seguito da Verstappen, Sainz Jr. e Ricciardo. Negli ultimi giri c'è anche un contatto tra le due Aston Martin, che però possono concludere il Gran Premio.

Hamilton vince la gara, cogliendo la centesima vittoria nel mondiale di Formula 1. Il britannico supera la soglia dei 4 000 punti conquistati in carriera.[185] Il campione del mondo vince con oltre 53 secondi di margine sul secondo, Verstappen. Un margine tra i primi due così ampio non si verificava dal Gran Premio di Gran Bretagna 2008 quando, proprio Hamilton, vinse con oltre un minuto di margine su Nick Heidfeld. Norris, che chiude settimo, si consola col giro veloce.[186]

Gran Premio di Turchia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Turchia 2021.

La pista si presenta umida e c'è una leggera pioggia a tratti. Tutte le vetture montano gomme da bagnato intermedio.

Il poleman Valtteri Bottas, al via, è capace di mantenere il comando della gara, davanti a Max Verstappen e Charles Leclerc. Più dietro c'è un contatto tra Fernando Alonso e Pierre Gasly; lo spagnolo va in testacoda e termina lontano dalla prime posizioni, tamponando poi la Haas di Mick Schumacher nel tentativo di rimonta. Mentre il finlandese mantiene un buon margine sui primi inseguitori, comincia la sua rimonta il compagno di scuderia Lewis Hamilton: il britannico passa Yuki Tsunoda, Lance Stroll e Lando Norris, tra l'ottavo e il decimo giro, collocandosi in sesta posizione. Anche Carlos Sainz Jr. recupera diverse posizioni: lo spagnolo, partito in ultima fila, dopo pochi giri è già al limite della zona dei punti.

Al quattordicesimo passaggio Hamilton supera anche Gasly, che comunque deve ancora scontare la penalizzazione di cinque secondi, inflittagli per il contatto con Alonso alla partenza. Daniel Ricciardo è il primo pilota a effettuare il cambio delle gomme, al ventiduesimo giro. L'australiano resta su gomme da bagnato intermedio. Hamilton cerca di passare anche Sergio Pérez, ma il messicano resiste agli assalti del campione del mondo.

La classifica, almeno nelle posizioni di testa, resta invariata per diversi giri. Verstappen si ferma, per cambiare gli pneumatici, al trentaseiesimo passaggio. Seguono Sainz Jr. un giro dopo, e Pérez e Bottas, due giri dopo l'olandese. Tutti rimangono su gomme intermedie, tranne Sebastian Vettel, che monta gomme slick di mescola media. La scelta risulta troppo azzardata, tanto che il tedesco rientra subito ai box, per tornare a coperture per pista bagnata.

Si trova a condurre Leclerc, davanti a Bottas, Verstappen, Hamilton e Gasly. Il francese cede la posizione, al quarantesimo giro, a Pérez. Il monegasco, con ormai gli pneumatici molto usurati, commette un paio di errori, e viene passato da Bottas, al quarantaseiesimo giro. Poco dopo il ferrarista cede la seconda posizione a Verstappen, prima di rientrare ai box, per montare gomme nuove, sempre da bagnato intermedio. Leclerc è ora quarto, ma è presto passato da Pérez, che pur disponendo di gomme più usurate, ha un miglior passo.

Prosegue invece Hamilton, ora terzo, che spera di poter eventualmente andare ai box solo per passare alle gomme da asciutto. Il pilota della Mercedes rientra ai box al cinquantesimo giro, ma è costretto, ancora, a optare per le gomme da bagnato intermedio. Rientra alle spalle di Leclerc, ma deve guardarsi dal ritorno di Gasly e Norris, che però non sono in grado di avvicinarsi in maniera pericolosa.

Bottas coglie il suo decimo successo in carriera, davanti alle due Red Bull Racing. Verstappen, grazie al secondo posto, ritorna in vetta alla classifica iridata.[187] Esteban Ocon dell'Alpine ha completato il Gran Premio, per la prima volta nell'era turbo-ibrida, senza effettuare la sosta ai box per cambiare gli pneumatici, escludendo il Gran Premio del Belgio della durata di un solo giro. L'ultimo episodio risaliva a 24 anni fa, con Mika Salo che completò il Gran Premio di Monaco 1997 senza effettuare rifornimenti o cambio gomme.[188] Per la dodicesima volta nella storia della massima categoria, per l'ottava volta nell'era turbo-ibrida, iniziata nella stagione 2014, e per la terza volta in questo campionato, dopo il Gran Premio di Francia e il Gran Premio del Belgio, non si sono verificati ritiri.[189]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Risultato dei Gran Premi[modifica | modifica wikitesto]

Gran Premio Circuito Pole position[190] Giro veloce Pilota vincitore Scuderia vincitrice Resoconto
1 Bahrein Gran Premio del Bahrein Sakhir Paesi Bassi Max Verstappen Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes Resoconto
2 Emilia-Romagna Gran Premio dell'Emilia-Romagna Imola Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito Lewis Hamilton Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-Honda Resoconto
3 Portogallo Gran Premio del Portogallo Algarve Finlandia Valtteri Bottas Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes Resoconto
4 Spagna Gran Premio di Spagna Montmeló Regno Unito Lewis Hamilton Paesi Bassi Max Verstappen Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes Resoconto
5 Monaco Gran Premio di Monaco Monaco Monaco Charles Leclerc[191] Regno Unito Lewis Hamilton Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-Honda Resoconto
6 Azerbaigian Gran Premio d'Azerbaigian Baku Monaco Charles Leclerc Paesi Bassi Max Verstappen Messico Sergio Pérez Austria Red Bull Racing-Honda Resoconto
7 Francia Gran Premio di Francia Le Castellet Paesi Bassi Max Verstappen Paesi Bassi Max Verstappen Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-Honda Resoconto
8 Stiria Gran Premio di Stiria Red Bull Ring Paesi Bassi Max Verstappen Regno Unito Lewis Hamilton Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-Honda Resoconto
9 Austria Gran Premio d'Austria Red Bull Ring Paesi Bassi Max Verstappen Paesi Bassi Max Verstappen Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-Honda Resoconto
10 Regno Unito Gran Premio di Gran Bretagna Silverstone Paesi Bassi Max Verstappen Messico Sergio Pérez Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes Resoconto
11 Ungheria Gran Premio d'Ungheria Hungaroring Regno Unito Lewis Hamilton Francia Pierre Gasly Francia Esteban Ocon Francia Alpine-Renault Resoconto
12 Belgio Gran Premio del Belgio Francorchamps Paesi Bassi Max Verstappen non riconosciuto[192] Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-Honda Resoconto
13 Paesi Bassi Gran Premio d'Olanda Zandvoort Paesi Bassi Max Verstappen Regno Unito Lewis Hamilton Paesi Bassi Max Verstappen Austria Red Bull Racing-Honda Resoconto
14 Italia Gran Premio d'Italia Monza Paesi Bassi Max Verstappen[193] Australia Daniel Ricciardo Australia Daniel Ricciardo Regno Unito McLaren-Mercedes Resoconto
15 White flag of surrender.svg Gran Premio di Russia[23] Soči Regno Unito Lando Norris Regno Unito Lando Norris Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes Resoconto
16 Turchia Gran Premio di Turchia Istanbul Finlandia Valtteri Bottas[194] Finlandia Valtteri Bottas Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes Resoconto
17 Stati Uniti Gran Premio degli Stati Uniti Austin
18 Messico Gran Premio di Città del Messico Città del Messico
19 Brasile Gran Premio di San Paolo San Paolo
20 Qatar Gran Premio del Qatar Losail
21 Arabia Saudita Gran Premio d'Arabia Saudita Gedda
22 Emirati Arabi Uniti Gran Premio di Abu Dhabi Abu Dhabi
Cina Gran Premio di Cina[29] Shanghai Gran Premi annullati a causa della pandemia di COVID-19.
Canada Gran Premio del Canada[30] Montréal
Singapore Gran Premio di Singapore[31] Singapore
Giappone Gran Premio del Giappone[32] Suzuka
Australia Gran Premio d'Australia[33] Melbourne

Risultato delle qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Il risultato delle qualifiche del Gran Premio di Gran Bretagna, del Gran Premio d'Italia e del Gran Premio di San Paolo è determinato dal risultato della Qualifica Sprint che si svolge al sabato e non dalle tradizionali qualifiche che in tali occasioni si svolgono al venerdì.[195]

Pilota Flag of Bahrain.svg Flag of Emilia-Romagna (de facto).svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of France.svg Flag of Styria (state).svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg White flag of surrender.svg Flag of Turkey.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of Qatar.svg Flag of Saudi Arabia.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
3 Australia Daniel Ricciardo 6 6 16 7 12 13 10 13 13 6 11 4 10 2 5 20+30
4 Regno Unito Lando Norris 7 7 7 9 5 9+3 8 3 2 5 6 15+5 13 3 1 7
5 Germania Sebastian Vettel 20+5 P[196] 10 13 8 11 12 14 11+3 8 10 5 15 11 10 10
6 Canada Nicholas Latifi 17 14 18 19 18 16 16 16 18 17 18 10 P[197] 13 18+20 15
7 Finlandia Kimi Räikkönen 14 16 15 17 14 14 17 18 16 13 13 P[198] 13 17
9 Federazione Automobilistica Russa Nikita Mazepin[118] 19 19 20 20+3 19 18 18 20 20 19 19 18 18 16 15 18
10 Francia Pierre Gasly 5 5 9 12 6 4 6 6 6 11 5 6 4 P[199] 11 4
11 Messico Sergio Pérez P[200] 2 4 8 9 6 4 4 3 P[201] 4 7 P[202] 8 8 6
14 Spagna Fernando Alonso 9 15 13 10 17 8 9 8 14 7 9 12 9 10 6 5
16 Monaco Charles Leclerc 4 4 8 4 1 1 7 7 12 4 7 9 5 5 19+25 3
18 Canada Lance Stroll 10 10 17 11 13 19[203] 19[204] 9 9 14 12 19+5 12 9 7 8
22 Giappone Yuki Tsunoda 13 20+25[205] 14 16 16 7 P[206] 11+3 7 16 16 16 14 15 12 9
31 Francia Esteban Ocon 16 9 6 5 11 12 11 17 17 9 8 8 8 12 9 12
33 Paesi Bassi Max Verstappen 1 3 3 2 2 3 1 1 1 1 3 1 1 1 20+33 2
44 Regno Unito Lewis Hamilton 2 1 2 1 7 2 2 2 4 2 1 3 2 4 4 11+10
47 Germania Mick Schumacher 18 18 19 18 20+5[207] 17 15 19 19 18 20+5[208] 17 17 18 14 14
55 Spagna Carlos Sainz Jr. 8 11 5 6 4 5 5 12 10 10 15 11 6 6 2 19+25
63 Regno Unito George Russell 15 12 11 15 15 15 14 10 8 12+3 17 2 11 14 3 13
77 Finlandia Valtteri Bottas 3 8 1 3 3 10 3 5+3 5 3 2 13+5 3 19+30 16+15 1
88 Polonia Robert Kubica 16 17
99 Italia Antonio Giovinazzi 12 17 12 14 10 20[209] 13 15 15 15 14 14 7 7 17+5 16
Pilota Flag of Bahrain.svg Flag of Emilia-Romagna (de facto).svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of France.svg Flag of Styria (state).svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg White flag of surrender.svg Flag of Turkey.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of Qatar.svg Flag of Saudi Arabia.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
Legenda + – Precede il numero di posizioni di penalità sulla griglia di partenza.
§ – Indica quei piloti che per penalità sono stati retrocessi in fondo alla griglia di partenza.
P – Indica quei piloti che hanno preso il via dalla pit lane.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Sistema di punteggio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Sistema di punteggio della Formula 1.
Posizione                             10ª  GV
Gara principale Punti 25 18 15 12 10 8 6 4 2 1 1
Qualifica Sprint[210] 3 2 1

Classifica piloti[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Flag of Bahrain.svg Flag of Emilia-Romagna (de facto).svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of France.svg Flag of Styria (state).svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg White flag of surrender.svg Flag of Turkey.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of Qatar.svg Flag of Saudi Arabia.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti
1 Paesi Bassi Max Verstappen 2 1 2 2 1 18* 1 1 1 Rit1 9 1 1 Rit2 2 2 262,5
2 Regno Unito Lewis Hamilton 1 2 1 1 7 15 2 2 4 12 2 3 2 Rit 1 5 256,5
3 Finlandia Valtteri Bottas 3 Rit 3 3 Rit 12 4 3 2 33 Rit 12 3 31 5 1 177
4 Regno Unito Lando Norris 4 3 5 8 3 5 5 5 3 4 Rit 14 10 2 7 7 145
5 Messico Sergio Pérez 5 11 4 5 4 1 3 4 6 16 Rit 19 8 5 9 3 135
6 Spagna Carlos Sainz Jr. 8 5 11 7 2 8 11 6 5 6 3 10 7 6 3 8 116,5
7 Monaco Charles Leclerc 6 4 6 4 NP 4 16 7 8 2 Rit 8 5 4 15 4 116
8 Australia Daniel Ricciardo 7 6 9 6 12 9 6 13 7 5 11 4 11 13 4 13 95
9 Francia Pierre Gasly 17* 7 10 10 6 3 7 Rit 9 11 5 6 4 Rit 13 6 74
10 Spagna Fernando Alonso Rit 10 8 17 13 6 8 9 10 7 4 11 6 8 6 16 58
11 Francia Esteban Ocon 13 9 7 9 9 Rit 14 14 Rit 9 1 7 9 10 14 10 46
12 Germania Sebastian Vettel 15 15* 13 13 5 2 9 12 17* Rit SQ 5 13 12 12 18 35
13 Canada Lance Stroll 10 8 14 11 8 Rit 10 8 13 8 Rit 20 12 7 11 9 26
14 Giappone Yuki Tsunoda 9 12 15 Rit 16 7 13 10 12 10 6 15 Rit NP 17 14 18
15 Regno Unito George Russell 14 Rit 16 14 14 17* 12 Rit 11 12 8 2 17* 9 10 15 16
16 Canada Nicholas Latifi 18* Rit 18 16 15 16 18 17 16 14 7 9 16 11 19* 17 7
17 Finlandia Kimi Räikkönen 11 13 Rit 12 11 10 17 11 15 15 10 18 SP 8 12 6
18 Italia Antonio Giovinazzi 12 14 12 15 10 11 15 15 14 13 13 13 14 13 16 11 1
19 Germania Mick Schumacher 16 16 17 18 18 13 19 16 18 18 12 16 18 15 Rit 19 0
20 Polonia Robert Kubica SP SP SP 15 14 0
21 Federazione Automobilistica Russa Nikita Mazepin[118] Rit 17 19 19 17 14 20 18 19 17 Rit 17 Rit Rit 18 20 0
Pos. Pilota Flag of Bahrain.svg Flag of Emilia-Romagna (de facto).svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of France.svg Flag of Styria (state).svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg White flag of surrender.svg Flag of Turkey.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of Qatar.svg Flag of Saudi Arabia.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti/Non class. Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
Apice – Risultato Qualifica Sprint
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato Solo prove/Terzo pilota

* – Indica i piloti ritirati ma ugualmente classificati avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza di gara.

  • Nel Gran Premio del Belgio non è stato coperto il 75% della distanza prevista, quindi i punti assegnati sono la metà di quelli previsti per la distanza completa; i giri più veloci non sono stati riconosciuti nella classifica finale del Gran Premio.[182]

Classifica costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Costruttore Pilota Flag of Bahrain.svg Flag of Emilia-Romagna (de facto).svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of France.svg Flag of Styria (state).svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg White flag of surrender.svg Flag of Turkey.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of Qatar.svg Flag of Saudi Arabia.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti
1 Germania Mercedes Hamilton 1 2 1 1 7 15 2 2 4 12 2 3 2 Rit 1 5 433,5
Bottas 3 Rit 3 3 Rit 12 4 3 2 33 Rit 12 3 31 5 1
2 Austria Red Bull Racing-Honda Verstappen 2 1 2 2 1 18* 1 1 1 Rit1 9 1 1 Rit2 2 2 397,5
Pérez 5 11 4 5 4 1 3 4 6 16 Rit 19 8 5 9 3
3 Regno Unito McLaren-Mercedes Ricciardo 7 6 9 6 12 9 6 13 7 5 11 4 11 13 4 13 240
Norris 4 3 5 8 3 5 5 5 3 4 Rit 14 10 2 7 7
4 Italia Ferrari Leclerc 6 4 6 4 NP 4 16 7 8 2 Rit 8 5 4 15 4 232,5
Sainz Jr. 8 5 11 7 2 8 11 6 5 6 3 10 7 6 3 8
5 Francia Alpine-Renault Alonso Rit 10 8 17 13 6 8 9 10 7 4 11 6 8 6 16 104
Ocon 13 9 7 9 9 Rit 14 14 Rit 9 1 7 9 10 14 10
6 Italia AlphaTauri-Honda Tsunoda 9 12 15 Rit 16 7 13 10 12 10 6 15 Rit NP 17 14 92
Gasly 17* 7 10 10 6 3 7 Rit 9 11 5 6 4 Rit 13 6
7 Regno Unito Aston Martin-Mercedes Stroll 10 8 14 11 8 Rit 10 8 13 8 Rit 20 12 7 11 9 61
Vettel 15 15* 13 13 5 2 9 12 17* Rit SQ 5 13 12 12 18
8 Regno Unito Williams-Mercedes Russell 14 Rit 16 14 14 17* 12 Rit 11 12 8 2 17* 9 10 15 23
Latifi 18* Rit 18 16 15 16 18 17 16 14 7 9 16 11 19* 17
9 Svizzera Alfa Romeo Racing-Ferrari Räikkönen 11 13 Rit 12 11 10 17 11 15 15 10 18 SP 8 12 7
Kubica SP SP SP 15 14
Giovinazzi 12 14 12 15 10 11 15 15 14 13 13 13 14 13 16 11
10 Stati Uniti Haas-Ferrari Mazepin Rit 17 19 19 17 14 20 18 19 17 Rit 17 Rit Rit 18 20 0
Schumacher 16 16 17 18 18 13 19 16 18 18 12 16 18 15 Rit 19
Pos. Costruttore Pilota Flag of Bahrain.svg Flag of Emilia-Romagna (de facto).svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Azerbaijan.svg Flag of France.svg Flag of Styria (state).svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg White flag of surrender.svg Flag of Turkey.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of Qatar.svg Flag of Saudi Arabia.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti/Non class. Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
Apice – Risultato Qualifica Sprint
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato Solo prove/Terzo pilota

 * – Indica i piloti ritirati ma ugualmente classificati avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza di gara.

  • Nel Gran Premio del Belgio non è stato coperto il 75% della distanza prevista, quindi i punti assegnati sono la metà di quelli previsti per la distanza completa; i giri più veloci non sono stati riconosciuti nella classifica finale del Gran Premio.[182]

Trofeo Pole FIA[modifica | modifica wikitesto]

Il Trofeo Pole FIA è assegnato al pilota che nella stagione ottiene il più alto numero di pole position, tra le tradizionali qualifiche e la Qualifica Sprint, introdotta per la prima volta in questa stagione per tre Gran Premi. Nel caso in cui due o più piloti ottengano lo stesso numero di partenze al palo, la discriminante della classifica sarà il numero di secondi posti in qualifica. Se anche tale numero dovesse essere uguale si procederà controllando il numero di terzi posti, fino al raggiungimento di una differenza. Non viene comunque assegnato nessun punto supplementare, per la classifica piloti, a chi ottiene la pole position.

Pos. Pilota Pole
1 Paesi Bassi Max Verstappen 8
2 Regno Unito Lewis Hamilton 3
3 Finlandia Valtteri Bottas 2
4 Monaco Charles Leclerc 2
5 Regno Unito Lando Norris 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) F1 Schedule 2021 – Bahrain to host season opener as Australia moves later in calendar and Imola returns, su formula1.com. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  2. ^ a b Marco Belloro, Ufficiale: niente Gran Premio d’Australia nel 2021, su formulapassion.it, 6 luglio 2021. URL consultato il 6 luglio 2021.
  3. ^ Julian D'Agata, F1 | Calendario 2021: che fine ha fatto il GP del Vietnam?, su LiveGP.it, 19 novembre 2020. URL consultato il 16 dicembre 2020.
  4. ^ Calendario F1 2021: le date e il programma provvisorio del prossimo Mondiale. Si comincia in Australia, Monza a settembre, su OA Sport, 13 dicembre 2020. URL consultato il 16 dicembre 2020.
  5. ^ Ufficiale: il GP del Brasile resta a San Paolo fino al 2025, su it.motorsport.com. URL consultato il 12 gennaio 2021.
  6. ^ F1, si correrà in Arabia Saudita nel 2021: Gran premio di notte a novembre a Jeddah, su motori.ilmessaggero.it. URL consultato il 17 dicembre 2020.
  7. ^ Sky Sport, La bozza del calendario del Mondiale 2021, su sport.sky.it. URL consultato il 16 dicembre 2020.
  8. ^ Calendario di F1 2021: Posticipato il Gp d'Australia e torna Imola., su Automotore.it, 12 gennaio 2021. URL consultato il 12 gennaio 2021.
  9. ^ F1: anche il GP di Cina verso lo spostamento a fine anno, su it.motorsport.com. URL consultato il 12 gennaio 2021.
  10. ^ Formula Uno, è subito bis: a Imola il 'Gran premio dell'Emilia-Romagna 2021', su Regione Emilia-Romagna. URL consultato il 12 gennaio 2021.
  11. ^ Franco Nugnes, Imola sarà il GP del Made in Italy e dell'Emilia Romagna, su it.motorsport.com, 29 gennaio 2021. URL consultato il 29 gennaio 2021.
  12. ^ Jonathan Noble, F1: il GP del Portogallo entra nel calendario 2021!, su it.motorsport.com, 10 febbraio 2021. URL consultato il 10 febbraio 2021.
  13. ^ (EN) Formula 1 confirms Portuguese Grand Prix will take place on May 2 calendar slot, su formula1.com, 5 marzo 2021. URL consultato il 5 marzo 2021.
  14. ^ (EN) Turkey to replace Canada on 2021 F1 race calendar, su formula1.com, 28 aprile 2021. URL consultato il 28 aprile 2021.
  15. ^ (EN) 2021 F1 calendar reshuffled, as Turkey drops off and extra Austria race added, su formula1.com, 14 maggio 2021. URL consultato il 14 maggio 2021.
  16. ^ (EN) Singapore Grand Prix called off for 2021, su formula1.com, 4 giugno 2021. URL consultato il 4 giugno 2021.
  17. ^ (EN) Turkish Grand Prix to rejoin 2021 Formula 1 calendar, su formula1.com, 25 giugno 2021. URL consultato il 25 giugno 2021.
  18. ^ (EN) Formula 1 confirms 2021 Japanese Grand Prix has been cancelled, su formula1.com, 18 agosto 2021. URL consultato il 18 agosto 2021.
  19. ^ (EN) Formula 1 announces revised 22-race calendar for 2021, su formula1.com, 28 agosto 2021. URL consultato il 28 agoso 2021.
  20. ^ (EN) Qatar to join F1 calendar in 2021, as country signs additional 10-year deal from 2023, su formula1.com, 30 settembre 2021. URL consultato il 30 settembre 2021.
  21. ^ a b c d e f g h Calendario F1 2021: date e orari Gran Premi di Formula 1, su sport.sky.it. URL consultato il 10 settembre 2021.
  22. ^ Il Gran Premio, inizialmente in programma il 27 giugno, viene anticipato a causa della posticipazione del Gran Premio di Turchia, cfr. Calendario F1: salta la Turchia, doppio GP in Austria, Francia anticipa, su it.motorsport.com. URL consultato il 14 maggio 2021.
  23. ^ a b Il Gran Premio di Russia si disputa con la bandiera oscurata per rispettare le restrizioni imposte dal TAS di Losanna dopo la sentenza sul doping di Stato che ha coinvolto l'agenzia antidoping russa, cfr. (EN) F1 Schedule 2021 – Official Calendar of Grand Prix Races, su formula1.com. URL consultato il 13 marzo 2021.
  24. ^ Il Gran Premio, inizialmente in programma il 13 giugno in sostituzione del Gran Premio del Canada, viene prima posticipato e poi reinserito in calendario in sostituzione del Gran Premio di Singapore in programma il 3 ottobre. Successivamente viene nuovamente posticipato a causa della riduzione del numero di gare in calendario, cfr. Marco Di Marco, F1: il GP di Turchia prende il posto di Singapore in calendario, su it.motorsport.com, 25 giugno 2021. URL consultato il 25 giugno 2021. Ufficiale: calendario ridotto a 22 gare, su formulapassion.it, 28 agosto 2021. URL consultato il 28 agosto 2021.
  25. ^ Il Gran Premio, inizialmente in programma il 31 ottobre, viene posticipato a causa della riduzione del numero di gare in calendario, cfr. Ufficiale: calendario ridotto a 22 gare, su formulapassion.it, 28 agosto 2021. URL consultato il 28 agosto 2021.
  26. ^ Il Gran Premio, inizialmente in programma il 14 novembre, viene anticipato a causa dello spostamento del Gran Premio d'Australia, il quale è stato successivamente annullato. Successivamente viene posticipato nella sua data originaria a causa della riduzione del numero di gare in calendario, cfr. (EN) F1 Schedule 2021 – Bahrain to host season opener as Australia moves later in calendar and Imola returns, su formula1.com. URL consultato il 16 gennaio 2021. Ufficiale: calendario ridotto a 22 gare, su formulapassion.it, 28 agosto 2021. URL consultato il 28 agosto 2021.
  27. ^ Il Gran Premio, inizialmente in programma il 28 novembre, viene posticipato a causa dello spostamento del Gran Premio d'Australia, il quale è stato successivamente annullato, cfr. (EN) F1 Schedule 2021 – Bahrain to host season opener as Australia moves later in calendar and Imola returns, su formula1.com. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  28. ^ Il Gran Premio, inizialmente in programma il 5 dicembre, viene posticipato a causa dello spostamento del Gran Premio d'Australia, il quale è stato successivamente annullato, cfr. (EN) F1 Schedule 2021 – Bahrain to host season opener as Australia moves later in calendar and Imola returns, su formula1.com. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  29. ^ a b Il Gran Premio, inizialmente in programma il 18 aprile, viene annullato a causa della pandemia di COVID-19 e sostituito dal Gran Premio dell'Emilia-Romagna, cfr. GP di Cina di Formula 1 cancellato per l’emergenza Coronavirus: oggi l’annuncio ufficiale, su Sport Fanpage. URL consultato il 29 agosto 2021.
  30. ^ a b Il Gran Premio, inizialmente in programma il 13 giugno, viene annullato a causa della pandemia di COVID-19 e sostituito, prima di essere posticipato, dal Gran Premio di Turchia, cfr. Ufficiale: cancellato il GP del Canada, si corre in Turchia, su it.motorsport.com. URL consultato il 28 aprile 2021.
  31. ^ a b Il Gran Premio, inizialmente in programma il 3 ottobre, viene annullato a causa della pandemia di COVID-19 e sostituito dal Gran Premio di Turchia, il quale viene successivamente posticipato prima di essere riaggiunto come sostituto, cfr. F1, niente Singapore nel 2021: GP annullato per Covid, su it.motorsport.com. URL consultato il 4 giugno 2021.
  32. ^ a b Il Gran Premio, inizialmente in programma il 10 ottobre, viene annullato a causa della pandemia di COVID-19, cfr. Stefano Ollanu, Ufficiale: cancellato il GP Giappone 2021, su formulapassion.it, 18 agosto 2021. URL consultato il 18 agosto 2021.
  33. ^ a b Il Gran Premio, inizialmente in programma il 21 marzo, viene posticipato prima di essere annullato a causa della pandemia di COVID-19 e sostituito dal Gran Premio del Qatar, cfr. (EN) Australian Grand Prix off in 2021, su formula1.com. URL consultato il 6 luglio 2021.
  34. ^ Renault mostra la livrea per la monoposto Alpine F.1 del 2021, su gazzetta.it, 14 gennaio 2021. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  35. ^ Alpine, la presentazione il 2 marzo, su formulapassion.it, 16 febbraio 2021. URL consultato il 16 febbraio 2021.
  36. ^ Beatrice Frangione, McLaren MCL35M: presentazione il 15 febbraio, su it.motorsport.com, 28 gennaio 2021. URL consultato il 28 gennaio 2021.
  37. ^ a b (EN) AT02: Car Launch 19.02.21 | Scuderia AlphaTauri, su scuderiaalphatauri.com, 4 febbraio 2021. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  38. ^ Giuseppe Cinotti, F1 | Svelata la data di presentazione della Alfa Romeo che si terrà a Varsavia, su f1ingenerale.com, 20 gennaio 2021. URL consultato il 28 gennaio 2021.
  39. ^ Matteo Senatore, Red Bull, il 23 febbraio la presentazione della RB16B, su formulapassion.it, 19 febbraio 2021. URL consultato il 19 febbraio 2021.
  40. ^ Gianluca D'Alessandro, F1 | La Mercedes W12 sarà presentata il 2 marzo, su f1grandprix.motorionline.com, 2 febbraio 2021. URL consultato il 2 febbraio 2021.
  41. ^ Aston Martin sarà presentata il 3 marzo, su formulapassion.it, 16 febbraio 2021. URL consultato il 16 febbraio 2021.
  42. ^ Giacomo Rauli, Haas F1 presenterà la livrea 2021 il 4 marzo, su it.motorsport.com, 25 febbraio 2021. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  43. ^ Carlo Platella, Haas: nuova vettura attesa ai test, su formulapassion.it, 4 marzo. URL consultato il 4 marzo 2021.
  44. ^ a b Simone Peluso, Williams svelerà la FW43B il 5 marzo, su formulapassion.it, 5 febbraio 2021. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  45. ^ a b La Ferrari viene iscritta dal Gran Premio di Francia al Gran Premio d'Italia, e dal Gran Premio di Turchia, senza il title sponsor Mission Winnow, in quanto percepito dalle legislazioni locali come una forma di pubblicità indiretta al tabacco, cfr. Franco Nugnes, Ferrari: al GP di Francia senza lo sponsor Mission Winnow, su it.motorsport.com, 15 giugno 2021. URL consultato il 15 giugno 2021. Marco Belloro, Ferrari: il logo Mission Winnow non sarà presente in Europa, su formulapassion.it, 18 giugno 2021. URL consultato il 18 giugno 2021.
  46. ^ Simone Peluso, Ferrari, la SF21 sarà svelata alle 14 di mercoledì 10 marzo, su formulapassion.it, 7 marzo 2021. URL consultato l'8 marzo 2021.
  47. ^ a b Test invernali, accordo per il Bahrain, su formulapassion.it, 12 gennaio 2021. URL consultato il 12 gennaio 2021.
  48. ^ Test invernali a Barcellona il 2-3-4 marzo, su formulapassion.it, 11 dicembre 2020. URL consultato l'11 dicembre 2020.
  49. ^ Sky Sport, Ecco quando scenderanno in pista le monoposto per la prima volta nel 2021, su sport.sky.it. URL consultato il 17 dicembre 2020.
  50. ^ Formula 1 Aramco Pre-season Testing 2021, su formula1.com, 22 febbraio 2021. URL consultato il 22 febbraio 2021.
  51. ^ Ufficiale: McLaren torna ai motori Mercedes dal 2021!, su it.motorsport.com. URL consultato il 16 dicembre 2020.
  52. ^ Jonathan Noble, Aston Martin: BWT prosegue come sponsor anche nel 2021, su it.motorsport.com, 24 febbraio 2021. URL consultato il 24 febbraio 2021.
  53. ^ Aston Martin, Cognizant è il nuovo title sponsor del team, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato l'8 gennaio 2021.
  54. ^ Jonathan Noble, Red Bull: senza Aston Martin non avrà title sponsor, su it.motorsport.com, 17 dicembre 2020. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  55. ^ a b Marco Belloro, Uralkali nuovo title sponsor Haas, su formulapassion.it, 4 marzo 2021. URL consultato il 4 marzo 2021.
  56. ^ Franco Nugnes, Ferrari: al GP di Francia senza lo sponsor Mission Winnow, su it.motorsport.com, 15 giugno 2021. URL consultato il 15 giugno 2021.
  57. ^ Marco Belloro, Ferrari: il logo Mission Winnow non sarà presente in Europa, su formulapassion.it, 18 giugno 2021. URL consultato il 18 giugno 2021.
  58. ^ Red Bull pensa al motore in proprio, su FormulaPassion.it, 30 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  59. ^ Marco Belloro, Ufficiale: nasce la Red Bull Powertrains Limited, su formulapassion.it, 15 febbraio 2021. URL consultato il 23 febbraio 2021.
  60. ^ (EN) Formula 1 Pirelli Gran Premio Del Made In Italy E Dell'emilia Romagna 2021, su formula1.com, 9 marzo 2021. URL consultato il 9 marzo 2021.
  61. ^ (EN) Formula 1 Heineken Dutch Grand Prix 2021, su formula1.com, 3 febbraio 2021. URL consultato il 3 febbraio 2021.
  62. ^ (EN) Formula 1 Heineken Grande Prêmio De São Paulo 2021, su formula1.com, 5 marzo 2021. URL consultato il 5 marzo 2021.
  63. ^ (EN) Formula 1 Emirates Grand Prix De France 2021, su formula1.com, 5 marzo 2021. URL consultato il 5 marzo 2021.
  64. ^ (EN) Formula 1 BWT Grosser Preis Der Steiermark 2021, su formula1.com, 17 giugno 2021. URL consultato il 17 giugno 2021.
  65. ^ (EN) Formula 1 BWT Grosser Preis Von Österreich 2021, su formula1.com, 17 giugno 2021. URL consultato il 17 giugno 2021.
  66. ^ (EN) Formula 1 Rolex Magyar Nagydíj 2021, su formula1.com, 26 luglio 2021. URL consultato il 26 luglio 2021.
  67. ^ (EN) Formula 1 Rolex Magyar Nagydíj 2018, su formula1.com, 29 luglio 2018. URL consultato il 29 luglio 2018.
  68. ^ (EN) Formula 1 Rolex Magyar Nagydíj 2019, su formula1.com, 4 agosto 2019. URL consultato il 4 agosto 2019.
  69. ^ (EN) Formula 1 Rolex Turkish Grand Prix, su formula1.com, 24 settembre 2021. URL consultato il 24 settembre 2021.
  70. ^ (EN) Formula 1 Aramco United States Grand Prix 2021, su formula1.com, 3 febbraio 2021. URL consultato il 3 febbraio 2021.
  71. ^ (EN) Formula 1 Ooredoo Qatar Grand Prix 2021, su formula1.com, 5 ottobre 2021. URL consultato il 5 ottobre 2021.
  72. ^ (EN) Formula 1 stc Saudi Arabian Grand Prix 2021, su formula1.com, 5 ottobre 2021. URL consultato il 5 ottobre 2021.
  73. ^ (EN) Formula 1 Heineken Grand Prix Du Canada 2021, su mercedesamgf1.com. URL consultato il 18 agosto 2021.
  74. ^ (EN) Formula 1 Grand Prix Heineken Du Canada 2018, su formula1.com, 10 giugno 2018. URL consultato il 10 giugno 2018.
  75. ^ (EN) Honda to be Title Sponsor of the 2021 FIA Formula One Japanese Grand Prix, su honda.racing, 24 aprile 2021. URL consultato il 24 aprile 2021.
  76. ^ (EN) Formula 1 2018 Honda Japanese Grand Prix, su formula1.com, 7 ottobre 2018. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  77. ^ a b Racing Point, nuovo nome dal 2021, su sport.sky.it. URL consultato il 16 dicembre 2020.
  78. ^ a b F1: addio Renault. Dal 2021 il team si chiamerà Alpine!, su it.motorsport.com. URL consultato il 16 dicembre 2020.
  79. ^ a b c È ufficiale, Sebastian Vettel in Racing Point dal 2021, su agi.it. URL consultato il 16 dicembre 2020.
  80. ^ a b Ricciardo: "La McLaren ha un enorme potenziale", su formulapassion.it, 23 novembre 2020. URL consultato il 16 dicembre 2020.
  81. ^ a b L'annuncio ufficiale del ritorno di Alonso, su sport.sky.it. URL consultato il 16 dicembre 2020.
  82. ^ (EN) Perez signs three-year contract extension with Racing Point, su formula1.com, 30 agosto 2019. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  83. ^ a b Ufficiale: Red Bull sceglie Perez per il 2021, su formulapassion.it, 18 dicembre 2020. URL consultato il 18 dicembre 2020.
  84. ^ F1 | UFFICIALE - Magnussen e Grosjean lasciano Haas: "Capitolo finito e libro chiuso", su F1inGenerale, 22 ottobre 2020. URL consultato il 16 dicembre 2020.
  85. ^ a b Haas: è ufficiale Nikita Mazepin come pilota 2021, su it.motorsport.com. URL consultato il 16 dicembre 2020.
  86. ^ a b È ufficiale, Mick Schumacher alla Haas F1 nel 2021!, su gazzetta.it. URL consultato il 16 dicembre 2020.
  87. ^ Marco Belloro, Schumacher: “Correrò con il 47”, su formulapassion.it, 2 dicembre 2020. URL consultato il 2 dicembre 2020.
  88. ^ Simone Peluso, Doping di Stato Russia: Mazepin correrà come atleta indipendente, su formulapassion.it, 6 febbraio 2021. URL consultato il 6 febbraio 2021.
  89. ^ a b Matteo Senatore, Alpine, Kvyat terzo pilota, su formulapassion.it, 2 marzo 2021. URL consultato il 2 marzo 2021.
  90. ^ Tsunoda raccoglie l’eredità di Button, su formulapassion.it, 17 dicembre 2020. URL consultato il 2 marzo 2021.
  91. ^ a b Sky Sport, Ufficiale: Yuki Tsunoda all'Alpha Tauri dal 2021, su sport.sky.it. URL consultato il 16 dicembre 2020.
  92. ^ Simone Peluso, Zandvoort: Raikkonen positivo al Covid-19, c’è Kubica, su formulapassion.it, 4 settembre 2021. URL consultato il 4 settembre 2021.
  93. ^ Matteo Senatore, Ufficiale, niente Monza per Raikkonen: c’è Kubica, su formulapassion.it, 8 settembre 2021. URL consultato l'8 settembre 2021.
  94. ^ (EN) 2021 FIA Formula One World Championship Entry List, su Federation Internationale de l'Automobile, 11 giugno 2021. URL consultato l'11 giugno 2021.
  95. ^ Ufficiale: la Mercedes 2021 si chiamerà W12, su formulapassion.it, 29 gennaio 2021. URL consultato il 29 gennaio 2021.
  96. ^ a b Matteo Senatore, Mercedes, De Vries affianca Vandoorne come riserva, su formulapassion.it, 2 marzo 2021. URL consultato il 2 marzo 2021.
  97. ^ Nico Hülkenberg è pilota di riserva della Mercedes solamente nei Gran Premi che si disputano in contemporanea con la Formula E, cfr. Giulio Masperi, Hulkenberg di nuovo in F1: sarà pilota di riserva Mercedes e Aston Martin, su gazzetta.it, 27 marzo 2021. URL consultato l'8 aprile 2021.
  98. ^ F1, qui Red Bull: cambio e aerodinamica nuovi per battere la Mercedes, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 6 gennaio 2021.
  99. ^ Maria Iuliano, F1 | Ufficiale: Sergio Perez firma con Red Bull, Albon terzo pilota, su f1sport.it, 18 dicembre 2020. URL consultato l'11 marzo 2021.
  100. ^ Gabriele Gramigna, Buemi prossimo test driver Red Bull, su f1world.it, 17 ottobre 2020. URL consultato il 9 luglio 2021.
  101. ^ Sky Sport, McLaren, svelato il nome della nuova monoposto, su sport.sky.it. URL consultato l'8 gennaio 2021.
  102. ^ a b Gianluca D'Alessandro, F1 | Mercedes e McLaren continueranno a condividere i piloti di riserva, su f1grandprix.motorionline.com, 12 marzo 2021. URL consultato l'11 settembre 2021.
  103. ^ Giacomo Rauli, F1: Di Resta terzo pilota di riserva della McLaren, su it.motorsport.com, 16 aprile 2021. URL consultato il 16 aprile 2021.
  104. ^ Simone Peluso, La nuova Aston Martin si chiamerà AMR21, su formulapassion.it, 24 febbraio 2021. URL consultato il 24 febbraio 2021.
  105. ^ Francesco Corghi, F1: Aston Martin ufficializza Hulkenberg come riserva, su it.motorsport.com, 8 aprile 2021. URL consultato l'8 aprile 2021.
  106. ^ La 'livrea invernale' della Alpine A521 - FOTO e VIDEO, su FormulaPassion.it, 14 gennaio 2021. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  107. ^ F1 | Zhou confermato terzo pilota Alpine per la stagione 2021, su f1grandprix.motorionline.com, 4 marzo 2021. URL consultato il 4 marzo 2021.
  108. ^ Daniele Sparisci, Ferrari SF21: motore, nuova aerodinamica, sviluppi limitati. L’obiettivo è il podio, su Corriere della Sera, 19 dicembre 2020. URL consultato il 22 dicembre 2020.
  109. ^ F1, Callum Ilott nuovo test driver della Ferrari, su f1ingenerale.com, 15 dicembre 2020. URL consultato il 1º marzo 2021.
  110. ^ Ferrari, è ufficiale la firma di Carlos Sainz. "Sono felice ed entusiasta", su gazzetta.it. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  111. ^ (EN) Albon says he's 'ready to take anyone's space' as he stays sharp on reserve duty, su formula1.com, 7 marzo 2021. URL consultato l'11 marzo 2021.
  112. ^ Franco Nugnes, Alfa Romeo: si chiamerà C41 la monoposto 2021, su it.motorsport.com. URL consultato il 19 gennaio 2021.
  113. ^ Alfa Romeo, Kubica: "Il mio ruolo è chiaro", su autosprint.corrieredellosport.it, 22 febbraio 2021. URL consultato il 2 marzo 2021.
  114. ^ Giovanni Spinazzola, Alfa Romeo, dalla Calderon alla D'Avanzo: le donne pilota del Biscione, su automotorinews.it, 8 marzo 2021. URL consultato il 29 aprile 2021.
  115. ^ (EN) Callum Ilott joins Alfa Romeo Racing ORLEN as Reserve Driver for 2021, su sauber-group.com, 27 aprile 2021. URL consultato il 27 aprile 2021.
  116. ^ Matteo Novembrini, GP Olanda: Raikkonen positivo al Covid, Kubica al suo posto, su autosprint.corrieredellosport.it, 4 settembre 2021. URL consultato il 4 settembre 2021.
  117. ^ Marco Belloro, La Haas svela la livrea 2021 giovedì 4 marzo, su formulapassion.it, 25 febbraio 2021. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  118. ^ a b c Nikita Mazepin è un pilota russo, ma è costretto a correre da atleta neutrale usando la designazione RAF (Russian Automobile Federation) per rispettare le restrizioni imposte dal TAS di Losanna dopo la sentenza sul doping di Stato che ha coinvolto l'agenzia antidoping russa, cfr. Simone Peluso, Doping di Stato Russia: Mazepin correrà come atleta indipendente, su formulapassion.it, 6 febbraio 2021. URL consultato il 6 febbraio 2021.
  119. ^ ‌‌F1: Fittipaldi ancora con Haas nel ruolo di tester, su tuttipazziperilmotorsport.it, 19 febbraio 2021. URL consultato il 1º marzo 2021.
  120. ^ ‌‌F1: Williams conferma Aitken come pilota di riserva, su tuttipazziperilmotorsport.it, 4 marzo 2021. URL consultato il 4 marzo 2021.
  121. ^ Williams conferma Roy Nissany come test driver nel 2021, su it.motorsport.com, 4 marzo 2021. URL consultato il 4 marzo 2021.
  122. ^ ‌‌F1: Jamie Chadwick ancora collaudatrice della Williams Racing, su tuttipazziperilmotorsport.it, 1º marzo 2021. URL consultato il 1º marzo 2021.
  123. ^ Simone Peluso, Williams conferma Ticktum come collaudatore, su formulapassion.it, 26 marzo 2021. URL consultato il 26 marzo 2021. Dan Ticktum è stato pilota di riserva della Williams fino al Gran Premio d'Ungheria, cfr. Marco Di Marco, F1: la Williams scarica Ticktum con effetto immediato, su it.motorsport.com, 3 agosto 2021. URL consultato il 3 agosto 2021.
  124. ^ a b Gran Premio del Bahrein, Gran Premio di Monaco, Gran Premio di Francia, Gran Premio di Gran Bretagna, Gran Premio d'Olanda, Gran Premio di Russia, Gran Premio di Turchia.
  125. ^ a b Gran Premio dell'Emilia-Romagna, Gran Premio del Portogallo, Gran Premio di Spagna, Gran Premio d'Azerbaigian, Gran Premio di Stiria, Gran Premio d'Austria, Gran Premio d'Ungheria, Gran Premio del Belgio, Gran Premio d'Italia.
  126. ^ Aston Martin Vantage, è lei la Safety Car ufficiale della Formula1, su it.motor1.com, 8 marzo 2021. URL consultato l'8 marzo 2021.
  127. ^ Ufficiale: ecco le Safety Car Aston Martin e Mercedes, su formulapassion.it, 8 marzo 2021. URL consultato l'8 marzo 2021.
  128. ^ F1 | Ufficiale: Regolamento 2021 posticipato al 2022, su F1inGenerale, 19 marzo 2020. URL consultato il 17 dicembre 2020.
  129. ^ F1 | I team approvano il nuovo Budget Cap 2021 e i limiti allo sviluppo, su F1inGenerale, 23 maggio 2020. URL consultato il 18 dicembre 2020.
  130. ^ F1, approvato budget cap e sviluppo aerodinamica a handicap, su autosprint.corrieredellosport.it. URL consultato il 17 dicembre 2020.
  131. ^ a b F1, Budget cap approvato: 145 milioni, a partire dal 2021, su circusf1.com, 23 maggio 2020. URL consultato il 17 dicembre 2020.
  132. ^ F1, arriva il salary cap? Tetto di stipendio massimo per i piloti: il nuovo scenario per tagliare i costi, su OA Sport, 18 maggio 2020. URL consultato il 18 dicembre 2020.
  133. ^ Marco Corradi, F1 2021: tutti i dettagli della svolta regolamentare che cambierà il circus, su Bandiera a scacchi, 1º novembre 2020. URL consultato il 17 dicembre 2020.
  134. ^ F1, Mondiale 2020: le novità regolamentari. Vetture 'congelate' in alcune parti, sviluppo aerodinamico e sul motore limitato, su OA Sport, 24 giugno 2020. URL consultato il 18 dicembre 2020.
  135. ^ F1: congelati anche i musi, le sospensioni e i freni, su it.motorsport.com. URL consultato il 18 dicembre 2020.
  136. ^ F1: due token di sviluppo nel 2021 con aerodinamica libera, su it.motorsport.com. URL consultato il 17 dicembre 2020.
  137. ^ Sky Sport, Regolamento, cosa si può modificare per il 2021, su sport.sky.it. URL consultato il 17 dicembre 2020.
  138. ^ Massimiliano Amato, F1 – Seidl: “La Mclaren potrà modificare la macchina nel 2021 per adattarla al motore Mercedes”, su Formula 1 - Notizie F1, News Auto, 25 marzo 2020. URL consultato il 17 dicembre 2020.
  139. ^ Mercedes DAS illegale? Red Bull e Ferrari hanno scritto alla FIA, su it.motorsport.com. URL consultato il 17 dicembre 2020.
  140. ^ Caso pressioni gomme: in arrivo 2 direttive FIA, su formulapassion.it, 15 giugno 2021. URL consultato il 15 giugno 2021.
  141. ^ Franco Nugnes, Caso gomme: la FIA inasprisce i controlli sulle pressioni!, su it.motorsport.com, 15 giugno 2021. URL consultato il 15 giugno 2021.
  142. ^ Marco Belloro, Gomme, direttiva FIA: 12 pagine ‘salva-pressioni’, su formulapassion.it, 16 giugno 2021. URL consultato il 16 giugno 2021.
  143. ^ Marco Belloro, Nuova direttiva FIA: pit-stop più lenti, ma più sicuri, su formulapassion.it, 24 giugno 2021. URL consultato il 24 giugno 2021.
  144. ^ Stefano Ollanu, Eliminato tempo minimo di reazione al pit stop, su formulapassion.it, 18 luglio 2021. URL consultato il 18 luglio 2021.
  145. ^ Matteo Senatore, FIA, ufficiale: nuove Pirelli da Silverstone, su formulapassion.it, 8 luglio 2021. URL consultato l'8 luglio 2021.
  146. ^ F1 | Dal 2021 i weekend di gara inizieranno il venerdì, su F1inGenerale, 27 gennaio 2020. URL consultato il 17 dicembre 2020.
  147. ^ F1 2021, ridotte le prove libere del venerdì, su autosprint.corrieredellosport.it. URL consultato il 1º gennaio 2020.
  148. ^ Regole 2021: tutti i team dovranno allevare piloti rookie, su it.motorsport.com. URL consultato il 17 dicembre 2020.
  149. ^ F2 | Presentato il nuovo format del weekend di F2 e F3, su F1inGenerale, 1º dicembre 2020. URL consultato il 17 dicembre 2020.
  150. ^ W Series: ecco le 8 gare del calendario 2021 con la F1, su it.motorsport.comt. URL consultato il 17 dicembre 2020.
  151. ^ (EN) Check out the new Mercedes and Aston Martin Safety Cars that'll be used in F1 in 2021, su formula1.com, 8 marzo 2021. URL consultato il 23 marzo 2021.
  152. ^ Stefano Ollanu, Le criptovalute sbarcano in Formula 1, su formulapassion.it, 29 giugno 2021. URL consultato il 29 giugno 2021.
  153. ^ Matteo Senatore, Ufficiale, prime Qualifiche Sprint a Silverstone, su formulapassion.it, 28 aprile 2021. URL consultato il 28 aprile 2021.
  154. ^ Ufficiale: Qualifica Sprint a Monza, su formulapassion.it, 22 luglio 2021. URL consultato il 22 luglio 2021.
  155. ^ (EN) Jamie Woodhouse, Official: Brazil final sprint qualifying venue for 2021, su planetf1.com, 11 settembre 2021. URL consultato l'11 settembre 2021.
  156. ^ (EN) Sprint Qualifying to debut at three Grands Prix in 2021 following unanimous agreement from teams, su formula1.com, 26 aprile 2021. URL consultato il 26 aprile 2021.
  157. ^ Matteo Senatore, Qualifiche Sprint, premiazione sarà tributo alla storia, su formulapassion.it, 14 luglio 2021. URL consultato il 14 luglio 2021.
  158. ^ (FR) Statistiques Pilotes-Victoires-Années consécutives, su statsf1.com. URL consultato il 28 marzo 2021.
  159. ^ (FR) Statistiques Pilotes-En tête-Par nombre de tours, su statsf1.com. URL consultato il 28 marzo 2021.
  160. ^ (FR) Statistiques Pilotes-Points-Grand Prix disputés avant, su statsf1.com. URL consultato il 28 marzo 2021.
  161. ^ Sakhir - La cronaca-Hamilton batte Verstappen, gran finale, su italiaracing.net, 28 marzo 2021. URL consultato il 28 marzo 2021.
  162. ^ (ES) Lewis Hamilton se sale de la pista y pierde posiciones, su marca.com, 18 aprile 2021. URL consultato il 15 luglio 2021.
  163. ^ Massimo Costa, Imola - La cronaca-Verstappen vince una pazza gara, su italiaracing.net, 18 aprile 2021. URL consultato il 18 aprile 2021.
  164. ^ (FR) 2. Émilie-Romagne 2021, su statsf1.com. URL consultato il 18 aprile 2021.
  165. ^ Portimao - La cronaca-Hamilton vince di forza, su italiaracing.net, 2 maggio 2021. URL consultato il 2 maggio 2021.
  166. ^ (FR) Statistiques Pilotes-Podiums-Trio le plus souvent ensemble, su statsf1.com. URL consultato il 2 maggio 2021.
  167. ^ Montmelò - La cronaca-Vittoria di strategia per Hamilton, su italiaracing.net, 9 maggio 2021. URL consultato il 9 maggio 2021.
  168. ^ Clamoroso, Leclerc non partecipa al GP di Monaco, su italiaracing.net, 23 maggio 2021. URL consultato il 23 maggio 2021.
  169. ^ Montecarlo - La cronaca Dominio di Verstappen, Sainz secondo, su italiaracing.net, 23 maggio 2021. URL consultato il 23 maggio 2021.
  170. ^ Marco Beltrami, Verstappen tradito da una gomma: incidente beffa al GP Baku di F1 e calci alla Red Bull, su fanpage.it, 6 giugno 2021. URL consultato il 7 giugno 2021.
  171. ^ Baku - La cronaca-Verstappen out e dopo la rossa vince Perez su Vettel e Gasly, su italiaracing.net, 6 giugno 2021. URL consultato il 6 giugno 2021.
  172. ^ Le Castellet - La cronaca-Verstappen batte Hamilton nel finale, su italiaracing.net, 20 giugno 2021. URL consultato il 21 giugno 2021.
  173. ^ French GP Facts & Stats: Verstappen's first F1 hat-trick, and a special podium for Perez, su formula1.com, 20 giugno 2021. URL consultato il 20 giugno 2021.
  174. ^ Spielberg - La cronaca-Verstappen doma Hamilton, su italiaracing.net, 27 giugno 2021. URL consultato il 27 giugno 2021.
  175. ^ Matteo Senatore, Grand Chelem a 23 anni, mai nessuno come Verstappen, su formulapassion.it, 5 luglio 2021. URL consultato il 5 luglio 2021.
  176. ^ Spielberg - La cronaca-Verstappen e la Red Bull senza rivali, su italiaracing.net, 4 luglio 2021. URL consultato il 4 luglio 2021.
  177. ^ Silverstone - La cronaca Hamilton vince dopo il crash con Verstappen, su italiaracing.net, 18 luglio 2021. URL consultato il 18 luglio 2021.
  178. ^ Budapest - La cronaca Clamorosa vittoria di Ocon Vettel 2°, Hamilton leader iridato, su italiracing.net, 1º agosto 2021. URL consultato il 1º agosto 2021.
  179. ^ a b (EN) Belgium Grand Prix facts & stats: Spa marathon produces shortest race in F1 history, su formula1.com, 29 agosto 2021. URL consultato il 29 agosto 2021.
  180. ^ Vittoria a Verstappen con metà punteggio, poi Russell e Hamilton, su italiaracing.net, 29 agosto 2021. URL consultato il 29 agosto 2021.
  181. ^ (FR) Emmanuel Touzot, Verstappen gagne une non-course en Belgique, Russell sur le podium, su motorsport.nextgen-auto.com, 29 agosto 2021. URL consultato il 29 agosto 2021.
  182. ^ a b c (EN) Final Race Classification (PDF), su fia.com, 29 agosto 2021. URL consultato il 29 agosto 2021.
  183. ^ Zandvoort - La cronaca-Grande vittoria di Verstappen, su italiaracing.net, 5 settembre 2021. URL consultato il 5 settembre 2021.
  184. ^ Monza - La cronaca Clamorosa doppietta McLaren Incidente tra Hamilton e Verstappen, su italiaracing.net, 12 settembre 2021. URL consultato il 12 settembre 2021.
  185. ^ (EN) Statistics Drivers - Points - By number, su statsf1.com. URL consultato il 26 settembre 2021.
  186. ^ Sochi - La cronaca-Vince Hamilton, Verstappen 2° da ultimo, su italiaracing.net, 26 settembre 2021. URL consultato il 26 settembre 2021.
  187. ^ Istanbul - La cronaca-Grande vittoria di Bottas, su italiaracing.net, 10 ottobre 2021. URL consultato il 10 ottobre 2021.
  188. ^ Valerio Barretta, Ocon tira lungo: niente pit-stop, non succedeva dal ’97, su formulapassion.it, 10 ottobre 2021. URL consultato il 10 ottobre 2021.
  189. ^ (EN) Turkish GP Facts & Stats: Championship lead changes hands for 4th time in 6 races, su formula1.com, 10 ottobre 2021. URL consultato il 10 ottobre 2021.
  190. ^ La pole position del Gran Premio di Gran Bretagna, del Gran Premio d'Italia e del Gran Premio di San Paolo è determinata dal vincitore della Qualifica Sprint che si svolge al sabato e non dalle tradizionali qualifiche che in tali occasioni si svolgono al venerdì, cfr. (EN) Jonny Reynolds, F1 Sprint – True or False? Separate the fact from the fiction about F1’s new format in this handy guide, su formula1.com, 13 luglio 2021. URL consultato il 16 luglio 2021.
  191. ^ Charles Leclerc, qualificato in pole position nel Gran Premio di Monaco, non prende parte alla gara a causa di un problema al semiasse. La sua posizione sulla griglia di partenza è rimasta vuota, con Max Verstappen il primo pilota sulla griglia a partire dalla seconda piazzola, cfr. (EN) Luke Smith, Leclerc fails to start Monaco GP with left driveshaft issue, su autosport.com, 23 maggio 2021. URL consultato il 23 maggio 2021.
  192. ^ I giri veloci del Gran Premio del Belgio non sono stati riconosciuti nella classifica finale, cfr. (EN) Final Race Classification (PDF), su fia.com, 29 agosto 2021. URL consultato il 29 agosto 2021.
  193. ^ La pole position del Gran Premio d'Italia è stata ottenuta da Max Verstappen in quanto Valtteri Bottas, vincitore della Qualifica Sprint, viene retrocesso sulla griglia di partenza a causa della sostituzione di diverse componenti della power unit, cfr. (EN) Verstappen set for pole position for Italian Grand Prix as penalty-hit Bottas wins Monza Sprint, su formula1.com, 11 settembre 2021. URL consultato l'11 settembre 2021.
  194. ^ La pole position del Gran Premio di Turchia è stata ottenuta da Lewis Hamilton che però è stato retrocesso sulla griglia di partenza a causa della sostituzione del motore a combustione interna, cfr. (EN) Hamilton set for Turkish GP grid penalty after taking new Mercedes engine, su formula1.com, 8 ottobre 2021. URL consultato l'8 ottobre 2021. Valtteri Bottas, secondo classificato in qualifica, prende il suo posto, cfr. (EN) Bottas claims pole for Turkish GP as fastest driver Hamilton takes grid penalty, su formula1.com, 9 ottobre 2021. URL consultato il 9 ottobre 2021.
  195. ^ (EN) Jonny Reynolds, F1 Sprint – True or False? Separate the fact from the fiction about F1’s new format in this handy guide, su formula1.com, 13 luglio 2021. URL consultato il 16 luglio 2021.
  196. ^ Sebastian Vettel, qualificatosi tredicesimo nelle qualifiche del Gran Premio dell'Emilia-Romagna, parte dalla pit lane a causa di un problema ai freni verificatosi nel giro di formazione, cfr. F1 | GP Imola 2021, Gara: Verstappen vince davanti a Hamilton e Norris, su formulapassion.it, 18 aprile 2021. URL consultato il 18 aprile 2021.
  197. ^ Nicholas Latifi, qualificatosi quattordicesimo nelle qualifiche del Gran Premio d'Olanda, parte dalla pit lane a causa della sostituzione dell'ala anteriore, cfr. (EN) Formula 1 Heineken Dutch Grand Prix 2021 - Starting Grid, su formula1.com, 5 settembre 2021. URL consultato il 5 settembre 2021.
  198. ^ Kimi Räikkönen, qualificatosi diciottesimo nelle qualifiche del Gran Premio del Belgio, parte dalla pit lane a causa della sostituzione dell'ala posteriore, cfr. (EN) Formula 1 Rolex Belgian Grand Prix 2021 - Starting Grid, su formula1.com, 29 agosto 2021. URL consultato il 29 agosto 2021.
  199. ^ Pierre Gasly, qualificatosi ventesimo nella Qualifica Sprint del Gran Premio d'Italia, parte dalla pit lane a causa della sostituzione del sistema di recupero dell'energia, cfr. (EN) Formula 1 Heineken Gran Premio d'Italia 2021 - Starting Grid, su formula1.com, 12 settembre 2021. URL consultato il 12 settembre 2021.
  200. ^ Sergio Pérez, qualificatosi undicesimo nelle qualifiche del Gran Premio del Bahrein, parte dalla pit lane a causa di un problema alla power unit verificatosi nel giro di formazione, cfr. Marika Laselva, F1 | Red Bull, Sergio Perez dal quasi ritiro al quinto posto, su f1grandprix.motorionline.com, 28 marzo 2021. URL consultato il 28 marzo 2021.
  201. ^ Sergio Pérez, qualificatosi ventesimo nella Qualifica Sprint del Gran Premio di Gran Bretagna, parte dalla pit lane a causa della sostituzione dell'ala posteriore, cfr. (EN) Formula 1 Pirelli British Grand Prix 2021 - Starting Grid, su formula1.com, 18 luglio 2021. URL consultato il 18 luglio 2021.
  202. ^ Sergio Pérez, qualificatosi sedicesimo nelle qualifiche del Gran Premio d'Olanda, parte dalla pit lane a causa della sostituzione del sistema di recupero dell'energia, cfr. (EN) Formula 1 Heineken Dutch Grand Prix 2021 - Starting Grid, su formula1.com, 5 settembre 2021. URL consultato il 5 settembre 2021.
  203. ^ Lance Stroll non registra nessun tempo nelle qualifiche del Gran Premio d'Azerbaigian a causa di un incidente. Viene autorizzato alla partenza da parte dei commissari, cfr. (EN) Formula 1 Azerbaijan Grand Prix 2021 - Starting Grid, su formula1.com, 5 giugno 2021. URL consultato il 5 giugno 2021.
  204. ^ Lance Stroll non ottiene tempi validi nelle qualifiche del Gran Premio di Francia. Viene autorizzato alla partenza da parte dei commissari, cfr. (EN) Formula 1 Emirates Grand Prix de France 2021 - Starting Grid, su formula1.com, 19 giugno 2021. URL consultato il 19 giugno 2021.
  205. ^ Yuki Tsunoda non registra nessun tempo nelle qualifiche del Gran Premio dell'Emilia-Romagna a causa di un incidente. Viene autorizzato alla partenza da parte dei commissari, cfr. (EN) Formula 1 Pirelli Gran Premio del Made in Italy e dell'Emilia Romagna 2021 - Starting Grid, su formula1.com, 17 aprile 2021. URL consultato il 17 aprile 2021.
  206. ^ Yuki Tsunoda non registra nessun tempo nelle qualifiche del Gran Premio di Francia a causa di un incidente. Viene autorizzato alla partenza da parte dei commissari. Parte dalla pit lane a causa della sostituzione del fondo della vettura, cfr. (EN) Formula 1 Emirates Grand Prix de France 2021 - Starting Grid, su formula1.com, 19 giugno 2021. URL consultato il 19 giugno 2021.
  207. ^ Mick Schumacher non prende parte alle qualifiche del Gran Premio di Monaco a causa di un incidente durante la terza sessione di prove libere. Viene autorizzato alla partenza da parte dei commissari, cfr. (EN) Formula 1 Grand Prix de Monaco 2021 - Starting Grid, su formula1.com, 22 maggio 2021. URL consultato il 22 maggio 2021.
  208. ^ Mick Schumacher non prende parte alle qualifiche del Gran Premio d'Ungheria a causa di un incidente durante la terza sessione di prove libere. Viene autorizzato alla partenza da parte dei commissari, cfr. (EN) Formula 1 Rolex Magyar Nagydíj 2021 - Starting Grid, su formula1.com, 31 luglio 2021. URL consultato il 31 luglio 2021.
  209. ^ Antonio Giovinazzi non registra nessun tempo nelle qualifiche del Gran Premio d'Azerbaigian a causa di un incidente. Viene autorizzato alla partenza da parte dei commissari, cfr. (EN) Formula 1 Azerbaijan Grand Prix 2021 - Starting Grid, su formula1.com, 5 giugno 2021. URL consultato il 5 giugno 2021.
  210. ^ La Qualifica Sprint si disputa nel Gran Premio di Gran Bretagna, nel Gran Premio d'Italia e nel Gran Premio di San Paolo, cfr. Matteo Senatore, Ufficiale, prime Qualifiche Sprint a Silverstone, su formulapassion.it, 28 aprile 2021. URL consultato il 28 aprile 2021. Ufficiale: Qualifica Sprint a Monza, su formulapassion.it, 22 luglio 2021. URL consultato il 22 luglio 2021. (EN) Jamie Woodhouse, Official: Brazil final sprint qualifying venue for 2021, su planetf1.com, 11 settembre 2021. URL consultato l'11 settembre 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1